Rispondi a: Tsunami in Giappone, non si tratta di HAARP

Home Forum PIANETA TERRA Tsunami in Giappone, non si tratta di HAARP Rispondi a: Tsunami in Giappone, non si tratta di HAARP

#93073
Richard
Richard
Amministratore del forum

[quote1337065066=prixi]
[quote1337018170=♫nessuno♫]
[quote1337002410=sphinx]
Si è portati comunque a credere di più, quando lo dice un organo del “sistema”.

[/quote1337002410]
A mio avviso le notizie non vanno credute, ma solo comprese. E quando non è possibile comprendere e verificare direttamente… la sospensione del giudizio (prendere atto delle diverse opinioni ma senza scegliere). Soprattutto davanti alle informazioni non essenziali (ovvero non spirituali). Per me le fonti alternative e “complottiste” sono altrettanto inaffidabili quanto quelle ufficiali. Entrambi in effetti cercano di essere “accettate e credute” dai popoli come fossero delle divinità, senza condizioni.
[/quote1337018170]
… il tuo pensiero è qualcosa di abbastanza simile al mio
se non possiamo verificare, prenderne atto, senza schierarsi

… non è difficile che in seguito (se il “problema” ci stà molto a cuore) arrivi una sorta di “risposta interiore” … e quasi mai schierata, ma diversa o mixata :vir:

[/quote1337065066]
abbiamo solo discusso e commentato certe “voci”, che comunque girano con o senza di noi, non mi pare che si sia mai detto che ci siano prove certe e che sia andato sicuramente in un modo piuttosto che l'altro
nessuno “deve per forza credere”..non so da dove venga questa imposizione o richiesta insistente..
Alcuni di noi nel forum in passato si sentivano di credere più al discorso haarp o bomba piuttosto che ad eventi naturali, come era ed è mia opinione anche ora

Del resto si deve riconoscere che Fulford scrive da anni (e per quanto ne so è piuttosto tranquillo e moderato rispetto ad altri personaggi simili (come tipo di informazione) molto più seguiti tipo http://www.infowars.com/about-alex-jones/ )

ha scritto sulla rete cose che poi si sono verificate effettivamente

ad esempio

Lo yuan come moneta base
Entro 10 o 20 anni il renminbi sostituirà il dollaro Usa come moneta base per gli scambi.

Se in passato la Cina aveva mantenuto uno stretto controllo sullo yuan, tenendo il suo valore forzatamente basso e facilitare così le sue esportazioni, negli ultimi anni Pechino ne ha permesso una certa fluttuazione e i dialoghi con gli Stati Uniti portano a una continua rivalutazione della moneta cinese.
Per sfuggire alla dipendenza dell’andamento del dollaro, la Cina ha cominciato a fare accordi di cambio in yuan dapprima con Hong Kong, poi con Argentina, Bielorussia, Uzbekistan, Tajikistan, Mongolia, Emirati, Islanda. L’aumento del numero di Paesi che accettano di usare lo yuan per le transazioni economiche con il Dragone porteranno alla cessazione del dominio del dollaro come valuta di riserva. Secondo l'economista Maurizio d'Orlando, “questo sviluppo valutario cinese è da considerare come una minaccia strategica per l'attuale sistema economico a guida americana” e rischia di portare a conflitti politici o militari. Tuttavia, la tendenza verso questa direzione è ben consolidata: secondo dati della Society Worldwide Interbank Financial Telecommunication – SWIT, il sistema attraverso cui transitano tutti i bonifici bancari mondiali – il volume di affari europei in yuan ha sorpassato quello dell'area Asia-Pacifico ed è secondo solo a quelli di Hong Kong. Inoltre, in marzo le transazioni globali sono aumentate dell'8,6%, ma quelle registrate in moneta cinese sono aumentate del 13,2%.
Secondo Jean Francois Lambert, managing director alla HSBC, entro 10 o 20 anni, il renminbi sarà usato come moneta base per tutti gli scambi commerciali.
http://inpuntowebpaesecina.blogspot.it/search?updated-max=2012-05-08T03:15:00-07:00&max-results=4

http://www.repubblica.it/economia/2012/04/16/news/banca_mondiale_jim_yong_kim_nuovo_presidente-33420815/
Banca Mondiale, il board ha scelto
Jim Yong Kim nuovo presidente

I Brics si muovono per un nuovo sistema economico globale
I paesi BRICS non vogliono più stare al gioco delle vecchie oligarchie occidentali sullo scacchiere geopolitico globale. La loro recente dettagliata “Dichiarazione di Delhi” segna una svolta e un cambiamento di atteggiamento importanti. Dalle enunciazione di principi e dalle richieste di riforme, si passa all’azione nella costruzione di un nuovo sistema economico e monetario internazionale in un mondo “multipolare, interdipendente e sempre più complesso”.
http://www.fondfranceschi.it/cogito-ergo-sum/i-brics-si-muovono-per-un-nuovo-sistema-economico-globale

e grazie a quanto scriveva trovai questo
https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.5024

di cui praticamente non si sentì parlare in tv e in seguito scattò tutto l'allarmismo sull'aviaria o la suina se non sbaglio, ora non ricordo di preciso, ecc…