2012 e dintorni

Home Forum MISTERI 2012 e dintorni

Questo argomento contiene 263 risposte, ha 31 partecipanti, ed è stato aggiornato da  zret 9 anni, 1 mese fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 264 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #10652

    zret
    Partecipante

    Recentemente Stefano Panizza ha pubblicato un articolo intitolato Il 2012 secondo la scienza. L'autore esamina i capisaldi concernenti il 2012, come data spartiacque e prova a dimostrare che non esistono né nelle culture del lontano passato né tra gli studi scientifici di questi ultimi anni riferimenti al 2012 come snodo temporale, se si esclude qualche labile ed estemporaneo cenno. Ora, lo studio di Panizza è apprezzabile per l'impegno nella ricerca e per i toni che non sono apodittici, ma, denota, a mio parere, una carente inclinazione a considerare i valori simbolici e siano pure simboli non molto complessi, oltre a varie imprecisioni e lacune che rischiano di inficiare un'ipotesi già di per sé caduca.

    Ad esempio, Panizza scrive: “Secondo la più scientifica delle teorie ‘eretiche’, quella di Robert Schoch, la Sfinge potrebbe risalire al 5-7000 a.C., periodo di piogge torrenziali atte ad erodere il corpo della struttura. Riflettiamo un attimo. E' plausibile che nel 7000 a.C. si inizi un progetto che si riferisce al 10.450 a.C. (ed in questi 3000 anni come si è conservata notizia?) ma venga completato solo nel 2.450 a.C., dopo cioè 5000 anni? Ed il tutto allo scopo di avvisare le antiche generazioni? Considerando come gli Egizi trattavano gli altri, francamente risulta alquanto sospetta questa premura per il prossimo”. Qui si può osservare che la cronologia suggerita da Schoch è dettata da prudenza, essendo una retrodatazione minima: il geologo statunitense, infatti, non nega che la Sfinge potrebbe essere più vetusta e rimontare all'XI millennio a.C.[1] Il complesso fu presumibilmente modificato più che completato da Chefren, faraone della IV dinastia sotto il cui regno fu riscolpito il volto della statua. Questo non è poi così strano: quante chiese medievali furono trasformate nei secoli successivi, in età rinascimentale e barocca! In verità è difficile pensare che nell'XI millennio già esistesse il popolo degli Egizi, semmai i superstiti di Atlantide erano approdati in varie regioni della Terra e, a conoscenza del fenomeno precessionale e dei suoi influssi sui cicli storici, intesero forse avvertire non i posteri tout court di futuri cambiamenti, ma alcune confraternite che trasmisero una tradizione sapienziale di generazione in generazione. E' assodato che i popoli antichi, ossessionati dal moto precessionale del sole (si legga almeno G. De Santillana, E. Von Echend, Il mulino di Amleto), ne codificarono le principali cifre nei miti e nell'arte (vedi 23 gradi e 5). Gli stessi monumenti megalitici sono probabilmente giganteschi orologi precessionali. E' poi indiscutibile che, sebbene con una banda di oscillazione di alcuni decenni, siamo ormai verso la fine dell'età dominata dal segno dei Pesci, epoca coincidente con la diffusione del Cristianesimo, tra i cui emblemi si annovera il pesce (Ichtys in greco).

    Tralascio altre coordinate del tema, limitandomi a rilevare che, se non sappiamo che cosa accadrà nei prossimi anni, possiamo asserire, però, che il 3113 a.C., anno in cui cominciò il Quinto sole per i Maya, combacia con una svolta decisiva tanto è vero che in quel periodo si colloca, grosso modo, il confine tra preistoria e storia, con lo sviluppo delle “prime” civiltà fluviali. Non è una differenza di poco conto. Sui fenomeni riguardanti la migrazione dei poli, l'attività della nostra stella, le anomalie gravitazionali ai confini del sistema solare, l’allineamento della terra con il centro della galassia… si pronunceranno gli esperti, ma è evidente che assistiamo a sconvolgimenti atmosferici e tettonici sempre più frequenti e disastrosi. Qualcuno forse ritiene che tutto ciò sia normale? Ritengo siano manifestazioni di origine per lo più artificiale, ma, ammesso che siano naturali o il risultato di una sinergia tra natura e tecnologie militari, sembrano preludere a cataclismi ancora più rovinosi. Questo non significa accodarsi ai catastrofisti, tra i quali si annidano moltissimi disinformatori che ci tormentano con la storiella dei cambiamenti climatici, ma sarebbe ipocrita nascondere che siamo prossimi ad una fase spaventosa e necessaria, sebbene ne possa scaturire una palingenesi. Il parto è doloroso, ma poi viene alla luce una nuova vita.

