Brutte notizie….

Home Forum SALUTE Brutte notizie….

Questo argomento contiene 11 risposte, ha 6 partecipanti, ed è stato aggiornato da farfalla5 farfalla5 9 anni fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 12 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #54733
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Ormoni nell'acqua minerale in bottiglia

    Un team di tossicologi tedeschi, su incarico del Ministero dell'Ambiente, ha dimostrato la presenza di contaminazioni ormonali nelle bibite in bottiglia. In particolare nelle acque minerali nelle comode bottiglie in pet. Estrogeni in concentrazioni simili a quelle delle acque di scarico!

    L'acqua minerale è contaminata con ormoni simili a estrogeni e progesterone, gli ormani sessuali femminili. Lo ha dimostrato uno studio di un team di scienziati di Francoforte, commissionato dal Ministero dell'Ambiente tedesco.

    Tra le 20 bottiglie di acqua minerale esaminate ben 12 si sono rilevate così contaminate, che secondo i ricercatori, dal punto di vista della carica ormonale, “sono equiparabili alla qualità delle acque reflue in uscita dai depuratori”. La ricerca ha anche dimostrato che la carica ormonale nell'acqua delle bottiglie in PET (in Germania molto meno diffuse che in Italia) è doppia rispetto a quella nelle bottiglie in vetro. Il motivo potrebbe risiedere nella contaminazione di additivi utilizzati per le materie plastiche come gli sbiancanti.

    “Sapevamo che i generi alimentari possono venire contaminati con alcuni ormoni” hanno dichiarato i ricercatori. “Un esempio prominente è il bisfenolo A che fuoriesce dai policarbonati a contatto con alcuni cibi, ma ci siamo accorti che abbiamo a che fare con una molteplicità di componenti chimiche di carica ormonale”. Gli studiosi hanno così monitorato il comportamento delle acque non in relazione ad un unica sostanza, ma a tutta “l'attività ormonale”.

    I tossicologi non sono ancora in grado di rispondere alla domande se la contaminazione di estrogeni possa rappresentare un rischio per la salute, perché ci vorrebbe uno studio specifico sull'assorbimento e la metabolizzazione nel corpo umano. Insomma manca la parte B, che indaghi anche sugli effetti biologici. Gli scienziati, si sa, sono molto rigorosi e prima di fare un affermazione, rispondono con dei numeri precisi. Speriamo che qualcuno finanzi questa ricerca.
    Ognuno intanto farà le sue considerazioni preliminari.

    Fonte: Natur.de


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #54734
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante


    Scoperti shampo e saponi cancerogeni per i bambini

    Secondo una recente indagine compiuta dalla Campagna sulla Sicurezza dei Prodotti Cosmetici, alcuni ricercatori degli Usa hanno trovato due sostanze chimiche che provocano il cancro in alcuni famosi prodotti da bagno per bambini.

    L'indagine consisteva nel testare 48 prodotti per bambini tra i più popolari e i più venduti, per cercare se contenessero sostanze cancerogene, tra le quali il 1,4-diossano, utilizzato come solvente e schiumogeno, e la formaldeide, un potente antibatterico utilizzato anche nei processi d'imbalsamazione e come colla nei prodotti da falegnameria. I risultati si sono rivelati alquanto preoccupanti.
    La formaldeide è stata trovata in 23 prodotti sui 48 testati, e in 17 di questi anche il 1,4-diossano.

    Tra i prodotti indagati ci sono shampoo e saponi di famosi marchi che hanno specifiche linee per bambini. Questo agente chimico è molto pericoloso, e a dimostrazione di ciò il National Cancer Institute, attraverso alcuni studi condotti su lavoratori esposti a formaldeide, ha collegato i frequenti casi di tumore del seno nasale, nasofaringe e cervello con l'esposizione dei lavoratori a questo prodotto chimico.

