Chiedo un consiglio a Iniziato

Home Forum SALUTE Chiedo un consiglio a Iniziato

Questo argomento contiene 30 risposte, ha 11 partecipanti, ed è stato aggiornato da farfalla5 farfalla5 10 anni, 1 mese fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 31 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #52052
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Ciao :bay:
    visto che sai tante cose sulla medicina alternativa e sull'alimentazione sana mi potresti consigliare cosa potrei fare con il rosmarino oltre le patate arrosto…????


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #52053

    iniziato
    Partecipante

    [quote1224664005=farfalla5]
    Ciao :bay:
    visto che sai tante cose sulla medicina alternativa e sull'alimentazione sana mi potresti consigliare cosa potrei fare con il rosmarino oltre le patate arrosto…????

    [/quote1224664005]

    con il rosmarino …

    io lo uso spesso in due casi, lo metto in una bacinella di acqua a temperatura ambiente con del sale marino integrale e poi ci faccio dei pediluvi.

    Sempre con acqua e rosmarino non intero ma triturato e sminuzzato ci faccio i lavaggi colonici.

    Comunque è un erba dalle mille proprietà :

    Il rosmarino è considerata la pianta balsamica per eccellenza conosciuta ed utilizzata fin dai tempi più antichi per le sue proprietà medicinali.

    E' una pianta ricchissima di oli essenziali quali in pinene, conforene, limonene, flavonoidi, acidi fenolici, tannini, resine, canfora e contiene anche l'acido rosmarinico che ha proprietà antiossidanti.

    Le sue proprietà sono: stimolante, tonico, stomachico, antispasmodico, eupeptico, antiossidante, antinfiammatorio e antisettico.

    L'olio essenziale di rosmarino è un potente antibatterico e fungicida.

    Viene usato come tonico digestivo del fegato.

    Ha proprietà astringenti dovute al tannino per cui è utile per i problemi di diarrea e riducono il flusso mestruale se troppo abbondante. E' efficace nei casi di meteorismo e dei disturbi intestinali in genere, nel caso di spasmi ventrali, vertigini, inappetenza, e per l'esaurimento psicofisico. Inoltre rinfranca la memoria debole ed è ottimo nei casi di depressione.

    E' uno stimolante naturale per aumentare il flusso sanguigno e ristabilizzante della resistenza dei capillari fragili. L'infuso di rosmarino e salvia è ottimo per il mal di gola

    L'olio essenziale è molto usato anche in profumeria entrando nella composizione di numerose lozioni, profumi, linimenti, saponi e collutori.

    Se si vuole godere a pieno delle sue caratteristiche sarebbe preferibile utilizzare il rosmarino spontaneo perchè anche se quello coltivato mantiene le sue caratteristiche queste sono maggiori nelle piante allo stato spontaneo.

    In aromaterapia è usato per migliorare la memoria, per la depressione e per alleviare l'emicrania.

    Fonte : http://www.elicriso.it/it/piante_medicinali/rosmarino/


    #52054

    skyligth
    Partecipante

    scusa mi inserisco.. hai libri con l'utilizzo delle piante?


    #52055

    iniziato
    Partecipante

    [quote1224664890=skyligth]
    scusa mi inserisco.. hai libri con l'utilizzo delle piante?
    [/quote1224664890]

    Figurati, ne ho diversi un po' vecchi …. non ricordo neppure un titolo :hihi:


    #52057

    skyligth
    Partecipante

    bè a me interesserebbero. quando hai tempo e voglia mi manderesti alcuni titoli?
    mi interesserebbe soprattutto il procedimenti oltre alla funzione.


    #52056

    BIO
    Partecipante

    ciao a tutti…proprio ieri stavo pensando di postare in “i nostri libri” questo; spero possa esservi utile:

