Rispondi a: Keshe Foundation

Home Forum PIANETA TERRA Keshe Foundation Rispondi a: Keshe Foundation

#94936
Richard
Richard
Amministratore del forum

[quote1360349731=camillo]
@richard la TSQ può essere una nuova prospettiva, interessante il fatto che introduca una nuova protoparticella riporto quanto scritto in 22 passi:
“Risulta a questo punto utile generalizzare il fenomeno particella introducendo il nuovo concetto di protoparticella come elemento di possibile strutturazione dello spazio come particella”

Però a mio avviso occorre veramente attendere le sperimentazioni ufficiali, se Keshe ha ragione sul discorso di come si produce “l'antigravità” (attraverso due campi sferici magnetici concentrici), be.. sai, dovremo noi tutti ristrutturare le nostre precedenti conoscenze, mi sa che la fisica profonda va riscritta. Comunque OK per queste nuove visioni servono quanto meno ad allargare gli orizzonti.

[/quote1360349731]
😉

http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_06.htm

Quindi deduciamo quanto segue:

Il primo etere (A1) ruota in movimento orario, e questo genera un mulinello che fluisce entrando attraverso il polo nord della Sfera ed esce attraverso il polo sud della Sfera. Il secondo etere (A2) ruota in movimento antiorario, e questo genera un mulinello che fluisce entrando dal polo sud della Sfera ed esce attraverso il polo nord della Sfera.

Se prendiamo in considerazione l'immagine di una nave che viene catturata da un gorgo, ricorderemo che essa gira e gira in tondo a grandi cerchi e continua a muoversi sempre più velocemente man mano che si avvicina al centro del vortice, dove alla fine sarà schiacciata e sommersa dalle incredibili pressioni che si generano là. Quindi quando prendiamo questa similitudine del mulinello e la usiamo con la nostra sfera, significa che l'asse del vortice centrale della sfera avrà la maggior velocità di movimento, e anche la maggior pressione. A1 spinge verso il centro dal Nord e A2 spinge verso il centro dal Sud. Essi si scontrano nel centro esatto della Sfera Universale con la più altra velocità di movimento e con la più altra pressione.

Dopo che A1 e A2 si sono formati ed è iniziato il loro movimento di rotazione contraria, il momento in cui si verifica per la prima volta questa collisione di vortici nel centro, è quello che la maggioranza degli scienziati chiamerebbe “Big Bang” . La pressione diretta verso sud di A1 entra in collisione con la pressione diretta a nord di A2 e moltissimi dei campi bolla di A1 e A2 cominciano a fondersi in questa zona più che in altre. Essi si dispongono formando una sfera nel centro, dato che c'è pressione che spinge da ogni parte. Si crea dell'energia elettromagnetica, secondo il modello di fisica di Johnson, generando luce e materia visibili. Questa sfera di energia comincia a crescere dapprincipio, man mano che assorbe in sé sempre più particelle di energia di tipo fluido di A1 e A2.

Possiamo anche pensare a questo evento come la nascita della prima stella nell'Universo.

Il plasma luminoso è la forma originale, basilare che viene prodotta quando i due eteri si mescolano. La prossima immagine, che vediamo di seguito, proviene dal lavoro di Dan Winter, e mostra il mulinello – sulla sinistra, le formazioni toriche nella loro rotazione opposta – al centro, e un diagramma del Dr. Walter Russell – all'estrema destra – che mostra come essi si uniscano a formare una sfera.

(Dall'immagine possiamo vedere che Winter commette il facile errore di non vedere che i due tori sono entrambi contenuti nello stesso spazio sferico e sono in grado di ruotare all'interno l'uno dell'altro, poiché egli li ha visualizzati più simili a due ciambelle sovrapposte)

Il Dr. Walter Russell ebbe un periodo di illuminazione mistica di 39 giorni in cui fu in grado di vedere in gran parte come fosse strutturato e funzionasse l'Universo, sviluppando molti dei punti chiave di questa nuova cosmologia. Da questo diagramma sulla destra, possiamo avere una buona immagine visiva di come sia creata esattamente questa Sfera Centrale, per mezzo dei due “mulinelli” di energia incrociati provenienti da entrambe le direzioni. Altre illustrazioni di Russell, non riportate qui, hanno un cerchio chiaramente visibile nell'area centrale a forma di diamante, fra le due spirali, per mostrare più facilmente le due sfere

http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.5480

Ricercatori come il Prof.John Searl, il Dr.Roschin e il Dr.Godin e lo scienziato Austriaco Viktor Schauberger sono stati capaci di creare il necessario movimento vorticoso richiesto per controllare queste forze dell'anti-gravità e della free-energy e sappiamo che nel caso di Searl e Rischin/Godin, l'energia liberata è divenuta visibile agli occhi come toroide sferico luminoso.

Inoltre, nello studio di Roschin/Godin abbiamo appreso che una serie di “sfere dentro sfere” di temperatura diminuita e magnetismo aumentato si sono formate attorno alla loro macchina mentre era in funzione, suggerendo che la creazione del campo centrale nella macchina possiede un effetto ondulatorio e simile ad un fluido sull'energia eterica circostante.

Questo venne visto anche dal Dr.Vadim Chernobrov nel suo studio su dispositivi a propulsione elettromagnetica, in cui ha descritto “avvolgimenti sferici incastrati” in una forma che ha descritto simile ad una “mastrioshka”, le bambole Russe che si contengono una nell'altra. Dovremmo anche ricordare che Chernobrov ha rilevato minute modifiche nel passaggio del tempo in questi esperimenti. Nei dati di Dmitriev sui tornado, possiamo vedere simili “campi energetici sferici incastrati” che avvengono con una o più “cascate” sferiche rotanti viste circondare una nube ad imbuto.