Alimentazione Pranica. Disinnescare il sistema degli Illuminati

Home Forum SALUTE Alimentazione Pranica. Disinnescare il sistema degli Illuminati

Questo argomento contiene 51 risposte, ha 16 partecipanti, ed è stato aggiornato da InneresAuge InneresAuge 6 anni, 8 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 52 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #60068
    InneresAuge
    InneresAuge
    Partecipante

    :ummmmm:
    Dal blog di Paolo Franceschetti:

    [size=22]Alimentazione Pranica. Disinnescare il sistema degli Illuminati.

    Ho iniziato ad occuparmi di alimentazione pranica da qualche mese, ovverosia da quando uno dei miei miglior amici, dopo aver frequentato un seminario di Genesis Sunfire (Jericho), e aver letto i libri di Jasmuheen, ha iniziato ad alimentarsi pranicamente.
    Sorprendentemente ho visto il suo corpo aumentare in massa muscolare ed efficienza fisica, anziché dimagrire, come avrebbe dovuto essere.

    Ora, devo premettere che per anni ho studiato alimentazione, perché all’età di 25 anni ero istruttore di Body Building e l’alimentazione era parte obbligata del percorso di studi, e di vita, di quel periodo.

    Molte delle teorie che si studiano in scienza dell’alimentazione, in realtà, sono contraddittorie e confuse, quando non addirittura del tutto errate.

    La prima contraddizione che notai all’epoca, era l’esistenza di body builder vegetariani e addirittura vegani che, pur non arrivando ai livelli dei Mister Olimpia, avevano masse muscolari spropositate e in teoria incompatibili con l’alimentazione classica consigliata per questo tipo di sport (2 gr. di proteine per chilo di peso corporeo, 5 pasti al giorno di cui almeno uno di carne, ecc.).

    Contraddittorio è anche il fatto che la scienza alimentare sostiene che occorra una dieta bilanciata per avere tutti i nutrienti di cui il corpo avrebbe bisogno, quando poi è accertato scientificamente che la maggior parte degli elementi nutrizionali, dalle proteine alle vitamine, il corpo ha la capacità di sintetizzarli da sé.

    In seguito passai alla dieta macrobiotica, troppo difficile da seguire per un occidentale che ha ritmi discontinui.
    E di recente mi sono interessato alle diete vegana ed ehretista.

    Tuttavia, ad approfondire ogni tipo di dieta, i conti non tornano mai del tutto.

    I vegetariani, sostenendo che la carne è un alimento che non si adatta alla naturale predisposizione dell’uomo, non tengono in conto che in alcune zone, come al polo nord o alcuni posti vicino al mare, la carne o il pesce sono l’unico tipo di alimento dosponibile in quantità. Del resto, ammesso e non concesso che la carne sia un alimento innaturale, altrettanto lo sono pane e pasta, tenendo conto che non è affatto “naturale” ed “intuitivo” nutrirsi di un alimento che ha bisogno della raccolta del grano, della sua macinazione e poi della sua cottura. In tal senso hanno ragione i vegani, quando dicono che la frutta e la verdura sono gli alimenti più naturali e per i quali l’uomo è naturalmente predisposto.

    Ehret ha probabilmente in gran parte ragione quando parla del muco introdotto dagli alimenti; ma d’altronde non spiega come mai in certe zone la popolazione cresce relativamente sana pur nutrendosi di solo riso o in certi casi di sola pasta.

    Nella mia storia personale, poi, non sono mai stato capace di spiegarmi perché mia madre ingrassasse pur mangiando solo insalata scondita (preparata con otto tipi di verdure diverse); perché in 5 anni di dieta sconsiderata mangiando ogni tipo di porcata, la mia massa muscolare è rimasta pressocché intatta, quando avrei dovuto perderla quasi completamente; come facessero noti personaggi politici come Andreotti e altri a non mangiare quasi nulla e dormire poche ore per notte.
    Ricordo un massone di altissimo grado, FT, direttore di un istituto romano che ha a che fare con la politica e l’economia pubblica, che mi invitava spesso a pranzo e mi faceva mangiare ogni ben di Dio, senza mangiare nulla personalmente tranne un piatto di funghi senza pane o un piatto di cozze (sempre senza pane); non mangiava nulla tutto il giorno, era sempre riposatissimo e lavorava anche dodici ore al giorno nonostante con la sua età avesse superato i 70 anni da un pezzo.
    Solange si è domandata come mai il padre mangiasse pochissimo e dormisse pochissimo, nonostante fosse alto oltre un metro e 90 e fosse ben piazzato fisicamente.

