Rispondi a: oggi internet domani magari i nostri sogni.

Home Forum L’AGORÀ oggi internet domani magari i nostri sogni. Rispondi a: oggi internet domani magari i nostri sogni.

#96438
Richard
Richard
Amministratore del forum

[quote1334044463=farfalla5]
[quote1328176748=Xeno]
Come sappiamo è da diversi anni che agitano lo spauracchio della censura di internet,chiusura di siti e bla bla bla.
Quando ho letto qualche gg fa la storia dell'ACTA ho pensato fosse l'ennesima notizia.
Poi è successo che hanno chiuso Megaupload Megavideo con tanto di notizia in prima pagina e gli autori alla cogna mediatica.
Quindi ho pensato adesso stanno facendo sul serio.
Ma quando la cosa è così spettacolare,l'esperienza mi insegna che non tutto è come sembra.
Ed ecco qua cosa ho scoperto:

Il caso Megaupload: quali i veri motivi della chiusura?
http://es.scribd.com/doc/79366922/2012-01-24-caso-megaupload

=_= adesso mi torna.
[/quote1328176748]
Io posto il testo se poi vi sembra esagerato toglietelo…
Grazie Xeno, infatti mi sembrava strano che dopo tutti questi anni si fossero svegliati :ummmmm:


Il caso Megaupload: quali i veri motivi della chiusura?

di Attilio Folliero, Caracas 24/01/2011
Il 19 gennaio 2012, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti d'America ha provveduto asequestrare il sito Megaupload. Come si riporta nel sito stesso delDipartimento, il motivoufficiale del sequestro è la violazione dei diritti d’autore (copyright) e pirateria.
E’ questo ilvero motivo della chiusura di Megaupload o c’è qualcosa sotto?Che cosa era Megaupload?
Megaupload era uno dei più diffusi siti web, dove un utentepoteva caricare e scaricare file di qualsiasi tipo, compresi file musicali e film. Gli utenti eranodi due tipi: quelli registrati gratuitamente e quelli Premium, che pagavano una quota mensile;gli utenti registrati gratuitamente avevano un limite nella quantità di file che potevanoscaricare o caricare; invece gli utenti a pagamento, detti premium, non avevano nessun tipodi limitazione. Propietaria del sito era la
Megaupload-Limited

[/quote1334044463]

http://www.stukhtra.it/?p=8117
Non riusciranno a farmi sentire un criminale

di Marco Cagnotti

Sono un orfano di Megavideo. Da settimane vivo in astinenza da serie TV, delle quali sono (anzi ero) un grande cultore. Per non parlare dei film. D’altronde non avevo alternative.

La televisione generalista strapazza in maniera indegna le serie TV: le comincia e le pianta a metà, poi le riprende ma non dal punto in cui le aveva abbandonate, e inoltre spesso salta puntate o interi archi narrativi. E io dovrei seguire una serie così, a singhiozzo e senza alcuna certezza? Certo, potrei acquistare i DVD. Come no. Con quello che costano. Senza contare che moltissime serie proprio non esistono in DVD.

Eppure basterebbe così poco: 1, massimo 2 euro per una puntata. Cioè un prezzo onesto, ragionevole. Scaricabili a pagamento in totale legalità così come la musica dall’iTunes Store. Senza farmi diventar matto per cercare le puntate dentro Megavideo. Le major non si rendono conto di quale straordinario mercato potrebbero aprirsi così facendo. Macché: molto meglio mantenere un monopolio antiquato e demonizzare la pirateria.

Per non parlare degli ebook e dello schifo immondo dei guadagni degli editori sulle versioni digitali dei propri libri. Un libro digitale non dovrebbe mai costare più di un terzo del prezzo di copertina della versione cartacea. Mai. Invece ti trovi la carta a 12 euro e il digitale a 10…