Rispondi a: 2012. Vita o morte per questa civiltà? Vita o morte per te e chi ami?

Home Forum L’AGORÀ 2012. Vita o morte per questa civiltà? Vita o morte per te e chi ami? Rispondi a: 2012. Vita o morte per questa civiltà? Vita o morte per te e chi ami?

#99070

windrunner
Partecipante

Ciao a tutti !!!
Ci tengo a ribadire il fatto che (anche se non importante) non credo che il buon caro Michele sia Gesù ma la buona intenzione di svegliare il mondo c'è.
Io oggi stesso sono stato deriso dai parenti per le mie opinioni solo dicendo che siamo ANIMA me ne hanno dette di tutti i colori. Ma non importa. Nella mia vita è sempre stato così.
E fin da piccolo ho avuto modo di farmi una forte corazza.

Oltre alla mail di Michele perchè non mandiamo in giro il terzo segreto di fatima? Dice chiaramente che se gli uomini non si ravvedranno allora l'ira del figlio Suo sarà funesta.

Ve la metto qui per leggerla !!!

IL TERZO SEGRETO DI FATIMA

Non aver timore, cara piccola. Sono Mirjam gaseta (n.d.r. Maria vergine, la regina degli angeli), che ti parla e ti domanda di rendere pubblico il presente Messaggio per il mondo intero.

Ciò facendo, incontrerai forti resistenze.

Ascolta bene e fa' attenzione a quello che ti dico: gli uomini devono correggersi. Con umili suppliche, devono vedere e diventare consapevoli del buio tunnel in cui si sono incamminati.

Tu desideri che Io ti dia un segno, affinché ognuno accetti le Mie Parole che dico per mezzo tuo, al genere umano.

Hai visto il Prodigio del Sole, e tutti, credenti, miscredenti, contadini, cittadini, sapienti, giornalisti, laici, sacerdoti, tutti lo hanno veduto.

Ora proclama a Mio Nome: un grande castigo cadrà sull'intero genere umano, non oggi, né domani, ma nella seconda metà del Secolo XX.

Lo avevo già rivelato ai bambini Melania e Massimino, a “La Salette”, ed oggi lo ripeto a te, perché il genere umano ha umiliato e calpestato il Dono che avevo fatto.

In nessuna parte del mondo vi è ordine, e satana regna nei più alti posti, determinando l'andamento delle cose. Egli effettivamente riuscirà ad introdursi fino alla sommità della Chiesa; egli riuscirà a sedurre gli spiriti dei grandi scienziati che inventano le armi, con le quali sarà possibile distruggere in pochi minuti gran parte dell'umanità. Avrà in potere i potenti
che governano i popoli, e li aizzerà a fabbricare enormi quantità di quelle armi.

E, se l'umanità non dovesse opporvisi, sarò obbligata a lasciar libero il braccio di Mio Figlio (n.d.r. Gesù attraverso l'arcangelo Michael).

Allora vedrai che Iddio castigherà gli uomini con maggior severità che non abbia fatto con il diluvio. Verrà il tempo dei tempi e la fine di tutte le fini, se l'umanità non capirà e cambierà; e se tutto dovesse restare come ora, o peggio, dovesse maggiormente aggravarsi.

I grandi e i potenti periranno insieme ai piccoli e ai deboli. Anche per la Chiesa, verrà il tempo delle Sue più grandi prove. Cardinali, si opporranno a Cardinali; Vescovi a Vescovi. Satana marcerà in mezzo alle Loro file, e a Roma vi saranno cambiamenti.

Ciò che è putrido cadrà, e ciò che cadrà, più non si alzerà. La Chiesa sarà offuscata, e il mondo sconvolto dal terrore. Tempo verrà che nessun Re, Imperatore, Cardinale o Vescovo, aspetterà Colui che tuttavia verrà, ma per punire secondo i disegni del Padre mio.

Una grande guerra si scatenerà nella seconda metà del XX secolo. Fuoco e fumo cadranno dal Cielo, le acque degli oceani diverranno vapori, e la schiuma s'innalzerà sconvolgendo e tutto affondando.

Centinaia di Milioni di uomini periranno di ora in ora, coloro che resteranno in vita, invidieranno i morti. Da qualunque parte si volgerà lo sguardo, sarà angoscia, miseria, rovine in tutti i paesi.

Vedi?

Il tempo si avvicina sempre più, e l'abisso si allarga senza speranza. I buoni periranno assieme ai cattivi, i grandi con i piccoli, i Principi della Chiesa con i loro fedeli, e i regnanti con i loro popoli.

