agricoltura e mafia, la rivoluzione possibile

Home Forum L’AGORA agricoltura e mafia, la rivoluzione possibile

Questo argomento contiene 3 risposte, ha 4 partecipanti, ed è stato aggiornato da  paolodegregorio 8 anni, 10 mesi fa.

Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #130905

    paolodegregorio
    Partecipante

    – agricoltura e mafia, la rivoluzione possibile –
    di Paolo De Gregorio, 16 novembre 2009

    Ieri in Tv ho assistito per caso ad uno spezzone di trasmissione, non ricordo nemmeno su quale canale, in cui si vedeva una lunghissima fila di trattori guidati da imprenditori agricoli in marcia verso Roma per fare arrivare alle orecchie e agli occhi del governo i problemi attuali del mondo agricolo.
    Mi hanno colpito le dichiarazioni di uno di questi: ho 50 ettari coltivati e la mia famiglia è alla fame. Seguivano poi una serie di richieste di sostegno economico al governo per superare la crisi.

    Viviamo in una epoca di grande confusione (voluta), le identità di classe sono ormai perdute, politicanti ed intellettuali, giornalisti compresi, complicano ad arte le cose semplici, pur di mantenere le cose come sono, anche il tessuto sociale e il territorio stanno marcendo.
    Naturalmente nessuno, né contadini, tanto meno giornalisti e politicanti, va al cuore del problema, nessuno parla di un “libero mercato” in mano alla mafia (valga come esempio il mercato generale di Fondi), dove i prezzi non rispecchiano il rapporto tra domanda e offerta, ma vengono imposti agli agricoltori che arrivano al mercato con il loro prodotto, e, per non farlo marcire, accettano il prezzo irrisorio che viene loro offerto. Naturalmente questa semplice operazione si svolge in uno scenario in cui qualunque protesta o denuncia sarebbe seguita da credibili rappresaglie, visto che sono feroci organizzazioni criminali a gestire il tutto indisturbate.
    Questa è una situazione che dura dal dopoguerra e nessun politicante e nessun partito ci ha mai messo le mani.

    L’unica via di uscita può venire dal basso, è una via individuale o in piccole cooperative, che decidono una volta per tutte di vendere direttamente le proprie produzioni, o direttamente sul campo, o recandosi un giorno della settimana in città.
    Per prevenire, almeno spero, coloro che falsamente parleranno di astrattezza e impossibilità di cambiare il sistema,fornisco un dato della Coldiretti/Agri 2000, dove si registra che nel 2008, rispetto al 2007, sono in crescita gli acquisti direttamente dal produttore (+ 8%) con una stima delle vendite pari a 2,7miliardi di euro.
    Vi è anche la grande positività operante dei GAS (gruppi di acquisto solidale), che in genere sono gruppi di cittadini organizzati che vanno a fare acquisti direttamente dai produttori, i cui recapiti possono essere chiesti anche ad “Altroconsumo” (www.altroconsumo.it/guida superrisparmio).
    Se solo lo si volesse, si potrebbe riconvertire così l’agricoltura, dal basso con produzioni legate ai bisogni del territorio, a km zero, prodotti freschi e biologici, venduti direttamente dai produttori in varie forme, anche da inventare.

    Vi voglio comunicare una mia personale esperienza al riguardo.
    Io vivo in Sardegna da 20 anni e conosco un piccolissimo allevatore di pecore e capre (nemmeno 100 capi), allevate su pascolo brado, naturale, con un prodotto, il latte, di alta qualità, che vendeva per pochi spiccioli ad un consorzio industriale che lo trasformava in pecorino.
    Ad un certo punto, stanco di questa vita misera, oltre a mungere due volte al giorno, si è messo a fare il formaggio da solo, con metodi tradizionali, e ha trovato un turista milanese che due o tre volte l’anno arriva con un camioncino e gli compra, pagandola profumatamente, tutta la produzione. A ciò ha aggiunto una piccola attività di agriturismo che gestisce con la moglie e i figli offrendo tutti prodotti del luogo, cucinati in modi tradizionali. Per farla breve oggi ha un ottimo reddito, e si è costruito 3 stanze con bagno per ospitare d’estate i turisti.
    Con la mia esortazione, sta pensando alla autonomia energetica con pannelli fotovoltaici.

    Oggi è possibile uscire dal mercato per molti agricoltori, vendendo una parte della terra e destinando il ricavo alla installazione di un consistente metraggio di pannelli fotovoltaici, che attraverso il “Conto Energia” (legge che consente di vendere l’elettricità pulita a circa tre volte il costo normale) creano un reddito fisso che può aiutare a cambiare indirizzo produttivo e distributivo.
    Il futuro deve essere quello della autosufficienza energetica ed alimentare della nostra Italia, fuori dalla globalizzazione, con prodotti freschi e biologici a km zero, niente profitti per le mafie e i commercianti, con la vendita diretta, o come il signor Repetti (www.campodeifrutti.it) che a Piacenza fa cogliere direttamente ai consumatori i frutti del suo campo.
    Paolo De Gregorio


