12 AGOSTO: SATURNO E' SENZA ANELLI

Home Forum EXTRA TERRA 12 AGOSTO: SATURNO E' SENZA ANELLI

Questo argomento contiene 10 risposte, ha 4 partecipanti, ed è stato aggiornato da  marì 9 anni, 4 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 11 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #28672

    marì
    Bloccato

    Domani notte (12 agosto 2009) si potrà vedere Saturno senza i suoi anelli. Non che gli ammassi di ghiaccio e rocce che li compongano spariscano: semplicemente un effeto ottico li renderà momentaneamente invisibili dalla Terra. Il pianeta infatti avrà un ritmo di movimento rispetto al sole tale da far sparire il suo elemento caratteristico: un fenomeno che si verifica ogni 15 anni, quando la Terra attraversa il suo piano orbitale e Saturno appare di taglio. L'ultima volta era successo nel 1995, e allora gli astronomi e gli astrofili di tutto il mondo ne approfittarono per vedere tutti quegli oggetti altrimenti difficili da vedere, come i satelliti.
    E se 15 anni fa c'era l'Hubble a riprendere l'evento dallo spazio, domani ci sarà la sonda Cassini, costruita da Nasa, Esa e Asi. “L'orbita di Saturno e' cosi' vicina al Sole da rendere estremamente difficile fare osservazioni anche con i migliori telescopi ma per fortuna abbiamo Cassini” ha spiegato Linda Spilker del Jet Propulsion Laboratory Nasa, aggiungendo che “e' un fenomeno che si ripete da quando gli anelli si sono formati, circa 4,5 miliardi di anni fa”. Osservato per la prima volta da Galileo Galilei 400 anni fa, ma il fondatore dell'astronomia moderna se ne rese conto solo mettendo a confronto due diverse osservazioni: in una c'erano gli anelli, nell'altra le lune.
    Oggi su Saturno ne sappiamo qualcosa di più: il sistema degli anelli è a 6.600 metri dal suolo del pianeta e si estende fina a 120mila chilometri, con un spessore di circa un chilometro. A renderli invisibili è il movimento di precessione degli equinozi, esattamente come quello che ha la Terra, che sposta l'angolo dell'asse di rotazione mano a mano che ruota intorno al Sole. La Terra però per compiere una rivoluzione completa ci mette 1 anno. Saturno 29. La “sparizione” degli assi (che alla Nasa definiscono degna di Houdini) è quindi equivalente a quello degli equinozi terrestri (il 21 marzo e il 22 settembre).
    (CNR Media – 10/08/09)

    http://www.cnrmedia.com/rubriche/newsid/4718/12-agosto-saturno-e-senza-anelli.aspx

    :bay:


    #28673

    marì
    Bloccato

    Bellissimo video du Saturno

    [link=hyperlink url][youtube=425,344]eeRDw6gnZuo[/link]

    Ed ecco a voi Titano

    Lunedì 10 agosto 2009

    UN SATELLITE DI SATURNO ASSOMIGLIA IN MANIERA IMPRESSIONANTE ALLA TERRA

    Titano, il più grande satellite naturale del pianeta Saturno, assomiglia sorprendente alla Terra, nonostante il suo ambiente straniero, uno studio ha rivelato. Gli scienziati hanno mappato un terzo della superficie di Titano , pianeta dopo Saturno, utilizzando radar per trafiggere la spessa atmosfera.
    La sonda ha rivelato catene montuose, dune, i numerosi laghi e vulcani sospetti.
    Così come sulla Terra, il tempo su Titano sembra aver cancellato la maggior parte delle prove di crateri di meteorite .
    Il geologo dottor Rosaly Lopes, della Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, in California, ha dichiarato: “E 'veramente sorprendente come La superficie di Titano assomigli alla superficie della Terra .
    “In effetti, Titano è più simile alla Terra rispetto a qualsiasi altro pianeta o luna del sistema solare, nonostante le enormi differenze di temperatura e altre condizioni ambientali.”
    Titano ha una temperatura pari a circa meno 180C, dove l'acqua non può esistere, ad eccezione di ghiacci e iceberg . Metano ed etano prendono il posto di acqua nel suo ciclo idrologico, che rientra come pioggia o neve, e formando laghi e canali di drenaggio.
    Titano è l'unica luna noto di essere in possesso di una spessa atmosfera.
    La sonda Cassini dell'agenzia spaziale americana NASA ha sondato Saturno e le sue lune negli ultimi cinque anni .
    Essa ha agito come “mothership” per l'Agenzia spaziale europea, che con la sonda Huygens è atterrato sulla superficie di Titano nel 2005.
    Dr. Lopes ha presentato gli ultimi risultati della missione , presso l'International Astronomical Union (IAU) Assemblea generale a Rio de Janeiro, Brasile.
    Altri risultati presentati nel corso della riunione hanno mostrato evidenza di ghiaccio e ammoniaca “cryovolcanoes” su Titano.
    Nuove immagini infrarossi ottenute da Cassini suggeriscono che i vulcani hanno depositato ammoniaca sulla superficie della luna.
    L'ambiente chimico su Titano è simile a quello della Terra intorno agli inizi del tempo della vita .
    Dr. Robert Nelson, un alto ricercatore del Jet Propulsion Laboratory ha dichiarato: “Un emozionante questione è se i processi chimici di Titano possono portare ad una vita simile a quella presente agli inizi sulla Terra.”

