Cern

Home Forum PIANETA TERRA Cern

Questo argomento contiene 151 risposte, ha 29 partecipanti, ed è stato aggiornato da  narvik 9 anni, 10 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 21 a 30 (di 152 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #73905

    mirach72
    Partecipante

    Da voci di corridoio, pare che l'esperimento verrà effettuato il 28 agosto. Beh, almeno ci lasciano passare un Ferragosto tranquillo….. :hehe:


    #73906

    mirach72
    Partecipante

    Nuovo aggiornamento. Secondo una notizia ANSA del 07 agosto, i primi esperimenti partiranno il 10 settembre. :scare:


    #73907

    deg
    Partecipante

    [quote1218280384=mirach72]
    Nuovo aggiornamento. Secondo una notizia ANSA del 07 agosto, i primi esperimenti partiranno il 10 settembre. :scare:
    [/quote1218280384]

    Si, c'è l'articolo all'inizio del topic! !lol (7 agosto, ore 18.21…)


    #73908

    mirach72
    Partecipante

    Scusate, ma l'età fa brutti scherzi… :hehe:


    #73909

    mirach72
    Partecipante
    #73911

    sephir
    Partecipante

    per chi conosce l'inglese…

    Fausto Intilla descrive i pericoli insiti nel progetto LHC del cern che dovrebbe iniziare il 10 settembre:

    Pare che:

    Sino alla fine di Settembre 2008,non sono previste collisioni nell'LHC. Nel mese di Luglio 2008,verrà semplicemente “iniettato” il fascio nell'acceleratore,per studiarne il percorso (senza la creazione di collisioni). Nel mese di Settembre verrà impiegata un'energia di 10 TeV (tera-elettronvolt),rispetto a quella di pieno regime,che equivale a 14 TeV.

    http://oknotizie.alice.it/info/70a10ac98c79dbe2/prossimi_esperimenti_al_cern_di_ginevra_il_pericolo_esiste_realmente_ma_e_sempre_stato_sottaciuto_.html