    Il 2012: eliminiamo pure tutta l'enfasi su questo anno, ridimensionando o azzerando retaggi ed indizi culturali che comunque non mancano. Resta la potente (e nera) valenza simbolica della data 21-12-2012, da cui, anche se con calcoli macchinosi, si può ricavare il 666, ma che è soprattutto legata al numero 236, la cui somma è 11. Consideriamo pure tutte queste cifre delle mere combinazioni: non si può dimenticare che moltissime scadenze ed innovazioni decise dai governi, pròtesi dell'esecutivo mondiale occulto, si riferiscono al fatidico anno. Ricordando che la Cabal sceglie spesso delle date significative per indicare le “stazioni” verso il Nuovo ordine mondiale, non mi stupirei se, basandosi su una martellante ed astuta campagna mediatica, gli Ottenebrati decidessero di usare il 21-12-2012 come linea di confine, forse con l'instaurazione di una dittatura planetaria, preparata con studiata gradualità.

    Se si definisse simbolismo la banale, ma sinistra lotteria degli Oscurati, si oltraggerebbero tutti gli studiosi di esoterismo e di tradizioni: nondimeno è ancora un giorno eloquente sotto il profilo numerico quello scelto per bombardare la Luna, ufficialmente alla ricerca di acqua nel sottosuolo selenico. E' il 9-10-2009: tolti gli zeri e sommando le cifre dell'anno, otteniamo 9 11… un'inquietante evocazione.

    Alla fine, omettendo di sfiorare altri addentellati tradizionali, mitologici, astronomici ed emblematici circa il 2012 (in parte sono stati già toccati, ad esempio, in Assenzio), si deve individuare nell'articolo di Panizza un approccio piuttosto equilibrato, ma empirico e, in quanto tale, riduttivo.[2] La sonda di Panizza va poco in profondità e non esplora territori di frontiera, indagati, invece, con acume, ad esempio, da Angelo Ciccarella nell’articolo Il varco tra i mondi, in X Times n. 11, settembre 2009. Benché Il varco tra i mondi non si riferisca esplicitamente al 2012, capta i segnali di una prossima transizione. Dunque lo studio di Panizza è rassicurante, poiché inscritto nel piccolo e confortevole cerchio dell’empiria e soprattuto del “va tutto bene”. Se solo si osasse oltrepassare la circonferenza della scienza ortodossa, si scoprirebbero interessanti correlazioni.

    Così tutte le interpretazioni pionieristiche ed eccentriche (le verità sono sempre oltre) sono escluse, come se il cosmo fosse confinato al visibile, come se esistessero solo l'archeologia e la storia accademiche, magari timidamente aggiornate da Schoch, come se gli enigmi ed i paradossi di un universo multidimensionale potessero essere spiegati, affidandosi ai comunicati ufficiali della N.A.S.A.

    [1] Di recente Schoch, in base allo studio degli antichissimi resti appartenenti alla città di Gobekli Tepe (nell’attuale Turchia), ha deciso di retrodatare il monumento leonino ad un periodo oscillante tra il 10.000 ed il 12.000 a.C. Vedi R.M. Schoch, Una civiltà di dodicimila anni fa, 2009

    [2] Pur rimanendo in campo scientifico, soprattutto inerente a cosmologia e paleontologia, ma con qualche apertura verso la storia dell’arte ed il simbolismo, Paul La Violette, in Earth under fire, approda a conclusioni molto diverse.

    http://zret.blogspot.com/


    #10653
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    potremmo oppore dati su dati all'infinito, ha fatto bene anche a porre questi dubbi
    http://www.chronos.msu.ru/EREPORTS/smelyakov_auric_time.pdf
    Smelyakov, S.V., Karpenko Yu.B. THE AURIC TIME SCALE AND THE MAYAN FACTOR: Demography, Seismicity and History of Great Revelations in the Light of the Solar-Planetary Synchronism. Kharkov, 1999. ISBN: 966-7309-53-3