    Alla luce degli studi (scarsi e disorganizzati per la verità) sull’alimentazione pranica, molte domande cominciano ad avere una risposta.

    Singolare, poi, è che il fatto che lo sviluppo della capacità di alimentarsi pranicamente dipenda dalle funzioni della ghiadola pineale.
    Ora, la ghiandola pineale è situata al centro del cervello, ma nonostante questa collocazione di evidentissima importanza, la scienza ufficiale la ignora quasi del tutto.
    Il che mi fa pensare che questa trascuratezza sia voluta, e non casuale, per tacere alle masse la verità sull’alimentazione e poterle tenere schiave del lavoro, dei soldi, e del sistema in generale.

    Il rapporto tra alimentazione pranica, sole, salute e cibo, spiega anche bene il perché i mass media (che fanno parte del sistema e quindi hanno interesse a farci ammalare, non guarire) insistano cosi tanto sull’uso delle creme solari e degli occhiali da sole, nonché il motivo per cui abbondano in TV i programmi di ricette, molto più di quelli che divulgano stili di vita sani e naturali come lo Yoga.

    Genesis Sunfire (prima si faceva chiamare Jericho), ad esempio, pur non assumendo né cibo né acqua, riesce a correre per ore senza stancarsi, e ha un fisico da body builder, oltre ad una salute di ferro.
    Io personalmente l’ho visto camminare e correre senza interruzione per 5 ore sotto al solleone di agosto, e al termine della corsa era ancora riposato e per niente sudato. Al termine della “corsetta” si è fatto una partita di pallone.
    Il mio amico A ha acquisito una forza e delle capacità fisiche prima impossibili.
    E io stesso, che ancora non sono del tutto “pranico” avendo, in data di oggi, necessità di mangiare una volta ogni due o tre giorni (una sola volta al giorno), ho migliorato i miei rendimenti fisici.

    L’alimentazione pranica, effettuata mediante la luce solare, ha anche riferimenti biblici. La manna dal cielo che hanno mangiato gli ebrei nel deserto, infatti, ben poteva essere costituita dall’osservazione del sole.

    Anche la storia di Adamo ed Eva può essere letta in una chiave diversa. Il frutto proibito della conoscenza è infatti la mela (è il frutto maggiormente adatto ad acquisire il Prana nell’organismo, ed è possibile nutrirsi infatti anche di sole mele rosse); quando l’uomo mangia la mela acquista la conoscenza; allora Dio fa andare l’uomo sulla terra, dove sarà costretto a lavorare per vivere (perdendo quindi la capacità di nutrirsiautomaticamente e non dipendere dal cibo). La storia biblica può essere letta come una metafora della perdita delle conoscenze originarie (la possibilità di nutrirsi di solo Prana, e quindi anche di sole mele) che l’uomo può riacquistare sviluppando nuovamente la capacità di trarre dal suo corpo il nutrimento di cui ha bisogno.

    C’è poi da ricordare che nel Vangelo si narra che Gesù passò 40 giorni a digiuno nel deserto; ora, questo passaggio della vita di Gesù è presentato come una cosa normale, e non viene annoverato tra i miracoli. Segno che a quell’epoca era considerato normale mangiare poco o nulla.

    Studiando quello che è possibile reperire (prevalentemente, ma non solo, i libri di Jasmuheen) mi sono convinto che l’alimentazione pranica sia uno dei “segreti” non divulgati alle masse, ma ben noti a politici e massoni di alto rango.

    In particolare mi ha colpito un passo, tratto dal libro “Autobiografia di uno Yogi” di Paramhansa Yogananda. In questo libro più volte si narra che il maestro si era interessato alla vita di persone che non si nutrivano di cibo solido. Una di queste era una certa Giri Bala, e quando Yogananda chiese se poteva divulgare il segreto della sua alimentazione, lei rispose: “No, in questo momento il mondo non è pronto”. Erano però gli anni ’40 del ventesimo secolo. Una nota all’edizione del 2010 delle edizioni Ananda, dice poi che “verrà il giorno in cui la gente imparerà a nutrirsi della sola luce solare”. Considero Paramhansa Yogananda il più grande maestro spirituale contemporaneo e ogni sua parola deve essere pesata e valutata con cura.
    Ritengo quindi che nella sua opera non sia casuale il fatto che abbia parlato più di una volta – e a lungo, dedicando interi capitoli al problema – di persone che si nutrivano senza cibo.
    E che non sia casuale quella frase: “Ora non è il momento. Ma verrà il giorno in cui l’uomo potrà nutrirsi di energia solare”.

