Rispondi a: NU: NUOVO UNIVERSO E RISCRITTURA DELLA REALTA' SULLA FONDAZIONE GLOBALE – Un Evento Mondiale ADESSO

Home Forum PIANETA TERRA NU: NUOVO UNIVERSO E RISCRITTURA DELLA REALTA' SULLA FONDAZIONE GLOBALE – Un Evento Mondiale ADESSO Rispondi a: NU: NUOVO UNIVERSO E RISCRITTURA DELLA REALTA' SULLA FONDAZIONE GLOBALE – Un Evento Mondiale ADESSO

#88121
Richard
Richard
Amministratore del forum

Ripassino:

[youtube=420,347]portalplayer.swf

———–
https://www.altrogiornale.org/comment.php?comment.news.3962

Riproduzione frattale:

“Quindi, mentre il Grande Sole Centrale rilascia sempre più la sua pressione di energia-materia lungo il piano ellittico, quantità incalcolabili di nuove “stelle primordiali” schizzano fuori lungo percorsi spiraliformi, formando i bracci di una gigantesca Super Galassia, che è il nostro Universo.

Ognuna di queste stelle primordiali ripeterà allora lo stesso schema, formando galassie provenienti dai loro oscillatori centrali.
Dentro ognuna di queste galassie, alla fine, si formeranno miliardi di stelle secondo lo stesso procedimento.
Ognuna di queste stelle agisce secondo il medesimo modello e gradualmente proietta nuovi pianeti lungo i loro piani ellittici.
I nuovi pianeti creati finiscono per seguire lo stesso modello, proiettando lune e anelli lungo i loro piani eclittici.
Nel frattempo, con suddivisioni armoniche dell'energia sempre più piccole, il mondo quantico si muove continuamente intorno secondo gli stessi principi, come si è visto nella fisica di Johnson e nei relativi modelli eterici.
Quindi, in definitiva, ogni atomo è un perfetto ologramma della Sfera Universale, che ci mostra che l'Universo è strutturato su un principio di frattale completo.”

Si è visto che ogni atomo, ogni corpuscolo, ha all'interno la stessa forma dell'intero universo – dentro la sua STESSA struttura. (Edgar Cayce – Lettura 281-024 29/06/35)

http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_06.htm
—————

5.2 – LA PROVA CHE IL CUORE DELLA TERRA E’ UN PLASMA LUMINOSO

Gran parte dell’argomento riguardo al centro della Terra plasmatico è stata presentato nel nostro volume precedente, ma per via della loro importanza ripetiamo ancora qui molti dei fatti salienti. La gran parte delle persone istruite sanno che l’area più calda della Terra è nel centro, e che gradualmente si raffredda attraverso gli strati successivi conosciuti come mantello fino ad arrivare infine all’area più fredda sull’esterno della sfera, che è la dura crosta o litosfera. E’ anche importante ricordare che la crosta esterna della Terra è così sottile, comparata al resto della massa terrestre, che se la Terra fosse ridotta alla grandezza di un bicchier d’acqua, la crosta sarebbe spessa e densa solamente come la tensione superficiale della cima del bicchiere stesso. Questo mostra quanto poca materia solida ci sia in realtà sulla Terra.

I geologi convenzionali credono che il centro della Terra sia composto di ferro e nickel. Nella prevalente teoria della “dinamo”, questo centro metallico ruota dentro la terra e girando crea il campo magnetico terrestre. Comprensibilmente, la ragione più forte per la popolarità di questa teoria è la credenza che ci sia bisogno di un pezzo di metallo come il ferro per costituire un campo magnetico. Tuttavia, numerosi ricercatori compresi Schappeller, Searl e Roschin & Godin hanno dimostrato in laboratorio che si può creare un campo magnetico nient’altro che come onda stazionaria di un energia plasmatica di etere luminoso…

