Case gratis a chi ripopola il borgo medievale abbandonato

Home Forum PIANETA TERRA Case gratis a chi ripopola il borgo medievale abbandonato

Questo argomento contiene 9 risposte, ha 6 partecipanti, ed è stato aggiornato da farfalla5 farfalla5 7 anni, 4 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 10 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #91225
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    L'idea dei residenti per fermare l'agonia della piccola frazione di Pari



    Ripopolare le strade, riportare i bambini a giocare per le vie, sentire di nuovo le voci della gente indaffarata nei vicoli, ridare vita al paese. È la missione dell'associazione Sette Colli di Pari, borgo medievale nel comune di Civitella Paganico al confine con la provincia di Siena. Che ha ideato il progetto “Riaprire le persiane”.

    «Troppo a lungo tante case sono rimaste vuote, con le persiane chiuse», spiega il presidente della Sette Colli, Tommaso Minacci. «Bisogna fare qualcosa per questo paese». E che paese. Pari è un borgo da favola, accomodato su un colle stretto tra il monte Amiata e il Petriolo, mirabilmente curato e mantenuto nel suo aspetto originale grazie a una ristrutturazione collettiva avviata negli anni '70. Tutti i muri sono in pietra e le imposte in legno. Di plastica manco a parlarne e le auto spengono il motore quasi tutte fuori dal borgo. Non c'è smog, a Pari, solo odore di camino nelle strade. Un gioiello nel cuore della Toscana, insomma, che rischia di morire. Dal dopoguerra ad oggi, come altre migliaia di piccoli borghi, a Pari è iniziata una lenta emorragia. La gente si è riversata in città, in cerca di lavoro e servizi, e dei mille abitanti del '45 oggi ne rimangono duecento.

    Per questo, si sono detti gli abitanti, bisogna creare nuovi parigiani. La ricetta è semplice. «La nostra associazione – spiega Minacci – organizza una sagra molto famosa e longeva, la sagra della salsiccia. Con il ricavato, anziché finanziare una squadra di calcio come fanno tanti paesi, paghiamo tutto o in parte il canone di affitto per tre anni a chi decide di trasferirsi a Pari».

    L'invito non è rivolto a caso. «Lo scopo è di ripopolare Pari – spiega Minacci – e dunque la proposta è rivolta esclusivamente a famiglie con almeno un bambino e con un solido lavoro alle spalle, disposti a prendere la residenza e che vivano il paese». Per capirsi, non è un'operazione di emergenza abitativa, non si mettono a disposizione case per chi non ha un tetto. Si cercano persone che facciano una scelta di cuore.

    «Per questo non saranno accolte le proposte di single o coppie senza figli – precisa Minacci – e prediligeremo famiglie toscane, delle province limitrofe o del Fiorentino, che conoscano cioè le nostre tradizioni». Le case a disposizione sono al momento tredici.

    «Tre – spiega Minacci – saranno concesse gratuitamente per tre anni; ai locatari spetterà solo pagare le utenze. Le altre saranno date con canone agevolato, dai 150 ai 200 euro al mese». Tutte le abitazioni sono nello stile caratteristico del borgo, «case di pietre scheggiate» fatte «con i sassi presi dal fiume», come le descrive nel suo romanzo più famoso, “Con gli occhi chiusi”, un parigiano celebre, lo scrittore Federigo Tozzi.

    I suoi genitori erano originari di Pari e la loro casa si conserva ancora, con una targa commemorativa. L'ultimo parigiano arrivato, invece, è Lorenzo, nato un anno fa. «Abbiamo diversi bambini – spiega Minacci – ma, come in tutti i paesi, la maggior parte degli abitanti è anziana. Con la nostra iniziativa contiamo di restituire Pari alla vita». Per chi fosse interessato, il presidente Minacci rimanda al sito dell'associazione http://www.parionline.it. Altre informazioni si avranno scrivendo a info@parionline.it o telefonando ai numeri 335 6218028 (Minacci) o 335 5444246 (Andrea Barbieri, responsabile della comunicazione).
    http://iltirreno.gelocal.it/grosseto/cronaca/2011/02/15/news/case-gratis-a-chi-ripopola-il-borgo-medievale-abbandonato-3442345


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #91227

    silvana
    Partecipante

    [quote1301770700=farfalla5]
    L'idea dei residenti per fermare l'agonia della piccola frazione di Pari

    «Per questo non saranno accolte le proposte di single o coppie senza figli – precisa Minacci – e prediligeremo famiglie toscane, delle province limitrofe o del Fiorentino, che conoscano cioè le nostre tradizioni». Le case a disposizione sono al momento tredici.

    [/quote1301770700]

    Che dire vogliono una scelta fatta con il cuore e poi lo fanno esclusivamente per egoismo,cioè ripopolare un paese,ma vogliono solo persone con reddito sicuro!!Non ho parole!!!
    Se ci aggiungiamo che ammazzeranno i maialini,per farne salcicce,io in questo paese non ci andrei manco se mi pagassero per viverci!!!


    #91228

    Rebel
    Partecipante

    In pratica stanno cercando un beneficio per loro stessi, un servizio al 'sè'.