    Descrizione: La Salute dalla Farmacia del Signore

    Prefazione
    A dispetto dei molteplici attacchi provenienti dalle più svariate parti contro la mia persona ed i miei
    consigli nel libro «Salute dalla Farmacia del Signore», le numerose lettere di persone sane o malate, di medici e guaritori austriaci e stranieri, mi hanno indotto a continuare ad offrire all'umanità le mie conoscenze e le mie più recenti esperienze con le erbe medicinali in una nuova edizione ampliata dell'opera suddetta.
    In un momento in cui la maggior parte dell'umanità va sempre più allontanandosi dalla vita naturale ed in cui essa è minacciata da gravi malattie dovute all'erroneo atteggiamento spirituale, dovremmo riscoprire quelle nostre erbe medicamentose che il Signore ci ha donato per sua bontà sin dai tempi più remoti. Il parroco Kneipp non faceva che ripetere nei suoi libri «che per ogni malattia cresce un'erbetta». Ognuno di noi ha quindi la possibilità di provvedere alla buona cura della propria salute raccogliendo per tempo piante ed erbe medicinali dalla «Farmacia del Signore», bevendone le tisane giornalmente o per la durata di un periodo di cura, usandone gli estratti per linimenti, impacchi, cataplasmi o additivi al bagno. Una volta decisi ad utilizzare le erbe medicamentose, si dovrebbe cominciare con quelle depurative del sangue che sono l'Aglio, l'Ortica, la Veronica, il Dente di leone e la Piantaggine. Tali cure fatte seguendo con precisione le rispettive raccomandazioni non potranno mai nuocere a nessuno. Ove non diano alcuno o solo scarso sollievo ed aiuto è probabile che nell'ambiente domestico o di lavoro del malato esistano delle zone geopatiche di disturbo. In questi casi si dovrebbe ricorrere ad un rabdomante esperto che cerchi dei luoghi privi di radiazioni.
    Quando però si fosse seriamente indisposti, con febbre o altri sintomi evidenti di malattia, è indispensabile consultare tempestivamente il medico affinché stabilisca la diagnosi. È altrettanto ovvio che il medico controlli scrupolosamente il decorso di una malattia grave ed il processo di guarigione.
    Il 25° Congresso Internazionale di Aggiornamento della Deutsche Bundesàrztekammer (Ordine Federale Tedesco dei Medici) e della Òsterreichische Àrztekammer (Ordine Austriaco dei Medici) che ebbe luogo a Badgastein nel Marzo 1980 ed al quale parteciparono 1500 medici, ha dimostrato che la medicina tradizionale comincia ad interessarsi anche alla medicina naturalista.
    Il Prof. Dr. Cari Alken (Università del Saarland, R.F.G.) spiega nel modo seguente il crescente interesse della natura: «Dopo la seconda guerra mondiale i medici si trovavano praticamente impotenti di fronte ad un'insufficienza renale. Poi avvenne la grande rivoluzione dovuta all'introduzione degli antibiotici, ed oggi siamo ormai costretti a difenderci dalle conseguenze negative dell'utilizzazione in parte eccessiva in parte errata di questi potenti “portatori di grazia”. Vi si aggiunge un aumento a valanga di malattie micotiche causate dal perturbamento del normale equilibrio biologico a causa dei troppi medicamenti e di altre influenze ambientali.»
    Da molti anni seguo simposi e congressi di medicina, i cui risultati vengono anche pubblicati nei quotidiani. Numerosi medici, con senso di responsabilità, mettono in guardia dal consumo esagerato di pillole e compresse. In particolare viene ripetuto sempre più spesso l'avvertimento circa la potenziale pericolosità degli analgesici. Un'infinità di persone li prende senza il controllo da parte del medico, causando in tal modo dei gravi danni organici. I medicinali, per esempio, che diminuiscono la pressione del sangue, favoriscono il tumore mammario nelle donne se presi per un periodo prolungato: fatto questo che è stato accertato da tre gruppi di ricercatori che studiavano il fenomeno indipendentemente l'uno dall'altro a Boston, Bristol e Helsinki.
    E quindi il mio desiderio rendere accessibile alle persone malate il potere e l'effetto curativo di piante importanti e le esperienze degli ultimi due anni e mezzo dalla pubblicazione del libro «Salute dalla Farmacia del Signore» e dare loro una mano nel ricupero della salute. È un'esperienza straordinaria per un essere umano trovare una via di uscita dalla disperazione della malattia, servendosi delle proprie forze e della propria volontà, grazie alle nostre erbe medicamentose, aiuto divino. Il merito personale di riconquistare la salute innalza la dignità umana a tal punto da consentire al malato di uscire dalla morsa dell'infermità.
    Spesso mi si chiede dove ho acquistato la conoscenza delle erbe officinali. Non sono in grado di rispondere con precisione. Nella mia infanzia trascorrevo le mie vacanze presso la famiglia di un capoguardia forestale. Così imparai a conoscere ed intuire i rapporti e le connessioni nella natura. Sin da bambina conoscevo ogni pianta e sapevo indicarla per nome; ma le sue proprietà farmacologiche mi erano sconosciute. Mia madre, un'appassionata seguace di Kneipp, teneva a far crescere noi figli in modo naturale e lontani da ogni influenza chimica.
    Da giovinetta furono due le esperienze che incisero nella mia vita. Una vedova circa quarantenne, madre di tre figli, ammalata di leucemia era stata giudicata incurabile e dimessa dall'ospedale. I medici le diedero appena tre giorni di vita. La sorella, preccupata per i figli che sarebbero rimasti orfani, portò le urine della malata ad un'erborista nei pressi di Karisbad. Malgrado l'esclamazione spaventata della donna: «… soltanto ora arrivate con quest'acqua da morto!» le erbe inviate fecero miracoli. Un esame clinico dopo 10 giorni mostrò la sparizione di ogni traccia di leucemia.
    Un caso simile si presentò nello stesso periodo in una 38enne madre di quattro figli. Anche qui si trattò di leucemia ed i medici non davano più alcuna speranza. Anche questa malata cercò il consiglio di un'erborista e si fece dare le erbe occorrenti. Ogni giorno essa preparava alcune brocche piene di tisana. Ogni volta che vi passava davanti ne beveva un buon sorso, pensando anche: «Se non dovesse guarirmi, male non mi farà certamente.» Dopo 10 giorni fu dimostrata la totale assenza di leucemia.
    Questi esempi dimostrano l'enorme importanza dell'ingestione di grandi quantitativi giornalieri di tisana nelle malattie, dall'apparenza inguaribili. Da quel momento fui certa che le erbe portavano aiuto persino nei casi di malattie maligne.
    Mia madre morì il giorno della Candelora nel 1961. Da allora ebbi la netta sensazione di essere spinta verso la conoscenza delle erbe officinali. Vi si aggiunsero nuove esperienze e lentamente presi possesso, con intuito sicuro, delle nozioni riguardanti le erbe provenienti dalla Farmacia del Signore. Fu come se mi guidasse una forza maggiore; come se la Madonna, la grande consolatrice degli infermi, mi indicasse la via sicura. La fede in lei, la venerazione e la preghiera dinnanzi ad un'antica effigie miracolosa, che giunse per vie inconsuete nelle mie mani, mi hanno sempre aiutato in tutti i casi di dubbio.
    Pertanto è mio desiderio non solo indicare agli uomini le erbe medicinali ed i loro poteri, ma anche l'onnipotenza del Signore, nelle cui mani è la nostra vita, e che la determina. Presso di lui cerchiamo aiuto e conforto; nella grave malattia cerchiamo con umiltà e devozione le erbe della Sua farmacia. Sta a Lui guidarci e farci la grazia, dirigendo la nostra vita secondo la Sua volontà.