    http://pensierimadyur.blogspot.com/2009/08/un-satellite-di-saturno-assomiglia-in.html

    :ummmmm:


    #28674
    Quantico
    Quantico
    Partecipante

    Grande Marì !amazed

    da me però è nuvolo pesto :o(


    #28675

    marì
    Bloccato

    Da me no, e' sereno … pero' Titano che bello e'?


    #28676
    Quantico
    Quantico
    Partecipante

    se non ricordo male da titano
    vennero registrati strani suoni
    provenire dal suo substrato di ghiaccio


    #28677

    marì
    Bloccato

    Ti riferisci a questi?

    [link=hyperlink url][youtube=425,344]U8hb6Ptnbok[/link]


    #28678

    zret
    Partecipante

    Sarà abitato da Gacu Maru?


    #28679

    marì
    Bloccato

    E' AMICO TUO? :ummmmm:


    #28680

    marì
    Bloccato

    Onde gigantesche negli anelli di Saturno

    La sonda Cassini, in orbita attorno a Saturno dall’ormai lontano 2004, ha scoperto per la prima volta delle enormi strutture dall’aspetto torreggiante che si elevano dai suoi sottilissimi anelli e causate dalle perturbazioni gravitazionali indotte da un piccolo satellite. Queste osservazioni forniscono un grandissimo supporto all’idea che le piccole lune saturniane, che orbitano attorno al pianeta in alcuni dei ristretti spazi vuoti che caratterizzano gli anelli, possono avere dei considerevoli e complessi effetti sui bordi di queste lacune.

    Nelle scorse settimane la sonda Cassini ha osservato non solo l’ombra di qualche satellite proiettata sugli anelli di Saturno, ma anche quelle di alcune formazioni verticali che si elevano per quasi 2 km dal piano di questa meravigliosa struttura, delle vere proprie onde formate dalle piccole particelle ghiacciate che formano gli anelli.

    Image and video hosting by TinyPic
    .

    Questa immagine della parte esterna dell’anello A di Saturno, ripresa recentemente dalla sonda Cassini, mostra delle strutture torreggianti, delle vere e proprie onde (le strisce bianche che producono un’estesa ombra sull’anello), che raggiungono altezze di oltre 1.500 metri. Si tratta di perturbazioni sulle particelle ghiacciate che formano l’anello indotte dal piccolo satellite Daphnis, il punto bianco visibile al centro dell’immagine. La banda scura che interrompe la parte esterna dell’anello A è la cosiddetta ‘divisione di Keeler’.

    L’immagine qui riportata mostra la piccolissima luna Daphnis, di soli 8 km di diametro, che orbita nella cosiddetta “divisione di Keeler”, ampia soltanto 42 km e localizzata nella regione esterna dell’anello A. Il passaggio del satellite perturba chiaramente i bordi di questa lacuna, in maniera analoga ad un motoscafo che solleva delle onde al suo passaggio in una distesa d’acqua. La differenza è che nel caso di Daphnis responsabile della perturbazione è il suo campo gravitazionale. L’eccentricità (la deviazione ellittica da un percorso circolare) dell’orbita del satellite attorno a Saturno fa in modo che Daphnis si avvicini ai bordi della divisione facendo così aumentare gli effetti della sua gravità sulle particelle che formano l’anello. Nel caso in questione, l’influenza gravitazionale di questa mini-luna è comunque più evidente in quanto, oltre ad avere un’orbita leggermente ellittica, il suo piano orbitale è inclinato rispetto a quello degli anelli, per cui le “onde” possono raggiungere delle altezze considerevoli se paragonate allo spessore dell’anello A, che è dell’ordine di una decina di metri. Dalla misura dell’ombra proiettata risulta che queste onde raggiungano un’altezza di almeno 1,5 km, 150 volte maggiori dello spessore dell’anello. Uno dei prossimi obiettivi della sonda Cassini sarà quello di osservare in dettaglio le altre divisioni presenti negli anelli, per dare la caccia ai piccoli satelliti che orbitano al loro interno.

    http://www.focus.it/Community/cs/blogs/una_finestra_sulluniverso/archive/2009/06/30/337414.aspx


    #28681

    perdi
    Partecipante

    [quote1250112441=Marì]

    Da me no, e' sereno … pero' Titano che bello e'?

    [/quote1250112441]

    marì Tinano è bello …
    ma Suturno è magico con quegli anelli , è sempre stato il mio preferito…


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 11 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.