Rispondi a: Keshe Foundation

Home Forum PIANETA TERRA Keshe Foundation Rispondi a: Keshe Foundation

#94729
Richard
Richard
Amministratore del forum

[quote1357923825=Richard]
[quote1356611290=Astralopiteco]
Ciao Camillo, ti ringrazio per le tue parole.

Non ti ho ancora letto commentare Nassim Haramein, che non conoscevo. Ti copio il link di una conferenza tradotta da Richard. Grande lavoro Richard, complimenti. E' quasi due ore, ma le vale davvero tutte.

Lo stesso link e' gia' stato postato in precedenza. Mi piacerebbe avere una vostra opinione riguardo alle similitudini che trovate nelle due teorie. La logica suggerisce che se entrambi hanno individuato qualcosa di oggettivamente vero esse debbano convergere per forza di cose.

@richard, che tu sappia, Haramein e Keshe si conoscono? Sono di origine mediorientale entrambi ma sicuramente Nassim e' cresciuto negli Stati Uniti, parla inglese con uno spiccato accento americano.

Grazie per la vostra opera.

Un grande abbraccio, e avanti tutta.
[/quote1356611290]
Ciao,grazie
so che Keshe ha incontrato Haramein per sapere se potesse trovarvi una spiegazione o conferma teorica al suo lavoro
lo dice nell'intervista http://www.youtube.com/watch?v=MBfNDvz9RqM
Si lamenta perche Haramein non l'avrebbe accolto ad una conferenza, in realtà non era una conferenza ma una lezione privata per chi desidera apprendere e divulgare il suo lavoro
http://theresonanceproject.org/response-statments-keshe-smartscarecrow?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=response-statments-keshe-smartscarecrow

La persona che scrive sopra, dice che non trova relazioni tra Keshe ed Haramein, non dico che siano completamente in linea, ma da quanto ho potuto leggere sulla teoria di Keshe, io vi trovo delle relazioni
Del resto quello che importa per me è che si arrivi a qualcosa di concreto e lo si applichi per migliorare la situazione

Le relazioni che trovo:
“Parto dalla premessa che Keshe è ingegnere e Haramein è sì ingegnere e teorico autodidatta, ma da anni studia la fisica teorica con le terminologie relative..Keshe no, mi risulta, e teorizza con una sua terminologia ecc..

Comunque se dobbiamo rivedere profondamente la fisica e i nostri concetti, penso sia meglio non mettere questi ricercatori per forza in contrasto, ma vedere se ne deriva una visione unificabile
Prendo questo testo come base http://gradientitemporali.wordpress.com/keshe-foundation/

Keshe:”Ci riferiamo ai campi magnetici plasmatici come a “pmtics”, come campi magnetici, che sono staccati dalla sorgente della loro creazione, da qui l’uso del termine “plasmatico” per questi campi magnetici. Per chiarezza: qui il termine “plasmatico” si riferisce a “insiemi” di campi magnetici dinamici e non allo stato di plasma nel suo termini usato per riferirsi a uno stato di dinamica dei protoni. Allo stesso tempo le interazioni pmtics con altri pmtics si considera che creino effetti come campi gravitazionali e campi magnetici di materia, plasmas, pianeti e cosi via.Questi raggi magnetici o campi e i loro insiemi di campi magnetici plasmatici, diventano noti come le particelle iniziali fondamentali. Pertanto noi consideriamo che i campi magnetici siano le reali particelle fondamentali.La scienza presente considera che le particelle elementari siano i quark e altri. Con la nuova comprensione della materia e delle forze entro l’ordine universale della creazione, in questo libro quando si usa il termine “particelle elementari” si intende che i “campi magnetici” sono considerati essere le nuove particelle elementari e le loro forze”

Haramein:
http://dotsub.com/view/280a548f-15ac-4c31-9af3-a035fdf75499
http://dotsub.com/view/359d9947-dc47-440d-8773-7e95514c2455

Haramein segue il concetto di energia del vuoto come campo unificante dalle caratteristiche di superfluidita e superconduzione, dove il moto toroidale e la torsione è alla base dell'unificazione di tutti gli oggetti in tutte le scale, questo moto crea movimento da e verso il centro, gravità ed elettromagnetismo.
I pmtics di Keshe mi sembrano i “pixel” dello spaziotempo di Haramein, le più piccole unità vorticanti che si assemblano per creare tutto dagli atomi all'universo (qui visto come una spirale dentro un universo piu grande). Il moto del plasma permette di controllare il moto dei pixel e quindi creare un sole in scatola, o come lo chiama, black-white whole, quindi controllare gravita ed elettromagnetismo dall'energia del vuoto.
Queste unita elementari si assemblano seguendo un'organizzazione geometrica, dove il mattone piu piccolo possibile è il tetraedro, ma in realtà sono vortici in un unico campo fluido, dove si forma coerenza noi osserviamo la materia…quindi non esistono le particelle, ma vortici in un “mare” che a noi appare vuoto, ma è invece il plenum.

