Rispondi a: Intervista a Giuliana Conforto

Home Forum PIANETA TERRA Intervista a Giuliana Conforto Rispondi a: Intervista a Giuliana Conforto

#91557

altair
Partecipante

C'è sempre stato qualcuno (e sempre ci sarà) che ha provato a fornire modelli, visioni, per spiegare il Mistero che ci circonda.

In tempi remoti ci provavano a mani nude, visto che non esistevano strumenti, aiutati solo dagli occhi, dall'intelletto e dalla fantasia.

Gli “scienziati” erano gli sciamani, i sacerdoti, i primi filosofi, i cultori di dottrine esoteriche.

Poi piano piano sono arrivati il cannocchiale, il microscopio, la matematica, la fisica, la chimica, la biologia….

L'intelletto, appoggiato da questi nuovi alleati, ha potuto raggiungere importanti risultati concreti, con ricadute pratiche che hanno reso la vita dell'uomo più confortevole, ma non più sana, visto il prezzo da pagare in termini di inquinamento.

Per quanto riguarda il Mistero, invece, il risultato più certo è che grazie a questi nuovi strumenti, sono state tolte completamente le briglie alla fantasia.

Gli uomini del passato, dotati solo dei loro occhi e del loro intelletto, fantasticavano molto, ma sempre entro certi limiti, oggi invece, chiunque si sia specializzato in un qualche settore delle scienze e sia fornito di strumenti, può galoppare come meglio crede sulle ali della fantasia.

Tuttavia il Mistero resta e sembra appartenere al nostro destino di umani terrestri; l'avventura umana è un'avventura avvolta nel mistero, e finchè viviamo la condizione umana ci è consentito fare tentativi, ma non trovare le risposte: ci tocca vivere nel Mistero e fantasticare sulle spiegazioni.

La sete di conoscenza, fatta di ipotesi, teorie, spiegazioni, per alcuni sembra essere un bisogno insopprimibile, costoro hanno scelto di osservare il fuori da sè; altri, hanno preso strade diverse, convinti che le risposte siano “in sè”, ma si tratta di risposte completamente diverse: niente parole, quindi niente ipotesi, teorie, spiegazioni.