    Ora, con la crisi economica incalzante, e la ricerca da parte di molti di un diverso modo di vivere, è forse venuto il momento.

    La mia convinzione si è rafforzata quando, leggendo uno dei libri di Jasmuheen, il suo sistema alimentare lo ha definito “disinnescare il sistema degli Illuminati”.

    Questa definizione mi ha sorpreso soprattutto perché Jasmuheen non fa mai cenno, nei suoi libri, a massoneria, Illuminati, o concetti esoterici in genere. Ma da questa singola frase ho intuito che lei è ben consapevole degli effetti che le sue teorie potrebbero avere sul “Sistema degli Illuminati”; sistema che lei evidentemente ben conosce.

    La dieta pranica potrà infatti essere una valida soluzione alla imminente catastrofe economica che si abbatterà sul mondo intero; con essa si potrà migliorare lo stile di vita e di salute della popolazione, e potremmo avere un miglioramento generale nella spiritualità dell’intera umanità.
    fonte: [link=http://paolofranceschetti.blogspot.com/2011/08/alimentazione-pranica-disinnescare-il.html]http://paolofranceschetti.blogspot.com/[/link]

    [size=22]Alimentazione pranica. Cosa è e come arrivarci.

    Introduzione.

    Se volete passare ad un nuovo modo di nutrirvi che vi darà maggiore salute, maggiore forza fisica e mentale, e che vi farà risparmiare centinaia di euro al mese rispetto al normale budget personale per l'alimentazione, dovete provare l'alimentazione pranica.

    L'alimentazione pranica, da anni praticata da Genesis Sunfire (prima Jericho) e da Jasmuheen, e da sempre praticata da molti yogi orientali e da appartenenti alle società segrete di grado elevato, implica la progressiva riduzione dell'assunzione di cibo, per terminare con la totale abolizione di ogni cibo.

    Il cibo infatti non serve – come insegna la scienza ufficiale – per fornire al corpo le proteine e i carboidrati di cui ha bisogno, ma per fornire al corpo il Prana, la sostanza vitale ben conosciuta alla tradizione orientale.

    Il cibo andrebbe quindi assunto solo nei primi anni di vita, per poi essere ridotto progressivamente fino alla sua totale scomparsa dalla nostra dieta.

    L'assunzione del Prana è regolata dalla ghiandola pineale, un organo importantissimo del nostro corpo, situato al centro del cervello, che però è trascurato dalla scienza ufficiale, la quale sostiene che esso sia praticamente inutile (solo di recente si è scoperto che produce la cosiddetta melatonina, l'ormone che regola i ritmi del sonno e della veglia). In realtà l'importanza di questo organo era conosciutissima all'antichità, e il suo risveglio può aumentare moltissimo la qualità della vita.

    Come si può arrivare all'alimentazione pranica.

    – Facendo un graduale trapasso per gradi ai seguenti tipi di alimentazione: 1) vegetariana; 2) vegana; 3) ehretista; 4) fruttariana; 5) melariana (nutrizione con sole mele rosse).
    Ciascun ciclo durerà qualche mese, per poi passare definitivamente alla dieta pranica.

    – Mediante il cosiddetto Solar Healing, tecnica del guardare il sole. In tale ipotesi si possono evitare i passaggi intermedi vegetariani, vegani ed erhetisti.

    – Mediante tecniche Yoga apposite.

    – Con la combinazione di tutti i metodi precedentemente elencati.

    Alla fine del percorso si potrà arrivare a non mangiare e bere per niente, oppure, nei casi in cui si avesse necessità di cibo in piccola quantità (o nei casi in cui si sia costretti a mangiare, per gola o per necessità sociali) si potrà mangiare mele rosse, uva nera, o anche pomodori e altre verdure. Le mele rosse sono comunque l'alimento più ricco di Prana e che dà maggiore senso di sazietà rispetto agli altri, che dovrà essere privilegiato rispetto a tutti gli altri alimenti.

    Ostacoli all'adozione di questo tipo di alimentazione.

    – Vita stressante
    – Inquinamento atmosferico e ambientale
    – Vivere in posti dove la luce solare dell'alba e del tramonto ha difficoltà a filtrare
    – Vivere molto tempo in ambienti chiusi

    Vantaggi e svantaggi di questo metodo.

