Rispondi a: Vaticano S.p.A.

Home Forum MISTERI Vaticano S.p.A. Rispondi a: Vaticano S.p.A.

#9549
Richard
Richard
Amministratore del forum

Di fronte a ”calamita’ naturali e guerre” il ”fondamento stabile” resta Cristo, e la sua Parola, nonostante il ”relativismo” imperante. E da Gesu’, che non era un ”veggente”, non dobbiamo aspettarci descrizioni o previsioni sulla ”fine del mondo”, semplicemente sapere che ”saremo giudicati in base al nostro comportamento”. Il Papa si affaccia alla finestra del suo studio su piazza San Pietro davanti a migliaia di persone, in una domenica tragica in cui venti di guerra spirano da Gaza, dove sono stati uccisi anche tre bambini. La riflessione, come sempre, muove dai brani biblici che si leggono la domenica in tutte le chiese cattoliche del mondo e oggi c’e’ il brano del Vangelo di Marco con il discorso ”escatologico” di Gesu’, ”uno dei piu’ difficili”. ”Il sole si oscurera’, la luna non dara’ piu’ la sua luce, le stelle cadranno dal cielo e le potenze che sono nei cieli verranno sconvolte” e ”Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire sulle nubi del cielo con grande potenza e gloria”, cita il Papa dall’evangelista. E spiega che il testo e’ difficile sia per il contenuto che per il linguaggio: ”si parla infatti di un avvenire che supera le nostre categorie, e per questo Gesu’ utilizza immagini e parole riprese dall’Antico Testamento”. Ma, commenta il Papa, Gesu’ ”non descrive la fine del mondo, e quando usa immagini apocalittiche, non si comporta come un ‘veggente’. Al contrario, Egli vuole sottrarre i suoi discepoli di ogni epoca alla curiosita’ per le date, le previsioni e vuole invece dare loro una chiave di lettura profonda, essenziale e soprattutto indicare la via giusta su cui camminare, oggi e domani, per entrare nella vita eterna. Tutto passa, ci ricorda il Signore, ma la Parola di Dio non muta, e di fronte ad essa ciascuno di noi e’ responsabile del proprio comportamento. In base a questo saremo giudicati”. Non sappiamo se a Benedetto XVI siano giunti gli echi del tormentone contemporaneo sulla profezia dei Maya e la fine del mondo, o di un’epoca, a seconda delle interpretazioni, da collocarsi il 21 dicembre 2012, ma la sua idea sulla fine del mondo e le immagini apocalittiche l’ha espressa con chiarezza. ”Anche nei nostri tempi – e’ la conclusione di Benedetto XVI – non mancano calamita’ naturali, e purtroppo nemmeno guerre e violenze. Anche oggi abbiamo bisogno di un fondamento stabile per la nostra vita e la nostra speranza, tanto piu’ a causa del relativismo in cui siamo immersi”
di Peppe Caridi
http://www.meteoweb.eu/2012/11/il-papa-parla-di-maya-e-catastrofi-gesu-non-e-un-veggente-e-non-parla-di-fine-del-mondo/164990/