energia sessuale

Home Forum SALUTE energia sessuale

Questo argomento contiene 5 risposte, ha 6 partecipanti, ed è stato aggiornato da  karonte 9 anni, 5 mesi fa.

Stai vedendo 6 articoli - dal 1 a 6 (di 6 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #54761

    karonte
    Bloccato

    Altra energia potente è quella sessuale 28-03-09

    In questa energia c'è la potenzialità della creazione,essa domina tutte le cose ,per mezzo di lei tutto il mondo è attivo, l'energia sessuale è amore puro e supremo, dobbiamo essere fieri di avere questa forza dimorante in noi. Voglio raccontarvi una storia successami in prima persona molti anni fa. Studiando un testo di Esoterismo, capitai in un capitolo che parlava dell'eterna giovinezza, in questo capitolo c'era scritto la formula per rimanere sempre giovani ;sapete quale era l'ingrediente Principale? (L'energia sessuale) si proprio Lei; Se si riesce a controllarla in una determinata maniera possiamo rinnovare tutto il nostro apparato immunitario, cosa che io provai a fare ottenendo ottimi risultati .Come tutti i rimedi: c'è sempre un effetto collaterale da pagare,dimostrare più giovane nei confronti dei tuoi coetanei fa insorgere sospetti e maldicenze, sono passati 30 anni dall'ultima volta che usai quella formula, ancora adesso né dimostro15 di meno rispetto alla mia vera età karonte


    #54762

    ezechiele
    Partecipante

    ti riferisci al fatto di far rifluire il liquido seminal eall'interno?


    #54763
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    Non ho capito nulla…


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #54764
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    nn si scherza con la Kundalini … :yesss:


    https://www.facebook.com/brig.zero

    #54765

    mudilas
    Partecipante
    #54766

    renae
    Bloccato

    Kundalini: il Sospiro di Dio

    da “Kundalini – un’esperienza occulta” di G.S.Arundale, dall’opera completa pubblicata da Editrice Libraria “Sirio”, Trieste – su Società Ermetica

    .. L’antica sapienza egizia conosceva il Potere Serpentino, Radice della Terra e propellente verso l’Invisibile. Il faraone era però l’unico tra i dignitari del regno, a recare sul capo l’Ureo, sacra Serpe d’oro. .. Secondo la dottrina orientale, il Serpente, che dorme tra le volute del Centro-Terra, avrebbe il potere di sollevarsi, in virtù di tecniche yogiche, lungo il canale energetico della colonna vertebrale, sino a illuminare il Centro Coronale (sede dell’intelligenza ascetica) espandendo il pensiero dell’iniziato. .. La sua forza è ascendente verso l’alto, e seppellisce i resti psichici dell’antica personalità sotto le macerie delle forme mentali, corrose da questa esplosione catartica e orgasmica. .. La forza di Kundalini, .. il sospiro di Dio, come veniva chiamata nell’antico Egitto, potrebbe essere paragonat[a] alla potenza di una locomotiva.

    L’uomo occidentale .. è istintivamente portato a .. immaginarsi come un Otre vuoto, che la Forza può riempire grazie alla sua semplice intenzione e alla sua debole volontà. La realtà, invece, è che proprio i frutti di quel pieno saranno molto frustranti e dolorosi. In realtà la distinzione del tipo di Forza che si risveglia nell’iniziato, a parità di condizioni, diciamo così tecniche, dipende dal suo progresso spirituale”.

    L’errore di molte Scuole di Esoterismo .. è di favorire l’idea di una coscienza cosmica alla facile portata di tutti, miscelando l’ideale romantico del superuomo con l’azione magica di una Forza sconosciuta. .. Un precoce risveglio della Forza Serpentina [è] di ostacolo, anziché di stimolo, a un’evoluzione dell’anima. .. Sbilanciandosi verso l’alto, il Potere della Terra può causare apparenti illuminazioni nel mondo mentale, ma il suo effetto reale sarà solo di proiettare il pensiero ancestrale dell’uomo-belva nella mente impreparata dell’iniziato, con conseguenze perniciose per il suo equilibrio psicologico e molto imbarazzanti sul piano sociale.

    Tuttavia [ciò] non esclude che ci possa essere un’altra categoria, preparata, di iniziati ..: coloro che comprenderanno il segreto della forza racchiusa nell’Ureo, quando sarà il tempo. Solo allora il Potere della Bestia avrà ragion d’essere nell’anima dell’iniziato, se mai verrà il momento di aprire le porte del Tempio all’invasione di una Forza potenzialmente demoniaca, perché egli alla fine divenga il Signore del Bene e del Male.