    Vantaggi:
    – Maggiore salute, aumentata resistentenza alle malattie
    – Migliore termoregolazione corporea (quindi si avrà meno freddo d'inverno e meno caldo d'estate)
    – Maggiore resistenza fisica
    – Drastica riduzione delle ore dedicate al sonno, con conseguente aumento del tempo libero a disposizione
    – Aumento della durata della vita

    Svantaggi:
    – Inizialmente ridurre la dipendenza dal cibo, che è in realtà una vera e propria droga, è molto difficile. Anche scomparendo il senso di fame rimane spesso il desiderio di mangiare per provare il gusto del cibo, il che in alcuni casi potrebbe portare ad un aumento del peso anche mangiando pochissimo.

    – Svantaggi sociali. Riesce più difficile mantenere le relazioni interpersonali, con il rischio di essere esclusi dal consesso in cui si vive, atteso che la maggior parte degli eventi socializzanti avvengono a tavola, con i classici inviti a pranzo o cena. In tali casi è possibile rimediare limitandosi a mangiare poco, e prevalentemente frutta o verdura.

    Considerazioni finali.

    E' appena il caso di osservare che la scienza ufficiale è contraria a questo tipo di alimentazione, per ovvie ragioni (se fosse adottato, aumenterebbe il benessere generale della popolazione fino a livelli impensabili).

    Secondo gli esperti dell'alimentazione questo tipo di nutrimento non avrebbe alcun fondamento scientifico.

    In realtà la scienza non è mai riuscita a spiegare il motivo per cui persone con identica corporatura possano avere metabolismi basali differenti, né perché la maggior parte delle persone si nutra in modo smodato senza assumere nutrienti fondamentali ma restando in relativa salute (molte persone non mangiano frutta e verdura per mesi, ad esempio, pur essendo sane, mentre al contrario alcune hanno diete relativamente bilanciate pur contraendo diverse malattie).

    Il miglior modo di provare l'efficacia di questo sistema è provarlo personalmente e sperimentarne i risultati sulla vostra pelle.

    E capirete che il cibo è una delle droghe più pericolose che ci siano, perché intossica l'organismo e la mente. Il corpo infatti impiega la maggior parte delle sue energie per la digestione, assorbendo il Prana solo in minima parte.

    Riuscendo ad assorbire il Prana direttamente dalla natura e dal sole, ne guadagnerete in tempo, energia, salute, e denaro.

    Sulla tecnica di rimirare il sole guardare:

    http://www.solarhealing.it/

    http://www.associazionelanuovavita.it/progetto_salute/index.php?option=com_content&view=article&id=53&Itemid=60

    fonte: [link=http://paolofranceschetti.blogspot.com/2011/08/alimentazione-pranica-cosa-e-e-come.html]http://paolofranceschetti.blogspot.com[/link]


    Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
    - Franco Battiato

    #60069
    sphinx
    sphinx
    Partecipante

    Inner,intanto grazie per l'articolo,che a mio parere contiene molte parti discutibili ma sostanzialmente una grande verità..anzi,ben più di una. :yesss:
    A mio parere..ovvio.
    Scusa se al momento non approfondisco,ma vado di fretta..casomai se ne può parlare dopo. :sagg:

    Quello che vorrei dire subito sono sostanzialmente due cose,nelle quali credo fermamente.
    [u]La prima[/u] è che noi siamo quello che mangiamo. Lo so che è una cosa data per scontata, ma a mio parere,comunque grandemente sottovalutata..se così non fosse (sottovalutata) ci preoccuperemmo assai più di quello che introduciamo nel nostro maltrattatissimo corpo.
    E siamo quello che mangiamo,non solo a livello fisico, ma anche e soprattutto a livello psichico e,più importante di tutto, a livello spirituale. TU sei ciò che mangi e nutrendoci come il sistema ci impone, si ce lo “impone”, e cioè cibo adulterato,corrotto,carico di violenza e sofferenza,deprivato di vitamine e quant'altro, ne esce fuori quello che siamo. e cioè questo: !dodge
    [u]La seconda[/u] cosa in cui credo fermissimamente, è che tutto questo non è ovviamente casuale…cibo di bassa qualità = pecore ( le pecore siamo noi) di bassa qualità. Pecore di bassa qualità= pecore addormentate,pecore mansuete,pecore che non si svegliano neppure se le prendi a calci nel sedere…ed è quello che succede,giusto? Tutti a farsi sonni perenni…magari irrequieti ma sonni.. :zzz:
    Possono farci di tutto ma noi niente………….nessuno si ribella,tutto tace (mi riferisco al mio paese)……….forse faranno un altro condono……….schhhhhhhhhhhh………dormi,dormi…..
    Come saremmo nutrendoci di Prana ? Nutrendoci del Divino?
    :medit: :medit: :medit: :medit: :medit: :medit: :medit: :medit:
    Non si può fare………moriresti di fame…………schhhhhh…………..
    dormi,dormi………….. :zzz:


