Rispondi a: Chi è Maestro

Home Forum L’AGORÀ Chi è Maestro Rispondi a: Chi è Maestro

#96204

iniziato
Partecipante

[quote1192604287=aglorj]
personalmente pratico aikido da molti anni e ho avuto modo di incontrare qualche ottimo Maestro (sapendo distinguere tra maestro e insegnante) e per questo mi ritengo molto fortunato per l'opportunità di tali incontri.

non per contraddire la tua definizione di maestro ma non mi sento in accordo con il fatto che poi il maestro..”chiaramente sparisce..Se non sparirebbe si creerebbe dipendenza”

per esempio so che il dovere di un maestro è di non limitare l'evoluzione dell'allievo, sarebbe una anomalia che fosse diversamente, quindi per me il problema della dipendenza si verifica quando chi credi sia un maestro in realtà non lo è, a ben guardare.

il maestro non è colui che detiene il “potere”, la “conoscenza”…
è la persona che ha compreso e accettato quale sono i suoi doveri.

tu, come persona, decidi di essere studente o allievo o, se accade, Discepolo di tale Maestro, esse sono tre gradi distinti di relazione tra te e il maestro, tra i tuoi doveri e i suoi doveri, due esseri sempre distinti e separati.

Scrivendo adesso, ho preso questo piccolo spazio del sito per comunicare quello che ho dentro, divulgando un po' le mie conoscenze ed esperienze, spero possa essere di aiuto in qualche modo.

Ciao
[/quote1192604287]

Ciao e grazie per comunicare le tue esperienze e conoscenze di sicuro saranno gradite, quindi apriti pure e prenditi lo spazio di cui hai bisogno, il forum è di tutti.

Tornando al tema, non saprei cosa dire in realtà, questo perchè io per maestro non mi figuro un maestro di arti marziali ma una guida di vita, un maestro di vita a 360 gradi che detiene si la conoscenza.

Per capirci io parlo per esempio di un Pitagora il quale è indiscusso detentore della conoscenza e il cui scopo è elevare la consapevolezza dei propri allievi scelti con cura.

Quindi forse così si crea un piccolo fraintendimento.
Sinceramente non sono un assiduo praticante di arti marziali anche se mi piacerebbe molto, ma per intenderci ho avuto “maestri” di judo, kyudo, thaibox, yoga, vipassana, maestri di medicina tradizionale cinese, maestri di riflessologia di radioestesia, maestri di reiki ecc ecc

Alcuni di loro avevano una buona preparazione a 360 gradi ma nessuno era un Leonardo da Vinci o un Pitagora o un Gesù.

Tutti con buona volontà e attidutine ci possiamo dedicare alla pratica che meglio ci si addice e essere felice del nostro “maestro”, ma non a tutti è concessa la “fortuna” di incontrare un Maestro di Conoscenza.

tu dici : il dovere di un maestro è di non limitare l'evoluzione dell'allievo

per me invece il maestro deve plasmare l'evoluzione dell'allievo, come se fosse creta.
E' vero questo potrebbe sembrare shokkante soprattutto oggi, dove l'ego la fa da padrone.

Ma mi rifaccio sempre a Pitagora e alla sua scuola di iniziazione, scuola dove l'allievo per i primi due anni non aveva diritto nemmeno di parlare e dove il proprio essere veniva demolito completamente …. però attenzione, per rinascere dopo, se davvero pronto, iniziato agli arcani della vita.

Un allievo non si sarebbe potuto trovare li se non fosse stato scelto con cura in precedenza.

Il Maestro di cui parlo in realtà è anche la Fonte Stessa o perlomeno un tramite fra aglorj e Aglorj , fra iniziato e Iniziato.

quando aglorj piccolo ha conosciuto Aglorj grande, non ha bisogno più di alcun Maestro perchè egli è adesso Maestro.