Rispondi a: Scoperta e Sfruttamento delle Reazione Nucleari Ultrasoniche

Home Forum PIANETA TERRA Scoperta e Sfruttamento delle Reazione Nucleari Ultrasoniche Rispondi a: Scoperta e Sfruttamento delle Reazione Nucleari Ultrasoniche

#89646
Richard
Richard
Amministratore del forum

Thoria has the fluorite crystal structure. Few other binary dioxides have this structure: uranium dioxide, hafnium dioxide and cerium dioxide, not to mention plutonium dioxide. The band gap of thoria is about 6 eV.
http://en.wikipedia.org/wiki/Thorium_dioxide

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Flourite.jpg

[youtube=480,385]wrOwJrutbyM

” 6.9 – LA SONOLUMINESCENZA: LA PROVA DELLA TEORIA DELL'OSCILLATORE CENTRALE

Come abbiamo riferito in Convergence III, è interessante notare qui che un duplicato quasi esatto di questo fenomeno dell' “oscillatore centrale” è stato dimostrato in laboratorio dal fenomeno poco compreso della “Sonoluminescenza”, osservato per la prima volta nel 1934 da H. Frenzel e H. Schultes e sottoposto alla moderna attenzione da D. F. Gaitan nel 1988 e S. Putterman e collaboratori nel 1995. La natura generale di questo esperimento ripete abbastanza da vicino le condizioni della Sfera Universale e dell'oscillatore centrale di plasma luminoso successivamente formato.

In questo esperimento una fiasca di vetro sferica è riempita d'acqua e fatta vibrare da ogni lato con onde sonore ad alta densità, che sono dirette verso il centro della sfera. Poi, con una sottile cannula di vetro, viene introdotta nell'area centrale una minuscola bolla d'aria. La bolla è in grado di rimanere sospesa nel centro esatto del vaso per via delle pressioni delle onde sonore che si urtano, il che, di per sé, è un fatto interessante delle armoniche. Poi, la bolla inizia a collassare e ad espandersi con ritmo uniforme. Ogni volta che la bolla collassa, essa emette una luce visibile, formando un plasma luminoso e la pulsazione è così rapida che la luce sembra costante.

Sorprendentemente, Putterman e collaboratori, determinarono che la bolla interna si comprime ogni volta fino a 1/100.000° della sua dimensione originale e vibra con estrema regolarità ogni 100 milionesimi di secondo, emettendo mille miliardi di volte più energia* di quanto qualsiasi singolo atomo avrebbe potuto guadagnare dalle onde sonore. Il Dr. W.A. Steer, più tardi, determinò che una deviazione anche di un solo millimetro nella perfetta forma sferica della fiasca, avrebbe indebolito l'effetto in maniera rilevante. La Figura 6.2 mostra l'attrezzatura sperimentale di base per l'esperimento della Sonoluminescenza. È stato ottenuto dalla pagina web del Dr. W. A. Steer, che oramai non è più disponibile…”
http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_06.htm

dobbiamo guardare la geometria strutturale, le frequenze e l'implosione.