Consumismo estremo -crisi-

Home Forum MISTERI Consumismo estremo -crisi-

Questo argomento contiene 18 risposte, ha 7 partecipanti, ed è stato aggiornato da  civile 5 anni, 5 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 19 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #16441

    civile
    Partecipante

    Consumismo estremo

    Ormai abbiamo tutto, possediamo chi più chi meno oggetti di varie tipologie che appagano per pochi attimi il nostro bisogno psicologico di acquistare, ogni famiglia, ogni single dell'occidente ha tutto per vivere dignitosamente, abbiamo idea di cosa ci serve veramente?….
    Ogni giorno bombardano il nostro inconscio con messaggi subliminari, il nostro conscio desidera, desidera e desidera oggetti di ogni tipo che appagano per pochi giorni il nostro bisogno di felicità, é come una droga, siamo tutti dipendenti del consumo sfrenato.
    Poi é subentrata la crisi, perché le aziende ormai producono più di quanto la domanda richieda, significa che produciamo più di quanto consumiamo, normale che poi le aziende si ridimensionino e licenzino il personale in eccesso. In una società moderata, intendo una società spiritualmente matura, questo sistema di cose non potrebbe esistere, tutti avrebbero un idea quanto meno veritiera di cosa realmente ci serve e cosa non ci serve. Si stanno inventando di tutto, migliorano i messaggi pubblicitari utilizzando ogni possibile tecnica scientifica, ci inducono tramite i mass media a comprare ogni oggetto possibile, creando mode e standard. Dove si vuole arrivare? ….produrremo oggetti che si auto distruggono in pochi mesi?….stà già succedendo.

    Diciamo che questo sistema esiste perché esiste l'ignoranza di se stessi, non ci conosciamo, non sappiamo perché esistiamo e non abbiamo idea di chi dirige il nostro corpo.
    Se di colpo questa massa si risvegliasse dal grande sonno imposto, questo sistema crollerebbe come un castello di sabbia investito da un'onda di consapevolezza.
    Io ho bisogno di poco per vivere a pieno la mia vita se son soddisfatto di me stesso, se amo il mio essere e ne sento la presenza, divento spettatore di me stesso, di cosa accade nel mio cervello, mi renderò conto che la maggior parte che desidero acquistare degli oggetti sono spinto da istinti, che cercano appagamento con vie perverse, tutto questo perché essi agiscono sul tuo profondo, mirano al tuo inconscio, magari compri una mercedes per aver più possibilità di procreare, per essere in primo piano sulla competizione sessuale.
    Insomma se analizziamo per bene perché siamo propensi a comprare ogni singolo oggetto che ci passa per la testa, capiremo dopo una breve analisi che calmiamo i nostri impulsi con questo tipo di terapia del terzo millennio.
    La crisi era più che ovvia, una volta che tutti hanno l'automobile e normale che la vendita cala, certo le auto si rovinano e vanno cambiate, ma comunque la durata media di un automobile é ancora molto lunga rispetto alla produzione sfrenata di auto nuove, produciamo 7 e consumiamo 3.
    Risolveranno sicuramente questo problema diminuendo la durata dei materiali e dell'auto stessa, in modo da costringerti a cambiarla ogni due anni, interverranno anche le leggi che agevoleranno il nuovo acquisto.
    Una mia amica diceva: carretto pieno non fa rumore, carretto vuoto fa tanto rumore, significa che una persona piena, una persona spiritualmente sveglia, ricca di comprensione non fa tanto rumore e non si adorna l'esteriorità, una persona vuota fa tanto rumore,parla parla parla e parla ma non immagazzina niente, non conosce se stessa, sarà per sempre uno strumento da utilizzare da parte del sistema, vuoto e pieno di oggetti.
    Non voglio penalizzare chi ama l'oggetto in sé, ma ricordare che in fondo la maggior parte degli acquisti che facciamo sono imposti psicologicamente dal sistema mediatico e non solo.
    Questo articolo può essere interessante?….meditateci su, verrà fuori qualcosa, avrete sete di conoscere voi stessi e limitare i danni che gli altri vi fanno con la conoscenza utilizzata a scopo di lucro.


