Rispondi a: Keshe Foundation

Home Forum PIANETA TERRA Keshe Foundation Rispondi a: Keshe Foundation

#94437
Richard
Richard
Amministratore del forum

[quote1356642116=camillo]
Sul concetto di universo olografico sfondi una porta aperta. Se poi introduciamo l'elemento tempo, direi che cominciamo un percorso veramente di grado superiore. Butto lì un'idea, immagina che questi pixel o raggi magnetici nel momento della loro creazione.
La creazione è sempre un atto di differenziazione tra un maschile e un femminile, positivo e negativo. Questo per un principio di simmetria ed equilibrio. Quindi quando si crea… si crea qualcosa che sommato assieme da sempre zero.
Se le due particelle o pixel vengono creati e lasciati vicini tra di loro, prima o dopo si incontrano e spariscono. Per poter rendere stabile il più possibile ciò che viene creato, occorre piazzare una particella in un posto e l'altra in un posto lontanissimo che potremmo identificare benissimo com altra dimensione. A questo punto il passo è semplice una dimensione potrebbe essere il tempo, ma in che modo? Piazzando delle paricelle in un universo e le rispettive antiparticelle in un'altro universo, separati dal tempo.
La tecnologia del tempo penso partirà con l'apertura del grande portale, ma siamo alla preistoria.
Ciao

[/quote1356642116]
per evitare malintesi preciso che non voglio dire che keshe ha copiato Haramein o viceversa, sto solo cercando possibili paralleli per capire meglio il quadro che si forma, possibilmente..

Come vedete sopra dal documento “crystal world”, altro scienziato si allinea con l'idea di Haramein..è una certa pista di ricerca che viene intrapresa perchè evidentemente non pochi dati puntano ad essa..

Per quanto scrivi camillo:

http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.6890
Larson asserì che ogni dimensione di spazio avesse una diversa dimensione di tempo. In altre parole, in terza dimensione abbiamo tre dimensioni spaziali e secondo Larson anche tre dimensioni temporali. In essenza il passaggio del tempo dovrebbe essere almeno osservabile come fenomeno tridimensionale.

DEWEY B. LARSON http://www.reciprocalsystem.com/dbl/

Ora il modello fisico va in questo modo. Se puoi immaginare lo spazio-tempo come un foglio, tutto cio' sopra il foglio è il mondo che abitiamo, la realtà che viviamo. Tutto ciò sotto il foglio è questa realtà tridimensionale dove si trova l'antimateria.
http://www.altrogiornale.org/news.php?item.3377.9