Rispondi a: Keshe Foundation

Home Forum PIANETA TERRA Keshe Foundation Rispondi a: Keshe Foundation

#95085
camillo
camillo
Partecipante

Il punto della situazione

Il LENR (Low Energy Nuclear Reaction) è un termine più tecnico per questa cosiddetta Fusione Fredda.

Questi effetti sono osservati a temperature convenzionali (60 ° C-1500 ° C), che suggeriscono una origine nucleare, e comunque in alcune occasioni è stata prodotta molta più energia rispetto alla chimica (50 e 1000 volte più di prodotti chimici). Si tratta di qualcosa che è nucleare ma non sembra simile alla fusione nucleare che si trova nelle stelle, oppure la fissione nei reattori nucleari. Nel LERN non vi è quasi nessuna radioattività, nè scorie radioattive, nessuna temperatura stellare …

Storicamente il LERN è iniziato col nome di “Fusione fredda” intorno al 1989 con Fleischmann & Pons. Gli esperimenti attuali si possono classificare:
1° elettrolisi di acqua pesante (deuterio), con elettrodi di palladio, impregnati di deuterio …
2° altri hanno usato acqua pesante o una leggera elettrolisi, con metalli simili al palladio che assorbono l'idrogeno (idruri o resine particolari con una vasta gamma di prodotti). I risultati sono variabili, ma soprattutto sporadici e a seconda dei prodotti.
3° Una linea sperimentale alternativa è fatta con elettrolisi con notevole corrente per produrre un plasma in acqua. (vedi Iorio-Cirillo e &)
4° Altri esperimenti sono stati effettuati anche con film metallici permeati da idrogeno o deuterio gas, polveri, fili, spesso riscaldati, elettricamente o indirettamente con diversi centinaia di gradi. (Linea rappresentata da dr. Celani e &)
5° Altra sperimentazione si ha nella sono-luminescenza con implosione di microbolle prodotte con suono.
6° La più importante è sicuramente la sperimentazione Piantelli-Focardi potenziata da A.Rossi e altri.
7° ci sono poi altri fenomeni collegati…

Alcuni esperimenti fatti nelle prime 6 settimane di sensibilizzazione, del 1989, hanno inizialmente screditato ufficialmente questa metodoliogia, ma poi si è scoperto che in realtà c'è stata una precisa volontà di oscurare o proteggere i dati positivi che pur esistevano, vedi per esempio documento della NASA portato recentemente all'ettenzione dei media da parte di Celani.
Nella realtà sperimentale pratica, fatta quasi di nascosto da ricercatori indipendenti, ci sono molti esperimenti che non lasciano dubbi ai veri ricercatori più smaliziati, scienziati che non sono disponibili a rimanere nel gioco screditante imposto dalle grosse società e università che della fusione a caldo vivono come finanziamenti.
Oggi c'è ancora difficoltà a pubblicare su riviste, ma alcuni sono riusciti e la cosa va scemando.
I risultati sperimentali sono molto variabili, ma si capisce sempre meglio le cause dei fallimenti.
Gli effetti del LERN dipendono dai reagenti, nel caso classico generazione di calore, il totale dell'energia prodotta a volte supera di diversi ordini di grandezza, quello della chimica, quindi una reazione nucleare rimane l'ultima e l'unica opzione.

Certo è che quello che accade NON è il nucleare conosciuto e studiato nei banchi di scuola.
Si trovano e trasmutazioni a dir poco “strane”, con radiazioni di vario tipo, oppure ci sono trasmutazioni o emissione di calore con radiazioni inesistenti!

La trasmutazioni osservate sono in genere legate alla produzione di calore, mentre la presenza di radiazione (raggi gamma o neutroni, in quantità piccola ma misurabile) sono poco legati al calore in surplus, anzi sembra piuttosto il contrario, cioè quando non c'è produzione di calore compaiono a volte radiazioni streane e assurde, per il nuclearista ortodosso c'è da impazzire,… Alcuni pigroni e ben referenziati preferiscono screditare il tutto e togliersi il problema dalla testa. (Personalmente lo trovo un comportamento veramente antiscientifico che in futuro getterà discredito sulla mia categoria.)