    #16442
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.8573.7
    “Se possiamo affondare una nave per la cui costruzione abbiamo investito milioni di dollari col solo scopo di aumentare l’esperienza di un artificiere, allora sicuramente possiamo permetterci di distruggere prodotti vecchi ed obsoleti con lo scopo di creare lavoro per milioni di persone e spingere la nazione fuori dalla catastrofe nella quale si trova attualmente”.

    Così si esprimeva l’economista inglese Bernard London nel 1932, in un saggio intitolato “Ending the depression through the planned obsolescence”, in cui proponeva una legge per l’imposizione dell’obsolescenza programmata dei beni, subito dopo la crisi economica del 1929 causata dall’eccessivo squilibrio della produzione di beni rispetto al loro consumo.

    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.7235
    Il Gioco Mondiale rende chiaro che abbiamo quattro miliardi di miliardari sul nostro pianeta, come rappresentato dalla ricchezza reale, il cui fatto viene tenuto oscuro al pubblico, dal gioco monetario e dal suo sistema di credito.

    Così troviamo tutte quelle persone che producono beni di alcun supporto per la vita, che si recano al lavoro nelle loro auto e negli autobus, spendendo trilioni di dollari di petrolio al giorno, per arrivare a quell'attività che non produce vera ricchezza. Non serve un computer per capire che pagarle per restare a casa, salverebbe l'Universo e trilioni di dollari dell'umanità ogni giorno.
    Richard Buckminster Fuller


    #16443
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Quanto è triste tutto questo, e a pensare che siamo tutti dentro.


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #16444

    civile
    Partecipante

    [quote1372856814=Richard]
    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.8573.7
    “Se possiamo affondare una nave per la cui costruzione abbiamo investito milioni di dollari col solo scopo di aumentare l’esperienza di un artificiere, allora sicuramente possiamo permetterci di distruggere prodotti vecchi ed obsoleti con lo scopo di creare lavoro per milioni di persone e spingere la nazione fuori dalla catastrofe nella quale si trova attualmente”.

    Così si esprimeva l’economista inglese Bernard London nel 1932, in un saggio intitolato “Ending the depression through the planned obsolescence”, in cui proponeva una legge per l’imposizione dell’obsolescenza programmata dei beni, subito dopo la crisi economica del 1929 causata dall’eccessivo squilibrio della produzione di beni rispetto al loro consumo.

    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.7235
    Il Gioco Mondiale rende chiaro che abbiamo quattro miliardi di miliardari sul nostro pianeta, come rappresentato dalla ricchezza reale, il cui fatto viene tenuto oscuro al pubblico, dal gioco monetario e dal suo sistema di credito.

    Così troviamo tutte quelle persone che producono beni di alcun supporto per la vita, che si recano al lavoro nelle loro auto e negli autobus, spendendo trilioni di dollari di petrolio al giorno, per arrivare a quell'attività che non produce vera ricchezza. Non serve un computer per capire che pagarle per restare a casa, salverebbe l'Universo e trilioni di dollari dell'umanità ogni giorno.
    Richard Buckminster Fuller
    [/quote1372856814]

    Sono daccordo richard, ma penso che si stiano già muovendo, ridurranno la durata del prodotto, faranno in modo che esso di “disintegri” in tempi molto brevi, in modo che riparta il consumo.
    Un semplice telefonino dura in media un anno, vuoi per una caduta, vuoi perché diventa obsoleto e lento, cambiamo telefono ogni due anni circa, questo tempo é ancora troppo lungo, dovremo cambiarlo almeno ogni anno, cosi come le autovetture, cosi come tutti gli altri beni, si devono degradare infretta, oppure si obbliga il consumatore a cambiare il prodotto vecchio con leggi apposite, altrimenti in breve tempo sarà default, spero sia solo un mio punto di vista, thanks richard


    #16445

    civile
    Partecipante

    [quote1372857127=farfalla5]
    Quanto è triste tutto questo, e a pensare che siamo tutti dentro.
    [/quote1372857127]
    non disperare, le soluzioni ci sono, noi pensiamo a cercare noi stessi, cosi almeno siamo salvi dal punto di vista psicologico :VV:


