dove và l'umanità?

Home Forum L’AGORA dove và l'umanità?

Questo argomento contiene 13 risposte, ha 7 partecipanti, ed è stato aggiornato da Wind Wind 3 anni, 7 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 14 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #96099
    Quantico
    Quantico
    Partecipante

    Il mondo sta cambiando velocemente. Mentre scienza e tecnologia si evolvono ad una velocità inconcepibile nel mondo che ci circonda, nelle nostre teste, la realtà concepita come ostinato e vizioso materialismo sta sempre di più lasciando spazio ad una visione più alta e spirituale, che comprende anche l'esistenza di Dio e il significato della nostra vita.

    Quantico


    #96100
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    Forse e' proprio questa che e' mancata: la spiritualita'.


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #96101

    zret
    Partecipante

    Bisogna essere fedeli alla Terra, ma non dimenticarsi del Cielo. Ciao!


    #96102
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    e mentre un 30% del mondo forse..avanza economicamente e tecnologicamente,ma non spiritualmente, il restante arranca sempre in maggior percentuale fino a livelli che rasentano il paleolitico …o peggio.
    Non c'e' possibilita di evoluzione dell'umanita senza evoluzione dello spirito e della comprensione che siamo tutti parte del tutto.
    Per fortuna c'e' un divieto di esportare l'odio e le armi fuori dal Pianeta.
    Svegliamoci!


    #96103

    zret
    Partecipante

    Purtroppo Richard, stanno già puntando le armi verso il cosmo contro “nemici” esterni.
    Ciao!


    #96104

    Tillandsias
    Partecipante

    La forbice tra ricchi e poveri si sta aprendo sempre più.
    L'avidità ha preso il sopravvento sui vari valori della vita.

    Ci stiamo autodistruggendo.

    E forse è giusto così.


    #96105
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    [quote1184701842=Blue Lord]
    E forse è giusto così.
    [/quote1184701842]

    Non sono pessimista, non lo sono mai stato, pero' quanto guardo le crudelta' che l'uomo commette sull'uomo stesso o, peggio ancora, sugli animali, allora mi ripeto proprio la stessa frase: se non cambiamo, e' giusto cosi'.


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #96106
    Quantico
    Quantico
    Partecipante

    La forbice tra ricchi e poveri si sta aprendo sempre più.
    L'avidità ha preso il sopravvento sui vari valori della vita.

    Ci stiamo autodistruggendo.

    E forse è giusto così.

    non esattamente, la forbice tra ricchi e poveri si sta stringendo sempre più sulle teste dei poveracci.

    comunque sarà giusto cosi !sad


    #303933
    Wind
    Wind
    Partecipante

    Riprendo questo topic perchè me lo stavo proprio chiedendo in questi giorni come penso tanti altri noi:”Dove stiamo andando nel nostro futuro terrestre? Verso la distruzione dell’essere umano incosciente, ma con grande sofferenza di quelli che invece sono Coscienti che è come avere un molare cariato da strappare via perchè altrimenti fa cancrenare tutti gli altri sani di mente” questa è stata la risposta alla mia domanda proveniente dal mio Sub-Incoscio.

    E cosa significa “essere sani di mente?” mi sono ancora chiesta.
    Non mentire mai a se stessi in primis, non porsi traguardi irragiungibili ponendo al centro della propria esistenza “uomini modelli” del nostro passato, specie quelli più pubblicizzati dal Sistema politico-economico mondiale, personaggi creati a tavolino secoli fa per farti sentire incompleto, farti avere paura dei tuoi medesimi pensieri e sentimenti più intimi ed anche una mezza tacca solo perchè non hai mai camminato in piedi sul mare…. mai parlato con gli uccelli o con gli alberi che ti dovrebbero rispondere con il medesimo criterio umano, e non ha mai creduto che vi sono uomini e donne “santi” solo perchè hanno rinunciato a vita alla propria sessualità quale componente affettiva fondamentale per una crescita corretta psico-fisica e che ti permette di raggiungere livelli eccelsi di donazione pura, interagendo quotidianamente e per lungo tempo con l’altra parte di te inespressa, che si veste, si muove, pensa ed agisce diversamente.