    Il 1,4-diossano è stato trovato in 32 prodotti testati, ben il 67%! Anche quest'agente è di alta pericolosità per l'uomo, infatti la US Consumer Product Safety Commission ha dichiarato che anche solo poche tracce di 1,4-diossano sono considerati preoccupanti per la salute dell'uomo. L'Environmental Protection Agency (EPA) e il Dipartimento di Salute e Servizi Umani hanno accertato che il 1,4-diossano provoca il cancro negli animali, e ritiengono che questi sia da considerare un possibile agente cancerogeno per l'uomo.

    Sulla base di questi risultati poco rassicuranti, Stacy Malkan della Campagna sulla Sicurezza dei Prodotti Cosmetici ha dichiarato: “Se questi sono prodotti chimici che causano il cancro negli animali, non dovrebbero essere messi sulle teste dei neonati”. Ma l'Associazione dei Commercianti di prodotti cosmetici Usa sostiene che non esista nessun tipo di preoccupazione poiché il livello di sostanze contenute nei prodotti è al di sotto dei limiti consentiti dalla legge. In più, in risposta allo studio, il Personal Care Products Council ha definito le conclusioni come “palesemente false” accusando la Campagna per la Sicurezza dei Prodotti Cosmetici di far preoccupare i genitori inutilmente.

    Stacy Malkan difende lo studio sostenendo che i bambini sono più vulnerabili agli effetti tossici delle sostanze chimiche; inoltre negli Usa non esiste una norma riguardo l'uso di queste due sostanze, mentre in Europa il 1,4-diossano è vietato e l'uso di formaldeide limitato. Ma, conclude la Malkan, quello che rende il tutto più assurdo è che non ci sarebbe alcun bisogno di aggiungere tali sostanze nei prodotti cosmetici e, ancora peggio, in quelli per bambini.

    Fonte: bambinonaturale.it


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #54735

    deg
    Partecipante

    :uuu: :nono:


    #54736

    cenereo
    Bloccato

    …e cresciamo ,noi, i nostri figli nel rigore asettico della moderna società…
    vecchi dottori dicevano che i bimbi si devono sporcare per essere sani,ovviamente intendevano di sporcarsi in un mondo ancora pulito.


    #54737
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1238167808=cenereo]
    …e cresciamo ,noi, i nostri figli nel rigore asettico della moderna società…
    vecchi dottori dicevano che i bimbi si devono sporcare per essere sani,ovviamente intendevano di sporcarsi in un mondo ancora pulito.
    [/quote1238167808]

    :K:


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #54738
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Sempre più pesticidi nella frutta che mangiamo?

    Vi sarebbe un regresso nella lotta ai pesticidi nei prodotti ortofrutticoli e derivati, lo dice il rapporto annuale di Legambiente sui residui di fitofarmaci nei prodotti commercializzati in Italia. Nella classifica dei frutti maggiormente contaminati, le mele si aggiudicano il primato ma è preoccupante anche il dato relativo agli agrumi.

    Le analisi svolte dai laboratori pubblici provinciali e regionali hanno preso in esame 8.764 campioni, di cui 109 sono risultati irregolari, pari all'1,2% del totale, in leggero aumento rispetto al 2008, mentre su 2.410 campioni è stata rilevata la presenza di uno o più residui. Lo dichiara “Pesticidi nel piatto 2009”, lo studio di Legambiente basato sui dati ufficiali forniti da Arpa, Asl e laboratori zoo profilattici.

    La frutta si confermerebbe quale categoria “più inquinata”, con un aumento, rispetto all'anno scorso, delle irregolarità. Infatti, su 3.507 campioni di frutta, 81, ovvero il 2,3%, sono irregolari con residui al di sopra dei limiti di legge. Questi dati confermano il peggioramento rispetto all'anno scorso, con un incremento di residui pari allo 0,7%. Solo il 53,8% della frutta che viene consumata dagli italiani è priva di residui chimici.

