Rispondi a: BUON MICROCHIP FRATELLO!!!!

Home Forum PIANETA TERRA BUON MICROCHIP FRATELLO!!!! Rispondi a: BUON MICROCHIP FRATELLO!!!!

#88240
farfalla5
farfalla5
Partecipante

STAN PROVANDO AD INSERIRE I MICROCIPS NEI TATUAGGI !

TENTERANNO IN TUTTI I MODI DI INTERFACCIARCI CON LE MACCHINE COME GLI AUTOMI


e ci renderanno la vita impossibile se non accetteremo questo tipo di tecnologie, il controllo elettronico delle masse e' alle porte.Ci avevano già pensato in passato ma non erano ancora pronti per un salto del genere, ora sembrerebbe di si. La tecnologia che vuole portare a rimuovere l'uso della, ormai vecchia, password per rimpiazzarla con un tatuaggio o qualcosa legato al corpo, per accedere al proprio cellulare, è in via di definizione.Il Telegraph racconta che diversi tipi di tatuaggi sono stati sviluppati dalla compagnia MC10 in Massachusetts e sarebbero composti da circuiti elettronici flessibili che verrebbero poi tatuati sulla pelle delle persone, utilizzando un timbro di gomma.

ANCHE NOKIA PER NON RIMANERE INDIETRO
sta progettando qualcosa di molto simile, ma per quanto riguarda Motorola, se inizialmente questi erano stati progettati solamente per scopi medici, ora si spera che i 'Biostamps', come vengono chiamati, possano essere utilizzati anche per l'autenticazione dei consumatori.Motorola sta anche studiando un altro sistema: la pillola, Proteus Digital Health. Già approvata negli Stati Uniti dall'autorità federale sanitaria e dei beni alimentari US Food and Drug Administration, si tratta di una pillola che contiene un microchip che viene attivato da una batteria, usando l'acido nello stomaco dell'utente.Tutte ipotesi e idee che a sentirle mettono anche un po' di paura ma che pian piano stanno prendendo sempre più forma, anche se ancora lontane dall'arrivare nei negozi. Intanto da Motorola si aspetta con ansia l'arrivo, verso ottobre, del Moto X, lo smartphone, a detta di Google, che dovrebbe porre fine al dominio dell'iPhone.
http://www.antikitera.net/news.asp?ID=12526


IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.