    The upcoming Large Hadron Collider (LHC) at CERN could be dangerous. It could produce potentially dangerous particles such as mini black holes, strangelets, and monopoles.
    A CERN study indicates no danger for earth, [Ref. 1] but its arguments are incomplete. The reasons why they are incomplete are discussed here.
    This paper considers mainly micro black holes (MBHs) with low speeds. The fact that the speed of resultant MBHs would be low is unique to colliders. An important issue is the rate of accretion of matter subsequent to MBH creation.
    This study explores processes that could cause accretion to be significant.
    Other dangers of the LHC accelerator are also discussed.
    I. Arguments for danger in LHC particle accelerator experiments
    “In the 27-kilometer-long circular tunnel that held its predecessor, the LHC will be the most powerful particle accelerator in the world. It will smash fundamental particles into one another at energies like those of the first trillionth of a second after the Big Bang, when the temperature of the Universe was about ten thousand trillion degrees Centigrade.” [Ref. 5]
    1. There is a high probability that micro black holes (MBHs) will be produced in the LHC. A reasonable estimation of the probability that theories with (4+d) dimensions are valid could be more than 60%. The CERN study indicates in this case a copious production of MBHs at the LHC. [Ref. 1] One MBH could be produced every second. [Ref. 4 & Ref. 5]
    2. The CERN study indicates that MBHs present no danger because they will evaporate with Hawking evaporation. [Ref. 1] However, Hawking evaporation has never been tested. In several surveys, physicists have estimated a non trivial probability that Hawking evaporation will not work. [Ref. 9] My estimate of its risk of Hawking evaporation failure is 20%, or perhaps as much as 30%.
    The following points assume MBH production, and they assume that Hawking evaporation will fail.
    3. The cosmic ray model is not valid for the LHC. It has been said that cosmic rays, which have more energy than the LHC, show that there is no danger. This may be true for accelerators that shoot high energy particles at a zero speed target. This is similar to cosmic ray shock on the moon's surface. In these cases the center of mass of interaction retains a high speed. This is different from the situation at the LHC, where particles with opposing speeds collide. With cosmic rays (mainly protons in cosmic rays) we need a speed of 0.9999995 c to create a micro black hole of 1 TeV and after the interaction the micro black hole center of mass will have a speed of 0.999 c. As MBHs are not very reactive with matter, calculations indicate that this is more than enough velocity to cross planets or stars without being caught and to escape into space.
    4. Lower speed MBHs created in colliders could be captured by earth. Using Greg Landsberg's calculation [Ref. 3] of one black hole with velocity less than escape velocity from earth produced every 10^5 seconds at the LHC, we have 3.160 (US notation 3,160) MBHs captured by earth in ten years. More precise calculations show that we could have a distribution of MBHs at every range of speed from 0 m/sec to 4 m/sec. The probability of very low speed MBHs is not zero. We need to evaluate if low speed MBHs present more risks.
    5. The speed of a MBH captured by earth will decrease and at the end MBHs will come to rest in the center of earth. The speed will decrease because of accretion and interaction with matter.
    If we consider that:
    a. The CERN study's calculus for accretion uses the “Schwarzschild radius” for the accretion cross section. [Ref. 1] In the case of low speeds, we must not use the Schwarzschild radius for the calculus of accretion. There are several reasons the capture radius extends beyond the Schwarzschild radius. For example, if the MBH speed were zero, gravitational attraction would be active at a distance greater than the Schwarzschild radius.
    b. If a MBH accretes an electron, it will acquire a charge and then probably accrete a proton.
    c. If a MBH accretes a quark it will then probably accrete a proton. When a quark is caught, the whole nucleon can be expected to be caught because otherwise the black hole would have acquired a charge which is not complete. (For example minus 1/3.) In a nucleus a fractional charge is unstable and is not allowed. This strongly suggests that the MBH will be required to accrete other divided charges to reach a completed integer number of charges. The same process can be expected in regard to quark color.
    d. Gauge forces at short distances could also help to capture an atomic nucleus.
    Our calculus indicates that a slow speed MBH can be expected to capture 8.400 (US notation 8,400) nucleons every hour, at the beginning of an exponential process.
    6. In the center of earth new processes could occur: As stated above, it has been estimated that in ten years 3.160 (US notation 3,160) MBHs could be captured by earth. All MBHs will progressively lose speed because of numerous interactions. After a time (calculations have to be completed to estimate this time) all these MBHs will go toward the precise gravitational center of earth. (Kip Thorne [Ref. 7 p. 111]) After numerous interactions they will stop there at rest and then coalesce into a single MBH. To get an idea and for a first approach our calculus indicates that the mass of this MBH could be on the order of 0.02 g with a radius of 4 x 10^-17 m. At the center of earth, the pressure is 3.6 x 10^11 Pascals. [Ref. 8]. This pressure results from all the matter in Earth pushing on the electronic cloud of central atoms. The move of electrons is responsible of a pressure (called degenerescence pressure) that counterbalance the pressure of all the matter in Earth.
    Around a black hole there is not an electronic cloud and there is no degenerescence pressure to counterbalance the pressure of all the Earth matter.To indicate the pressure we must use the surface If in an equation Pressure P = Force F / Surface S if we keep F= Constant and we reduce surface, we are obliged to notice that Pressure P will increase. Here F is the weight of all the matter of Earth and this do not change. As the surface of the MBH will be very small, calculus indicate on this surface an impressive increase of pressure in the range of : P = aprox 7 x 10 ^ 23 Pa .
    The high pressure in this region push strongly all the matter in direction of the central point where the MBH is.
    Electrons directly in contact with the Micro Black Hole will first be caught, then the nucleus will be caught.
    It is sure that the atoms will be caught one after the other but the more the pressure will be important the more the caught will be quick. When a neutron star begins to collapse in a black hole (implosion), at the beginning the black hole is only a micro black hole as we see in [Ref. 7 Page 443]. At this very moment the high gravitational pressure in the center of the neutron star is there breaking the “strong force” which lays between the quarks located into the neutrons.
    The MBH will grow there only because of the high pressure.
    In center of Earth pressure is normally far to small for such a process, but if we create a slow speed MBH that does not evaporate and if this MBH comes at rest in the center of Earth, the pressure in the center of Earth could be sufficient for the growing of the MBH. We must remember that in the surrounding of the MBH the “strong force” is broken and this could mean that the same kind of pressure process than in neutron star could work there ( in a slow mode compared with a neutron star of course ). In the center of Earth, the high pressure, the high temperature, the increasing mass associated with electrical and gauge forces process could mean important increase of capture and a possible beginning of an exponential dangerous accretion process. Our calculus indicates as a first approximation with a MBH of 0.02 g at rest at the center of earth that the value for accretion of matter could be in the range of 1 g/sec to 5 g/sec.
    7. Conclusion about MBHs : We estimate that for LHC the risk in the range of 7% to 10%.

    II. Other Risk Factors

    The CERN study indicates that strangelets and monopoles could be produced and present no danger for earth. [Ref. 1]
    We will present arguments of possible danger.
    1. Strangelets
    Strangelets are only dangerous for earth if they are not moving rapidly through matter. If only one strangelet is at zero speed there would be danger. We have seen for MBHs that the cosmic ray model is very different from the LHC where particles with opposing speeds collide. We have seen that, given the impact of opposite speed particles, the distribution of speeds of resultant particles indicates the probability of very low speeds (0 m/sec < speed < 4 m/sec) and this could mean dangerous strangelets. We estimate a minimal risk for strangelets on the order of 2%. We might estimate as high as 10 % if we want to be wise because the danger is primary!
    2. Monopoles
    Monopoles could be produced in the LHC. [Ref. 1] .CERN's calculations indicate that one monopole produced in LHC could destroy 1.018 (US notation 1,018) nucleons but it will quickly traverse the earth and escape into space. However, we know that photons produced in the center of the sun need thousands of years to traverse the sun and escape into space because of the numerous interactions. If the speed given to the monopole after interaction is a speed in a random direction, we can imagine that the monopoles produced in the LHC could stay a very long time in earth and be dangerous. 3. Estimate of danger due to our ignorance of ultimate physical laws: We have not exhausted processes that might cause danger. There are other particles, black energy, black mass, quintessence, vacuum energy, and many non definitive theories. We estimate this danger ranging from a minimal 2% risk to 5%.