C'è solo qualche sporadico risultato che rispetta un po' le conoscenze attuali della fisica nucleare, si tratta della correlazione tra la produzione di elio e calore negli esperimenti classici (palladio-deuterio).
Quindi, chi si ostina a ragionare sul LERN in base al nucleare classico conosciuto parte con il piede sbagliato.

Nonostante una migliore comprensione del fenomeno che ha portato a stabilire i livelli di soglia minimi di adsorbimento dell'idrogeno nel Nichel e a stabilire particolari accorgimenti per facilitare tale adsorbimento (leggere correnti trasversali); tra gli esperimenti più collaudati e ripetuti vi è un tasso di successo irregolare, che, solo in alcuni casi, può superare il 50%, se come l'ENEA è possibile controllare lo stato cristallografiche e chimiche del metallo. Alcuni esperimenti (Navy SPAWAR, Nanor) ottenere una perfetta riproducibilità controllando la struttura superficiale del metallo.

LE TEORIE
Vista l'incredibile variabilità del fenomeno ci sono un centinaio di teorie fatte dai veri ricercatori alternativi, alcune sfidano le teorie esistenti (hydrinos, energia allo zero assoluto, super-gravità …), e altri che si affidano alla solita fisica quantistica, ma assumono meccanismi quantici collettivi, paragonabili a quelli che si trovano nel LASER o nella superconduttività ( Widom-Larsen, Kim-Zubarev, Takahashi, Brillouin, Defkalion, …)

Le teorie più recenti sono piuttosto conservatrici, io preferisco credere alla teoria “esotica” di Keshe.
Secondo tale linea di pensiero, di cui per il momento mancano verifiche pubbliche, non si tratterebbe di fusione ma bensì di RIAGREGGAZIONE di un materiale scomposto precedentemente. Per questo troviamo alla fine nuovi elementi sia a destra che a sinistra della tavola periodica degli elementi, prendendo come riferimento la posizione del Nichel (vedi analisi pubblicate da Rossi, Piantelli, e molti altri). La teoria esposta da Keshe prevede che compaiano casualmente raggi gamma, forti campi magnetici, strane differenze di potenziale inspiegabili che consentirebbero di produrre direttamente energia elettrica (cosa citata da alcuni ricercatori) , e… udite… udite…variazioni di peso della cella (ambasciator non porta pena).
Quando verso la fine dell'esperimento della Defkalion a Milano hanno confermato la presenza dei raggi gamma e soprattutto la PRESENZA DI FORTI CAMPI MAGNETICI confesso che sono sobbalzato. Se trovassero variazioni di peso… sarebbe una previsione azzeccata da parte di Keshe e in fisica questo è MOLTO valutato positivamente.
La base della teoria la trovate nel mio post del 22 luglio 2013 su altro giornale
https://www.altrogiornale.org/_/forum/forum_viewtopic.php?136090.last
o anche su gradienti.xoom qui
http://gradienti.xoom.it/main/recensione-libro-uno-keshe/

So che è un azzardo poco scientifico, ma, a pelle, secondo me questa è la miglior teoria delle 100 e passa che ho visto. Vedrò se è il caso di approfondirla.

Poichè i risultati, pur evidenti, hanno una natura così irregolare da essere inutilizzabili commercialmente (spero che che risulti ovvio a tutti che non può essere messa in commercio una caldaia che funziona a scattì) la ricerca da parte disocietà commerciali è stata scoraggiata in questo settore. Alcune società, come CEA, CNAM, EPRI hanno smesso del tutto il lavoro, ma altri come Toyota, Mitsubishi Heavy Industry, ENEA, la NASA, la Marina degli Stati Uniti SPAWAR, continuato con discrezione e più o meno costantemente …

I ricercatori che hanno raggiunto livelli interessanti per la commercializzazione come (Miley, Piantelli, Celani, Rossi-Focardi, …) hanno seguito un percorso sperimentale, ignorando volutamente il fatto che la scienza ufficiale negava ciò che poi risultò evidente, coinvolgendo l'idrogeno leggero con il nichel, a temperatura intorno ai 200° e utilizzando materiali nano-strutturati (micron polveri, schiume trattati su scala nanometrica, nanoscala trattati fili) si è riusciti a raggiungere valori di energia in surplus notevoli.
La densità di energia prodotta con il LENR è enorme e paragonabile a quella osservata per il nucleare. Inoltre i materiali (idrogeno, nichel) sono tra i più comuni sulla terra, e il loro costo è trascurabile.

