CRISI FINANZIARIA: un nuovo mondo sta nascendo

Home Forum L’AGORÀ CRISI FINANZIARIA: un nuovo mondo sta nascendo

Questo argomento contiene 3,275 risposte, ha 80 partecipanti, ed è stato aggiornato da  orsoinpiedi 2 anni, 6 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 2,631 a 2,640 (di 3,276 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #117860
    maraxma
    maraxma
    Partecipante

    Vi spiego lo Scec, linfa rivitalizzante
    per l’economia… non solo locale
    Roma la prima a proporre il meccanismo di “moneta alternativa”. Si tratta di buoni sconto locali tra i cittadini per stimolare il commercio. Parma segue a ruota, ma numerosi altri comuni stanno già lavorando su questo progetto

    Francesco Filini
    Assessore alle Politiche Sociali e al Reddito di cittadinanza relativo al Progetto Scec nel Municipio IV di Roma

    Scec, i buoni che rivitalizzano l'economia
    ROMA Lo scorso Febbraio la Giunta del Municipio IV di Roma ha approvato una delibera con la quale aderisce espressamente al progetto messo in campo dall’associazione nazionale Arcipelago Scec, che consiste sostanzialmente nel favorire la circolazione di buoni locali tra i cittadini per stimolare il commercio locale. C’è da chiarire subito un aspetto: il Municipio non conia nessuna moneta e lo SCEC non è una moneta: è un semplice buono sconto.
    DI COSA SI TRATTA Il funzionamento è il seguente: commercianti, artigiani, liberi professionisti ecc… decidono spontaneamente di aderire al circuito attraverso l’erogazione di uno sconto sul prodotto del proprio lavoro, nella misura che essi stessi stabiliscono (di norma si va dal 5 al 30%). Di per sè non è nessuna novità: infatti oggi gran parte dei commercianti di quartiere offre sconti ben più alti per tentare di sopravvivere alla crisi. La novità consiste nella certificazione dello sconto attraverso i buoni SCEC, ovvero dei pezzi di carta colorati emessi e distribuiti gratuitamente dall’associazione Arcipelago Scec. Il negoziante che incassa i buoni di “Solidarietà che Cammina” potrà rispenderli negli esercizi che hanno aderito al circuito.

    UN ESEMPIO CONCRETO Una pizzeria decide di aderire al circuito offrendo uno sconto del 10% sul conto. Vado a mangiare una pizza e, a fronte di una spesa di 20 € usufruirò dello sconto pagando 18 € e 2 SCEC. Il pizzaiolo che incassa gli SCEC li rispenderà nel circuito di quartiere: comprerà fiori di zucca e salsa di pomodoro nell’esercizio limitrofo anziché andare al supermercato. Con questo semplice mezzo si ottiene una riduzione reciproca dei prezzi (l’euro riacquisisce potere d’acquisto!) e la liquidità del territorio non viene inghiottita nel gorgo della grande distribuzione, ma rimane in tasca ai cittadini. Eh si perchè il problema del commercio oggi è proprio questo: mega centri commerciali e grandi catene di supermercati uccidono i più piccoli promettendo prezzi più bassi (ma in realtà non è così) e la comodità di avere tutto quello che si cerca in un unico luogo. Dietro ai centri commerciali e alle grandi catene ci sono le grandi multinazionali (e le grandi banche), quasi tutte estere (in Italia le francesi sono quelle che vanno per la maggiore). L’effetto sociale è devastante: l’economia locale subisce un vero e proprio esproprio di liquidità e il tessuto sociale del quartiere si disgrega perchè cessano i rapporti di fiducia reciproca tra gli stessi abitanti. I giovani oggi non stanno più sotto il muretto, trascorrono le loro giornate sotto le gelide luci artificiali del centro commerciale di zona. Lo SCEC è un progetto sociale, prima ancora che economico. Vuol dare nuovo impulso alla comunità di quartiere ricostruendo il tessuto sociale e produttivo. Ogni economista che si rispetti insegna che il denaro è il sangue del corpo sociale. Lo SCEC mira a far circolare il sangue nei quartieri e ad evitare la trasfusione verso l’estero.
    COSA FARE Per ottenere gratuitamente gli SCEC basta registrarsi qui come utente fruitore, per entrare a far parte del circuito (che viene diffuso sulla rete tramite le Pagine Auree) come socio accettatore basta registrarsi al sito di Arcipelago: qui per aziende, qui per accettatore senza partita iva, qui come enti e associazioni. All’atto dell’scrizione vengono subito accreditati i primi 100 buoni SCEC.

