come si fa a cercarsi un nuovo lavoro

Home Forum PIANETA TERRA come si fa a cercarsi un nuovo lavoro

Questo argomento contiene 66 risposte, ha 14 partecipanti, ed è stato aggiornato da  domenico 5 anni, 12 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 67 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #95508

    domenico
    Partecipante

    come si fa a cercarsi un nuovo lavoro,se credi che magior parte dei lavori peggiorano la nostra vita in generale?che poi lo devi fare con passione se non e peggio ancora.se ti sembra di prenderti in giro da solo?se sai che finche abbiamo cinque euro in tasca, non ci fermeremo per rivedere nostri obiettivi,continuando ad alimentare la speranza che le cose torneranno come prima?


    #95509
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1356010509=domenico]
    come si fa a cercarsi un nuovo lavoro,se credi che magior parte dei lavori peggiorano la nostra vita in generale?che poi lo devi fare con passione se non e peggio ancora.se ti sembra di prenderti in giro da solo?se sai che finche abbiamo cinque euro in tasca, non ci fermeremo per rivedere nostri obiettivi,continuando ad alimentare la speranza che le cose torneranno come prima?
    [/quote1356010509]
    Io non so come trovare il lavoro oggi, so però che nella situazione in cui ci troviamo è indispensabile. Non possiamo a fare a meno. Se trovi alla fine un impiego cerca di farlo cmq con gratitudine. Non possiamo avere tutto quello che ci piace, non possiamo sperimentare solo il bello, dobbiamo giocare questo gioco con dignità. E vedrai che le cose cambieranno.


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #95510
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    Hai ragione Dmenico. Probabilmente farfallina non ha colto il senso, oppure si ma ha un parere differente.

    L'uomo ha inventato il lavoro, tanto che ormai vive per lavorare, oltre all'invenzione dell'immondizia.

    Nessun'altro essere genera rifiuti!


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #95511
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1356011808=pasgal]
    Hai ragione Dmenico. Probabilmente farfallina non ha colto il senso, oppure si ma ha un parere differente.

    L'uomo ha inventato il lavoro, tanto che ormai vive per lavorare, oltre all'invenzione dell'immondizia.

    Nessun'altro essere genera rifiuti!

    [/quote1356011808]
    Io non so se ho capito o no, Pas. So però ,che per mangiare e pagare tutto che c'è da pagare in pratica ci vogliono i soldi. Che poi tutto questo è sbagliato…non ho nessun problema ad ammetterlo.


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #95512

    Erre Esse
    Partecipante

    Il problema non è il lavoro. Il problema sono i soldi.


    #95513

    Anonimo

    [quote1356018446=Erre Esse]
    Il problema non è il lavoro. Il problema sono i soldi.
    [/quote1356018446]
    Il problema inoltre è il lavoro obbligatorio.
    L'uomo produce tante cose inutili e di bassissima qualità, perché gli viene imposto di farlo.
    Se fosse libero di non lavorare, probabilmente avrebbe prodotto, e con amore, soltanto lo stretto necessario perché avrebbe lavorato per scelta dunque con l'obiettivo di migliorare, e non peggiorare, la qualità della Vita.


    #95515

    sephir
    Partecipante

    Ci siamo incastrati, o ci hanno incastrati, nell'illusione che per vivere sia necessario il lavoro inteso come produzione sequenziale omologata di oggetti o servizi, spesso inutili come dice nessuno, spacciando la normale vitalità e creatività dell'uomo per qualcosa di commerciabile… il problema sono i soldi si, ma solo perchè utilizzati in questo contesto… se tu hai bisogno di una mia creazione o di un mio manufatto o di una operazione che io posso fare (e sul come si imparino queste cose ci sarebbe da discutere), deve esserci scambio di energia e i soldi possono essere uno fra i tanti modi per compensare: il dono è uno scambio comunque, ma di energie sottili.

    Il problema sta nell'intero meccanismo, dalla scolarizzazione standard che già semina la competitività a fini produttivi, e sta pure nel nostro senso di autostima e di comprensione del nostro valore (altro discorso lungo)
    Ma dato che per qualche ragione ci troviamo qui e non in un paradiso, e questa ragione non è sicuramente una punizione divina, direi che il trovare lavoro, magari etico e affine al proprio percorso, sarà una fra le tante prove, sempre spinose, nella nostra vita.