Questo solleva un’altra questione: “Da dove proviene tutta l’acqua dei nostri oceani se all’origine non c’era?” La Terra “cresce” di dimensione attraverso continui incrementi di energia eterica che riceve dal Sole e da altre fonti. Gli stessi processi energetici che incrementano la dimensione della Terra stanno anche creando continuamente nuove molecole come idrogeno e ossigeno nella nostra atmosfera, rendendola così più spessa in densità. L’idrogeno e l’ossigeno poi si legano insieme per formare ulteriori grandi quantità d’acqua, che piovono dal cielo negli oceani, mescolandosi con i sali della crosta terrestre. E’ molto interessante notare che, come abbiamo documentato nella pubblicazione precedente, è stato osservato che i pianeti gassosi possiedono tutti un centro roccioso delle dimensioni simili alla Terra, perciò sembra plausibile che la Terra possa diventare a sua volta un pianeta gassoso allorquando si allontanerà ulteriormente dal Sole. Nell’Ottavo Capitolo passeremo in rassegna la prova del Dr. Aleskey Dmitriev che dimostra che questa creazione di nuova atmosfera è un processo incessante, dal momento che si stanno scoprendo nuovi cambiamenti nelle atmosfere della Terra e di altri pianeti come Marte.

..
8. Capovolgimento dei poli, spostamenti e scossoni. Il campo magnetico della Terra possiede una serie di movimenti che il modello della dinamo non può giustificare. Schemi circolari conosciuti come “Chandler’s Wobble” (“Dondolii di Chandler”) vengono continuamente tracciati ai poli, e il campo magnetico può sperimentare improvvisi scossoni e anche completi capovolgimenti dei poli. Una fonte di energia che fluisce liberamente nel centro della Terra, in conseguenza dei cambi del Sole, tiene conto di queste anomalie molto più facilmente rispetto all’idea che il centro della Terra sia un grosso pezzo di metallo solido.

…Tali modelli [basati sul] plasma normalmente verrebbero immediatamente repressi, poiché la scienza convenzionale pensa alla Terra come ad una massa inerte e respinge immediatamente l’idea di un centro plasmatico, perché una tale fonte di energia richiederebbe una continua immissione di energia. Tuttavia, una volta che comprendiamo che sia la gravità sia le onde di torsione sono forme di energia eterica che scorrono continuamente all’interno della Terra, ecco che troviamo una fonte di energia che può passare senza sforzo attraverso la materia fisica e rifornire la fonte di plasma nel centro della Terra. Una gran parte dell’attività energetica di queste onde di torsione avviene ai poli della Terra, allineati con il campo magnetico. Ricordiamo dal primo capitolo che Kozyrev ha scoperto che i maggiori effetti nel campo di torsione si verificano nei pressi del Polo Nord, e Pasichnyk ci ha anche portato molti altri tipi di prova. Per esempio,

Le onde del terremoto viaggiano più veloci lungo l’asse nord-sud dell’interno della terra di quanto non facciano sull’asse est-ovest…

http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_05.htm

————
Pasichnyk

..Quando tutti questi fattori vengono considerati, forzano un modello piu elaborato per la Terra di quello dedotto dalla gravità e dalla termodinamica chimica. Per esempio, la forza centrifuga avrebbe aiutato nella formazione del campo dipolare della Terra. Questo, secondo i sostenitori del ferromagnetismo, è la disposizione molecolare che evolve simmetricamente sotto l'influenza di un campo applicato; la forza centrifuga in combinazione all'IMF (Campo magnetico Interplanetario). Dopo tutto, la teoria della dinamo è seriamente fallata se consideriamo meramente il fatto che la dinamo rinforza solo i campi esistenti e non provvede alla generazione di un campo magnetico.

Questo intero scenario porta ad un modello della Terra molto differente e piu dinamico del modello presente. La combinazione di forze che spingono via la materia dal nucleo, e come risultato, hanno creato una “camera”, per necessità di parola migliore, con metalli molto densi, come iridio, producendo una camera di confinamento nella discontinuità di Gutenberg (nota http://it.wikipedia.org/wiki/Discontinuit%C3%A0_di_Gutenberg ) ad una profondità di circa 2900 km (1802miglia). Questa profondita è sufficiente perchè la forza gravitazionale sia primariamente distante dal nucleo. Per il plasma del vento solare e l'IMF che sono fenomeni variabili nel tempo, i campi che si sono sviluppato sono divenuti campi variabili nel tempo, ideali per un plasma di idrogeno accelerato e distante dal nucleo. Secondo la Teoria della Relatività Speciale, tali campi dovrebbero esistere.

Altra indicazione di una struttura nel confine nucleo-mantello riguarda l'analisi estesa di dati dai terremoti. Sia la tomografia sismica che l'analisi delle vibrazioni della Terra hanno rivelato una struttura sconosciuta nel confine. Entrambe le tecniche sono studi indipendenti ma rivelano la stessa comprensione.