    #16446
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    …la peggior cosa che possiamo fare è sentirci vittime di questa speculazione (quindi mentalmente ci auto-autorizziamo a sentirci impotenti)
    di fronte a questa “macchina tritacarne” si può essere creativi ! :si: …noi Italiani lo siamo per eccellenza :dance:

    allora, ad esempio, anzichè sottostare a questa “legge dell'obsoleto” e quindi indebitarci (e quindi essere schiavi del lavoro più del dovuto) per la macchina o il cell o qualunque altra cosa che si romperà sempre prima …inventiamoci riparatori

    ci sono un sacco di persone ingegnosissime che magari hanno perso il lavoro …

    recuperando dalla raccolta differenziata vari pezzi, si può avere il materiale per riparare le cose che si rompono …ci sarà il solo “costo” (magari barattabile) del tempo impiegato dal riparatore…che oltretutto è un privato, non un industria

    se accettiamo l'idea che per Essere, non serve avere l'ultimo modello di …qualsiasi cosa ….ma che utilizziamo strumenti quali telefono, lavatrice, auto, frigo, etc, solo ed esclusivamente per comodità, ne siamo già fuori dal “tritacarne”

    …insomma, io sono nata quando ancora era un lusso avere un televisore procapite dentro casa … si andava nel bar o dal vicino che lo aveva, per guardarla ogni tanto ed era un momento di convivialità …

    si stà inesorabilmente abbassando lo standard di vita di moltissime persone ..non sentiamoci tristi per questo … anzi facciamone una risorsa comune

    condividiamo il nostro tempo, la nostra disponibilità a beneficio di tutti …e sentiamoci felici per questo ridimensionamento più umano

    per alcune cose già lo stò facendo … ho trovato persone con i miei stessi “problemi economici” …ci stiamo aiutando reciprocamente …e… umanamente parlando, ci stiamo arricchendo !! #jrev


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #16447
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1372863858=civile]
    [quote1372856814=Richard]
    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.8573.7
    “Se possiamo affondare una nave per la cui costruzione abbiamo investito milioni di dollari col solo scopo di aumentare l’esperienza di un artificiere, allora sicuramente possiamo permetterci di distruggere prodotti vecchi ed obsoleti con lo scopo di creare lavoro per milioni di persone e spingere la nazione fuori dalla catastrofe nella quale si trova attualmente”.

    Così si esprimeva l’economista inglese Bernard London nel 1932, in un saggio intitolato “Ending the depression through the planned obsolescence”, in cui proponeva una legge per l’imposizione dell’obsolescenza programmata dei beni, subito dopo la crisi economica del 1929 causata dall’eccessivo squilibrio della produzione di beni rispetto al loro consumo.

    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.7235
    Il Gioco Mondiale rende chiaro che abbiamo quattro miliardi di miliardari sul nostro pianeta, come rappresentato dalla ricchezza reale, il cui fatto viene tenuto oscuro al pubblico, dal gioco monetario e dal suo sistema di credito.

    Così troviamo tutte quelle persone che producono beni di alcun supporto per la vita, che si recano al lavoro nelle loro auto e negli autobus, spendendo trilioni di dollari di petrolio al giorno, per arrivare a quell'attività che non produce vera ricchezza. Non serve un computer per capire che pagarle per restare a casa, salverebbe l'Universo e trilioni di dollari dell'umanità ogni giorno.
    Richard Buckminster Fuller
    [/quote1372856814]

    Sono daccordo richard, ma penso che si stiano già muovendo, ridurranno la durata del prodotto, faranno in modo che esso di “disintegri” in tempi molto brevi, in modo che riparta il consumo.
    Un semplice telefonino dura in media un anno, vuoi per una caduta, vuoi perché diventa obsoleto e lento, cambiamo telefono ogni due anni circa, questo tempo é ancora troppo lungo, dovremo cambiarlo almeno ogni anno, cosi come le autovetture, cosi come tutti gli altri beni, si devono degradare infretta, oppure si obbliga il consumatore a cambiare il prodotto vecchio con leggi apposite, altrimenti in breve tempo sarà default, spero sia solo un mio punto di vista, thanks richard
    [/quote1372863858]
    certamente, ci siamo già “in mezzo” a questa situazione ridicola 😉


