Rispondi a: Keshe Foundation

Home Forum PIANETA TERRA Keshe Foundation Rispondi a: Keshe Foundation

#95399
camillo
camillo
Partecipante

Caro Orso mi chiedi se li puoi visualizzare come vortici? Come buchi neri e buchi bianchi?
OK! gli puoi visualizzare come più ti aggrada.
Quello che conta è che cerchi di comprendere le loro proprietà.

Quello che “credo” di sapere sugli orgoni:
esistono con probabilità del 100% dubbi zero
2° creano questa realtà ma sotto certi aspetti ne sono fuori
3° non sono manovrabili con le forze, gli urti né sono racchiudibili in un contenitore
4° sono così piccoli che in un elettrone ce ne stanno forse miliardi o più
5° sono l'unica vera “sostanza” esistente
6° sembrano operai, formiche che hanno un compito da svolgere, compaiono in questo universo, svolgono il loro dovere e scompaiono. Pulsano tra l'essere qui e l'essere dio sa dove.

7° sono in grado di comunicare tra di loro ISTANTANEAMENTE per loro lo spazio/tempo non ha il significato che diamo noi. Lo spazio viene tradotto così: due orgoni molto simili creano uno spazio breve, due orgoni molto differenti uno spazio lontano.

8° per gli orgoni essere toccati, urtati significa semplicemente essere in parziale risonanza con altri orgoni simili.

9° gli orgoni, non potendo essere mossi manovrati, spinti o tirati da nulla, sono GESTIBILI solo attraverso una loro “modulazione”. Sotto questo punto di vista l'esempio più calzante è immaginarli come un'onda portante. Questa onda viene modulata ricevendo così scopo e caratteristiche.
10° la modulazione degli orgoni io la chiamo “imprinting”–> vedi sotto cosa dico

11° qualsiasi campo (elettrico, gravitazionale..) è fatto da loro, quindi un campo elettrico è assimilabile ad un immenso movimento di orgoni. Avremo “formichine” gravitoni per la gravità ecc.

12° lo spazio che per loro non esiste appare a noi reale così come il tempo ed è generato dal fatto che sono tutti uno differente dall'altro. Cioè se due orgoni sono identici sono lo stesso orgone non più grande e non più piccolo cioè 1+1=1

13° gli orgoni dunque soggiacciono al [u]principio generale della creatività[/u] che dice:
“Dal nulla si può ottenere ogni cosa purché la somma sia Zero e i composti ottenuti differiscano per almeno un infinitesimo da tutto ciò che è già stato creato”

14° qualsiasi orgone ha in potenza le caratteristiche di tutti gli altri, ma esprime sempre una sua peculiarità. Secondo questo principio è ovvio che la vita, la consapevolezza.. ecc. appartengono in potenza anche a loro. Quindi sono potenzialmente vivi! Qualsiasi orgone può essere modulato e apprendere la qualità della modulazione. Ad un certo punto diviene così “istruito” da cominciare ad essere automodulante noi chiamiamo questo coscienza di essere. non c'è cosa infinitamente piccola che possa diventare infinitamente grande, secondo il grande principio alchemico: Il tutto è in tutto ed è tutto in tutto

L'unico modo di interagire con l'orgone io lo chiamo imprinting, si tratta di una modula zione che si sovrappone alla sua onda portante.
Per poter modulare occorre essere capaci di creare una vibrazione simile al ricevente che lo modula a mo' di battimenti tra due onde.
Io classifico l'imprintig in tre categorie:
a- [u]Imprinting di nascita[/u], l'orgone che compare in questo universo ha già ricevuto un imprinting nell'atto della creazione, quindi ha già una sua modulazione, una sua caratteristica che lo differenzia, uno scopo eventuale da realizzare (un po' come l'influenza astrale di nascita che da l'oroscopo)

b- Imprinting che riceve dopo la nascita da cause “inorganiche”, forme, suoni, colori, immagini, simboli, ecc. lo modulano. Quindi orgoni presenti in una sfera di vetro sono modulati dalla presenza del vetro e dalla forma sferica, ora se noi sopra il vetro tracciamo un serpente. La modulazione sarà data da vetro + forma sferica + significato del simbolo

c – [u]Imprinting da un essere vivente.[/u] Gli esseri viventi con la loro volontà, intenzione, visualizzazione, desiderio, emozione… imprintano in misura tanto maggiore quanto più “energia” hanno. L'imprinting umano è un miscuglio tra volontà ed energia. Esso può diventare MOLTO intenso così intenso da modificare la materia impartendo eccezionali imprinting agli orgoni che la formano. In pratica crea una sovramodulazione così forte da sovrastare le modulazioni precedenti. (Questo l'ho visto fare ripetutamente molti anni fa, la materia può essere trasmutata da esseri iperdotati energicamente e con volontà priva di dubbi, ferrea , fede intensa)

Quindi un orgone modulato, può essere rimodulato avendo a disposizione più energia e volontà rispetto alla modulazione precedente.
Gli sciamani sviluppano una volontà intensissima che viene chiamata INTENTO, inoltre passano l'intera vita ad accumulare energia orgonica, cercando di economizzarla in primis, lo fanno eliminando o controllando il più possibile desideri, passioni che non vengono aboliti anzi.. ma controllati, soprattutto viene controllata l'IMPORTANZA PERSONALE, che spinge ogni essere a presentare una “maschera” di sé al mondo, sprecando una quantità enorme di energia in questo illusorio VOLOR APPARIRE.