    “Gli ultimi dati Istat ci dicono che già nel 2007 la quantità totale dei fitosanitari distribuiti per uso agricolo in Italia era aumentata del 3% rispetto al 2006”, ha spiegato Rosella Muroni, direttrice generale di Legambiente, durante la conferenza stampa di presentazione. “Un dato preoccupante, questo, perché dimostra come lo sforzo sinora sostenuto dall'agricoltura italiana per offrire ai consumatori prodotti sempre più sani e per ridurre l'inquinamento abbia subito uno stop”.

    “Siamo preoccupati per l'inversione di tendenza dei risultati delle analisi sui campioni esaminati”, ha dichiarato Antonio Longo, presidente del Movimento Difesa del cittadino. “Ci auguriamo che non ci sia un allentamento dell'attenzione da parte delle aziende agricole sull'uso delle sostanza chimiche”.

    Una preoccupazione che si rivolge soprattutto ai bambini. I limiti di legge sui residui di pesticidi su prodotti ortofrutticoli sono basati su un organismo di un maschio adulto. Ma alcuni studi hanno rilevato come un organismo in fase di sviluppo sia particolarmente sensibile agli agenti tossici che interferiscono con l'azione fisiologica degli ormoni.

    Ma in merito il dossier di Legambiente si sono immediatamente pronunciate anche le associazioni agricole, tra queste Coldiretti e Cia, citando i dati contenuti nel dossier “Controllo ufficiale dei residui di prodotti fitosanitari negli alimenti di origine vegetale” del ministero del Welfare. Nello studio del ministero più del 66% dei prodotti ortofrutticoli risulta totalmente privo di pesticidi mentre i campioni irregolari di frutta, verdura, cereali, olio e vino con residui chimici al di sopra dei limiti di legge sono risultati intorno all'1 %.

    http://it.greenplanet.net/agroalimentare/studi-a-ricerche/24448-sempre-piu-pesticidi-nella-frutta-che-mangiamo.html


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #54739

    Omega
    Partecipante

    [quote1244424893=farfalla5]
    L'indagine consisteva nel testare 48 prodotti per bambini tra i più popolari e i più venduti,
    [/quote1244424893]
    Piuttosto che testare l'effetto – il prodotto, se fossero intelligenti avrebbero dovuto testare la causa – la Coscienza dei Padroni di questo mondo che prevede il veleno nella sua stessa struttura portante.


    #54740
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1244447367=Omega]
    [quote1244424893=farfalla5]
    L'indagine consisteva nel testare 48 prodotti per bambini tra i più popolari e i più venduti,
    [/quote1244424893]
    Piuttosto che testare l'effetto – il prodotto, se fossero intelligenti avrebbero dovuto testare la causa – la Coscienza dei Padroni di questo mondo che prevede il veleno nella sua stessa struttura portante.
    [/quote1244447367]

    Tu hai ragione… :ok!:
    ma siccome caro Omega da qualcosa bisogna cominciare….spero tanto che qualche giovanotto lo legga oggi per poter cambiare qualcosa in un domani…
    questa è la mia speranza….


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #54741

    sev7n
    Partecipante

    okkio a chi e' della zona

    Brescia: acqua contaminata, 150 persone in ospedale
    17 Giugno 2009 21:05 CRONACHE

    BRESCIA – Vomito, diarrea e febbre: questi i sintomi che hanno lamentato 150 persone finite all'ospedale dopo aver bevuto acqua contaminata a San Felice del Benaco, comune sulla riva bresciana del Lago di Garda. La Asl locale ha rassicurato che i sintomi scompariranno al massimo entro 12-15 ore. Intanto il Comune ha disposto il divieto di usare l'acqua dell'acquedotto comunale per gli usi alimentari, mentre continuano gli accertamenti delle autorita'. (Agr)

    http://www.corriere.it/notizie-ultima-ora/Cronache/Brescia-acqua-contaminata-150-persone-ospedale/17-06-2009/1-A_000028686.shtml


    #54742

    marì
    Bloccato

    E' dal 1984 che uso acqua in bottiglia quando sono in Italia.


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 12 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.