Rispondi a: oggi internet domani magari i nostri sogni.

Home Forum L’AGORA oggi internet domani magari i nostri sogni. Rispondi a: oggi internet domani magari i nostri sogni.

#96384
Richard
Richard
Amministratore del forum

Le origini di Internet si trovano in ARPANET, una rete di computer costituita nel settembre del 1969 negli USA da ARPA (Advanced Research Projects Agency). ARPA fu creata nel 1958 dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti per dare modo di ampliare e sviluppare la ricerca,..

..Così, nell'ottobre 1969 Leonard Kleinrock, titolare del laboratorio della UCLA, fu incaricato di creare il primo collegamento telefonico da computer a computer fra l'Università della California di Los Angeles e lo Stanford Research Institute, che furono così i primi due nodi di Internet..

..Nell'estate del 1970 vennero collegati il sesto, settimo, l'ottavo e il nono nodo: rispettivamente il MIT, la Rand Corporation, la System Development Corporation e Harvard. Un ulteriore passo nello sviluppo di ARPANET fu quello di collegarla ad altri network, PRNET e SATNET, reti di comunicazione gestite da ARPA..

..L'altra origine di Internet si trova nel “BBS” (Bulletin Board System), un sistema di bacheca elettronica sorto alla fine degli anni settanta. Nel 1977 due studenti dell'Università di Chicago, Ward Christensen e Randy Suess, hanno scritto un programma battezzato MODEM.ASM, che permetteva il trasferimento di file tra i loro personal computer e nel 1978 hanno messo a punto anche il Computer Bulletin Board System, che consentiva al pc di trasmettere e archiviare messaggi. Entrambi i programmi sono stati distribuiti dai loro creatori, in forma open source

..Nel 1978 è nato UUCP (Unix-to-Unix copy protocol), che consente ai computer la copia dei file. Basandosi su questo, nel 1979 nasce un programma di comunicazione per computer UNIX. Nascono così reti di comunicazione tra computer, chiamate Usenet News, al di fuori di ARPANET. Poi ARPANET e Usenet si sono unite creando Internet, a partire da un gruppo di laureati dell'Università di Berkeley, che hanno creato un ponte tra ARPANET e Berkeley, che era nodo della rete del governo

..Nel 1984 l'Europa cominciò l'aggiornamento della sua rete al protocollo TCP/IP. Il processo si concluse solo alla fine del decennio. La Cisco Systems una piccola impresa all'epoca, specializzata nella costruzione di router, venne incaricata dal CERN, l'istituto per la ricerca scientifica avanzata della Comunità Europea, di sviluppare la parte europea di Internet attraverso il passaggio dalla rete UUCP esistente verso il nuovo protocollo..

..Il dispiegamento delle potenzialità di Internet e la sua progressiva diffusione popolare sono però frutto dello sviluppo del WWW, il World Wide Web, un sistema per la condivisione di informazioni in ipertesto del 1990 sviluppato da Tim Berners-Lee presso il CERN (Centro Europeo per la ricerca nucleare)..

Internet è nato nella mente e nelle utopie di tante persone nei primi anni sessanta, ma per la massa, per le imprese e per il mondo nel complesso, Internet nasce effettivamente nel 1995. È dall'ampia diffusione delle tecnologie del World Wide Web che si comincia a parlare sempre di più del commercio elettronico anche per gli utenti finali e non solo per le transazioni fra grandi imprese.

http://it.wikipedia.org/wiki/Storia_di_Internet

——————

http://www.spysystem.it/portale/networking/20-wi-fi-torna-lo-spirito-delle-bbs.html

Wi-fi: torna lo spirito delle BBS PDF Stampa E-mail
Scritto da Spy

Attorno a Wi-Fi, tecnologia per la creazione di reti wireless, sono sorte in tutto il mondo comunità di volontari che offrono un accesso ad Internet via radio, alternativo e gratuito. In Italia questi network sono ancora assenti ma qualcosa inizia a muoversi.

Si sta oramai diffondendola tecnologia per le reti locali wireless 802.11b, chiamato anche Wi.Fi, e che si sta affermando come il concorrente più temibile di Bluetooth. E' passato solo poco tempo e sembra che Wi.Fi si trovi al centro di un vero e proprio boom. In quell'articolo, avevamo anche sostenuto che, probabilmente, l'inclusione nel sistema operativo Windows XP di Wi-Fi, a scapito del più noto Bluetooth, avrebbe causato la prematura scomparsa di quest'ultimo.

Un movimento di volontari
Questa tecnologia oggi connette via radio migliaia di computer in molte città americane e in tutto il mondo, offrendo un accesso ad Internet parallelo e alternativo rispetto a quello tradizionale costituito dalla rete telefonica e dai grandi provider. Si tratta di una vera e propria rete alternativa formata da singoli appassionati che costituiscono ognuno una maglia della catena che trasmette, via radio, il flusso delle informazioni di Internet. Intere metropoli hanno un proprio accesso parallelo alla rete: Seattle, la città che vide la prima grande manifestazione dei no global ed è così vicina alla principale sede di Microsoft, conta proprio la comunità più estesa ma anche New York, Parigi, Brisbane e così via.
Sono nate così delle vere e proprie comunità riunite attorno ad alcuni siti di riferimento. Sintomatici gli indirizzi di alcune di queste pagine Web: http://www.FreeNetworks.org , http://www.guerrila.net o http://www.wirelessanarchy.com , quest'ultimo, tra l'altro, informatissimo. In molti casi, come si legge in questi siti, vi è una precisa filosofia dietro i network che sono stati creati e che corrisponde all'obbiettivo di “fornire un accesso a Internet gratuito e assolutamente libero”, nonché permettere che il “flusso delle informazioni attraverso la connessione wireless non possa essere, in alcun modo, bloccato, controllato o archiviato dai governi”. Spesso queste comunità, oltre a diffondere il segnale Wi-Fi, sviluppano oggetti software e soluzioni per rendere più agevole e sicura la connessione, tutto questo nel più genuino spirito dell'Open Source. Oltre a questo aspetto ideale, che ricorda lo spirito con il quale furono costituite le Bbs, vi sono altre motivazioni nella scelta di questo tecnologia.