    Sergey V. Smelyakov, Professor, Ph.D., ISAR’s International Vice-President from Ukraine,
    Member of the Golden Fund of Cyclic Science of Russia and NIS
    Yuri Karpenko, M.E., Member of the Astrological Research Society “Hamburg School”,
    Member of Astrovita

    https://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.481
    come vedi da questo studio, troviamo che grandi eventi trasformanti corrispondono con una certa suddivisione temporale e dei cicli, secondo il rapporto PHI http://it.wikipedia.org/wiki/Sezione_aurea (caratteristica della natura)
    anche nel passato si sarebbero usate solo tecnologie per produrre particolari eventi?

    “Considerando come gli Egizi trattavano gli altri, francamente risulta alquanto sospetta questa premura per il prossimo”. ”

    perche' abbiamo tolto ogni dubbio su come vivessere gli Egizi, sappiamo tutto gia no? Idem per i Maya?
    Io ho seguito il video di Cotterell, esiste anche il libro
    http://www.bol.it/libri/I-superdei/Maurice-M.-Cotterell/ea978885020122/
    [youtube=425,344]1pUqQGpjKZw
    https://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.370

    http://it.wikipedia.org/wiki/Rettangolo_aureo
    Gli antichi egizi conoscevano il cosiddetto “rettangolo aureo”, una figura geometrica basata su precise proporzioni che, secondo molti studiosi, è alla base delle concezioni artistiche delle civiltà mediterranee, non soltanto nelle arti figurative, come architettura e scultura, ma anche nella musica.
    http://mysterium.blogosfere.it/2009/06/gli-antichi-egizi-conoscevano-il-rettangolo-aureo.html

    Le “profezie” direi comunque che non escludano l'azione dell'uomo perlomeno nel peggiorare la situazione in modo artificiale


    #10654

    UFOTAV
    Partecipante

    Ho trovato un articolo interessante, riguardante l' esistenza di catacombe nella piana di Giza, sotto le piramidi. http://freeforumzone.leonardo.it/discussione.aspx?idd=8739669


    #10655
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    grazie ufotav
    lo avevamo segnalato ma grazie lostesso


    #10656

    zret
    Partecipante

    Grazie!


    #10657
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [youtube=480,385]0Bz9YPriDLo

    .. “Stavano usando diversi psichici, ma Duncan Cameron sembrava avere maggiori successi.
    Mandarono persone attraverso
    il tempo, ne uscì un'onda di 20 anni che sembra essere una armonica naturale della Terra nella sua rotazione e si puo' calcolare molto precisamente dove
    si trova una persona in base a quanto si allontana questa. Se l'onda arriva qua e si ferma, possono calcolare, ok, è il 15 gennaio 1996 ad esempio.
    L' onda continua a muoversi e qua è il punto in cui questi ragazzi impazzivano; qua ad un certo punto, (stavano mandando persone nel futuro)
    lungo l' onda di 20 anni, mentre si spostavano nel tunnel temporale, dove tutte le onde, almeno un centinaio di onde prodotte
    dal sedile o almeno quelle che hanno analizzato, ne mancavano altre centinaia; i cavi che uscivano dal sedile erano coperti da una scatola di due o tre pollici,
    una quantità di dati enorme.Tutti i grafici divennero piatti, per almeno 5 o 6 secondi
    e qundi tutto tornava on line; in questo periodo, non si vedeva nulla. I grafici sparivano.Quindi chiesero alle persone, cosa accadeva in quel periodo 27:20-27:30 e rispondevano, “E' la cosa piu' fantastica che abbia mai provato nella vita! Era come se, fossi una cosa sola con la galassia!
    Potevo essere una stella,
    un pianeta. Potevo osservare da vicino un pianeta. Avevo accesso a tutta la conoscenza possibile! Potevo essere una particella subatomica. Potevo essere un atomo, una molecola. Potevo volare ovunque,
    fare qualsiasi cosa, sapere tutto, essere tutto! Era come se non esistesse il tempo, era tutto eterno. Estasi assoluta! E' la cosa piu' fantastica che abbia mai provato nella mia vita e non volevo
    andarmene.” Quando ci arrivi è come un forte colpo. Come essere sbattuti dentro qualcosa, quindi lo definiscono “the bump”
    o la discontinuità. L'esperienza di uscire fuori dalla realtà che conosci, la definiscono “la caduta”,
    in cui hai questa esperienza.Quindi, tutti i grafici sparivano e li faceva impazzire, perchè volevano essere in grado di replicare quel momento e analizzarne le onde, ma non potevano. Osservarono la linea temporale
    e questa onda di 20 anni e calcolarono il punto in cui i grafici divengono piatti. Si tratta del 21 Dicembre 2012.