    #130906

    Detective
    Partecipante

    Mafia, affari con il controllo
    di agricoltura e allevamenti

    Tra i beni confiscati dalla Dia di Messina a Mario Giuseppe Scinardo, ritenuto uomo di fiducia del capo di cosa nostra della provincia di Messina, Sebastiano Rampulla, risultano anche 500 animali (bovini, ovi-caprini). Il responsabile dell’Osservatorio Nazionale Zoomafia della LAV, Ciro Troiano, ha commentato la notizia affermando che “il crescente interesse delle organizzazioni criminali di stampo mafioso nei confronti dell’imprenditoria agricola e zootecnica, attraverso il controllo mafioso di imprese che gestiscono attività economiche in apparenza lecite, è stato documentato da numerose inchieste svoltesi negli ultimi anni, che hanno contribuito a portare alla luce un fenomeno preoccupante che richiede massima attenzione investigativa”. Secondo i dati del Rapporto Zoomafia 2009, difatti,il fenomeno è estremamente complesso. Coinvolge varie tipologie di organizzazioni criminali, tra le quali la n’drangheta, cosa nostra e la camorra, e interessa vari settori e filiere. Nelle regioni del Sud Italia si registrano furti di attrezzature e mezzi agricoli, racket, abigeato, estorsioni, l’imposizione del “pizzo” sotto forma di “cavalli di ritorno”, cioè furti finalizzati all’acquisizione di somme di denaro di natura estorsiva, danneggiamento alle colture, aggressioni, usura, macellazioni clandestine, truffe nei confronti dell’Unione Europea, commercio di carne e prodotti caseari adulterati. Il furto degli animali negli allevamenti, in particolare, è un fenomeno in crescita, tanto che si stima che in due anni circa 200mila animali siano stati fatti “sparire” dalle campagne per essere destinati a riciclaggi vari e alla macellazione clandestina. Ad essere colpiti sono mucche, cavalli, maiali, ma anche pecore e agnelli, sopratutto in vicinanza delle festività pasquali. Nel 2008 sono stati sequestrati al clan Schiavone due attività commerciali e un’azienda agricola, un’azienda per l’allevamento di cavalli, altre per allevamento di bovini e vari caseifici, nonché società per la commercializzazione di prodotti agroalimentari. “E’ da rilevare che l’ingerenza del sodalizio nella realtà economica dell’area compresa tra Casal di Principe e Villa Literno (Caserta) si era concretizzata anche attraverso l’imposizione di carne suina, bovina e avicola ai macellai della zona, turbando la libera concorrenza dello specifico mercato”, conclude Ciro Troiano. Significativa anche l’operazione “Limousine”, eseguita a San Severo (Foggia), nei confronti di 42 personaggi ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti di bestiame.

    [link=hyperlink url] http://www.libero-news.it/pills/view/23106%5B/link%5D


    #130907
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1258395796=paolodegregorio]
    – agricoltura e mafia, la rivoluzione possibile –
    di Paolo De Gregorio, 16 novembre 2009

    Vi voglio comunicare una mia personale esperienza al riguardo.
    Io vivo in Sardegna da 20 anni e conosco un piccolissimo allevatore di pecore e capre (nemmeno 100 capi), allevate su pascolo brado, naturale, con un prodotto, il latte, di alta qualità, che vendeva per pochi spiccioli ad un consorzio industriale che lo trasformava in pecorino.
    Ad un certo punto, stanco di questa vita misera, oltre a mungere due volte al giorno, si è messo a fare il formaggio da solo, con metodi tradizionali, e ha trovato un turista milanese che due o tre volte l’anno arriva con un camioncino e gli compra, pagandola profumatamente, tutta la produzione. A ciò ha aggiunto una piccola attività di agriturismo che gestisce con la moglie e i figli offrendo tutti prodotti del luogo, cucinati in modi tradizionali. Per farla breve oggi ha un ottimo reddito, e si è costruito 3 stanze con bagno per ospitare d’estate i turisti.
    Con la mia esortazione, sta pensando alla autonomia energetica con pannelli fotovoltaici.

    Oggi è possibile uscire dal mercato per molti agricoltori, vendendo una parte della terra e destinando il ricavo alla installazione di un consistente metraggio di pannelli fotovoltaici, che attraverso il “Conto Energia” (legge che consente di vendere l’elettricità pulita a circa tre volte il costo normale) creano un reddito fisso che può aiutare a cambiare indirizzo produttivo e distributivo.
    Il futuro deve essere quello della autosufficienza energetica ed alimentare della nostra Italia, fuori dalla globalizzazione, con prodotti freschi e biologici a km zero, niente profitti per le mafie e i commercianti, con la vendita diretta, o come il signor Repetti (www.campodeifrutti.it) che a Piacenza fa cogliere direttamente ai consumatori i frutti del suo campo.
    Paolo De Gregorio

    [/quote1258395796]

    questa è una bellissima prova che dal basso si può !!!!
    però, non tutti sono così fortunati!!!!


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #130908

    ezechiele
    Partecipante

    grande Paolo..


Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.