    #16448

    civile
    Partecipante

    [quote1372869130=prixi]
    …la peggior cosa che possiamo fare è sentirci vittime di questa speculazione (quindi mentalmente ci auto-autorizziamo a sentirci impotenti)
    di fronte a questa “macchina tritacarne” si può essere creativi ! :si: …noi Italiani lo siamo per eccellenza :dance:

    allora, ad esempio, anzichè sottostare a questa “legge dell'obsoleto” e quindi indebitarci (e quindi essere schiavi del lavoro più del dovuto) per la macchina o il cell o qualunque altra cosa che si romperà sempre prima …inventiamoci riparatori

    ci sono un sacco di persone ingegnosissime che magari hanno perso il lavoro …

    recuperando dalla raccolta differenziata vari pezzi, si può avere il materiale per riparare le cose che si rompono …ci sarà il solo “costo” (magari barattabile) del tempo impiegato dal riparatore…che oltretutto è un privato, non un industria

    se accettiamo l'idea che per Essere, non serve avere l'ultimo modello di …qualsiasi cosa ….ma che utilizziamo strumenti quali telefono, lavatrice, auto, frigo, etc, solo ed esclusivamente per comodità, ne siamo già fuori dal “tritacarne”

    …insomma, io sono nata quando ancora era un lusso avere un televisore procapite dentro casa … si andava nel bar o dal vicino che lo aveva, per guardarla ogni tanto ed era un momento di convivialità …

    si stà inesorabilmente abbassando lo standard di vita di moltissime persone ..non sentiamoci tristi per questo … anzi facciamone una risorsa comune

    condividiamo il nostro tempo, la nostra disponibilità a beneficio di tutti …e sentiamoci felici per questo ridimensionamento più umano

    per alcune cose già lo stò facendo … ho trovato persone con i miei stessi “problemi economici” …ci stiamo aiutando reciprocamente …e… umanamente parlando, ci stiamo arricchendo !! #jrev
    [/quote1372869130]
    Si confermo, ma il sistema ha bisogno di acquisti, ha bisogno che la gente compri e richieda produzione aziendale, io comunque mi arrangio gia' da tempo con lavoretti di ingegno, ma a noi tecnici ci vogliono fare fuori, vogliono creare l'usa e getta, anzi ci sono gia' riusciti,ottimo intervento prixi 🙂


    #16449

    pancia37
    Partecipante

    Non c'è altra soluzione che tornare nei campi , la decrescita felice è l'unica cosa che avevano capito gli antichi , ed il potere creava le guerre perchè la tecnologia rimanesse in mano solo a loro , lo so che non ci credete , ma la tecnologia che vedete volare a grande velocità nelle stelle , è opera umana , e presto ci racconteranno una nuova storia di schiavitù , tutto comincerà con il progetto blu beam e il rilascio della free energy , dopo di che inizzieremo finte guerre nello spazzio , sembra tratto da un fumetto , ma questo è quello che acadrà , un unico governo mondiale , una sola banca ed un solo popolo che griderà si capo nel nome della finta frattellanza , ed ancora una volta cadremo nel loro gioco , già cominciano ad arrestare e perseguire chi vive in auto sufficenza , perchè crea un danno allo stato , non consuma , il gioco è troppo grande per essere compreso , solo dio ci salverà da questa follia , sperando che anche quello non lo riproducano nelle nostre stelle , quando l'intero programma di satelliti e antenne sarà completato , e rallenteranno l'onda che ci fa risvegliare , buona fortuna umani ..


    #16450
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    [quote1372871088=civile]

    Si confermo, ma il sistema ha bisogno di acquisti, ha bisogno che la gente compri e richieda produzione aziendale, io comunque mi arrangio gia' da tempo con lavoretti di ingegno, ma a noi tecnici ci vogliono fare fuori, vogliono creare l'usa e getta, anzi ci sono gia' riusciti,ottimo intervento prixi 🙂
    [/quote1372871088]

    è direttamente proporzionale:..”il sistema ha bisogno di acquisti” come “un incubo ha bisogno della nostra paura”….
    no paura, no party!
    ……. 😉


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 19 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.