Durata della vita -come percepiamo il passare del tempo-

Home Forum SPIRITO Durata della vita -come percepiamo il passare del tempo-

Questo argomento contiene 1 risposta, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da  civile 5 anni, 4 mesi fa.

Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #49242

    civile
    Partecipante

    La durata della vita

    Infinite sono le sensazioni della durata del tempo.
    Esso dura quanto vuoi, dipende dallo stato d'animo.
    Cent'anni o solo quaranta, la durata della vita é soggettiva, inutile vivere a lungo se non ci siamo mai conosciuti, inutile misurare il tempo con la noia, stabiliamo un unità di misura personale, viviamo la giornata e rinasciamo ogni giorno, costruiamo una vita eterna.
    Attenzione al tempo é un inganno, cinque minuti possono durare un eternità.
    Una persona che ha vissuto un eternità in soli trent'anni, vivendo da essere libero, psicologicamente non condizionato, é come se abbia vissuto un eternità.
    E' il dolce sapore della vita che conta, una vita amara é inutile.
    Il tempo é un inganno, incominciamo prima ad apprezzare la giornata, viviamo il presente, rinasciamo ogni giorno.


    #49243

    Anonimo

    [quote1374676762=civile]
    Attenzione al tempo é un inganno, cinque minuti possono durare un eternità.[/quote1374676762]
    Cinque minuti sono 1,25° di rotazione della Terra intorno al suo asse, perciò “cinque minuti” sono sempre “cinque minuti” – anche se si tratta di un riferimento arbitrario e relativo. Il tempo del pianeta serve per confontare la durata degli avvenimenti comuni a tutti, e per stabilire il loro ordine cronologico, ma è inutile per la coscienza. E' il tempo biologico ma soprattutto quello mentale a variare a seconda della qualità della vita dell'individuo. Fino a che l'uomo si crede corpo, non può che dipendere dal tempo della Terra, quando invece si riconoscerà coscienza, la sua esistenza si svolgerà in assenza di tempo. Allora l'istante può essere l'eternità, concordo su questo, ma non bisogna ignorare che l'istante successivo è comunque un NUOVO istante. Da non confondere, quindi, l'eternità degli istanti ovvero eterno presente in assenza di tempo, con la vita eterna NEL tempo del pianeta, sono due cose distinte. La prima denota evoluzione interiore, la seconda è un dono ai Giusti affinché potessero Gioire dell'infinito e compiere le loro opere senza limiti temporali o di altro tipo dunque non più un tot istanti ma infiniti istanti. La vita ha il significato che tu gliela dai, per questo motivo l'eternità o qualità dell'istante è più importante del numero degli istanti, della loro quantità. 🙂


Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.