Inoltre, un nucleo di fusione dell'idrogeno darebbe un senso all'aurora (plasma d'idrogeno) nelle linee del campo magnetico della Terra e elettroni e protoni nelle regioni polari. Le aurore del tipo polare con i loro elettroni separati e flussi di protoni eccitati, contengono molto plasma d'idrogeno e materiale di fusione ideale. La porzione di elettroni eccitati è ideale per mantenere i campi magnetici (e l'accelerazione di particelle).

Gli elettroni offrirebbero un percorso perfetto per far entrare i protoni nel nucleo della Terra dove la pressione e il confinamento magnetico sono sufficienti a causare fusione termonucleare. Infatti, reattori di oggi assomigliano a questo, anche se non ne siamo consapevoli.

Uno degli argomenti opposti al nucleo di idrogeno è che la pressione non è sufficiente a condensare il nucleo al punto di farlo comportare come un liquido, come indicano le onde sismiche. Questo non tiene conto della possibilita dell'idrogeno in forma di plasma, di essere contenuto in un campo magnetico, cosa che porterebbe agli effetti osservati (nota: nel passaggio delle onde)

La discontinuità di Gutenberg mostra le caratteristiche di una camera di confinamento magnetica. E' dissimile da altre discontinuità che portano le onde sismiche ad accelerare leggermente nel loro passaggio da una suddivisione all'altra. Tipicamente, le onde sismiche non si muovono piu veloce di quanto fanno nella seguente divisione interiore, ma questa discontinuità causa una accelerazione drastica. L'accelerazione rende questa la porzione piu unica nell'interno del globo. (13.6km/s o 8.45 mi/sec)
Persino nel nucleo ipoteticamente piu denso e solido interno la stessa onda è piu lenta (11.2-11.7km/sec o 7.0-7.25 mi/sec)

Secondo la posizione della discontinuita di Gutenberg, dovrebbe mostrare le caratteristiche del mantello inferiore e del nucleo esterno. Ovvero la GD dovrebbe avere una velocità delle onde “P” tra gli 8.2km o 5.1 miglia per secondo (mantello inferiore) e 8.1km o 5.0miglia per secondo (nucleo esterno). Considerando la velocità delle onde primarie nell'ordine dei 13.6km o 8.45miglia per sec., la GD dovrebbe essere di materiale molto denso. Potrebbe facilmente essere la sola porzione composta di un ferro-nickel o forse piu densa, come iridio o oro. Comunque senza dubbio la GD possiede le qualita per alta conduttivita elettrica.

Inoltre, gli elettroni che producono l'aurora eventualmente vanno in contatto con la GD e generano un intenso campo magnetico attorno al plasma. Assieme alla pressione, un fattore che facilita la fusione, che in questa profondita è di 21.1 milioni di tonnellate per centimentro quadrato (136.1 milioni di tonn/pollice quadrato), renderebbe il plasma ricco di idrogeno con caratteristiche che porterebbero al comportamento osservato delle onde. Questa interpretazione è specialmente evidente quando consideriamo le recenti osservazioni per cui le onde del terremoto viaggiano piu velocemente da nord sud che da est a ovest, cosa che rivela un campo magnetico con la forza di una stella che rallenta le onde est-ovest (vedere la sezione sulle placche tettoniche nel Tomo 3 per la discussione su questo fenomeno)

Quello che si trova nel nucleo è plasma di idrogeno, confinato da un campo magnetico in stato costante di fusione termonucleare. Una struttura simile al sole esiste nel nucleo. La teoria del nucleo ferro-nickel non ha spiegazione plausibile per il comportamento delle onde primarie nella discontinuita di Gutenberg, nemmeno per le diverse velocita delle onde sismiche da nord a sud e da est a ovest.

Si sono rivelate molte evidenze che confermano questo modello della Terra. I programmi di perforazione hanno rivelato cambiamenti nella gravita, nella densita e nella temperatura a profondita che supportano questo modello. Esiste uno sbilanciamento (anomalia) rispetto all'elio 4 e significa che nuovo elio 3 viene generato da reazioni nucleari nella Terra. Il metano ora si sa che viene dal nucleo (diverso da emissioni radiogeniche di gas) Queste vanno unite ad altre osservazioni nel libro che supporta questo nuovo modello….

http://www.livingcosmos.com/earth.htm