Concerto per l'Abruzzo, Renato Zero

Home Forum L’AGORA Concerto per l'Abruzzo, Renato Zero

Questo argomento contiene 2 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da farfalla5 farfalla5 9 anni, 1 mese fa.

Stai vedendo 3 articoli - dal 1 a 3 (di 3 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #126694
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    ROMA (29 maggio) – L’obiettivo è ambizioso ma non irraggiungibile: riempire lo Stadio Olimpico di Roma e arrivare ad incassare due milioni di euro da devolvere per la causa abruzzese, montando uno spettacolo a costo quasi zero.
    La United Artists italiana (composta da Renato Zero, Ivano Fossati, Fiorella Mannoia, Pino Daniele, Gigi D’Alessio, Antonello Venditti, Claudio Baglioni, Lucio Dalla, Gianni Morandi, Nicola Piovani, Mario Biondi, Alex Britti, Cristiano De André) sta procedendo in modo da abbattere tutti i costi di produzione per il concerto-evento del prossimo 20 giugno: i musicisti e le strutture partecipano a titolo gratuito, le compagnie di ticketing hanno rinunciato alla prevendita, i biglietti omaggio sono stati aboliti, il service audio-luci è offerto dalla società abruzzese Agorà, il CONI presterà lo stadio, e via via approfittando della solidarietà sui più piccoli dettagli, dalle forniture di acqua fino a quelle di carta igienica, per versare sul conto corrente la somma più alta possibile.

    I fondi andranno all’Università degli Studi di L’Aquila e saranno inseriti nel bilancio in un capitolo con finalità vincolata. Ha spiegato il Rettore Ferdinando Di Orio: «Le nostre strutture sono inagibili al cento per cento. Quelle al centro storico sono state abbattute, altre, come quella di Coppito, hanno problemi strutturali e di futuri restuari. Con il danaro raccolto cercheremo di realizzare opere immediatamente utilizzabili. La realtà universitaria non è separata dalla cittadina: se l’università riparte, la città intera riparte. Noi abbiamo contratto un patto con gli studenti, rischiando abbiamo recuperato gli strumenti di cui disponevamo, facciamo esami in situazioni assurde, nelle tende, e non ci siamo mai fermati. E’ una fiammella che deve rimanere accesa».

    Renato Zero e Fiorella Mannoia sono stati i promotori di questa iniziativa, lei unica rappresentante femminile che il 21 giugno sarà anche a San Siro per “Amiche per L’Abruzzo”, lui entusiasta della disponibilità assoluta ricevuta dai colleghi: «E’ una sfida. La motivazione che ci spinge a raccoglierla è disarmante, toglie qualsiasi dubbio e sospetto. Domani l’Italia sarà un paese migliore di quello che è oggi grazie a questi studenti. La lunga lista di colleghi pronti a partecipare mi emoziona perché mi sento finalmente fratello di qualcuno».

    E riguardo la possibilità di vedere Zucchero sul palco ha aggiunto: «Ci sono artisti che prima di aderire amano sincerarsi di ciò che vanno a fare. Dopo l’incontro ufficiale di oggi la loro legittima reticenza spero scomparirà. A breve avremo conferme sorprendenti».

    Jovanotti è stato contattato ma forse non riuscirà a tornare in tempo dall’estero, e altri saranno presto inseriti nel cast (Michele Zarrillo, Ron, Tosca) nel tentativo di non escludere nessuno, come ha ribadito Ivano Fossati: «Avremo a disposizione un repertorio grandioso di musica italiana e ci saranno scambi e duetti curiosi tanto per il pubblico quanto per noi. Non bisogna perdere di vista lo spirito speciale che caratterizza il concerto. Se la scaletta attuale si dovesse ridurre per fare spazio ad altri artisti, benvenga».

    Quattro brani a testa e gran parte del canzoniere italiano in un’unica serata dunque, più soldi si incassano, più piani dell’edificio (antisismico finalmente) si costruiscono.

    La corale per l’Abruzzo ha inoltre avanzato la richiesta di mandare in onda il concerto su Rai 3 regionale e fornire maxischermi alle tendopoli e chiede che venga fatta una proposta di legge affinché le gare d’appalto per la ricostruzione dei luoghi colpiti dal terremoto siano limitate a società abruzzesi, le quali hanno innanzitutto bisogno di riprendere a lavorare.

    A condurre l’evento romano saranno Giorgio Panariello e Serena Dandini. L’inizio è alle ore 19.30, la chiusura a mezzanotte, i biglietti costano dai 25 a 100 euro. L’unico imprevisto potrebbe sopraggiungere come effetto collaterale del tour dei Depeche Mode, che prestano il palco per le iniziative benefiche di Roma e Milano, ma le condizioni di salute di Dave Gahan sembrano rassicuranti e le date sono finora confermate.

    http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=60207&sez=HOME_SPETTACOLO&ssez=MUSICA


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #126695
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    ma se sti cantanti e vips facessero gruppo e investissero denaro e mezzi che loro hanno molto piu di altri, per assicurarsi che queste persone si riemettano sotto un tetto, voglio dire , sti concerti alla fine non è che sono piu marketing e pubblicità che altro a livello pratico?


    #126696

    perdi
    Partecipante

    [quote1243808627=Richard]
    ma se sti cantanti e vips facessero gruppo e investissero denaro e mezzi che loro hanno molto piu di altri, per assicurarsi che queste persone si riemettano sotto un tetto, voglio dire , sti concerti alla fine non è che sono piu marketing e pubblicità che altro a livello pratico?
    [/quote1243808627]

    rich ma hai visto quanto costano i biglietti?
    l'olimpico è bello grande…
    e poi dai una bella giornata in musica …gli EURI li spendi volentieri … o no?


Stai vedendo 3 articoli - dal 1 a 3 (di 3 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.