    III. CONCLUSION

    The CERN study [Ref. 1] is a remake of a similar study for the earlier Relativistic Heavy Ion Collider at Brookhaven (RHIC) [Ref. 6] adapted to the LHC.
    It is important to notice that: The study for the RHIC had concluded that no black holes will be created. For the LHC the conclusion is very different: “Black holes could be created!” !
    The main danger could be now just behind our door with the possible death in blood of 6.500.000.000 (US notation 6,500,000,000) people and complete destruction of our beautiful planet. Such a danger shows the need of a far larger study before any experiment ! The CERN study presents risk as a choice between a 100% risk or a 0% risk. This is not a good evaluation of a risk percentage!
    If we add all the risks for the LHC we could estimate an overall risk between 11% and 25%!.

    We are far from the Adrian Kent's admonition that global risks that should not exceed 0.000001% a year to have a chance to be acceptable. [Ref. 3] .Even testing the LHC could be dangerous. Even an increase in the luminosity of the RHIC could be dangerous! It would be wise to consider that the more powerful the accelerator will be, the more unpredicted and dangerous the events that may occur! We cannot build accelerators always more powerful with interactions different from natural interactions, without risk. This is not a scientific problem. This is a wisdom problem!
    Our desire of knowledge is important but our desire of wisdom is more important and must take precedence. The precautionary principle indicates not to experiment. The politicians must understand this evidence and stop these experiments before it is too late!

    Fausto Intilla – http://www.oloscience.com
    —————————————————————–
    References:
    1.. Study of potentially dangerous events during heavy-ion collisions at the LHC: Report of the LHC Safety Study Group. CERN 2003-001. February 28, 2003.
    2.. E-mail exchange between Greg Landsberg and James Blodgett, March 2003, http://www.risk-evaluation-forum.org. (No longer posted. Request a copy. Risk Evaluation Forum, BOX 2371, Albany, NY 12220 0371 USA.)
    3.. A critical look at risk assessment for global catastrophes, Adrian Kent, CERN-TH 2000-029 DAMTP-2000-105. Revised April 2003. hep-ph/0009204. Available at: http://arxiv.org/PS_cache/hep-ph/pdf/0009/0009204.pdf.
    4.. High energy colliders as black hole factories: the end of short distance physics, Steven B. Giddings, Scott Thomas. Phys Rev D65 (2002) 056010.
    5.. CERN to spew black holes, Nature October 2, 2001.
    6.. Review of speculative disaster scenarios at RHIC September 28, 1999 W.Busza, R.L. Jaffe, J.Sandweiss and F.Wilczek.
    7.. Trous noirs et distorsions du temps, Kip S. Thorne, Flammarion 1997. ISBN 2-08-0811463-X. Original title: Black holes and times warps. 1994 Norton. New York.
    8.. Centre de la Terre, Science & Vie N 1042. Gallate 2004.
    9.. Results of several Delphi groups and physicist questionnaires, James Blodgett, Risk Evaluation Forum, forthcoming.

    e in IN ITALIANO una breve interessante descrizione dell'applicazione delle nuove teorie fisiche iperdimensionali ai buchi neri, in particolare presenta la teoria dell'Universo a Menbrana con conseguenze sugli stessi buchi neri, che dato il pericolo, iniziano ad interessarci ancora più da vicino!
    sempre da
    http://oknotizie.alice.it/info/70a10ac98c79dbe2/prossimi_esperimenti_al_cern_di_ginevra_il_pericolo_esiste_realmente_ma_e_sempre_stato_sottaciuto_.html

    La teoria “Brane World” Da quando Einstein formulò le prime versioni della sua teoria della relatività generale il mondo scientifico si accorse che era in atto una nuova rivoluzione copernicana del sapere.

    Da allora la conoscenza umana non si è mai fermata ed ha sempre cercato di andare oltre.

    Forse questa volta, dopo anni ed anni di speculazioni teoriche più o meno campate in aria, una valida nuova teoria è stata formulata.

    Ciò che è sorprendente è che questa teoria, nata inizialmente nel dominio particellare delle alte energie ora sembrerebbe fornire la possibilità di una verifica sperimentale astronomica.

    La teoria di cui si sta parlando è la teoria di grande unificazione nota come Brane World o Universo a Membrana, proposta da Lisa Randall e Raman Sundrum.

    Questa esotica ma interessante teoria, muove le mossa dalla teoria delle superstringhe e la fisica delle particelle elementari al fine di risolvere alcuni problemi fondamentali rimasti ancora insoluti.

