Rispondi a: Terremoto 8,9 in Giappone con Tsunami di 10 metri !

Home Forum PIANETA TERRA Terremoto 8,9 in Giappone con Tsunami di 10 metri ! Rispondi a: Terremoto 8,9 in Giappone con Tsunami di 10 metri !

#90777
farfalla5
farfalla5
Partecipante

I Grandi Terremoti del Pacifico sono collegati tra loro?

La serie di grandi terremoti che sta colpendo il Pacifico negli ultimi tempi sta rafforzando in molti scienziati l'ipotesi che questi siano sismicamente collegati tra di loro. Poco più di una settimana fa il Giappone ha vissuto il terremoto più forte delle sua storia, tanto da avvicinare la principale isola di Honshu di 2,4 metri agli Stati Uniti e modificare l'inclinazione dell'asse terrestre di 16 centimetri. Una delle poche consolazioni è che questi terremoti, di magnitudo superiori a 8.5, sono un evento raro: il terremoto Sendai rientra infatti nella top 10 dei sismi più forti degli ultimi 100 anni. Tuttavia se allarghiamo l'analisi ci rendiamo conto che tre di questi sono avvenuti in poco meno di 6 anni ( dicembre 2004 terremoto di Sumatra, febbraio 2010 terremoto Cile e ora quello di Sendai). Questo legame fra di loro apre a scenari sconvolgenti, aumentando il rischio di nuovi sismi catastrofici nel prossimo futuro.

Ross Stein, un geologo americano dell'Università della California afferma: “Quello che è chiaro è che negli ultimi 6 anni ci sono stati più terremoti devastanti che in qualsiasi altra sestina degli ultimi 110 anni, ossia da quando si effettuano le registrazioni sismiche”. Il suo collega Emily Brodskij si spinge oltre: “Lo sciame recente di terremoti con magnitudo superiori a 8, può essere una sequenza estesa di scosse di assestamento del terremoto di Sumatra del 2004”.

immagine vedi link http://www.newscientist.com/data/images/archive/2804/28043001.jpg

Per dimostrare questo effetto domino Lay utilizza un meccanismo geologico che può collegare grandi terremoti che si verificano a molti mesi di distanza gli uni dagli altri. Egli cita le coppie di sismi che avvengono nelle stesse vicinanze entro pochi mesi l'uno dall'altro. Ad esempio nel novembre 2006, un terremoto di magnitudo 8,3 scosse il nord delle Isole Curili del Giappone. Due mesi dopo, nel gennaio 2007, le isole furono nuovamente colpite da un evento di magnitudo 8,1. Quando la placca del Pacifico sprofondò sotto le isole, nel primo di questi terremoti, ha lasciato la crosta oceanica in tensione. Il sisma di gennaio è stato il risultato di una nuova rottura che ha permesso alla placca di stirarsi ed assottigliarsi per compensare.

Lay è certo che un grande terremoto ha ripercussioni su tutto il globo, innescando tremori anche in punti lontani e terremoti forti parecchio tempo dopo. Ad esempio cita il sisma di magnitudo 7,9 che ha colpito Sichuan, in Cina, nel maggio 2008. “Il terremoto di Sumatra del 2004 ha aumento la sismicità in quella zona quando la sua onda è passata”. “Il terremoto del 2008, è stata una scossa di assestamento in ritardo o un evento del tutto indipendente?”

Il passo più grande è dimostrare in modo statistico come i forti terremoti possono innescarne altri su scala globale. Ci hanno provato, Tom Parsons e Menlo Park, che hanno analizzato i terremoti con magnitudo superiore a 7, cercando legami statistici con quelli di magnitudo 5 e superiori sparsi in tutto il mondo. Dopo aver esaminato un catalogo di 30 anni di eventi, non hanno però trovato alcuna prova significativa che colleghi l'attività tettonica oltre i 1.000 km di distanza.

Se non si è ancora riusciti a dimostrare correlazioni su eventi a grandi distanze è molto probabile tuttavia che i terremoti di grandi dimensioni possono causare sciami a livello locale: scosse di assestamento sono comuni a seguito di un terremoto di grandi dimensioni, e, occasionalmente, possono essere grandi come la scossa principale. Secondo Stein “ al momento è in atto un cluster- sciame di terremoti centrato sul Giappone”. Non si esclude pertanto che l'ultimo terremoto sia l'incipit per un altro terremoto di grandi dimensioni.

Insomma, l’Anello di Fuoco può riservarci ancora grandi sorprese…

fonte: http://www.newscientist.com/article/mg20928043.000-the-megaquake-connection-are-huge-earthquakes-linked.html , http://thedayafterjournal.blogspot.com/2011/03/lanello-di-fuoco-e-sempre-piu-caldo.html

The Day After


IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.