    Domenico l'unica soluzione è il non abbattersi mai,neppure nelle peggiori situazioni! utilizzare tantissima volontà per prima cosa nel cercare dentro di te quel che, fuori da ogni logica retributiva, ti piace essere e fare per gli altri e per te stesso nella vita, e una volta accertato questo dentro te, spingi l'acceleratore verso quella direzione, senza dirti mai “non ci riesco!” “naa! e chi mi pagherebbe mai!”… yogananda sottolinea spesso la creatività come facente parte del nostro patrimonio congenito, ma troppo spesso lasciata in pasto alle vecchie abitudini di pensiero negative. Devi pensare che ciò che ami puoi sempre farlo (certo mettendoci tanta passione e volontà appunto!), e che i soldi poi arriveranno da se, e se nel frattempo dovrai soffrire un pò, ne varrà la pena se non ti arrendi!

    Ti auguro un grande futuro. In bocca al lupo :bay:

    P.s.
    A volte fondamentale è avere una persona affianco, che per amore riesce a darti fiducia e luce sul tuo percorso. Ti auguro di trovare anche questo sulla tua via.


    #95514

    domenico
    Partecipante

    Io non so come trovare il lavoro oggi, so però che nella situazione in cui ci troviamo è indispensabile. Non possiamo a fare a meno.

    se non possiamo fare a meno si e gia di per se un problema.vuol dire che non e il lavoro che serve a noi,ma noi serviamo al lavoro.se abbiamo delle neccessita che non riguardano l'essere, quelli non fanno altro che generare altri neccessita e regole che non ci stanno in piedi.e siccome e un meccanismo che non puo andare avanti a lungo si fermera.e quando si e fermato quale strada prenderemo se non ci siamo dati il tempo di riflettere prima .perche sara urgente e prenderemo un altra volta la strada che ci viene imposta(da qualcuno o dai nostri problemi non risolti).


    #95517
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    è vero Domenico … siamo noi a servire il lavoro
    il circolo vizioso … lavoro/soldi/soldi/lavoro
    intuisco pure io che dovremmo spezzare il cerchio …

    ne ho preso coscienza diversi anni fà … per una serie di circostanze che mi sono trovata a vivere improvvisamente … il bello è che, quel che poteva essere vissuta come una “sfortuna”, in realtà mi ha aperto gli occhi

    la mia provvisoria soluzione attuale è una via di mezzo … mooolte meno ore di lavoro, rispetto a prima, moooooltissimi meno sprechi e stupidaggini … e molta molta più serenità

    quando vado al lavoro, pur non essendo più la mia professione, mi ci dedico con amore, perchè comprendo che anche quel tempo che impiego li, è la mia vita e anche perchè sò che, al momento, ancora mi serve per sfamarci ed avere un tetto …

    insomma, credo dobbiamo mediare per ora, ma al tempo stesso, aver ben presente, che al di là di quel che ci serve realmente, il “di più” ci rende servitori e non felici


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #95518
    kingofpop
    kingofpop
    Partecipante

    [quote1356035774=pasgal]
    Hai ragione Dmenico. Probabilmente farfallina non ha colto il senso, oppure si ma ha un parere differente.

    L'uomo ha inventato il lavoro, tanto che ormai vive per lavorare, oltre all'invenzione dell'immondizia.

    Nessun'altro essere genera rifiuti!

    [/quote1356035774]

    voglio una risposta secca,e la voglio da voi che vi vedo come 'fratelli' maggiori:Sono anormale a 25 anni a pensarla come descritto da Pas o sono troppo irresponsabile.Mi spiego,io sto cercando lavoro,ma al tempo stesso lo faccio senza ossessione.Voi potreste dire,ok se vivi con mamma e papà ti viene + facile pensarla così,ma io sono certo che questo mio comportamento non cambierebbe.Io non riesco + ad accettare il fatto che debba 'comprare,acquistare o affittare' qualcosa che dovrebbe essere a disposizione di tutti.Nella + totale parsimonia,e forse sbagliando,continuerò a tirare il carretto.Quando questo carretto avrà le ruote atterra di sicuro non mi impiccherò.A ME IL FUTURO NON FA PAURA,è una colpa questa?


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 67 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.