Reattori LENR non producono radiazioni significative, e possono essere installati nell'abitazione del consumatore.
Alla fine siamo riusciti a immaginare di avere LENR caldaie domestiche. Generatori più specifici potrebbero essere installati in città o quartiere, per completare.
Nei paesi poveri, la fusione fredda potrebbe provocare una rivoluzione. Si può citare ad esempio la desalinizzazione, ma semplicemente servizi di pompaggio, l'inquinamento di bonifica, macchine agricole, il comfort, l'accesso al digitale ….
Va notato che questo tipo di reattore richiede una infrastruttura modesta, poco costosa. I paesi poveri soffrono in particolare oggi del governo nazionale e le questioni logistiche. Il LENR potrebbe, bypassando i poveri tecnica e politica delle infrastrutture, consentire lo sviluppo al giusto livello di governo locale.

I creatori di reattori e le prospettive industriali.
a) Leonardo Corporation di Andrea Rossi e il suo E-Cat
Andrea Rossi è un industriale, inventore. Egli è noto per aver creato un processo per trasformare i rifiuti in combustibile, ha creato un'impresa, crollata dopo un cambio di regolamento sugli sprechi e immagazzinaggi di rifiuti, con varie questioni legali. Il processo da lui brevettato sembra essere usato attualmente negli USA. Nel frattempo, aveva proposto al Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti per sviluppare convertitori termoelettrici più efficienti, con risultati scadenti…

2010-2011 ha annunciato di aver sviluppato un reattore a fusione fredda a base nichel-idrogeno: la “enrgy-catalizzatore”.
Non è riuscito ad avere le certificazioni per commerciare una caldaia domestica che lui dice di aver pronta, Rossi ha cambiato quindi la strategia e si è concentrato sulla versione industriale che ha bisogno di meno certificazioni, alla fine ha messo in commercio un grosso generatore di acqua calda a cica 100° da 1 Megawatt di potenza calorica. All'inizio del 2012 ha annunciato che stava sviluppando una versione ad alta temperatura (caldo-Cat, 1000 ° C) del reattore, che sarebbe molto più efficiente. Sperava di produrre così elettricità abbinando una turbina vapore , ma i reattori a 1000° si sono dimostrati troppo instabili e non si riesce ad ottenere un adeguato controllo, tendono a fondere tutto. Ha annunciato inoltre di aver messo a punto una versione a gas, con rendimento 3 volte del riscaldamento a puro gas.

Il prezzo pubblicizzato in un momento che è stato di circa 1000 € a 10 kW, con una decina di euro per ricarica … il prezzo industriale sarà più alto, ma comparabile. Il suo apparato da 1 megaWatt di potenza è in vendita a circa 1,5 milioni di $ Ma pare che finora solo 2 siano stati venduti. Ci sono domande inquietanti:
Perchè così pochi sono stati venduti?
Perchè i compratori sono anonimi?
Non tutto può essere spiegato con il tentativo di proteggere la proprietà intellettuale della scoperta.

Andrea Rossi è un personaggio eccentrico che ha fatto annunci roboanti, dimostrazioni pubbliche criticate (ma a mio giudizio sicuramente valide) e a volte nasconde i suoi problemi o successi. A volte fornisce dati sbagliati, per confondere i concorrenti cambia idea … .
Tutto questo dà un'immagine incerta e la credibilità del personaggio è ridotta. Ovviamente potrebbe trattarsi di un eccesso di difesa della proprietà d'invenzione.