    UNA NUOVA CONSAPEVOLEZZA Lo SCEC è un mezzo un po’ esigente perchè richiede all’uomo di oggi di comprendere fino in fondo il meccanismo: infatti funziona solo se c’è consapevolezza. Ed è proprio per questo che è impossibile che qualsiasi istituzione o partito politico possa imporlo dall’alto sul territorio. Lo SCEC è uno strumento di proprietà esclusiva dei cittadini che vogliono utilizzarlo, e per utilizzarlo bisogna comprenderlo. Le istituzioni come quella del Municipio IV o qualsiasi partito politico, possono – e devono! – solo promuoverlo e immaginare insieme ai cittadini nuovi progetti. Ad esempio nel Municipio IV, dove ho l’onore e l’onere di amministrare i Servizi Sociali, si avrà la possibilità di pagare parte della quota dei centri ricreativi estivi municipali con lo SCEC. Ma ci sono tante altre idee che pian piano stanno prendendo corpo, lo scopriremo nei prossimi mesi.

    http://www.ilvostro.it/economia-e-lavoro/vi-spiego-lo-scec-linfa-rivitalizzante-per-leconomia-non-solo-locale/13860/


    #117861

    Xeno
    Partecipante

    [quote1338564842=maraxma]
    Vi spiego lo Scec, linfa rivitalizzante
    per l’economia… non solo locale
    Roma la prima a proporre il meccanismo di “moneta alternativa”. Si tratta di buoni sconto locali tra i cittadini per stimolare il commercio. Parma segue a ruota, ma numerosi altri comuni stanno già lavorando su questo progetto

    Francesco Filini
    Assessore alle Politiche Sociali e al Reddito di cittadinanza relativo al Progetto Scec nel Municipio IV di Roma

    Scec, i buoni che rivitalizzano l'economia
    ROMA Lo scorso Febbraio la Giunta del Municipio IV di Roma ha approvato una delibera con la quale aderisce espressamente al progetto messo in campo dall’associazione nazionale Arcipelago Scec, che consiste sostanzialmente nel favorire la circolazione di buoni locali tra i cittadini per stimolare il commercio locale. C’è da chiarire subito un aspetto: il Municipio non conia nessuna moneta e lo SCEC non è una moneta: è un semplice buono sconto.
    DI COSA SI TRATTA Il funzionamento è il seguente: commercianti, artigiani, liberi professionisti ecc… decidono spontaneamente di aderire al circuito attraverso l’erogazione di uno sconto sul prodotto del proprio lavoro, nella misura che essi stessi stabiliscono (di norma si va dal 5 al 30%). Di per sè non è nessuna novità: infatti oggi gran parte dei commercianti di quartiere offre sconti ben più alti per tentare di sopravvivere alla crisi. La novità consiste nella certificazione dello sconto attraverso i buoni SCEC, ovvero dei pezzi di carta colorati emessi e distribuiti gratuitamente dall’associazione Arcipelago Scec. Il negoziante che incassa i buoni di “Solidarietà che Cammina” potrà rispenderli negli esercizi che hanno aderito al circuito.