    L’illusione mentale, ovvero la follia pura di poter credere che puoi cancellare con un colpo di spugna in un secondo i tuoi “sbagli” solo perchè qualcun altro, ancora più incosciente ed ingorante di te lo ha fatto credere sul serio… e quindi puoi ricominciare con tutta la serenità a rifarli, ti sei lavato la Coscienza…?
    Gli sbagli servono per crescere e la nostra psiche “normale” tende a non farceli dimenticare facilmente apposta, e ciò avviene in tutti gli animali intelligenti esistenti su questo pianeta, la Natura è Perfetta, ma “qualcuno” a suo tempo, molto presuntuoso ha pensato di poterla correggere? Altrimenti si rifanno con estrema leggerezza, così come abbiamo creduto di poterceli scaricare di dosso in pochi minuti di orologio.
    Un infante cresce proprio grazie ai propri “errori” di valutazione, se non casca mille volte sulle gambe tremolanti non le rafforza e non impara, ovvero non forma nel cervello le giuste sinapsi per non risbagliare daccapo, ma ci vuole tempo, pazienza e tenacia per raggiungere tale ostico obiettivo, perchè è oltremodo doloroso cascare di continuio, ma serve!
    Noi siamo e restiamo bambini per sempre, anche se indossiamo giacca e cravatta o dirigiamo una azienda, siamo qui per imparare a vivere e la “perfezione” stà nella naturalezza di noi stessi e nelle sue Leggi inconscie, chi non le conosce, ovvero non le ha mai approfondite rimane nelle fascie vita natural durante anche se da poco ha compiuto 60 anni o più, la Saggezza non la leggi in un libro, la acquisisci di tuo facendo esperienza di ciò che ti fa male sul serio e ciò che invece ti rende felice giorno per giorno.

    E cosa centra questo papiro che ho scritto all’una di notte e cosa mi dovrebbe far comprendere?
    “Chi sei tu, sono tutti, l’essere umano ha dei meccanismi atavici che non sono mai cambiati, ma il Sistema te li ha nascosti per millenni, affinchè potesse tenerti in pugno con i suoi fili subdoli ed occulti, la scienza vera ancora deve fare un solo passo avanti, si studia e si pubblicizza tutto ciò che inquina il nostro pianeta e la nostra vera natura, un domani tutto ciò sarà racchiuso nei musei assieme all’uomo sapiens-sapiens che in verità non ha mai saputo nulla nè di se stesso nè del cosa significa la propria esistenza. Parola di un nessuno che però racchiude tutto.”


    • Questa risposta è stata modificata 3 anni, 7 mesi fa da Wind Wind.
    • Questa risposta è stata modificata 3 anni, 7 mesi fa da Wind Wind.
    • Questa risposta è stata modificata 3 anni, 7 mesi fa da Wind Wind.
    • Questa risposta è stata modificata 3 anni, 7 mesi fa da Wind Wind.
    #303939

    Omega
    Partecipante

    @wind said:
    E cosa significa “essere sani di mente?” mi sono ancora chiesta.
    Non mentire mai a se stessi in primis, non porsi traguardi irragiungibili

