25 novembre: Giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Home Forum L’AGORA 25 novembre: Giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Questo argomento contiene 4 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da  marì 8 anni, 10 mesi fa.

Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #130997

    marì
    Bloccato


    Murlo: 25 novembre:

    Giornata internazionale contro la violenza sulle donneoriella francini Mercoledì, 25 Novembre 2009

    Questa data è stata scelta dal movimento internazionale delle donne in onore delle sorelle sorelle Mirabal, attiviste della Repubblica Dominicana assassinate il 25 novembre del 1961 perché si opponevano al regime dittatoriale del loro paese.

    Il coraggio e la forza dimostrate dalle sorelle Mirabal hanno contribuito a renderle delle eroine internazionali; la loro storia è stata scelta a simbolo della grave violazione dei diritti umani rappresentata dalla violenza sulle donne.

    Le sorelle Mirabal nacquero in Ojo de Agua, provincia di Salcedo della Repubblica Dominicana.Si opposero alla dittatura di Rafael Leónidas Trujillo che, nel 1930 giunse al potere con elezioni truccate, deponendo il presidente Horacio Vásquez .

    25 novembre 1960

    Minerva e María Teresa andarono a visitare i loro mariti alla prigione, in compagnia della sorella Patria. Furono intercettate da agenti del Servizio Militare di Intelligenza. Condotte in un canneto, subirono le più crudeli torture prima di essere vittime di quello che si è considerato il crimine più orripilante della storia dominicana.Coperte di sangue, massacrate dalle coltellate, furono strangolate, messe nel veicolo nel quale viaggiavano e gettate in un precipizio con lo scopo di simulare un incidente.L’assassinio delle sorelle Mirabal produsse gran dolore in tutto il paese e fortificò lo spirito patriottico della comunità, desiderosa di raggiungere un governo democratico che garantisse il rispetto della dignità umana

    Nel 1995 la scrittrice domenicana Julia Álvarez pubblicò il libro”Il tempo delle farfalle“, da cui è stato tratto nel 2001 il film In the Time of the Butterflies con Salma Hayek nel ruolo di una delle sorelle: Minerva.

    Con la risoluzione 54/134 del 17 dicembre 1999, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha dichiarato il 25 novembre Giornata Mondiale per l’Eliminazione delle Violenza sulle Donne, invitando governi, organizzazioni internazionali e ONG ad organizzare attività ed eventi per accrescere la consapevolezza dell’opinione pubblica su questo tema.

    In Italia solo dal 2005 diversi Centri antiviolenza e Case delle donne hanno iniziato a celebrare questa giornata. Ma negli ultimi anni anche istituzioni e vari enti come Amnesty international festeggiano questa giornata attraverso iniziative politiche e culturali in contrasto alla violenza alle donne.

    In occasione del 25 novembre, Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza sulle donne, Amnesty International dà un rinnovato impulso alla campagna “Mai più violenza sulle donne”, promuovendo nuove azioni per garantire a tutte le donne il diritto a vivere una vita dignitosa e libera . L’azione di Amnesty International si concentra quest’anno sul legame tra povertà e violenza, per spezzare questo circolo vizioso in cui moltissime donne nel mondo sono costrette a vivere. Le donne e le ragazze che vivono in povertà spesso vedono violati i loro diritti umani. Le loro vite sono segnate dalla violenza sessuale, dallo scarso accesso a un’istruzione adeguata e dalla mancata protezione dai rischi collegati alla gravidanza e al parto.
    I loro diritti devono essere protetti e le loro voci ascoltate.

    “A Roma il 28 novembre alle 14, da Piazza della Repubblica a Piazza San Giovanni si terrà una manifestazione nazionale .

    Una manifestazione, spiega il sito http://www.torniamoinpiazza.it , contro la violenza maschile sulle donne, “per la libertà di scelta sessuale e di identità di genere, per la civiltà della relazione tra i sessi, per una informazione libera e non sessista, contro lo sfruttamento del corpo delle donne a fini politici ed economici. Per una responsabilità condivisa di uomini e donne verso bambine/i, anziane/i e malate/i, nel privato come nel pubblico. Contro ogni forma di discriminazione e razzismo, per una scuola che educhi alla convivenza civile tra i sessi e le culture diverse.
    Moltissime le iniziative che stanno avvenenedo in tutta Italia, come la manifestazione “Take Back the night”, un corteo multietnico armato di utensili da cucina insanguinati che ha invaso piazza Vittorio a Roma attraversando la città (guarda le immagini su XL) http://xl.repubblica.it/components/fotogallery_popup.jsp?id=79397&p=15 . A Palazzo Ducale, a Genova, parte oggi: “Non ho mai subito violenze. E’ vero?” http://genova.repubblica.it/multimedia/home/20867972 , mostra fotografica con 17 ritratti femminili, in un allestimento curato dalla scrittrice e docente di Filosofia teoretica dell’Ateneo del capolugo ligure Nicla Vassallo. Ad ogni tavola fotografica, che ritrae donne di ogni età e condizione socio-economica, corrisponde la scritta: “Non ho mai subito violenze. E’ vero?”. (Repubblica.it)”

    http://murlo.blogolandia.it/2009/11/25/murlo-25-novembre-giornata-internazionale-contro-la-violenza-sulle-donne/


    #130998

    marì
    Bloccato

    Napolitano: «La violenza sulle donne
    è un'emergenza su scala mondiale»

    http://www.corriere.it/politica/09_novembre_25/napolitano-donne_0877f5f6-d998-11de-a7cd-00144f02aabc.shtml


    #130999

    Anonimo

    Le peggiori violenze si esprimono contro i più deboli che possono essere le donne, ma anche i bambini o altri uomini o animali. NO ALLA VIOLENZA.


    #131000

    Anonimo

    [youtube=500,405|border]E91vULgd6qA


    #131001

    Erre Esse
    Partecipante

    Mari, non ti sei più fatta viva.

    Un saluto e auguri, se mi leggi!


Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.