    Abbiamo due geometrie controrotanti sulla Terra. Una che rimane piuttosto stabile e determina la forma dei continenti e un' altra che non vediamo 30:50-31:00 e contro-ruota; ad un certo punto i nodi si incrociano. Se questi nodi si incrociano
    e abbiamo anche un allineamento planetario favorevole, otteniamo questo rilascio di energia tra spazio-tempo e tempo-spazio nel punto di incrocio.
    Il Triangolo delle Bermuda è uno stargate naturale. Se le griglie si sovrappongono, i nodi si connettono e l'allineamento è corretto,
    allora si finisce per attraversare questo vortice ed uscire dalla nostra realtà verso il tempo-spazio.La ragione per cui tutto questo è importante,
    è che il 2012 rappresenta un vortice attivo in tutta la Terra. Questo ho concluso dalla ricerca.
    Tutte le persone sulla Terra, a parte, può essere, quelle sul percorso negativo, detto Servizio al Sè, ma quasi tutti sulla Terra entreranno in questo 31:50-32:00 vortice, qualcosa di estatico; non si tratta di un evento spaventoso o terrificante. E' simile a quando avviene “la caduta”. ”

    ————
    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.995
    “Mentre il Modulo di Comando dell'Apollo 14 faceva rotta verso casa Mitchell, durante uno dei rari momenti di ozio, guardò attraverso il finestrino. Il suo sguardo abbracciò le stelle, il Sole, la Terra che si avvicinava, e tutto sembrava ruotargli intorno con grazia ( sebbene fosse l'astronave che stava, in effetti, ruotando). E poi accadde. Improvvisamente Mitchell non percepì più se stesso come un osservatore distaccato che osserva l'Universo ma si sentì, veramente, parte di esso. E sentì che ciò era vero anche per tutto il creato, per tutti gli altri esseri. Tutto era connesso, tutto era collegato in un tutto unico di cui la materia, il tempo e lo spazio, rappresentavano solo aspetti differenti di una universale coscienza che pervadeva il tutto.”

    —————

    http://www.segnidalcielo.it/index.php/cerchi-nel-grano/59-crop-circle-decodifica-del-pittogramma-di-white-sheet-hill
    CROP CIRCLE: DECODIFICA DEL PITTOGRAMMA DI WHITE SHEET HILL

    “Riepilogo. Questo pittogramma è l'istruzione ETC circa la necessità di formare la nuova coscienza, ovvero un nuovo stato di coscienza della nostra civiltà.

    Il cerchio nel grano si presenta con un gran numero di singole cellule e le cellule della coscienza Unite (Fig. 1). Essi formano un mosaico diverso. Questa varietà mostra l'intensa aspettativa ETC della coscienza unita della formazione della nuova civiltà.”
    :ummmmm:


    #10658
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [youtube=400,225]moogaloop.swf

    Uno sarà preso, l'altro lasciato from nonsoloanima.TV on Vimeo.

    da skorpion75


    #10659
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Guardate e fateci caso dal 4.33 min in poi su cosa sarebbe successo negli ultimi anni…
    [code][/code]
    [youtube=500,390]jXgIJmZflac


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #10661
    giusparsifal
    giusparsifal
    Partecipante

    Bugarach, il paese che si salverà dall'Apocalisse

    Molti stanno prenotando case e voli per rifugiarsi lì e salvarsi dalla fine del mondo del 2012

    Se rientrate nella schiera di coloro che sono convinti che il mondo finirà nel 2012, esiste solo un paese in tutto il mondo in cui potrete sfuggire all'Apocalisse. Si tratta di Bugarach, un paesino del sud-ovest della Francia che nel 2007 contava appena 192 abitanti.