A suo favore resta il fatto che egli ha dei partner in tutto il mondo che gli credono perché hanno assistito di persona alle dimostrazioni private.
La “Prometeon”, è il partner italiano, che fa capo a Aldo Proia. Questo esecutivo ha un profilo serio (un ex project manager per progetti di energia solare) sembra supportata da investitori seri che, secondo alcuni, può essere il gruppo Cipriani (senza prove definitive, devo ammettere). La sua intervista conferma il lato estroso di Rossi, ma anche chiaramente che nasconde il suo successo, e che il suo reattore funziona molto bene. Fino a poco tempo fa era assieme al Prof. Focardi una seria garanzia di Rossi, una buona garanzia, quando si legge la sua carriera.

Nel 2012-2013 i reattori E-cat sono stati testati da un team svedese indipendente, finanziato da Elforsk. Ovviamente ci sono i soliti buontemponi (o in malafede) che immaginano trucchi, a giudizio dei ricercatori accorti e preparati questi individui sono considerati come “piccoli pagliacci” insignificanti, le loro argomentazioni da sedicenti “maghi” o “prestigiatori” possono avere presa solo su menti poco preparate che non conoscono l'ambito scientifico e non sanno valutare i dati scientifici. Però, se questi incompetenti sono blasonati possono far perdere di credibilità e intorbidare stupidamente le acque.

b) Defkalion Green Technology
Questa società è stata fondata da espatriati investitori greci, ora a Vancouver, Canada, essa era originariamente destinata ad operare su licenza di Rossi di E-cat. Inizialmente professor Stremmenos, amici di Rossi, l'ambasciatore greco in Italia avevano presentato alcuni esponenti politici importanti come Papaandreou. Ma dopo i primi contatti e le prime riunioni con i test positivi, su consiglio di alcuni scienziati imbevuti di teoria ufficiale, i politici hanno abbandonato l'idea e i finanziamenti. (d'altra parte più lo scienziato è blasonato più sarà coerente con l'ufficialità conosciuta e pur essendo assolutamente incompetente nel campo LERN darà comunque un parere altisonante che non potrà che essere contrario; è ovvio in base al conosciuto il LERN è una sciocchezza non può esistere.) Poche settimane più tardi, Alexandros Xanthoulis, greco economista va a Vancouver, fornito con vari investitori per operare una licenza di E-cat … Rossi ha promesso la licenza canadese, ma egli non cessa di denigrare Defkalion, assieme a Piantelli un altro concorrente, tenete presente che il Prof. Piantelli è indiscutibilmente il vero padre del sistema LERN nichel-idrogeno,

Il team Defkalion ha testato vari metodi, alcuni simili a quelli di Rossi (pare che il catalizzatore sia lo stesso), ma alla fine solo un metodo sembra consentire un buon controllo, esso consiste nella produzione di un plasma d'idrogeno utilizzando una scintilla elettrica in un reattore contenente idrogeno e una schiuma di nichel. (il plasma si genera separando dalla molecola biatomica H2 i due idrogeni ed ionizzandoli allontanando l'elettrone dal protone) Fine di novembre 2011, Defkalion ha annunciato un prototipo e specifiche preliminari.

La Potenza del reattore è di 45kW per circa 5000 €, e qualche centinaio di euro per la manutenzione annuale.
Le discussioni con gli sviluppatori sul loro forum da l'idea di ingegneri competenti. Alexandros comunicazione Xanthoulis lascia anche una sensazione di entusiasmo, in contrasto con il suo stile, ovviamente, molto “aziendale”.
Nel gennaio 2012 hanno annunciato una richiesta di test da parte di terzi, che porterebbe ad un risultato decisivo.
Ma le cose sono state ritardate. In estate, durante i National Instruments annuali 2012 e ICCF17 hanno presentato un documento che descrive i loro risultati, alcune trasmutazioni, contorno dei loro metodi, ma non ancora i risultati di terze parti. Hanno anche spiegato che avevano problemi di durata con spark-plugs che spiegavano alcuni ritardi. Essi hanno inoltre discusso circa 6 brevetti..

