Rispondi a: Keshe Foundation

Home Forum PIANETA TERRA Keshe Foundation Rispondi a: Keshe Foundation

#94851
camillo
camillo
Partecipante

[quote1358664448=farfalla5]
Ciao Camillo, vorrei chiederti se mi puoi rispondere a questa domanda. Hai avuto i contatti con altre civiltà, dimensioni. .

Tu che dici?
[/quote1358664448]

Cara farfalla5, comincio con una risposta secca:
Ho avuti ed ho tuttora contatti con una dimensione interiore, attraverso il cambio di consapevolezza che si ottiene sviluppando “l'arte di sognare.”
Vedi qui
http://didatticacomputer.it/index.php?option=com_remository&Itemid=0&func=showdown&id=55

Ho già raccontato che l'uomo è molto di più di ciò che appare, pensa ad un Iceberg la parte emersa è una minima frazione della parte sommersa.
Vedi, ora noi siamo abituati a pensare in termini di materia, reale tangibile. Per quanto noi ci sforziamo di essere aperti, non riusciamo a passare i limiti imposti dal corpo fisico e dal realtà quotidiana.
Insomma alla fin fine siamo convinti che l'universo SIA, ma l'universo sotto un altro punto di vista NON E'.
Pensa al film MATRIX e cerca di capirmi. Ora immagina come si è sentito il sottoscritto con laurea in fisica con anni di un martellamento continuo che ti dice: verifica, non fidarti, sii rigoroso, controlla sempre, pretendi oggettività…quando un giorno il fato gli fa incontrare un fenomeno “fuori di testa”.

C’è un signore MOLTO DOTATO ENERGETICAMANTE che asserisce di poter far cambiare una carta da gioco usando solo la mente.
Il Camillo come tutti, pensa ” Ah.. Ah.. il solito prestigiatore furbacchiotto. Carte da gioco, qui ‘trucco ci cova’… Mmm .. vediamo se riesco a verificare.”
Il sottoscritto dedica molto tempo alla cosa, legge i libri di giochi di prestigio e riesce ad avere un colloquio con un prestigiatore locale.
Alla fine le regole dei giochi di prestigio appaiono chiare. Bene è ora di mettere VERAMENTE alla prova quel signore.
Mi procuro un mazzo di carte nuovo, lo contrassegno nel retro bucando con un ago certe posizioni in modo da creare un codice binario identificabile da me solo con la lente.

1° condizione mazzo nuovo e contrassegnato, unico nell’universo il tutto a sua insaputa ovviamente.
2° condizione invito il presunto “prestigiatore” a casa mia, ambiente che lui visita per la prima volta, è presente mia moglie laureata in economia e commercio, scettica, ma non negativa.
3° condizione NON faccio mai toccare le carte da gioco al “prestigiatore” per nessun motivo.
4° faccio sedere il “prestigiatore” il più lontano possibile da me, diciamo 3 metri.
5° io opero su un tavolo posto a 3 metri dal prestigiatore, sul tavolo ho una bilancia sensibile a due piatti, a questo punto estraggo dal taschino della giacca il mio mazzo di carte contrassegnato. A scanso di equivoci controllo tutte le carte da gioco distendendole scoperte sul tavolo tutte 40, dall’asso al Re.
6° mentre il “prestigiatore” rimane SEMPRE lontano 3 metri, metto metà mazzo di carte su di un piatto della bilancia e l’altra metà sull’altro piatto. Provo a togliere una carta e vedo che la bilancia è sufficientemente sensibile, infatti il piatto della bilancia con una carta in meno si solleva.
7° Rimessa la carta sul piatto, si ripristina l’equilibrio dei due piatti della bilancia. Ora è impossibile che una persona posta a tre metri di distanza faccia sparire una carta senza che la bilancia lo registri. Il “prestigiatore” mi dice “scegli tu ora mentalmente una carta ma non dirmela , il fenomeno riesce meglio se la indovino”, ho scelto il 5 di coppe.
8° il presunto prestigiatore si concentra un paio di minuti, mi chiede “ hai scelto il 5 di coppe?” “sì” rispondo. “Bene, sento che l’ho fatto sparire”. “Impossibile” rispondo i piatti della bilancia sono in perfetto equilibrio, e non hanno mai avuto la minima oscillazione, è IMPOSSIBILE che una carta manchi”
9° tolgo il mazzo di carte dalla bilancia e controllo tutto. Caspita! Manca il 5 di coppe in compenso ci sono due cavalli di denari. Ecco perché la bilancia non ha registrato nulla il 5 di coppe si è tramutato nel cavallo di denari!!