    Se vi chiedete cos'ha di particolare questo piccolo paese, situato ai piedi del Pic de Bugarach, la risposta sta proprio nel famoso picco: il Pic de Bugarach si trova a 1.231 metri sopra il livello del mare ed è considerato una montagna magica e sacra, probabilmente anche a causa delle grotte calcaree di cui è composto. Numerose leggende raccontano che all'interno del picco si nascondano il Santo Graal e il tesoro dei Templari e persino Nostradamus e Jules Verne si sono recati a visitare la misteriosa montagna.

    La storia più curiosa legata al picco però è piuttosto recente e descrive le grotte della montagna come un garage alieno: secondo un gruppo di stranieri esoterici, all'interno del picco si nasconde un gruppo di extraterrestri in attesa della fine del mondo, prevista per il 21 dicembre del 2012 (anche se alcuni spostano la data dell'apocalisse al 12 dicembre). A quel punto, gli alieni abbandoneranno il nostro pianeta, portando con sé alcuni umani.

    Sembra incredibile, eppure molte persone – soprattutto di nazionalità statunitense – hanno già affittato alcune case a Bugarach e prenotato i voli per la fine del 2012, suscitando la preoccupazione del sindaco del paesino, Jean Pierre Delord: “Queste storie risalgono ad una quarantina di anni fa. All’origine ci sarebbe un visionario che diceva di sentire il rombo dei motori dei vascelli interstellari proveniente dalle profondità del Bugarach. Se ne era persino parlato su una rivista di ufologia. Non è affatto divertente: se domani dovessero arrivare 10.000 persone, non saremmo in grado di far fronte alla situazione. Ho informato le autorità regionali delle nostre preoccupazioni e vorremmo che l’esercito sia a portata di mano e, se necessario, nel dicembre del 2012, possa intervenire”. I

    Insomma, il sindaco di Bugarach si prepara ad un vero e proprio piano d'emergenza in previsione dell'arrivo di numerosi gruppi di 'visionari'. Anche se molti abitanti del luogo, che non credono affatto alle storie sugli alieni, sono comunque contenti che il mondo possa finalmente apprezzare il loro piccolo paesino, da essi considerato un posto bellissimo, con “una forza magnetica, nell'accezione scientifica del termine”. Se volete salvarvi, quindi, non è detto che Bugarach sarà disposto ad ospitarvi, ma per le vacanze il paese francese è molto lieto di aprire i battenti.

    http://it.viaggi.yahoo.com/p-promozione-3360433


    #10660
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Shasta

    Il monte Shasta è la più alta montagna di origine vulcanica degli Stati Uniti (oltre 4.300 metri), nel nord della California e chiude la catena della Sierra Nevada…..

    Spesso ci sono sopra strane nubi lenticolari e la popolazione del luogo – molti attratti dal potere della montagna e molti che scelsero, più o meno consapevolmente, di divenirne i guardiani – raccontano di luci, bagliori e suoni che si possono vedere e udire.

    Nella zona del Monte Shasta ci sono delle fonti di acqua cristallina bianca e rossa come ne conosco l'esistenza solo a Glastonbury, in Inghilterra. In una canalizzazione di Metatron attraverso James Tyberonn, ci viene spiegato che Shasta è allineato con il complesso di Glastonbury, che esprime la Coscienza Cristica di re Artù, ovvero di Camelot; mentre Shasta esprime la Coscienza Cristica della cd l'Aquila Bianca, cioè dei Maestri ascesi e di Saint Germain.

    L'acqua che proviene dall'interno della montagna contiene una grossissima quantità di silicio, il componente principale del quarzo. Questo, oltre ad aumentarne ulteriormente le già stupefacenti qualità di queste acque (soprattutto a livello di modificazioni del nostro corpo energetico in vista del passaggio alla 5D), avvalora la veridicità di tutti quei messaggi che parlano di un quarzo di gigantesche dimensioni all'interno della montagna (probabilmente proprio in corrispondenza con la Città di Cristallo all'interno del monte) Tale cristallo è chiamato il CRISTALLO dell' INTERDIMENSIONALITA' e riceverà la sua attivazione nel settembre del prossimo anno con il portale del 9.9.9, contribuendo grandemente all'ascesa dimensionale della Terra ed alla modificazione del nostro campo magnetico.

    – Shasta in sanscrito significa “venerabile, saggio” ed è a dir poco una montagna sacra, e questo per tutti i popoli della zona e per gli indiani di America (i famosi Hopi compresi).