    Secondo questa teoria il nostro Universo visibile sarebbe come una membrana sottile contenuta su un altro Universo immensamente più grande. In particolare il nostro Universo sarebbe paragonabile ad una pellicola di olio, che galleggia in un oceano.

    Uno dei problemi classici, che si riuscirebbe a spiegare con questa nuova teoria, è la debolezza della forza gravitazionale rispetto alle altre interazioni fondamentali della natura; con questa teoria si riesce ad unificare le quattro forze della natura in un' unica interazione fondamentale.

    A differenza della teoria delle superstringhe in cui il numero di dimensioni crescevano arbitrariamente 11(14), la brane-world necessita “solo” di una quarta dimensione spaziale.

    Questo risulta in aperto contrasto con la teoria di Einstein; in questo contesto se si riuscisse a dimostrare questa teoria la relatività generale risulterebbe sorpassata.

    Dettaglio sulla Teoria La Teoria ipotizza un normale spazio-tempo a 3+1 dimensioni, che risulta immerso in un iperspazio a più dimensioni; questa nuova intricata geometria suggerisce le risposte a molti dei problemi rimasti insoluti con il modello standard.

    La supersimmetria (SuSi) http://www.riflessioni.it/forum/showthread.php3?t=10337 fa parte di questa visione multidimensionale e, assieme al brane world, potrebbe ottenere le prime verifiche sperimentali nel dominio particellare con l'avvento dell'acceleratore di particelle Large Hadron Collider (LHC) al Cern in Svizzera.

    Già dagli anni '80 con la teoria delle stringhe prima e delle superstringhe poi si è cercato di unificare le quattro forze della natura, che inglobino in una sola teoria il paradigma quantistico con la gravità classico-relativistica. Le due teorie sono validissime e largamente utilizzate nel dominio del loro campo di indagine, ma presentano lo scoglio insormontabile di non essere assolutamente compatibili fra loro.

    In questo tentativo unificatore si ingloba la teoria di Randall e Sundrum secondo cui nello spazio-tempo ordinario a 3+1 dimensioni dominano le normali forze della natura, mentre nell'iperspazio solamente la gravità.

    Queste dimensioni aggiuntive non sono direttamente percepibili dall'osservatore. Solitamente per spiegare come appaiono le dimensioni aggiuntive si esegue l'operazione dell'immersione dimensionale in uno spazio con meno dimensioni: se vivessimo su un pallone da calcio, le uniche direzioni in cui potremmo muoverci sarebbero avanti-indietro e destra-sinistra, cioè per noi il pallone, nonostante sia immerso in uno spazio tridimensionale, apparirebbe come bidimensionale.

    Quindi se il nostro mondo fosse una membrana (come un alga nell'oceano), nella quale si intreccino tre dimensioni, percepiremmo solo due dimensioni. Mentre in un mondo a quattro (o più;) dimensioni noi, esseri tridimensionali per natura, continueremmo a percepirne solamente tre di esse.

    La quarta dimensione spaziale ipotizzata da Randall e Sundrum avrebbe dimensioni talmente microscopiche da sfuggire ai sensi e, topologicamente parlando, formerebbe segmenti e/o cerchietti attorcinati.

    Da non trascurare poi il criterio estetico di una teoria: spesso le più grandi scoperte scientifiche sono state fatte prendendo ad esempio l'esteticità e la completezza di una teoria; può sembrare un metodo alquanto grossolano, ma la spiegazione più semplice (occam imsegna) è anche la più probabile, perché proprio su questi concetti di eleganza e completezza si è sempre mossa “madre natura”.

    Su questi concetti di eleganze e completezza si basa la Teoria delle Stringhe Cosmiche, che cerca di trovare un accordo tra la relatività generale e la meccanica quantistica.

    Secondo questa stupenda teoria, tutto quello, che esiste nel cosmo sarebbe la manifestazione più o meno evidente della vibrazione e della risonanza delle, cosidette, stringhe cosmiche.

    In particolare, secondo questa teoria, le particelle materiali vengono associate a delle corde vibranti invece di enti puntiformi privi di struttura. Queste stringhe sono infinitamente sottili e dello spessore paragonabile alla lunghezza teorica di Planck (10^-35 m); esse vengono tese con una forza prodigiosa (10^39 tonnellate), che ne determina la frequenza di vibrazione: maggiore è questa frequenza di vibrazione e maggiore è la massa della particella associata.

    Essendo maggiore la massa è anche maggiore la gravità; è proprio questo il collegamento tra la gravità relativistica e le particelle elementari quantistiche. In questo contesto la teoria delle superstringhe ingloba e prevede nel suo nucleo la forza di gravità.

    In questo modo dalla teoria delle superstringhe emergono spontaneamente tutte e quattro le particelle messaggere delle interazioni fondamentali e la loro unificazione avviene appunto tramite questa super-teoria in maniera naturale.

