Rispondi a: Keshe Foundation

Home Forum PIANETA TERRA Keshe Foundation Rispondi a: Keshe Foundation

#94768
camillo
camillo
Partecipante

[quote1358067056=miloilcane]
….Non ho difficoltà a credere a queste nuove tecnologie e scoperte che stanno nascendo dall' e-cat di Rossi fino a Keshe… la mia difficoltà e incredulità è quando si arriva a parlare dell'apertura del grande portale… lì non riesco proprio … c'è una parte della mia mente che rifiuta talmente la cosa che quasi rifiuta anche il resto … l'altra parte è esaltata e felice,in pace direi! ….Grazie per lo spazio
[/quote1358067056]

Ciao,
grazie per chiarezza.
Ci si può esprimere in tanti modi, inizio di una nuova era, cambiamento di vibrazione, superamento del vecchio modo di operare, io ho usato il termine “Apertura del grande portale”, potevo benissimo usare i termini precedenti, ma vedi la storia dell'apertura del “grande portale” non è mia. A suo tempo ti dirò dove si trova scritta per esteso. Vedrai che era stata scritta quasi una decina di anni fa, solo che è vista come stranezza. In realtà è chiara come il sole. Certo, per chi ci crede. Il punto è che per crederci occorrono verifiche certe. Finchè non ci saranno siamo sul campo delle ipotesi.

L'apertura del “grande portale” è un modo figurativo per esprimere un passaggio tra una condizione ed un'altra.
Per chi conosce il lunguaggio di Carlos Castaneda, si tratta del fatto che l'intera umanità si sposta dal punto d'unione della ragione ad un nuovo punto d'unione che io chiamo punto della solidarietà.

Che differenza c'è tra esprimersi in termini di “cambiamento di Era” e apertura del “grande portale”?

E' una questione di tempo, il cambiamento di un'Era parte e prosegue per moltissimi anni. All'interno di questo cambiamento c'è una “zona temporale” molto rapida diciamo 5 generazioni (20-25 anni per ognuna) In questo breve periodo che io e altri chiamiamo “apertura del grande portale” la variazione di comportamento sociale, il cambio di mentalità, il cambio di tecnologia … insomma il cambiamento è veramente veloce se paragonato ai tempi normali della storia.

In particolare il cambiamento della tecnologia porta con sé tutto il resto, scardina molti concetti, e apre le porte ad una visione più spirituale dell'universo.

Tutto è UNO. Tutto si ripete identicamente. Ogni cosa pur nuova creativamente, in realtà sviluppa alla fin fine sempre la stessa cosa: l'UNO in un nuovo aspetto creativo. Esistono piani di esistenza a noi sconosciuti, alcuni verranno alla luce.

Quindi l'apertura del grande portale vedila come un momento di eccezionale intensità di cambiamenti. Tutto lì
Questo momento è da una parte meravigliosamente interessante, dall'altra nasconde pericoli. Per cambiare le mentalità radicate e fossilizzate serve uno sforzo GRANDIOSO da parte di tutti gli uomini di buona volontà. Molte sono le anime che si stanno incarnando, anzi lo hanno già fatto molti sono ormai maturi. E' da anni che si parla dei bambini “indaco”, a volte a sproposito, ma un fondo di verità c'è.

In questo cambiamento occorre che anime pronte all'altruismo incondizionato diano una mano il più possibile, anche sacrificandosi, se necessario.
Ciao

Per Richard che scrive:
“Non mi e chiaro cosa intenda Camillo per portale
Edgar Cayce disse in una sessione di trance autoindotta, che saremmo tornati ai livelli della scienza di Atlantide”

Bravissimo, ha ragione Cayce, possiamo metterla così:
In altri tempi alcuni gruppi o razze di persone hanno raggiunto la possibilità di aprire il passaggio, ma… non era per tutti. Invece di un'apertura del “grande portale” parlerei di una “fessura del grande portale”, in quanto solo un numero limitato poteva accedere gli altri non avevano il grado di “evoluzione” sufficiente. Quindi i veri Atlantidei probabilmente erano enormemente più evoluti ed erano in contatto con l'universo, con altre razze esterne.

La nuova razza entrante (noi) probabilmente li vedevano come… Dei onnipotenti.

Oggi il momento è molto differente l'INTERO PIANETA tenterà il grande salto, certo non tutti riusciranno a trovare entro di sè la condizione altruistica, mi spiace per loro. Sforzatevi più che potete, quando avrete in mano l'evidenza del cambiamento.
Ciao