    – E’ una piramide eterica, purpurea, che contiene la propria versione capovolta all’interno della Terra e le cui pietre d’angolo della base arrivano in uno spazio che va ben oltre quello del pianeta.

    – Rappresenta il principale portale di connessione intergalattica con la Confederazione dei Pianeti di questo settore della Via Lattea (la maggior parte dei cd “oggetti volanti non identificati” che vengono avvistati, in realtà, appartengono alla flotta dei Lemuriani più che ad extra-terrestri!). Costituisce un punto di riferimento per angeli, spiriti guida e Maestri del Reame di Luce.

    – Gli Hopi la considerano la personificazione del Sole Centrale ed il cuore di Madre Terra.

    – Essa è il principale ancoraggio della Grigia di Luce di questo pianeta.

    I Lemuriani hanno avuto un ruolo fondamentale nell’apprestamento della Nuova Griglia della Terra: se Kryon ha partecipato al lavoro da un punto di vista del magnetismo, i Lemuriani vi si sono dedicati con l’immettere nella griglia le energie della 5° dimensione. La griglia, infatti, è creata con molte energie diverse.


    La nuova griglia serve per favorire l’unione delle polarità e la fine della dualità che scegliemmo di vivere per fare esperienza su questa terra e metterci alla prova. Il monte Shasta è il primo punto della Terra che diffonde l’energia della Griglia di luce al resto del pianeta attraverso una rete che si sviluppa, dapprima, lungo le altre montagne più alte (Mato Grosso, Machu Picchu, Himalaya, etc), poi quelle meno alte (e qui in Maremma abbiamo l’Amiata ed il Monte Labro, considerato una piramide naturale, ed infatti, se ci andate, vedrete che sopra c'è un vecchio eremo sacro), fino alle alture minori. Attraverso il monte Shasta, la Terra e noi tutti (che siamo in risonanza con essa) siamo connessi al Divino.

    · Se consideriamo la Terra un essere vivente (quale è), Shasta è il 5° chakra della Terra e voi sapete che il 5° chakra è quello della connessione con lo Spirito, con lo spazio interdimensionale. Ed il colore associato è il blu, il blu Indaco. L’indaco è la nuova energia della Terra, il colore dell’aura, per esempio, dei nuovi bambini. Il blu rappresenta la connessione con il Divino e la Volontà Divina (il raggio della volontà divina è blu).

    Telos

    All’interno della montagna ci sono entrate e portali intergalattici di cui alcuni già aperti. Ogni portale che viene aperto rappresenta come una nuova sacca di energia che viene rilasciata e diventa così disponibile: il percorso della nostra evoluzione, e di quella di Madre Terra, non permetteva, prima di adesso, che queste “sacche“, nei dei cosiddetti “luoghi sacri, fossero liberate; ma ora sì! All’interno della Montagna si trova, poi, la città di Telos e la Città di Cristallo dei Setti Raggi Sacri.

    Telos significa esattamente “Comunicazione con lo Spirito”.

    Fu creata dai Lemuriani circa 12.000 anni fa a livello interdimensionale, quindi al di fuori dello spazio e del tempo, per salvarsi dal cataclisma che colpì la Terra. Essi seppero che sarebbero andati incontro alla perdita del loro continente per due ragioni: Atlantide e Lemuria a quel tempo avevano dato inizio ad una guerra termonucleare perchè Atlantide voleva che l’evoluzione delle altre popolazioni fosse guidata dalle due civiltà maggiori, mentre Lemuria no. Inoltre la Terra va comunque incontro a dei cicli, tant’è vero che quanti all’epoca cercarono di fermare le ostilità ed l'abusare dei poteri divini videro l’inutilità del loro comportamento. [La Terra va incontro a cicli più brevi di 2.000 anni e da allora siamo giunti al ciclo settimo (il 7 rappresenta la sacralità!)].

    Lemuria sarebbe stata completamente ricoperta delle acque nell’arco di 15.000 anni e, nell’arco di 150.000 anni, anche Atlantide. Per cui fu chiesto e concesso di costruire una città molto al di sotto del Monte Shasta, dove poter salvare la cultura di Lemuria, le biblioteche (costituite da cristalli e non da scaffali di libri o tavolette!) ed i registri che essi avevano creato, tra cui il Registro Akashico (che contiene il resoconto di tutte le nostre esperienze sulla Terra).

