Rispondi a: SALVIAMO IL NOSTRO PIANETA

Home Forum PIANETA TERRA SALVIAMO IL NOSTRO PIANETA Rispondi a: SALVIAMO IL NOSTRO PIANETA

#92107
prixi
prixi
Amministratore del forum

[quote1326143546=Richard]
Non lo traduco perchè è lunghissimo..

“La preoccupazione sulla sovrappopolazione ha origini recenti
Nella storia le popolazioni sono cresciute lentamente nonostante le frequenti nascite, per gli effetti delle guerre, delle malattie e della mortalita infantile. Nei passati 750 anni prima della rivoluzione industriale, la popolazione è aumentata lentamente rimanendo sotto i 250 milioni.
Per l'inizio del 19° secolo la popolazione del mondo è arrivata a miliardi e intellettuali come Thomas Malthus ed economisti fisiocrati hanno predetto che la popolazione superera le possibilita di risorse ecc..

Diversi scienziati eminenti sostengono che la sovrappopolazione non sia un problema. Il Rapporto delle Nazioni Unite del 2003 dice che la popolazione mondiale si fermera per il 2050 e rimarra tale fino al 2300. Il Dr.Alex Berezow afferma che la sovrappopolazione non è un problema occidentale e che paesi come Cina e India siano i principali contribuenti, ma dice che con l'aumento del loro benessere la crescita rallentera.

ecc…

La variabilita della capacita del pianeta di ospitarci, in quanto a dimensione, è stimata da meno di 1 a 1000 miliardi di umani. Due terzi delle stime cadono fra 4 miliardi e 16 miliardi…
Altri gruppi come World Wide Fund for Nature[56][57] e il Global Footprint Network affermano che siamo gia al limite usando la stima Ecological Footprint. ecc..

La sovrappopolazione dipende anche dalle risorse e da come sono usate e distribuite…

ecc..

Popolazione in funzione di disponibilita di cibo

Pensatori come David Pimentel,[133] a professor della Cornell University, Alan Thornhill,[135] Russell Hopffenberg[136] e l'autore Daniel Quinn propongono che come tutti gli animali la popolazione umana cresca o meno a seconda del cibo disponibile..

ecc…

http://en.wikipedia.org/wiki/Overpopulation

La visione ottimistica

http://books.google.it/books?id=rJFHTucmPTMC&pg=PA239&dq=Introduction+to+Sociology+Di+Ryan+Cragun&hl=it&sa=X&ei=Dk4LT5aaAYPh4QS67oGCDw&ved=0CDoQ6AEwAQ#v=onepage&q=buckminster&f=false
Buckminster Fuller e Barry Commoner propongono entrambi che la tecnologia umana potrebbe permettere la crescita infinita della popolazione, questo è stato fortemente criticato…

Io aggiungo che non ci abbiamo nemmeno provato ancora seriamente, mentre si continua a forzare l'uso di petrolio, carbone e gas per il cui controllo si fanno guerre ovunque e disastri ambientali enormi e nuove soluzioni vengono secretate perchè minacciano la “sicurezza nazionale”.
Comunque non voglio dire che non sia un problema o che abbia ragione uno piuttosto dell'altro, ma che la questione è ampiamente discussa e studiata e giudicata in base a diversi punti di vista e diverse basi culturali, ovvero un ingegnere o fisico la può vedere diversamente da un antropologo o sociologo o non so cos'altro…
Per non parlare del fatto che sempre piu indizi ci mostrano quante falle ci siano alla base dei nostri preconcetti scientifici/tecnici/filosofici..
Io penso che l'umanità possa riuscire prima di tutto a migliorare in modo che oggi sembra impossibile, la vita sul pianeta stesso e del pianeta stesso e le cose che ora sembrano scontate domani possono non esserlo più, poi se ieri era impossibile colonizzare un altro pianeta, oggi si parla di poterlo raggiungere in 1 mese http://it.wikipedia.org/wiki/Motore_al_plasma http://www.ditadifulmine.com/2009/10/vasmir-su-marte-in-soli-39-giorni.html e della possibilita di usare un generatore a fusione fredda che occupa poco spazio, per avere energia abbondante a portata di mano e non inquinante.
[color=#cc0000]Quindi prima di farmi raccontare che “non ce n'è per tutti siamo destinati a soccombere” dobbiamo mettere sul tavolo veramente e agire veramente per fare il possibile e l'impossibile, cosa che invece a qualche “dio in terra” non fa comodo mi sa..
Che poi dobbiamo rivedere moltissimo il modo di vivere è una certezza e che possiamo apprendere da chi convive pienamente con la natura è altrettanto corretto.
[/color]
[/quote1326143546]
:fri:


"Il cuore è la luce di questo mondo.
Non coprirlo con la tua mente."

(Mooji - Monte Sahaja 2015)