    UN ESEMPIO CONCRETO Una pizzeria decide di aderire al circuito offrendo uno sconto del 10% sul conto. Vado a mangiare una pizza e, a fronte di una spesa di 20 € usufruirò dello sconto pagando 18 € e 2 SCEC. Il pizzaiolo che incassa gli SCEC li rispenderà nel circuito di quartiere: comprerà fiori di zucca e salsa di pomodoro nell’esercizio limitrofo anziché andare al supermercato. Con questo semplice mezzo si ottiene una riduzione reciproca dei prezzi (l’euro riacquisisce potere d’acquisto!) e la liquidità del territorio non viene inghiottita nel gorgo della grande distribuzione, ma rimane in tasca ai cittadini. Eh si perchè il problema del commercio oggi è proprio questo: mega centri commerciali e grandi catene di supermercati uccidono i più piccoli promettendo prezzi più bassi (ma in realtà non è così) e la comodità di avere tutto quello che si cerca in un unico luogo. Dietro ai centri commerciali e alle grandi catene ci sono le grandi multinazionali (e le grandi banche), quasi tutte estere (in Italia le francesi sono quelle che vanno per la maggiore). L’effetto sociale è devastante: l’economia locale subisce un vero e proprio esproprio di liquidità e il tessuto sociale del quartiere si disgrega perchè cessano i rapporti di fiducia reciproca tra gli stessi abitanti. I giovani oggi non stanno più sotto il muretto, trascorrono le loro giornate sotto le gelide luci artificiali del centro commerciale di zona. Lo SCEC è un progetto sociale, prima ancora che economico. Vuol dare nuovo impulso alla comunità di quartiere ricostruendo il tessuto sociale e produttivo. Ogni economista che si rispetti insegna che il denaro è il sangue del corpo sociale. Lo SCEC mira a far circolare il sangue nei quartieri e ad evitare la trasfusione verso l’estero.
    COSA FARE Per ottenere gratuitamente gli SCEC basta registrarsi qui come utente fruitore, per entrare a far parte del circuito (che viene diffuso sulla rete tramite le Pagine Auree) come socio accettatore basta registrarsi al sito di Arcipelago: qui per aziende, qui per accettatore senza partita iva, qui come enti e associazioni. All’atto dell’scrizione vengono subito accreditati i primi 100 buoni SCEC.

    UNA NUOVA CONSAPEVOLEZZA Lo SCEC è un mezzo un po’ esigente perchè richiede all’uomo di oggi di comprendere fino in fondo il meccanismo: infatti funziona solo se c’è consapevolezza. Ed è proprio per questo che è impossibile che qualsiasi istituzione o partito politico possa imporlo dall’alto sul territorio. Lo SCEC è uno strumento di proprietà esclusiva dei cittadini che vogliono utilizzarlo, e per utilizzarlo bisogna comprenderlo. Le istituzioni come quella del Municipio IV o qualsiasi partito politico, possono – e devono! – solo promuoverlo e immaginare insieme ai cittadini nuovi progetti. Ad esempio nel Municipio IV, dove ho l’onore e l’onere di amministrare i Servizi Sociali, si avrà la possibilità di pagare parte della quota dei centri ricreativi estivi municipali con lo SCEC. Ma ci sono tante altre idee che pian piano stanno prendendo corpo, lo scopriremo nei prossimi mesi.

    http://www.ilvostro.it/economia-e-lavoro/vi-spiego-lo-scec-linfa-rivitalizzante-per-leconomia-non-solo-locale/13860/
    [/quote1338564842]
    Lo scec è una buona idea per dar fiato alle economie locali.
    Non è un alternativa alla moneta dato che è un “buono” ma la ritengo una buona iniziativa.

    Comunque no problem….adesso ci pensa Berlusconi a risolvere la cosa !dodge
    http://www.ilmessaggero.it/primopiano/politica/berlusconi_la_mia_pazza_idea_stampiamo_euro_con_la_nostra_zecca/notizie/199705.shtml


    #117862
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1338577009=Xeno]

    Comunque no problem….adesso ci pensa Berlusconi a risolvere la cosa !dodge
    http://www.ilmessaggero.it/primopiano/politica/berlusconi_la_mia_pazza_idea_stampiamo_euro_con_la_nostra_zecca/notizie/199705.shtml
    [/quote1338577009]
    Certo che non finisce mai di stupirci questo nostro berlusca…


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #117863
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1338622921=farfalla5]
    [quote1338577009=Xeno]

    Comunque no problem….adesso ci pensa Berlusconi a risolvere la cosa !dodge
    http://www.ilmessaggero.it/primopiano/politica/berlusconi_la_mia_pazza_idea_stampiamo_euro_con_la_nostra_zecca/notizie/199705.shtml
    [/quote1338577009]
    Certo che non finisce mai di stupirci questo nostro berlusca…
    [/quote1338622921]
    un'altra presa in giro inventata per far colpo sulla gente..