    Le stesse Fiamme Sacre furono trasportate all’interno della Terra in templi appositamente realizzati, sempre a livello interdimensionale. Questi templi esistono ancora sotto Shasta e altre montagne considerate sacre dai tempi dei tempi.

    Il cataclisma fu immane: la popolazione di Lemuria all’epoca era di circa 350 milioni. Telos avrebbe potuto contenere 200.000 anime. Alla fine solo 25.000 si salvarono, cioegrave circa lo 0,008% del totale! Molte preziose anime si sacrificarono rimanendo in zone strategiche per infondere amore, pregare, mandare luce e cantare per alleviare il dolore. Queste anime fecero ciò perché l’inabissamento non fu così repentino che l’intera popolazione non ne fosse perfettamente consapevole e sapevano che i traumi nel loro corpo emozionale e nella loro memoria cellulare sarebbero stati così forti da compromettere qualsiasi incarnazione successiva. Così molta paura fu mitigata e Lemuria affondò con “dignità”.

    Atlantide cominciò ad essere sommersa nello stesso periodo, ma molto lentamente e la storia del primo “Diluvio Universale” (di dimensioni molto maggiori rispetto a quelle del diluvio di cui si narra nella bibbia) è una parte della storia dell’inabissamento di Atlantide.

    L’affondamento di due continenti portò una tale macerie che ci vollero 2.000 anni prima che la Terra fosse nuovamente un posto ospitale per la vita: si pensi alla nube di polvere che oscurò il sole, al buio, al freddo, alla perdita di numerose forme di vita. Un'enorme percentuale di animali e di piante scomparve. Cominciò il lungo periodo della nostra dualità, della fame, della malattia, della povertà, della guerra; il periodo della dualità!

    I blocchi che risalgono ad Atlantide trattengono quasi 1/3 dell’energia di coscienza della quale avremmo bisogno in questa nuova era. Molti di noi continuano a portarsi dietro, cristallizzato a livello cellulare, il trauma del continente perduto. Questo si trova ancora immagazzinato anche nella memoria dell’acqua di questa Terra ed a livello di “trauma collettivo”

    Si salvarono veramente in pochi sulla superficie. Alcuni trovarono rifugio sotto terra. I Lemuriani, impegnati nell'evoluzione spirituale, rimasero fedeli al loro eritaggio di pace, e si adattarono alla vita sotterranea, creando lì il luogo adatto per proseguire il loro cammino spirituale.

    I manoscritti Indù, Veda, degli Hopi, etc, parlano di “continente perduto”, ma se il continente è “perduto”, Lemuria ancora esiste ad un altro livello dimensionale sempre qui nella nostra terra. I Lemuriani sapevano che se l’umanità avesse scelto di evolversi alla 5° dimensione, la loro opera, la loro esperienza, la loro conoscenza di più di 4 milioni di anni e la loro luce sarebbe stata il più utile degli aiuti! Ed anche per questo hanno mantenuto un certo grado di fisicità, esattamente come lo manterremo noi dopo il “salto cosmico di coscienza”.

    Telos ormai è la più grande città del circuito di Agartha delle Città di Luce (di cui Maestri, Angeli e Guide ci parlano da tempo). Alcune delle altre, le capitali, sono: Shamballa, che è più legata alle questioni planetarie; Posid in sud America, sotto il Mato Grosso (in Brasile) che è più che altro una colonia atlantica; Shonshe, molto più piccola, sotto l’Himalaya, abitata da una colonia di Lemuriani. Ma ce ne sono molte altre (attualmente 120) a noi non visibili perché in uno stato interdimensionale, ma ciò non significa che non esistano: se ci sono 6 mele, ma noi ne vediamo solo 2, non è che le altre non esistano! Così si comporta l’interdimensionalità.

    Telos attualmente è la capitale delle Città di Luce.
    Essa si è distinta per la velocità con la quale si &grave evoluta e per lo stadio di perfezione raggiunto.

    Ma a Shasta c’è anche un’altra cosa. Vi ho detto che le Fiamme Sacre furono portate all’interno della Terra. Al di sotto della montagna si trova la città di Luce chiamata la Città di Cristallo dei Setti Raggi Sacri…
    http://www.lemuriaitalia.it/sito/articoli/con3-shasta&telos.html


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 264 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.