    Maggio 1980

    Maria Treben

    Numero di Pagine:
    108 Pagine

    tanti saluti :bay:


    #52058

    windrunner
    Partecipante

    Grazie BIO !!!!! :si:


    #52059

    iniziato
    Partecipante

    [quote1224665705=skyligth]
    bè a me interesserebbero. quando hai tempo e voglia mi manderesti alcuni titoli?
    mi interesserebbe soprattutto il procedimenti oltre alla funzione.
    [/quote1224665705]

    Non ci sono molti libri… ma prova a cercare qualcosa sulla spagiria antica arte alchemica del separare dividere associare e riunire…

    Chiaro che più che un libro dovresti poter trovare qualcuno che la conosce e la pratica… a Roma c'è una bella ditta la Nuova Astrum, ma non so tu di dove sei?


    #52061
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Ok per dei pediluvi è una cosa nuova per me….e oltre per esempio da bere….ogni tanto mi facevo una tisana ma non so nemmeno a cosa serve…la facevo perchè ho una bellissima pianta sul terrazzo e mi dispiacerebbe che mi si seccasse tutta.


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #52060
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1224673771=iniziato]

    Ha proprietà astringenti dovute al tannino per cui è utile per i problemi di diarrea e riducono il flusso mestruale se troppo abbondante. E' efficace nei casi di meteorismo e dei disturbi intestinali in genere, nel caso di spasmi ventrali, vertigini, inappetenza, e per l'esaurimento psicofisico. Inoltre rinfranca la memoria debole ed è ottimo nei casi di depressione.

    E' uno stimolante naturale per aumentare il flusso sanguigno e ristabilizzante della resistenza dei capillari fragili. L'infuso di rosmarino e salvia è ottimo per il mal di gola

    [/quote1224673771]

    allora per sfruttare meglio rosmarino faccio l'infuso….o c'è in altro metodo???


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 31 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.