Vi sarà morte ovunque a causa degli errori commessi dagl'insensati e dai partigiani di satana il quale allora, e solamente allora, regnerà sul mondo, in ultimo, allorquando quelli che sopravvivranno ad ogni evento, saranno ancora in vita, proclameranno nuovamente Iddio e la Sua Gloria, e Lo serviranno come un tempo, quando il mondo non era così pervertito.

Va, mia piccola, e proclamalo. Io a tal fine, sarò sempre al tuo fianco per aiutarti».

Ora so bene che questo messaggio può essere valido solo per i Cristiani o per chi crede nella Madonna ma almeno si comincia a fare girare qualcosa… magari tra Michele, questo ed altre cose la gente comincerà a vedere !!!

Piccola cosa sul Papa… lo sapevate che veste PRADA??????????? Annamo bene aò!!!
Leggete qui:

Occhiali da sole dal design moderno e giovanile, dotati di lenti ampie e fascianti, portati anche durante udienze particolarmente assolate; cappello da baseball di colore bianco con la visiera calata sulla fronte usato la scorsa estate durante le prime vacanze trascorse ai piedi delle Alpi, nel corso delle quali era solito indossare anche una giacca sportiva da montagna portata con disinvoltura sulla lunga veste bianca. Ma, il particolare estetico che colpisce di più è un paio di mocassini rossi firmati Prada, casa di moda tra le più esclusive. È il look che Benedetto XVI sfoggia nei momenti di relax e, qualche volta, anche nel corso di pubbliche cerimonie. Un modo di vestire che non disdegna di farsi “contagiare” da proposte casual e persino firmate. Altro che papa tradizionalista. Non è poco, per un anziano di 78 anni, anche se ben portati.

Ne parla, con una certa sorpresa e con grande evidenza, nell'edizione di ieri il quotidiano di Londra Independent, che riprende il Tablet, giornale cattolico britannico. L'Independent racconta le recenti polemiche esplose nei palazzi pontifici per il cambio dei sarti papali, incarico assolto fino a papa Wojtyla dalla storica sartoria Gammarelli, ma che Benedetto XVI ha preferito affidare al negozio Euroclero, dove si è sempre servito da cardinale.

La stampa internazionale, in sostanza, scopre un modo di vestire di Benedetto XVI che, per alcuni aspetti, smentisce l'immagine che per anni hanno avuto quanti non lo hanno potuto conoscere bene, o non lo hanno mai visto da vicino, meno che mai nella sua quotidianità, limitandosi a scorgere in Ratzinger solo il severo custode dell'ortodossia, essendo stato per circa 24 anni prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, l'ex Sant'Uffizio.

Anni vissuti nel rigore e nella riservatezza, durante i quali spesso e volentieri l'allora cardinale Ratzinger amava indossare vesti nere e coprirsi il capo con un basco – nero anch'esso -, quando andava al lavoro o durante la consueta passeggiata pomeridiana che – tempo permettendo – era solito fare nel vicino Borgo Pio, vestendo sempre come un prete “qualsiasi”. La stessa tonaca nera e lo stesso basco nero, indossati dal cardinale Ratzinger anche il 17 aprile, la vigilia del Conclave, quando nel pomeriggio uscì furtivamente dalla casa per entrare in Vaticano attraverso la porta di S. Anna.

Anche quel giorno, Ratzinger vestiva come un prete e, certamente, non immaginava che il giorno dopo sarebbe riapparso in pubblico vestito con i bianchi paramenti papali. L'esordio, però, dal punto di vista estetico non fu dei più felici, e non per colpa di Benedetto XVII. Alla prima udienza pubblica, il nuovo Papa si presentò, infatti, con una veste piuttosto corta.

È stato questo il motivo che ha indotto l'entourage papale a cambiare sartoria? Una cosa è certa: da allora Ratzinger non ha avuto più problemi in materia di look. Come sembra dimostrare l'uso dei mocassini Prada, anche se la nota casa di moda ha espresso sulla scelta dell'augusto cliente sorpresa ma anche soddisfazione, pur celate dietro un rigoroso riserbo.

Ecco i link di riferimento !

http://www.liberamenteservo.it/modules.php?name=News&file=article&sid=787&mode=nocomments&order=0&thold=1

http://www.liberamenteservo.it/modules.php?name=News&file=article&sid=792&mode=nocomments&order=0&thold=1

A presto !