    Inoltre queste stringhe, tramite opportuna stimolazione ad una determinata frequenza di vibrazione, possono generare tutte le particelle elementari, che costituiscono il nostro Universo; un pò come avviene per le note musicali di una corda di violino in relazione alla sua frequenza di vibrazione.

    La teoria delle stringhe cosmiche divenne successivamente Teoria delle Superstringhe, quando si capì che insita nella teoria vi era la possibilità dell'oscillazione tra le due famiglie di particelle bosoni e fermioni (1).

    Esistono varie teorie delle superstringhe ognuna delle quali prevede l'esistenza di 9 dimensioni spaziali più una temporale (sei di queste dimensioni spaziali sono impercettibili ognuna accartocciata su di se).

    Nel 1995 le differenze tra le varie teorie di stringhe sono state appianate dal lavoro del professor Edward Witten, che ideò la M-Theory, dove “M” sta per Mother, cioè la Teoria Madre di tutte le superstringhe e forse delle GUTs.

    In questa teoria generale le dimensioni spazio-temporali totali sono 11 e non più 10. Inoltre si postula l'esistenza di altre strutture dette “branes” oltre alle stringhe unidimensionali.

    Le brane sarebbero delle stringhe estese in più dimensioni: le “1-branes” sono appunto le stringhe unidimensionali, le “2-branes” sono le membrane cioè superfici bidimensionali, ma esistono anche le “tribranes” o le “multibranes”a più dimensioni.

    Tutte queste entità sono in continua e perenne vibrazione per originare l'Universo così come lo conosciamo. In questo contesto la teoria M viene detta Teoria delle Membrane.

    Una stranissima peculiarità della teoria M è che nell'interazione e nella collisione tra particelle si possano originare dei mini-buchi neri; infatti se nei nostri acceleratori si riuscissero a raggiungere delle energie abbastanza elevate (circa 10^19 GeV), nell'urto, due particelle di siffatta energia potrebbero avvicinarsi talmente tanto da finire entro il limite di Planck.

    A questa distanza si stima, che l'attrazione gravitazionale delle due particelle prevalga su qualsiasi repulsione o ulteriore forza della natura quindi le due particelle finirebbero per comprimersi ulteriormente formando un microscopico buco nero.

    Verifica Sperimentale della Teoria A tal proposito due scienziati americani, Charles Keeton ed Arlie Petters, hanno elaborato una teoria, che permette la verifica sperimentale di una quarta dimensione spaziale.

    Il punto di partenza del loro speculazioni è la BraneWorld; da questa hanno costruito delle strutture matematiche assai complesse, che gli hanno permesso di predire l'esistenza, alquanto esotica, ma pittoresca, di mini-buchi neri sparsi un pò ovunque, anche entro i confini del nostro Sistema Solare.

    La possibilità di una verifica sperimentale deriva dal fatto che con il nuovo satellite della NASA GLAST (Gamma Ray Large Area Telescope), che studierà prevalentemente i Gamma Ray Bursts (GRBs), il cui lancio è previsto nell'agosto del 2007, si possiederà lo strumento adatto ad individuare indirettamente la presenza di questi mini-buchi neri nei dintorni (o interni) del Sistema Solare.

    Questi mini-buchi neri al massimo non sarebbero più grandi di un asteroide e sarebbero presenti ovunque nel cosmo, risolvendo facilmente in parte il problema della materia oscura. Le soluzioni evoluzionistiche di queste fantomatiche entità descrivono la nascita di questi oggetti entro un secondo dal Big Bang.

    L'odierna teoria gravitazionale afferma che questi mini-buchi neri dovrebbero essere “evaporati” in tempi brevissimi dopo la loro formazione secondo la teoria dell'evaporazione alla Hawking (2).

    Invece la nuova teoria afferma la non validità di questo meccanismo di evaporazione, poiché i mini-buchi neri si attesterebbero nella quarta dimensione spaziale risultando quindi immuni dal meccanismo di evaporazione e sopravvivendo fino ai nostri giorni.

    Se i mini-buchi neri dovessero costituire solo l'1% della materia oscura galattica, allora anche dentro il Sistema Solare ve ne sarebbero parecchie migliaia eventualmente anche all'interno dell'orbita di Plutone.

    La verifica dell'esistenza di queste entità avverrebbe in maniera indiretta studiando la diffrazione dei GRBs prodotti dall'effetto di lente gravitazionale, che un eventuale reticolo di buchi neri vicini alla Terra produrrebbe.

    In questo modo GLAST dovrebbe essere in grado di individuare le frange di interferenza di questo reticolo di mini-buchi neri, come l'alternarsi di massimi e di minimi nella radiazione gamma proveniente dai GRBs.

    In particolare l'esistenza di una quarta dimensione spaziale produrrebbe nelle frange di interferenza una contrazione misurabile, che nel caso classico previsto dalla relatività generale non dovrebbe comparire.