Vengo preso da un vuoto allo stomaco e da un senso di nausea, mi viene un leggero vomito.
Ragazzi, un conto è il racconto, un altro è quando le vivi queste cose! Impossibile da trasmettere. Lì ti accorgi di quale fede cieca hai nella realtà che ti circonda, è una mamma che ti coccola, ti sostiene, ti dà certezze, stabilità.

Per finire questa storia, aggiungo che lasciai la moglie con il “prestigiatore” andai in cucina a controllare di nascosto i due cavalli di denari con la lente. Uno era quello che io avevo marcato e l’altro era uno non contrassegnato.
Torno in salotto, rimetto le carte sulla bilancia, e invito il “prestigiatore” a far tornare il cinque di coppe.
“Niente di più facile” asserisce,”vedo il cavallo di denari che se ne va e torna il cinque di coppe”. Io invece non staccavo gli occhi dalla bilancia, NESSUN movimento nessuna vibrazione.
Ricontrollo le carte e vedo che è tornato il 5 di coppe.
In seguito volli fare lo stesso esperimento, fotografando tutto, perché pensavo ad un gioco di ipnosi, ma anche le foto dimostrarono ciò che sperimentavamo.
Con molta più fatica dopo qualche tempo riuscii a filmare il fenomeno con una telecamera in banco e nero in possesso di un aspirante regista locale (nel 1974 una videocamera era cosa rara).

Una volta che qualcosa crollò entro di me, il fenomeno fu più facile da ripetere, in particolare se NON c’erano altri testimoni scettici, io e il prestigiatore riuscivamo a scambiarci ripetutamente una carta a distanze di 5 metri. Era incredibile.

Sono molti anni che parlo di questa cosa, ne ho parlato a suo tempo con il mio prf. di Fisica Teorica (persona aperta) Ne ho parlato con un membro del CICAP allora segretario Polidoro.
La mia posizione attuale è questa.

Finchè un prestigiatore non mi ripete quell'esperimento e mi svela il trucco (sia pure in privato) io devo ragionevolmente credere a ciò che ho sperimentato, e per coerenza, mutare la mia visione dell'universo in base alle nuove esperienze.

In altre parti ho offerto 10.000 eu a chiunque riesca a ripetere quel fenomeno nelle stesse condizioni di verificabilità. Ho avuto modo di parlare con altri prestigiatori, tutti gli interpellati concordano nel dire che, se è vero il mio racconto, è impossibile che ci sia trucco di prestigio in quelle condizioni lì. Quindi l'unica possibilità per gli altri è il pensare che io stesso abbia barato, ora l'unico che sa con certezza che non ha barato sono io. Per gli altri è solo… un racconto.

Quando Keshe dice che il suo reattore può tramutare la materia agendo sul MaGrav ebbene, il mio punto di partenza è differente da quello di molti altri, io SO CHE LA COSA SI PUO' FARE perchè l'ho vista fare senza strumenti di sorta. Quindi il mio dubbio è solo questo: Keshe ha uno strumento che fa veramente quella cosa lì?

Altro dubbio: è lo strumento da solo che agirebbe o è in simbiosi con l'uomo. Nel secondo caso l'uomo sarebbe un attivatore indispensabile, e quindi non occorre solo capire come funziona il reattore, ma anche capire lo stato emotivo e mentale dello sperimentatore.
#bye