Hanno anche annunciato che i loro partner si rifiutarono di lavorare con loro in Grecia a causa del crollo del paese, e si muovevano in Canada a Vancouver.
Nel novembre 2012 hanno pubblicato un rapporto di anonimi, diretto da Michael A. Nelson, ricercatore della NASA, che lavora qui per una organizzazione di energia alternativa.
Peter Gluck, ha pubblicato un'intervista a Yeong E. Kim di Purdue, dove sostengono di aver incontrato Defkalion, visto una demo, discusso circa le rispettive teoria posizione teorica, e dove si mostra l'intenzione di collaborare.

A questo punto un grosso ricercatore italiano Franco Cappiello con due laure ingegnere e fisico, docente di fisica quantistica si interessa alla cosa e, dopo gli ovvi accertamenti, prende in mano la supervisione della zona europea.

CEO Mose srl, Defkalion Europa srl
febbraio 2010 – Presente (3 anni 7 mesi) Milano, Italia
Mose è una società che si e sempre occupata di energie INNOVATIVE, il termine “rinnovabile” è un termine ormai obsoleto, alla fine del 2012 Defkalion Europa è ufficialmente arrivata in Italia, Defkalion Europa è una Società i cui soci sono: Mose srl e Defkalion Canada ltd, Defkalion Europa si occuperà della ricerca e dello sviluppo Applicativo industriale della tecnologia Defkalion

Franco Cappiello è personaggio serio e ben accreditato, sicuramente se si è mosso significa che ha verificato personalmente la cosa. Pertanto il Tim Defkalion si arricchisce di personaggi competenti e di grandi capacità. E' proprio il prof. Cappiello che decide di organizzare la migliore dimostrazione del LERN finora vista.
Egli sceglie come sede la sua Milano dove abita e il 22-23 luglio c'è una manifestazione pubblica in diretta. A dire il vero Cappiello compare poco nei filmati, lo si vede solo all'inizzio della prima rappresentaziine mentre a sinistra entra tranquillo gustandosi un gelato con aria dinoccolata.

La dimostrazione è stata fatta nel loro laboratorio, con i loro strumenti, ma con materiale ben visibile e conosciuto, consentendo agli osservatori di guardare e toccare e testare le precisioni degli strumenti liberamente.
Mentre la prima parte della dimostrazione fatta il 22 luglio risultò superficiale e poco interessante, la seconda parte del 23 luglio risultò decisamente molto più convincente e chiara.
Ovviamente 8 ore di diretta per i non competenti potrà essere sembrata lunga e noiosa, ma in realtà il tutto è stato molto esaustivo.

Il successo a carattere mondiale è stato notevole con radio collegate in diretta, all'università americana di Columbia seguirono l'evento 200 fisici ricercatori. Ci furono 3000 osservatori collegati.
Cosa dire… Per i detrattori è stata sicuramente dura da digerire. Non resta loro che aggrapparsi a qualche lacuna, qualche carenza da esaltare come importante, mentre ai fini pratici non conta niente in quanto ha ordini di grandezza decisamente trascurabili, ovviamente può far presa solo su chi non è competente ci sono molti per i quali lo joule o il kWh sono la stessa cosa. e magari fanno i critici meticolosi, del tipo: non credo perché non è in commercio.
Come detto da Luca Gamberale, il test non era definitivo, ha appena mostrato il comportamento aperto e fiducioso nel loro prodotto da parte dei Defkalioni. Tuttavia (on LENR-forum), alcuni osservatori, prendendo la posizione ottimistica, assumendo equo esperimento.
Il miglior risultato è stato dato dal fatto che il vapore era 150° C, a questa temperatura solo un grosso ignorante può sospettare che contenga acqua non vaporizzata.
Questo non dovrebbe essere assunto come provata ufficiale, ma solo perché l'ufficialità ha dei requisiti specifici. E' un po' come se un atleta negli allenamenti avesse battuto il recod mondiale dei cento metri, certo non è ufficiale ma… è da stupidi pensare che quel corridore sia un brocco. Il test, a seconda delle opzioni di pregiudizi e prese (ottimista, paranoico, conservatore), può essere interpretato come prova vera o di frode. Il test in programma per settembre dovrebbe chiudere la maggior parte delle opzioni che, a mio avviso, sono solo insignificanti dettagli.