    In questo modo, a parte l'esistenza sparsa dei fantomatici mini-buchi neri, si riuscirebbe in un sol colpo ad unificare le quattro interazioni fondamentali in un unica teoria, che descriva l'Universo in 4 dimensioni spaziali più una temporale.

    Dopo il lancio del satellite GLAST tutto apparirà più chiaro.

    Note (1): I fermioni sono particelle di materia ordinaria aventi spin semi-intero (1/2,2/3,…), per esempio elettroni e quark; i bosoni sono particelle mediatrici delle forze fondamentali aventi spin intero (0,1,2,…) come i fotoni e gravitoni.

    Secondo la supersimmetria delle stringhe, ad ogni particella conosciuta ne corrisponde una simmetrica (non conosciuta): ad esempio al fotone (particella mediatrice dell'interazione elettromagnetica e quindi bosone) corrisponde il fotino (particella materiale e quindi fermione); simmetrico al quark (fermione) vi è l's-quark (bosone) e così via.

    (2): Stephen Hawking professore emerito a Oxford nel 1971 elaborò una teoria secondo cui i buchi neri noti a tutti per essere delle singolarità spazio temporali, in realtà rispondono alle stesse leggi della termodinamica di corpo nero.

    Quindi, come un qualsiasi corpo nero il buco nero possiederà un certo spettro di radiazione e quindi una temperatura caratteristica ed una entropia dipendente dal suo campo gravitazionale e dai suoi parametri superficiali.

    Quindi i buchi neri irradieranno particelle e radiazione come tutti i corpi neri; la differenza sostanziale sta nel meccanismo di irraggiamento, che, nel caso dei buchi neri con orizzonte degli eventi, avverrà chiamando in causa le leggi della meccanica quantistica.

    Lo spazio confinante con l'orizzonte degli eventi di un buco nero è, come ogni altro luogo dell'Universo, pervaso di energia di vuoto. Questa energia di vuoto, secondo il principio di indeterminazione di Heisenberg può generare una coppia di particelle virtuali, una con energia positiva ed una con energia negativa.

    In vicinanza dell'orizzonte degli eventi di un buco nero spesso capita che l'antiparticella venga risucchiata mentre la particella sfugga asintoticamente; nel bilancio energetico globale è come se il buco nero avesse espulso una particella a spese della sua energia (l'antiparticella finirebbe per annichilirsi con una particella dentro all'orizzonte degli eventi, diminuendo quindi la massa del buco nero ed irradiando un fotone).

    Questo fenomeno di emissione è detto evaporazione dei buchi neri, che in tempi scala abbastanza lunghi (dipendenti dal raggio e dalla massa totale del buco nero), porterebbe al completo annullamento della massa dell'oggetto (un tempo scala 10^66 anni per massa solare da irradiare!).

    Quindi per i mini-buchi neri originatesi nelle prime fasi di vita dell'Universo, il tempo scala di evaporazione totale risulterebbe essere brevissimo senza una quarta dimensione spaziale.

    Bibliografia Philippe Brax, “Cosmology and Brane Worlds: a Review”, astroPH: 0303095v1.

    David Langlois, “Brane Cosmology: an introduction”, astroPH: 0209261v1.

    E. Papantonopoulos, “Brane Cosmology”, astroPH: 0202044v2.

    Sitografia Stephen Hawking Home Page [hawking.org.uk] [1]

    Lisa Randall Home Page [physics.harvard.edu] [2]

    Raman Sundrum Home Page [physics.astronomy.jhu.edu] [3]

    Charles Keeton Home Page [redfive.rutgers.edu] [4]

    Arlie Petters Home Page [www.math.buffalo.edu] [5]

    Edward Witten Home Page [www.sns.ias.edu] [6]

    GLAST official NASA web site [glast.gsfc.nasa.gov] [7]

    LHC – Large Hadron Collider / CERN [cern.ch]

    Source URL: [www.lswn.it] Links: [1] [hawking.org.uk] [2] [physics.harvard.edu] [3] [physics.astronomy.jhu.edu] [4] [redfive.rutgers.edu] [5] [www.math.buffalo.edu] [6] [www.sns.ias.edu] [7] [glast.gsfc.nasa.gov] [cern.ch]


    #73912

    sephir
    Partecipante

    http://oknotizie.alice.it/go.php?us=70a10ac98c79dbe2
    la lettera in inglese scritta da Walter L.Wagner, prima fisico poi studioso di legge, contro il progetto del cern!


    #73913
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Titor diceva che con questi esperimenti avrebbe avuto inizio la ricerca nei viaggi del tempo.
    Non so se e quali possano essere i pericoli reali, Wilcock parlando con insiders ha riferito che gli strappi nello spazio tempo si riparano da soli..potrei aggiungere che ci dovrebbero essere “forze di controllo” , non penso insomma che corriamo reali rischi, speriamo.

