Rispondi a: per il referendum del 12 e 13 giugno IMPORTANTE

Home Forum PIANETA TERRA per il referendum del 12 e 13 giugno IMPORTANTE Rispondi a: per il referendum del 12 e 13 giugno IMPORTANTE

#91374
brig.zero
brig.zero
Partecipante

Privatizzazioni. Affossati i risultati dei referendum di giugno :grrr:

Incoraggiato da Napolitano, da Draghi e dal consenso bipartizan alla manovra economica, Tremonti inserisce un piano di privatizzazioni nella manovra economica. Nel mirino anche i servizi pubblici locali, quelli che i referendum di giugno hanno decretato che rimanessero pubblici.

E prova a minimizzare la possibilità di violare quanto stabilito dai referendum sull'acqua pubblica:I comuni «saranno spinti a vendere i loro asset da un meccanismo di incentivi che sarà introdotto nel loro patto di stabilita». Lo ha detto il ministro dell'Economia Giulio Tremonti parlando di possibili privatizzazioni che escludono l'acqua. «Naturalmente c'è bisogno di qualcuno che compra e non si può privatizzare a prescindere dal mercato».

Ma il coniglio tirato fuori dal cappello è lo stesso di sempre. C’ un piano per ripartire con le privatizzazioni avanzato dal ministro Tremonti nel vertice del Senato di ieri e prontamente inserito nella nuova manovra economica. Sotto l’incalzare della speculazione dei mercati finanziari e con l’esplicita regìa del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, coordinatosi con il Governatore della Banca Centrale Europea Mario Draghi, la giornata di ieri ha riservato più di una sorpresa: l’accordo bipartisan sui tempi della manovra-lampo, che sarà approvata entro la settimana dal Parlamento , salvo lasciare poi le opposizioni di battersi per il cambio di governo; l’ampliamento della manovra; il ritorno alle privatizzazioni dopo anni in cui il furore liberista sembrava essersi ridimensionato. E qui si apre un problema politico e costituzionale serissimo.

[size=36]Il referendum sull’acqua sembrava aver sepolto il progetto di privatizzazioni e liberalizzazioni nei servizi pubblici locali ma a poco più di un mese dai risultati referendari, incoraggiato dai mercati finanziari e dall’ombra di un governo di garanzia a guida Mario Monti, ieri il ministro Tremonti ha inserito nel nuovo testo della manovra ha previsto due norme che, se troveranno reale applicazione, annulleranno l’esito referendario. La prima – come racconta oggi “la Repubblica” – è una deroga a un decreto della presidenza del consiglio dei ministri (Dpcm) del 2004 che ricalca lo schema delle privatizzazioni degli anni Novanta e permette di vendere quote di grandi gruppi pubblici come Finmeccanica, Enel, Eni o di collocare sul mercato altre società pubbliche come le Poste e le Ferrovie dello Stato e infine di incoraggiare la privatizzazione delle società municipalizzate trasformate in spa.
Riaprire adesso l’agenda delle privatizzazioni viene ritenuti dagli ambienti finanziari “uno di quei segnali forti che il mercato si aspettava dall’Italia”.
Nella seconda parte del piano delle privatizzazioni Tremonti ha previsto una norma in manovra che – all’interno del Patto di stabilità – premierà i Comuni virtuosi che decideranno di aprirsi al mercato e di vendere ai privati parte delle loro partecipazioni o di controllo nelle ex municipalizzate.

http://www.contropiano.org/it/sindacato/item/2462-tremonti-rilancia-le-privatizzazioni-affossati-i-risultati-dei-referendum-di-giugno

[color=#0033ff]Quando il popolo non viene ascoltato non resta che la rivoluzione [/color]


https://www.facebook.com/brig.zero