    Anche il non mentire, è un traguardo irragiungibile, nella maggior parte dei casi. Un divieto “non… !” implica la conoscenza del suo opposto altrimenti farai esattamente quello che ti sei imposto di non fare – e sarai scisso in due parti uguali quello che vorresti essere ma non puoi e quello che puoi essere ma non sei tu. Purtroppo né l’una né l’altra sarebbe una strada percorribile, la prima conduce alla rassegnazione, la seconda all’illusione di “crescere”, alla vanità spirituale. Un divieto “non… !” implica la conoscenza del suo opposto, della verità, ad esempio su te stesso, su quelli e quello che ti circonda, sulla (vera) storia dell’umanità al di là delle ipotesi di comodo, sull’origine della vita intelligente, sulla struttura dell’universo, sugli eventuali altri abitanti dell’infinito, sul “futuro” prossimo ovvero una “previsione” logica e non mistica basata sul tuo presente, sulle tendenze generali. Soltanto colui che sa chi è donde è venuto e dove va, può agire in tutta sincerità rispetto a ciò che è, e soltanto colui che agisce coerentemente con la sua vera natura potrebbe osare a non mentire a se stesso e di conseguenza agli altri, di fronte al mondo ed i suoi ostacoli le sue prove in ogni circostanza. Per non mentire occorre avere abbastanza coraggio da mettere i propri interessi “personali” o effimeri in secondo piano quando dovrai sfidare l’establishment, il quale ti chiederà di barattare l’anima (DNA, la tua identità) con i diritti fondamentali dell’Essere umano, che ti spettano. Per non mentire occorre avere abbastanza coraggio da rinunciare al superfluo, perché il non essenziale ha il potere intrinseco di soffocare l’essenziale, in quanto nessuno può amare due “padroni”, ossia andare contemporaneamente in due direzioni diverse. Per non mentire occorre avere abbastanza coraggio da Gioire di esistere quando tutti hanno perso le speranze perché si sono immersi, volontariamente, nelle circostanze. Essere sani di mente significa guardarti intorno e scegliere uno stile di vita che si armonizza perfettamente con quello che tu sei all’interno di un preciso contesto dove e quando sei “apparso” o nato sulla Terra, questo spaziotempo qui ed ora nel quale sei chiamato, ognuno di noi, a manifestare il tuo massimo, tutto quello che puoi dare sul piano filosofico/ spirituale, quello sessuale/ sensuale, e quello professionale. L’Essere umano è come un giardino, che non deve restare incolto e pieno di erbacce, nel caos iniziale di partenza. L’equilibrio tra questi tre piani o aspetti dell’esistenza determina, permette e garantisce lo stato d’Essere originario che le varie Scritture chiamano essere “santi”, in realtà essere sani nella mente. Il futuro di questa civiltà dipende dal fatto se almeno una parte dell’Umanità vorrà o meno concentrarsi sulle sue priorità accantonando l’accumulo delle ricchezze, un’attività tipica degli umani poco evoluti e la competizione tra fratelli o altri simili atteggiamenti da branco ormai incompatibili con la moderna scienza la quale ci “obbliga” alla riflessione a 360° sull’utilizzo della tecnologia che ne deriva. Riguardo alla possibilità di cancellare i propri sbagli con un colpo di spugna confessandoti quotidianamente o pagando il sacerdote di turno, evidentemente c’è un equivoco millenario. Alcune vie spirituali, come l’insegnamento del Buddha, indicano una direzione, sei tu che dovresti sperimentare, verificare, raggiungere la chiara visione della realtà insostanziale, impermanente, la vacuità, quindi adeguarti. Anche una variante del Cristianesimo gnostico ha caratteristiche equivalenti, anche se non tutte – chiamiamo questi sentieri “il piano a”. Ma ci sono altre vie, possiamo chiamarle “il piano b”, nelle quali l’adepto non deve sforzarsi a compiere tali prodigi esistenziali, non deve afferrare la Gnosi o la piena conoscenza e coscienza di sé, quello che dovrebbe fare è soltanto affidarsi totalmente alla Sorgente, “gettare” i suoi problemi sul creatore in altre parole rinunciare definitivamente al falso io che lo ha guidato fino a quel momento, quindi sarà il creatore a purificare la mente e il corpo della creatura, a volte progressivamente, giorno dopo giorno, a volte e più raramente improvvisamente. Ora, non puoi accettare di seguire una religione o via di tipo “A” e pretendere i risultati che puoi ottenere esclusivamente appartenendo ad una religione o via di tipo “B”, dunque o fai tu tutto il lavoro interiore necessario o permetti a qualcun altro di farlo al tuo posto fino alla fine perché ti reputi incapace, o l’uno o l’altro, se no non progredisci perché allora si è continuamente sballotati dai venti contrari e difficilmente si sopravvive in condizioni del genere cosicché fai un passo avanti e due indietro. Attenzione a chi ci si rivolge. Quando si prende la strada della “sostituzione”, il piano b, non sempre si sceglie la Sorgente anzi molte volte ci si affida alle forze oscure o alle eggregore negative. In tal caso, tu effettivamente “rinasci”, sei “una nuova creatura” però non a immagine e somiglianza del creatore o creatori ma dell’oppositore, colui che venne per “rubare, uccidere e distruggere” pertanto si diventa una marionetta telecomandata dal personaggio più scemo del cosmo. Ecco perché sentiamo dire i politici e governanti come Bush di essere comandati da Dio. Certo bisogna vedere da quale “Dio”, anche il cornuto universale si ritiene un Dio e si presenta come onnipotente o uno dei potenti. Ognuno prende come il suo “riferimento superiore” colui che gli assomiglia, di più.


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 14 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.