    ——-
    riassumendo al volo:

    quello che dice Burisch potrebbe essere vero:

    D.Wilcock:

    http://www.altrogiornale.org/news.php?item.3386.9

    D: Nel periodo in cui avevo queste discussioni con Antonio sulle 26 scatole degli Illuminati, di cui mi ha parlato come i bravi ragazzi, cosa a cui subito diedi credito, stavo anche – Gennaio 1996 – iniziai a leggere la serie della “Legge dell' Uno”, il materiale di Ra.
    La sorgente si definiva Ra che è il nome che presero in Egitto. Anche nella Bibbia si mostrano come Cherubeum o Cherubini, questi angeli che proteggono l' albero della vita. Sembra che Dan Burisch abbia avuto un incontro con un Cherubino, che credo fosse un incontro con Ra.

    ————–

    D.Burisch

    In alcuni casi i miei avvertimenti si sono apparentemente dimostrati fondati. Alcuni tentativi di utilizzare questo progetto secondo modalità che avrebbero immediatamente portato ad una tecnologia applicata hanno avuti dei pessimi esiti su coloro che li hanno eseguiti. Mi sono stati riferiti nel dettaglio rapporti su esseri angelici, descritti in un modo assai simile a quello in cui si dice appaia un Kerubim[sic]. Un caso celebre verificatosi presso la Shady Rest ha avuto come esito lesioni fisiche per alcuni membri del personale ed ingenti danni materiali Altri rapporti, inerenti al team dello Staar Flower (che inizialmente chiamavo Star Flower…immagino che preferiscano di gran lunga la loro definizione!) presso la Frenchman’s Mountain, hanno riferito di gravi danni fisici e psichici al personale, unitamente alla perdita di alcuni suoi elementi. I presunti esseri hanno occhi rossi come la brace, facce multiple (quattro), e sono pericolosi per coloro che non tengono conto degli avvertimenti di tenersi a distanza.

    http://www.usac.it/articoli/casale_dreamland.htm
    ———–
    Clifford Stone

    C: Ti devo spiegare una cosa prima che tu mi faccia altre domande..io so che se avessi potuto tornare indietro di 15 minuti, potevo evitare che accadesse. Tutto cio che dovevo fare era deviare i suoi movimenti ovunque lungo quei 15 minuti per 1 minuto o poco piu..avrei quindi alterato gli eventi.

    K: Pero..

    C: Pero ancora una volta, c’e’ un limite. Questa e’ la nostra realta’ [gesticola con le mani]. Qua crei una linea parallela. Per qualche strana ragione non e’ buono creare linee parallele, e loro lo sanno. Inoltre, e’ stato precisato il fatto che non puoi scappare dalla realtà di questo continuum temporale in cui ci troviamo, perche’ la sua morte e’ la realta’ per me in questo momento di tempo in cui mi trovo. La Seconda Guerra Mondiale e’ avvenuta. Non si puo cambiare la linea temporale nella quale ci si trova, esiste una barriera naturale. Quando scopriremo in futuro i viaggi nel tempo, non potremo scoprire prove su qualcosa che ha lasciato la linea temporale a causa di questa barriera.
    Il fatto e’ che siamo parte di qualcosa di grandioso, molto vasto e siamo in un’ avventura. Siamo parte di questa avventura.

    http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.641
    ———-
    Henry Deacon

    C' e' un progetto chiamato Shiva Nova a Livermore che usa blocchi di giganti laser. Sono enormi laser, enormi accumulatori, alcuni terawatt di energia, in una costruzione fatta su una enorme base (allarga le braccia per mostrare la grandezza), tutti puntati su un punto piccolissimo. Questo crea una reazione di fusione che replica certe condizioni dei testi con le armi nucleari. E' come un test nucleare in condizioni di laboratorio, c' è una grandiosa mole di dati focalizzata in questo punto dove tutta l' energia è direzionata.

    Il problema è che questo estremo evento ad alta energia crea dei tagli nella fabbrica dello spazio-tempo. Questo venne osservato a Hiroshima e Nagasaki, potete vederlo nei vecchi film.
    Vedrete che assomiglia ad una sfera di energia in espansione, vi posso mandare un link per mostrarvelo. Il problema nel creare tagli nello spazio-tempo, che siano grandi o piccoli, è che escono cose che non vorresti mai trovare.
    (ecco il grosso problema nucleare sulla struttura dello spazio-tempo)

    Escono Cose ?

    Cose. Cose che conosciamo e di cui si discute sulla rete e molto. Creature, influenze e tutto ciò che lega e vi posso dire che hanno creato grossi problemi.

    http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.929

    ——-
    wilcock: philadelphia experiment
    http://www.altrogiornale.org/news.php?item.1283.1
    http://www.altrogiornale.org/news.php?item.1285.1
    http://www.altrogiornale.org/news.php?item.1286.1

    Peculiari analisi dell' atmosfera nella camera di saldatura, provarono l' esclusione a riguardo. Non venne rilevata presenza di materiale reso in stato gassoso nell' aria della stanza a causa della scarica. Il NRL doveva sapere di piu'.
    Il Dr. Brown era sicuro di cosa stesse accadendo. Nonostante non avesse visto questi effetti, la sua intuizione era corretta. Anche nelle sue recenti sperimentazioni, non aveva visto alcun effetto blackout, ma Sir William Crookes aveva visto cose del genere. Col suo famoso tubo a vuoto, Sir William ottenne una strana esperienza.