“Noi invece consideriamo che campi gravitazionali e Magnetici non possono esistere nell’universo uno senza l’altro, e che sono prodotti simultaneamente.Si deve notare che la coesistenza di questi due campi che è sempre in interazione con tutti gli altri campi magnetici o plasma di campi, porta sempre alla creazione di una magnetosfera, e il confine della magnetosfera è il punto massimo di bilanciamento o parità tra i due campi di forza”

Idem come sopra, l'unificazione di gravita ed elettromagnetismo si trova nel moto toroidale, contrazione ed espansione, grazie al componente “torsione” mancante nella relatività di Einstein, inizialmente inserito da Cartan..evolutasi con la EKCS..evoluzione che Haramein e la Rauscher riprendono

“The Origin of Spin: A Consideration of Torque and Coriolis Forces in Einstein’s Field Equations and Grand Unification Theory”, by Nassim Haramein and E.A. Rauscher. http://theresonanceproject.org/wp-content/uploads/torque_paper.pdf

o che anche altri come http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0370269310011561

“Durante le sue esposizioni Keshe insiste molto nel dire che

tutta la materia è fatta con lo stesso schema.

lo schema iniziale si replica costantemente

Per esempio un atomo è la replicazione di un protone, una molecola è una replicazione dell’atomo, e così via, arrivando a dire che il sole è una replicazione della terra. A sua volta la galassia è una replicazione del sole, l’universo è la replicazione della galassia…

L’insieme dei tre valori della materia, antimateria e materia oscura di una qualsiasi sostanza, genera un campo (o onda) magnetico e gravitazionale specifico, tipico della sostanza, a cui Kashe dà il nome di MaGrav.”

Idem in Haramein, lo schema è il moto toroidale, un doppio toroide nella sua teoria, dinamica che vediamo in tutte le scale http://www.youtube.com/watch?v=JyqBnd3Xwck

In questo modo l'universo cresce seguendo i concetti del frattale e dell'olografia, dove ogni punto contiene l'informazione del Tutto, grazie al vuoto superconduttore.
L'interpretazione di Keshe si diversifica in quanto mi pare che separi materia, antimateria e materia oscura.
Nel modello di Haramein ho compreso che materia e antimateria sono complementari, è l'energia negativa di dirac o l'antimateria che diviene materia e la materia torna ad informare il “vuoto” tornando nel “mare negativo”. lo spiega qui http://vimeo.com/43083752

In questa visione, materia ed energia oscura sono due aspetti dell'energia del vuoto in diverso moto, esempio https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.6685
Oppure Haramein:
https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.6739
(Questo venne infine soprannominato “energia oscura” e solo recentemente è stato associato all'energia del vuoto. Per me, comunque, questo era un salto facile e ovvio, dato che già mi aspettavo che la dinamica polarizzata di Coriolis della struttura del vuoto, producesse un tale effetto sull'espansione universale e la rotazione…)

Qui Haramein spiega che conoscendo il rapporto di scala tra i vari moti toroidali o “buchi bianchi/neri” che sono cio che noi definiamo atomi, piuttosto che soli o pianeti.., teoricamente potremmo arrivare alla trasmutazione. http://dotsub.com/view/80d05776-d54e-4be3-88bb-1962cb9697bb

Scale Unification – A Universal Scaling Law For Organized Matter (PDF), by Nassim Haramein, Michael Hyson, and E.A. Rauscher. http://theresonanceproject.org/wp-content/uploads/scalinglaw_paper.pdf
http://www.media.inaf.it/2012/12/13/getti-relativistici/

[/quote1357923825]

http://www.scienzaeconoscenza.it/articolo/universo-atemporale.php
Per meglio comprendere il senso profondo di questa spiegazione occorre sapere che Fiscaletti e Sorli intendono l’universo non solo come atemporale, ma anche infinito e soprattutto formato da entità di base (i mattoni dell’universo) che si chiamano ‘quanti di spazio’, corpuscoli infinitesimali che riempiono e permeano l’intero universo. Essi sono indivisibili (veri atomi, come li intuirono alcuni antichi filosofi, e il termine sarebbe appropriato, se non fosse stato arbitrariamente utilizzato per definire oggetti che, certo, atomi non sono) e hanno la dimesione più piccola che si possa concepire in fisica, che è dell’ordine di 10 elevato alla -35 metri, una misura calcolata da Max Planck, il fisico tedesco che per primo formulò la teoria della meccanica quantistica alla fine dell’800…

Gravity force is a non propagating force that works between quanta of
atemporal physical space. Quantum structure of atemporal space defines its
curvature. Curvature of atemporal space creates gravity force between stellar
objects.
http://fqxi.org/data/forum-attachments/1_Phenomenology_of_Time_and_Quantum_Gravity.pdf
Phenomenology of Time
and Quantum Gravity
Amrit Srecko Sorli

La gravità è una forza non propagante che lavora tra i quanti dello spazio fisico atemporale. La struttura quantistica dello spazio atemporale definisce la sua curvatura. la curvatura dello spazio atemporale crea la forza gravitazionale tra gli oggetti stellari