    #91229
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Ragazzi io non la vedo così critica la cosa, il paese cerca di sopravvivere, vuole un certo tipo di gente che conosca e capisca la cultura toscana. Ho visto un servizio sul tg3 della Toscana e mi è piaciuta l' idea. E' logico che non possono regalare le case a chiunque, è logico che cercano delle persone che dovrebbero convivere con gli anziani del posto…
    insomma….


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #91230

    silvana
    Partecipante

    [quote1301773619=farfalla5]
    Ragazzi io non la vedo così critica la cosa, il paese cerca di sopravvivere, vuole un certo tipo di gente che conosca e capisca la cultura toscana. Ho visto un servizio sul tg3 della Toscana e mi è piaciuta l' idea. E' logico che non possono regalare le case a chiunque, è logico che cercano delle persone che dovrebbero convivere con gli anziani del posto…
    insomma….
    [/quote1301773619]
    Una forma di razzismo esteso alle regioni…ma dobbiamo unificare il mondo o continuare a dividerlo!!Voglio essere un cittadino del pianeta terra,senza passaporti,senza frontiere senza confini..e questi mi mettono l'opzione meglio se Toscani!!!Poi reddito sicuro!!Ma se ho un reddito sicuro,lascio la mia città e il lavoro me lo porto dietro???Vabbè sarà una bella iniziativa per qualcuno,ma a me non piace proprio!!!


    #91231

    deg
    Partecipante

    [quote1301774636=silvana]
    [quote1301770700=farfalla5]
    L'idea dei residenti per fermare l'agonia della piccola frazione di Pari

    «Per questo non saranno accolte le proposte di single o coppie senza figli – precisa Minacci – e prediligeremo famiglie toscane, delle province limitrofe o del Fiorentino, che conoscano cioè le nostre tradizioni». Le case a disposizione sono al momento tredici.

    [/quote1301770700]

    Che dire vogliono una scelta fatta con il cuore e poi lo fanno esclusivamente per egoismo,cioè ripopolare un paese,ma vogliono solo persone con reddito sicuro!!Non ho parole!!!
    Se ci aggiungiamo che ammazzeranno i maialini,per farne salcicce,io in questo paese non ci andrei manco se mi pagassero per viverci!!!
    [/quote1301774636]

    hahaha :ok!:


    #91226
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1301774516=silvana]
    [quote1301773619=farfalla5]
    Ragazzi io non la vedo così critica la cosa, il paese cerca di sopravvivere, vuole un certo tipo di gente che conosca e capisca la cultura toscana. Ho visto un servizio sul tg3 della Toscana e mi è piaciuta l' idea. E' logico che non possono regalare le case a chiunque, è logico che cercano delle persone che dovrebbero convivere con gli anziani del posto…
    insomma….
    [/quote1301773619]
    Una forma di razzismo esteso alle regioni…ma dobbiamo unificare il mondo o continuare a dividerlo!!Voglio essere un cittadino del pianeta terra,senza passaporti,senza frontiere senza confini..e questi mi mettono l'opzione meglio se Toscani!!!Poi reddito sicuro!!Ma se ho un reddito sicuro,lascio la mia città e il lavoro me lo porto dietro???Vabbè sarà una bella iniziativa per qualcuno,ma a me non piace proprio!!!
    [/quote1301774516]
    Se trovo quel servizio ve lo posto. Ho visto un giovane padre con tre figli che si è trasferito lì, poi un canadese…insomma manca per esempio la farmacia, la posta è aperta solo un giorno, per i bambini c'è un pulmino che li porta a scuola che si trova fuori del paese.


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #91232

    Anonimo

    [quote1301844631=farfalla5]
    Ragazzi io non la vedo così critica la cosa, il paese cerca di sopravvivere, vuole un certo tipo di gente che conosca e capisca la cultura toscana. Ho visto un servizio sul tg3 della Toscana e mi è piaciuta l' idea. E' logico che non possono regalare le case a chiunque, è logico che cercano delle persone che dovrebbero convivere con gli anziani del posto…
    insomma….
    [/quote1301844631]

    Spiace dirlo, a me la toscana mi affascina ma in posti medioevali e storici ormai non ci andrò più a vivere, l'esperienza di un terremoto devastante in un centro storico basta e avanza.


    #91233

    ezechiele
    Partecipante

    io se potessi ci an drei di corsa… peccato che se mi muovessi di qui passarei immediatamente da occupato a disoccupato…..


    #91234
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1301900635=ezechiele]
    io se potessi ci an drei di corsa… peccato che se mi muovessi di qui passarei immediatamente da occupato a disoccupato…..
    [/quote1301900635]
    infatti il problema è questo, perchè effettivamente l' offerta è allettante ma pur è sempre vero che nessuno ti regala nulla. Qui nelle vicinanze chi ha lavoro e non vuole più stare nelle città caotiche è un paradiso di tranquillità…

    Io ci sarei andata, solo che mio marito non si muove più da Piombino da quando ha avuto l' infarto vuole essere certo che se succedesse un altra volta l' ospedale è vicino!!!


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 10 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.