Rispondi a: Aspettando il 2012 di Roberto Morini

Home Forum PIANETA TERRA Aspettando il 2012 di Roberto Morini Rispondi a: Aspettando il 2012 di Roberto Morini

#87809

El Mojo
Partecipante

Ciao Pino,
d'accordo su ogni tuo punto.
Converrai che non è cosa da poco, riappropriarsi del proprio tempo e non lasciarsi manipolare o intimorire.
Il televisore è diventato una sorta di Totem sacro, almeno per quanto vedo in tante famiglie; lo si accende appena alzati, si creano le prime discussioni in famiglia in base a ciò che dicono i tg o i soliti programmi del mattino..soliti ormai da 40 anni, sempre uguali, stantii, ma non sentono la puzza i telespettatori? Quando mi capita di vedere una tv accesa e vedo le stesse facce e i soliti programmi, le solite espressioni e battute mi chiedo se veramente l'essere umano può essere così presuntuoso da credere di essere evoluto. Dici che la tv in fondo ti condiziona poco, forse si, qualcuno si lascia condizionare di meno, ma poco a livello individuale può diventare moltissimo a livello collettivo. Lo dimostra per esempio l'effetto sulle masse delle partite di calcio o le discussioni in ufficio tra colleghe che si nutrono di grandifratelli amicidimaria e amenità del genere.
Ma, oltre questi che sembrano “piccoli condizionamenti” c'è sempre la presenza non manifesta di subdoli effetti di messaggi subliminali. Un tempo, quando tutto era analogico, era facile trovare immagini aggiunte ai filmati di ogni genere, ma ora col digitale ti posso garantire che la quantità di messaggi che passano inosservati è enorme. Inosservati a livello cosciente, intendo. Ma il cervello registra e reagisce a questi stimoli. E ho il dubbio che tanti fenomeni di massa siano da attribuire a questi stimoli. Ci si potrebbero scrivere enciclopedie sul tema, ma probabilmente servirebbe a poco; non modificherebbe granchè una situazione che ormai fugge al controllo dei più per restare sotto il controllo di pochi. Ovviamente non è che tutti i mali del mondo siano racchiusi nel televisore, ma se almeno il 50% delle persone si fosse reso conto -già a partire dai primi anni 80- di ciò che la tv stava diventando a livello sociale e avesse buttato via il televisore, forse oggi non avremmo, per esempio, dei politici con la faccia tosta ed il coraggio di dire e fare le cose che dicono e che fanno. E non mi sembra cosa da poco!
La sto facendo troppo lunga, per ora mi fermo qui.
Buona giornata