Rispondi a: ESPLOSIONE IN UNA CENTRALE NUCLEARE IN FRANCIA

Home Forum PIANETA TERRA ESPLOSIONE IN UNA CENTRALE NUCLEARE IN FRANCIA Rispondi a: ESPLOSIONE IN UNA CENTRALE NUCLEARE IN FRANCIA

#91802

deg
Partecipante

Notizie dalla CRIIRAD, organismo che lotta contro il nucleare, comporto da professionisti … quindi dovrebbe essere attendibile.

Martedì 13 settembre alle 12.30, ora locale, nessuna contaminazione è stata segnalata dai rilevatori gestiti dalla CRIIRAD, il cui laboratorio assicura un controllo 24 ore su 24.

In particolare, il rilevatore atmosferico più vicino, situato a Avignone, a 21 km a sud ovest di Codolet (sotto i venti dominanti) non ha rilevato contaminazione consecutiva all'incidente.

La CRIIRAD ricordo tuttavia che il sistema di misurazione diretto della rete dei segnalatori consente di rilevare livelli di contaminazione relativamente elevati che necessitano la messa in opera di misure di protezione della popolazione, ma non è in grado di evidenziare una debole contaminazione (la capacità di un segnalatore di rendere conto del livello di contaminazione dipende dalla distanza tra il l'emissione e il rilevatore stesso.)
Secondo le informazioni di cui disponiamo (dal gestore e dalle autorità), l'incidente non avrebbe causato rifiuti radioattivi.
Tuttavia le informazioni trasmesse sono troppo lacunare per poterlo verificare. A quanto ne sappiamo non sono stati pubblicati i dettagli né delle emissioni dai condotti d'evacuazione delle istallazioni colpite, prima, durante e dopo l'incidente, né l'attività voluminica dell'aria all'interno dei locali e delle loro immediate vicinanze.
In complemento alle misurazioni dirette della rete di segnalatori, il laboratorio CRIIRAD ha predisposto i seguenti mezzi:
– un benevolo della CRIIRAD si è recato in prossimità del sito nel pomeriggio di lunedì 12 settembre. Le misure effettuate tramite un radiametro Beta-gamma, sotto i venti dominanti, nelle vicinanze del sito di Centraco e nel villaggio di Codolet, erano paragonabili al rumore di fondo di norma nel settore (0,08 à 0,12 µSv/h)
– i servizi tecnici della Municipalità di Avignone preleveranno nel pomeriggio di martedì 13 settembre il filtro carat e la cartuccia di carbone attivo corrispondente al periodo dell'incidente.
– I campioni saranno analizzati con spettometria gamma nei prossimo giorni al laboratorio CRIIRAD.
In caso di sospetta contaminazione, ma sempre inferiore al limite di rilevazione delle misurazioni dirette, le analisi a posteriori consentono in effetti di ottenere un limite di rilevamento molto più preciso.
Il segnalatore di Avignone, benché distante più di 20 km da Marcoule, era esposto ai venti dominanti della zona durante l'incidente.
http://balisescriirad.free.fr/