All'inizio di agosto, i Defklalion sono stati intervistati da ToVima.gr giornale e hanno annunciato che si preparano ad andare pubblico sul Toronto Stock Exchange per la metà di ottobre 2013. Essi dovranno rivelare il nome dei loro partner, licenziatari, e probabilmente i risultati di test di terze parti.

c) Brillouin Corporation
Brillouin Corporation è diretto da Robert Godes. Hanno annunciato la creazione di un reattore basato su una teoria (utilizzando le “zone di Brillouin”) sviluppati da Godes. Il loro primo reattore, bagnato, è stato convalidato dal SRI con prestazioni indiscutibile (“100%”), ma ancora non utilizzabile “. Lavorano con la SRI, un centro di ricerca senza scopo di lucro volta a sviluppare l'industria locale intorno a Stanford, che ha fatto i test. Essi sviluppare un nuovo reattore “a secco”, con prestazioni migliori.
Godes è abbastanza critica su Rossi e Defkalion, che ha accusato di non capire come attivare la reazione. Dice che la sua teoria gli dà la capacità di controllare la reazione a volontà.
Questa società è meno loquace di altri, ma sembra sulla buona strada per competere con i due precedenti.

d) La BlackLight Power
BlackLight Power è una società che mira a sviluppare reattori che utilizzano la teoria di Mills “hydrinos”. Questa teoria è molto controversa perché sfida la fisica attuale.
Essi hanno recentemente annunciato riuscito a sviluppare reattori hydrinos producono direttamente energia elettrica senza conversione termodinamica. Il dispositivo è stato discusso in relazioni di alcuni singoli ricercatori che hanno osservato e confermare che funziona.
La conversione elettrica diretta è una grande speranza, ma il fatto che questo fenomeno non è stato riprodotto da altri può lasciare noi scettici. È necessaria molta cautela prima viene presentata una chiara evidenza.

e) La Lenuco
Lenuco è una società creata per commercializzare la tecnologia Dr. Miley. La sua prima applicazione è la sostituzione del generatore di radioisotopi di veicoli spaziali per la NASA.
Lenuco da allora ha applicato al finanziamento ARPA-E per una casa 10kW co-generatore, ma non è riuscito.

f) La Jet Energy

La Jet Energy è una società che sta cercando di commercializzare il professor Hagelstein Nanor. Durante ICCF17 hanno spiegato l'importanza di questo piccolo dispositivo delle dimensioni di una resistenza, in grado di produrre 10 volte più energia di quanta ne riceve (40-80 è stato rivendicato in seguito nel gennaio 2013 durante i corsi di IAP del MIT), per i laboratori che cercano di capire e validare la fusione fredda.

g) La Nichenergy
La Nichenergy è una società creata da Piantelli di vendere la tecnologia del reattore Nichel-Idrogeno, basato sul suo lavoro. Abbiamo poche informazioni.
Un brevetto di Piantelli, recentemente concesso per un reattore utilizzando polvere di nichel, ha attirato le critiche di Rossi e dei suoi amici Stremmenos.

h) La Etiam Oy
Etiam Oy è una piccola azienda discreta , che ha depositato un brevetto alla fine del 2011, che è stato concesso estate 2013 . Questo brevetto sembra serio, e l'inventore avere un curriculum interessante in R & S. Brevetto non è una prova, ma Etiam Oy (alias Etiam Inc.) potrebbe sorprenderci.

i) Robert Duncan, Università del Missouri e Energetics Technologies
Robert Duncan un boss della University of Missouri aveva accettato di competenza per conto di CNBC e il suo spettacolo “60 minuti”, le pretese di fusione fredda di una società israeliana: “. Energetics Technologies”
Inizialmente scettico, è diventato da un attivo sostenitore.
La prossima conferenza sulla fusione fredda (ICCF18) si terrà nella sua università.
Da allora l'attività di brevetti LENR e Energetica Technologies è stata acquisita da l'università, che prosegue gli sviluppi in-house.
ICCF18 è sponsorizzato da ENEA ans National Instrument.