    #117864
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    [quote1338632537=Richard]
    [quote1338622921=farfalla5]
    [quote1338577009=Xeno]

    Comunque no problem….adesso ci pensa Berlusconi a risolvere la cosa !dodge
    http://www.ilmessaggero.it/primopiano/politica/berlusconi_la_mia_pazza_idea_stampiamo_euro_con_la_nostra_zecca/notizie/199705.shtml
    [/quote1338577009]
    Certo che non finisce mai di stupirci questo nostro berlusca…
    [/quote1338622921]
    un'altra presa in giro inventata per far colpo sulla gente..
    [/quote1338632537]
    … però ammettiamolo … questa è la barzelletta più bella che ha mai raccontato !! 😀


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #117865
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    [quote1338632780=prixi]
    [quote1338632537=Richard]
    [quote1338622921=farfalla5]
    [quote1338577009=Xeno]

    Comunque no problem….adesso ci pensa Berlusconi a risolvere la cosa !dodge
    http://www.ilmessaggero.it/primopiano/politica/berlusconi_la_mia_pazza_idea_stampiamo_euro_con_la_nostra_zecca/notizie/199705.shtml
    [/quote1338577009]
    Certo che non finisce mai di stupirci questo nostro berlusca…
    [/quote1338622921]
    un'altra presa in giro inventata per far colpo sulla gente..
    [/quote1338632537]
    … però ammettiamolo … questa è la barzelletta più bella che ha mai raccontato !! 😀
    [/quote1338632780]
    “… altro che “pazza idea”, questa è l'unica cosa sana che in 20 anni è uscita dalla sua bocca :hehe: … la sovranità monetaria ormai è un miraggio, e comunque non potremmo certo stampare in proprio una “moneta comune” come l'euro.
    :bay:


    https://www.facebook.com/brig.zero

    #117866

    Erre Esse
    Partecipante

    Berlusconi voleva dire: “torniamo alla lira”, ma ha usato l'idea di una proposta contraddittoria per comunicarlo.


    #117867

    Xeno
    Partecipante

    Quoto Richard

    Brig il programma Smith è fuori controllo !dodge

    Berlusca fa parte del teatro…oggi dice una cosa domani un'altra e dopodomani quello che aveva detto ieri
    naviga per consensi di sondaggio
    (uno degli Smith appunto)

    Chi saranno i pupari che fanno fare queste gattopardesche sparate a Berlusca senza che riceva sberle dal listino di Borsa?
    :ummmmm:


    #117868
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    «La nostra zecca stampi l'euro»
    «Vi svelo la pazza idea che ho in mente: cominciamo a stampare l'euro con la nostra Zecca». Su consiglio del capogruppo alla Camera Fabrizio Cicchitto, Silvio Berlusconi riunisce i parlamentari del Pdl in assemblea per far calare la tensione dopo la sconfitta alle comunali e per ricompattare un po' le fila richiamando all'ordine i vari azzurri in fuga verso altri lidi. E con una delle sue trovate sposta l'attenzione dai problemi del partito a quelli del governo e dell'Europa
    http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-06-02/nostra-zecca-stampi-euro-081537.shtml?uuid=AbFML8lF

    http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-06-02/soros-mesi-tempo-correggere-182926.shtml?uuid=AbCEdPmF
    Soros: «La Ue ha 3 mesi di tempo per correggere la rotta. La crisi? In autunno toccherà alla Germania»
    «A mio avviso le authority hanno una finestra di tre mesi in cui possono invertire la tendenza in Europa». È quanto ha detto il finanziere George Soros durante un incontro nell'ambito del Festival dell'economia, a Trento.


    #117869
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    Lotte di potere intestine, ad licenziati, nomi e societa' dei soliti noti dei “poteri forti” italiani. Un consiglio? Voi sul web evitate di leggere un singolo rigo dei retroscena che i giornali dell'establishment vi propinano, infatti la verita' al Leone di Trieste e' una sola: tutti gli azionisti hanno perso centinaia di milioni di euro. Gia': [size=30]anche i ricchi si impoveriscono. E volano gli stracci. Come si vede da questo grafico la perdita di valore e' di oltre -80% in 5 anni. #fisc
    Generali: guerre tra perdenti :yesss:

    http://www.wallstreetitalia.com/article/1388730/assicurazioni/generali-guerre-tra-perdenti.aspx


    https://www.facebook.com/brig.zero

Stai vedendo 10 articoli - dal 2,631 a 2,640 (di 3,276 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.