    Li, sospeso sul catodo, c' era uno spazio nero, che emetteva radiazione. La radiazione si estendeva oltre le pareti del tubo in certe circostanze. Sir William non ebbe difficoltà ad accettare il fatto che si trattasse di oscurità “permeante lo spazio”, una radiazione che aveva molto piu' significato di un mero effetto fisico.
    Crookes credeva che questa radiazione fosse un passaggio spirituale, una giuntura tra questo mondo e un' altra dimensione.

    ————
    sulla struttura dell'Universo non decidiamo noi..abbiamo dei limiti.


    #73914

    lila
    Partecipante

    Vorrei intervenire in questo topic sull'esperimento che prenderà il via a Cern il 10 settembre facendo un copia e incolla (so fare solo quello) di una canalizzazione del 12 Luglio dell'entità angelica Kryon da parte di Lee Carroll dove tratta degli avvenimenti attuali .

    – Il mese prossimo [agosto 2008] ci sarà un grande esperimento. Il più grande macchinario della Terra partirà a studiare le più piccole cose che esistono, cose che sono invisibili. Stiamo parlando del grande acceleratore atomico in Svizzera… avvenimenti attuali. Alcuni hanno detto: “E’ pericoloso”. Non lo è. Non verrà creata più energia di quella che c’è nelle raffiche di energia cosmica che colpiscono la Terra in ogni attimo di ogni secondo. Tutto ciò che stanno facendo è creare la stessa energia in modalità controllata così da poterla studiare. Non possono studiarla quando è random, casuale.

    Utilizzano i protoni e gli anti-protoni e li accelerano fino al 90% in più della velocità della luce. Poi li fanno scontrare tra loro nel più grande esperimento di fisica che ci sia mai stato. Lasciate che vi dica quali sono i potenziali, e ricordate dove l’avete sentito dire prima. [Kryon sorride]. Ciò che loro stanno cercando è l’energia interdimensionale. Stanno cercando ciò che sospettano debba esserci, e la troveranno. La troveranno perché stanno guardano all’energia creativa Universale. Lasciatemi che vi parli della profondità di ciò che sono vicini a scoprire in questo prossimo decennio: riscriveranno lo scenario di come è nato l’Universo. Non c’è mai stato il Big Bang (come abbiamo discusso molte volte). Il concetto stesso di Big Bang è una spiegazione tri-dimensionale di un attributo interdimensionale. Gli Universi si creano ad ogni istante per un cambiamento dimensionale – quando una dimensione letteralmente collide con un’altra. E’ un grandioso evento quantico. E’ qui che avete tutte le caratteristiche che descrivete come Big Bang.

    Ripassiamo. Avete avuto molti scienziati che hanno osservato nelle 3D ciò che sentivano come prova della teoria del Big Bang. Avevano trovato il residuo di ciò che pensavano fosse la prova (la costante cosmologica [1]). Nomi come Hubble e altri furono l’avanguardia. Comunque, questo viene ora sfidato dall’osservazione delle più piccole particelle conosciute.

    Per prima cosa, all’inizio anche la teoria del Big Bang doveva essere interdimensionale. Si riconosce che tutto viaggiò più veloce della luce e tutto avvenne contemporaneamente. Agli inizi di questa teoria, fu compreso che in qualche modo, per un attimo, ci fu una rottura nelle 3D che creò ciò che voi vedete. Oggi sarebbe visto come la caratteristica di un evento quantico, ed è ciò che questo laboratorio scoprirà, perché stanno per vedere i resti di una collisione interdimensionale. E’ dappertutto. E’ la nuova costante cosmologica. Una volta che cominciate a vedere le dimensioni invisibili o, almeno, a vedere ciò che lasciano come traccia nelle esplosioni create artificialmente, la cosa sarà ovvia. Tutto questo per dirvi in modo criptico che questo esperimento è sicuro, a lungo termine, e che la vostra scienza sarà infine in grado di vedere l’interdimensionalità al meglio.

    Quando nulla accadrà e la Terra non verrà ingoiata da un buco nero creato in Svizzera, ricorderete questo messaggio? Guarderete gli altri che hanno detto il contrario e li considererete responsabili delle emozioni che hanno creato? Vedremo.

    Questa entità angelica esclude quindi che un buco nero possa inghiottire la terra e nelle peggiori delle ipotesi l'universo.
    Speriamo che che l'esperimento porti la scienza a nuove conoscenze
    Un pò di paura però ce l'ho. :scare:


    #73915

    iniziato
    Partecipante

    che senso ha ricercare nuove conoscenze quando quelle che già si hanno non vengo rese disponibili….


Stai vedendo 10 articoli - dal 21 a 30 (di 152 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.