    #60070

    DESTINO
    Partecipante

    bellissimo articolo ,questa dieta mi piace molto istintivamente,io ho un passato da pugile,e posso garantire che durante gli sforzi prima dei match dove mi allenavo tutti i giorni con dieta ferrea per perdere pure 5 kg in un mese, la mancanza progressiva di tutte le “”schifeze” che ci circondano(bibite,dolci,troppa carne ecc..) non mi disturbavano affatto,anzi,arrivavo al match con 5 kg in meno mangiando la meta del solito ed ero piu forte e sicuro del mio stato di forma normale!!!……questo per riportare un esperienza diretta che per star bene non serve mangiare troppo!……..c è da dire che in determinate situazzioni il corpo reagisce con forza “nervosa”……la mancanza di un qualche cosa fa scattare nel corpo una marcia in piu :ok!: ……con il nostro benessere spinto al estremo ci “ingolfiamo” e basta -|-


    #60071

    Anonimo

    Articolo interessantissimo, me lo sono letto tutto e adesso vado sui link e approfondisco.
    Da bodybuilder (ex) e allenatore di pesi, ho studiato molto la scienza dell'alimentazione per capire, dopo molti anni, che c'erano lacune incolmabili.
    Da pochi messi è + che dimezzato la carne(tra poco la farò scomparire) e gradualmente mi ciberò solo di prodotti naturali vegetali e non + animali, da l punto di vista fisico non è cambiato nulla, non sto perdendo nè peso nè muscoli, dal punto di vista mentale sto meglio inevitabilmente, dal punto di vista salutare lo vedremo(mi sono diminuiti i mal di testa), quello che posso però apportare tra i miei feedback è che, allenandomi nella pausa mensa(esco dal lavoro, vado in pale, mi alleno, doccia compresa tutto in 45') non mangio + il giorno e la mattina solo poco latte con caffè, non sento + il senso della fame fino alla sera, se riuscirò anche di sera a regolarmi ecco qui che potrei avvicinarmi al mio fine, mangiare molto meno e meglio.

    Voglio capire cos'è questa alimentazione pranica, mi interessa.


    #60072

    Anonimo

    Purtroppo devo constatare che i siti linkati sono a scopo di lucro, ora è vero che bisogna carpire i significati, però vedere leggere queste cose a dir poco fantastiche e poi leggere di linee di integratori mi fa incxxxxxe e non poco.


    #60073
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    Grazie Inneres, devo approfondire prima di dare un mio parere ma almeno qualche dubbio posso scriverlo: come mai l'uomo nasce con un apparato digerente tanto sofisticato da trasformare alimenti in vitamine e proteine?


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #60075

    traghettatore
    Partecipante

    Per me mangiare è sempre stato uno dei piaceri della vita al pari del sesso, dell'amore a tutti i naturali livelli, della conoscienza, ciononostante l'argomento che hai messo sul tavolo mi intriga molto se non altro dopo che in una autoipnosi ( durata quasi tre ore e tutta registrata ) tutte le mie parti che stavano sedute al tavolo a mezzaluna ( così si era conformato in quella occasione il tavolo ) tutte dicevo, ad una precisa domanda che posi alla parte femminile dell'animico, risposero TUTTE CONTEMPORANEAMENTE ad una sola voce:
    : <>.

    A quella inattesa affermazione ribattei:
    : <>.

    La risposta fu un silenzio di gelo, ma un silenzio che faceva presagire una risposta nel futuro prossimo.
    Questo accadeva circa due anni fa., da allora mi sono guardato attorno senza fare concretamente nulla.
    Nulla non è vero, ho fatto molto ma non quello che vorrei.

