Rispondi a: oggi internet domani magari i nostri sogni.

Home Forum L’AGORÀ oggi internet domani magari i nostri sogni. Rispondi a: oggi internet domani magari i nostri sogni.

#96350
Richard
Richard
Amministratore del forum

(ANSA) – MILANO, 1 OTT – A navigare in rete non sono solo i ragazzi, anzi, in Italia il 53%, quindi la maggior parte di chi va su Internet, ha fra i 35 e i 55 anni. Un'indagine su internauti e consumo di informazione di Astra Ricerche, realizzata a fine luglio au un camoione di persone fra i 15 e i 55 anni, afferma che il 47% dei navigatori ha fra 14 e 34 anni, il 29% e' fra i 35 e i 44 anni e il 24% e' fra i 45 e i 55 anni. 'Ormai internet – ha osservato il presidente di Astra, Enrico Finzi – e' un mondo adulto'.
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/tecnologia/2009/10/01/visualizza_new.html_964506874.html

(ANSA) – MOSCA, 30 SET – La Russia festeggia il suo Internet day con oltre 47 milioni di utenti registrati dal ministero delle Telecomunicazioni all'inizio del 2009. Ma il dato e' destinato a crescere di un terzo nei prossimi 12 mesi. L'Internet day non e' un evento ufficiale in Russia, ma nasce da un'iniziativa dei suoi utenti, il cui numero e' cresciuto vertiginosamente nel giro di pochi anni. Il vero boom c'e' stato nel 2004, quando sono stati registrati circa 14 milioni di navigatori contro un milione nel 1998.
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/tecnologia/2009/09/30/visualizza_new.html_963784072.html

(ANSA)-LONDRA, 30 SET – Il sorpasso e' avvenuto. La pubblicita' su internet, in Gran Bretagna, ha superato quella televisiva: 23,5% rispetto al 21,9% della TV. Il risultato, annunciato dallo IAB con 6 mesi di anticipo, sa di svolta epocale: e' la prima volta che, in una grande economia la televisione viene scalzata dal piedistallo. I dati rivelano che fino alla fine di giugno gli inserzionisti hanno affidato alla rete 1,75 mld di sterline, il 4,6% in piu' dello stesso periodo dell'anno passato.
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/tecnologia/2009/09/30/visualizza_new.html_963757260.html

un passo dopo l'altro si fa tanta strada..