    Poi sei arrivato tu InneresAuge e mi hai costretto a mettermi a studiare veramente: stanotte mi sono alzato alle 3 ed ho letto fino alle 7 e trenta.
    Quest'oggi ho lavorato tutta la mattinata nei campi sempre a piedi nudi e stasera alle 17h58 ho fatto il primo succhiamento di energia solare di 10 secondi.
    Non è facile, ma voglio vedere dove si arriva, e spero di potermi confrontare con altri.
    Vorrei aggiungere alcune considerazioni.

    Sphinx ha scritto :
    pecore che non si svegliano neppure se le prendi a calci nel sedere…

    Forse mi ripeto, ma l'universo umano è interamente composto di pecore, non a caso siamo il gregge della chiesa che ci affibbia il pastore. Poi, ogni tanto, qualcuno si stacca dal gregge e diviene egregio.
    Lui non ha più bisogno di un pastore, di un maestro, è lui pastore e maestro di se stesso … gli altri hanno diritto di crescere con i loro tempi, gli puoi mostrare la via, ma non devi costringerli a percorrerla.
    E poi, puoi portare il cammello alla fonte, ma non puoi costringerlo a bere.

    Pier72mars ha scritto:
    Purtroppo devo constatare che i siti linkati sono a scopo di lucro …

    Purtroppo, questa è la società in cui dobbiamo fare questa esperienza, e ben venga che ci siano persone che investono la loro vita per darci l'occasione di conoscere cose nuove , ma anche loro devono mangiare e pagarsi un tetto quindi perchè buttare via acqua e catino … prendiamoci il buono e buttiamo il superfluo.
    Diverso è se intendevi che tutto il gioco potrebbe essere finalizzato a vendere integratori in quanto a pancia vuota non si regge al pari del sacco senza patate: questo merita approfondimento, tienici informati.

    Pasgal ha scritto :
    come mai l'uomo nasce con un apparato digerente tanto sofisticato da trasformare alimenti in vitamine e proteine?

    Condivido in pieno questa tua questione, ed è da un po' che me la sono posta anche io.
    questa è una mia risposta:
    :<< tante sono le cose che la "natura" ci ha fornito e che usiamo solo per una fase della vita e poi dimentichiamo di averle avute …
    le pecore hanno il pelo lungo due spanne d'inverno che poi si stacca d'estate … potrebbero anche farne a meno ed abituarsi a battere i denti, ma forse è più funzionale così.
    L'uomo da giovane ha la vitalità e usa poco cervello, con gli anni cresce la sapienza e la coscienza ( non per tutti eh ) e perde la prestanza fisica …. non gli serve più da vecchio, ma se non l'avesse avuta non sarebbe arrivato indenne a superare le lotte della vita.
    Forse, l'apparato digerente e di trasformazione degli alimenti è funzionale al gregge, alla massa … l'egregio, nella sua crescita interiore, quando prende coscienza di se e comprende come raggiungere l'Illuminazione non ne avrà più bisogno, ma senza la fase di individuo del gregge, senza i tre pasti quotidiani non avrebbe avuto l'opportunità di conoscere l'illuminazione "Solare"


    #60077
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    Concordo quasi su tutto quanto hai scritto traghettatore, grazie.


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #60076
    giusparsifal
    giusparsifal
    Partecipante

    A me l'articolo interessa molto, se posso dirlo, smettere di mangiare è una mia fissa.
    Ora, a prescindere dalle varie e giuste considerazioni che si possono fare sull'argomento, in realtà, se cerchiamo di partire dal principio, è tutto solo una questione di mangiare.
    Cerco di spiegarmi, tutta la nostra esistenza si fonda su questo.
    Il mangiare e perciò il sopravvivere è l'elemento primario della nostra vita e siccome, purtroppo, noi quasi nasciamo col concetto di scarsità, tutta la nostra esistenza si basa su questo fatto primario: mangiare.
    Vi siete mai chiesti come saremmo stati e come saremmo oggi se non mangiassimo o cmq non avessimo l'assoluta esigenza di nutrirci per sopravvivere?
    Mi verrebbe da pensare che potrebbe essere un buon titolo per un post, dove potremmo inserire tutte le nostre idee su come sarebbe questo mondo senza questa “costrizione” e le considerazioni che ne scaturirebbero…


    #60079
    kingofpop
    kingofpop
    Partecipante

    mangiare è importantissimo ma l'importante è farlo senza farsi trasportare(cosa che viene molto difficile)..e comunque mai abusarne..ovvero mangiare per vivere e non vivere per mangiare


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 52 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.