    .. Sembra che alla radice della parola ci sia il verbo “KUND”, che significa “bruciare”. Questo ne è il significato vitale, perché Kundalini è il Fuoco in atto di bruciare. Abbiamo ancora un’altra spiegazione con il sostantivo “KUNDA”, che significa buca o ciotola. Con esso ci viene offerta l’immagine del vaso in cui il Fuoco arde. Esiste anche il sostantivo “KUNDALA”, che significa spirale, anello. Abbiamo qui l’immagine di come il Fuoco operi, si dispieghi e si snodi. La parola Kundalini ha la sua origine in tutti questi derivati essenziali, conferendo così una femminilità creatrice al Fuoco, al Fuoco-Serpentino, come talvolta viene chiamato; l’energia creatrice femminile addormentata in una coppa, .. alla base della spina dorsale umana. Il suo risveglio è operato con estremo pericolo, quasi come una calamità, a meno che non si tratti di un individuo capace di tenerlo sotto controllo. E tale potere di controllo arriva solo quando le ultime mete del cammino evolutivo vengono sfiorate, mete ancora non intraviste dalla grande maggioranza degli esseri umani.
    .. I modi per risvegliare Kundalini “variano sostanzialmente in relazione alla nota dell’anima dell’individuo. È auspicabile che il risultato sia un risveglio che penetri una conoscenza più espansa; .. così potrà affiorare l’essenza di ciò che si può chiamare ozono spirituale, nell’emanazione del quale il [soggetto] prende contatto di un Sé nel suo Sé più vasto di quanto egli non abbia mai potuto conoscere entro i limiti della sua attuale incarnazione. E giunge ad una liberazione.

    .. Come un uccello che è finalmente giunto all’uso delle ali. Sbatte le ali, anche se non sa ancora volare. Proprio in quel battito di ali egli inizia a distinguere tra il reale e l’irreale, tra il vero ed il falso, tra l’utile e l'inutile, tra il bello ed il brutto. E benché rimanga costantemente incapace, di adoperare le differenze così messe in rilievo, perlomeno conosce, esperimenta, e prima o poi la conoscenza-esperienza diviene attività fissa. Quando inizia a fare così, allora è giunto il momento per quei primi timidi avvertimenti di risveglio di Kundalini, che infine sprigioneranno in lui per sempre, il Fuoco della vita e porranno sopra di lui il Fiore-Corona della Regalità eterna.

    .. Nel primo bagliore dell’espansione intuizionale, .. il soggetto diviene soffocato nel senso della relazione tra microcosmo e macrocosmo. La coscienza viene proiettata verso quelli che appaiono gli estremi confini della spazio e insieme nella certezza dell’intima unità della sua coscienza. La sua coscienza individuale è una tessera di mosaico nello schema della vita in evoluzione, è una parte specifica della coscienza universale.

    .. Per noi, il Sole è Kundalini “in excelsis”, nel quale viviamo, ci muoviamo ad abbiamo la nostra esistenza. Ciascun Kundalini individuale in qualsiasi regno della natura, in qualsiasi sostanza .. in qualsiasi parte del mondo è parte del Kundalini-Sole. .. Questi rivoletti di Kundalini condividono l’onniscienza, l’onnipotenza, l’onnipresenza del loro sublime Progenitore. [Anche] la Terra ha i suoi centri – ruote vorticanti di fiammeggiante energia – e sembra che una delle funzioni dei Signori dell’Evoluzione sia la regolazione della distribuzione e dell’intensità di Kundalini.”

    .. Una stimolazione generale di Kundalini lungo tutta la spina dorsale, in ascesa e discesa, [fa] conseguire una luminosità distinta. .. Ma dove vi è l’allenamento, la luminosità si espande in fuoco. Ulteriori risultati possono essere attenuti se una vivificazione speciale ha luogo nel cuore, nella gola e lungo la linea tra la metà del capo ed il centro sopraccigliare. Questa vivificazione procede attraverso il plesso solare, fatto che parzialmente giustifica il senso di malessere provato da alcuni. .. Talvolta tali manifestazioni caratterizzano la purificazione dei veicoli, al fine di aiutare la violenta ascesa di un Kundalini più alto e sovrumano. Ciò non significa un risveglio di Kundalini in queste persone, ma solo la concentrazione, l’intensificazione del Fuoco-Kundalini universale, con il risultato che i loro nervi e gli altri canali devono sopportare qualche cosa di più della carica di Fuoco cui sono normalmente abituati.

    .. La nicotina e l‘alcool agiscono in un certo modo su Kundalini, la prima interponendo una barriera tra la forza generale di Kundalini ed il suo operare nei vari canali dell’individuo, l’altro invece sembra agire come stimolatore diretto, risvegliando l’Energia in direzioni sbagliate, o intensificandola in modo sbagliato. .. Tutti i narcotici, le droghe, gli stimolanti, inceppano l’organismo ed interpongono dei miasmi letali tra l’individuo e ogni coscienza superiore.

    Ma ritornando alla stimolazione di Kundalini, .. la luminosità dorsale sembra essere il primo fenomeno, e ciò viene intensificato da condizioni esterne, come per esempio il trovarsi in un’area già magnetizzata, come una chiesa, un tempio – o attraverso l’influenza della musica, del canto, della partecipazione alle cerimonie o al servizio religioso. Oltre allo stimolo del calore luminoso alla spina dorsale vi è anche un risveglio, un calore del cuore, della gola e dei centri mediani del capo, talvolta all’unisono, tal volta singolarmente, conforme al temperamento. .. Per quanto riguarda la gola, la vivificazione che si può talvolta notare, sembra manifestarsi fisicamente come una contrazione momentanea, che veniva attribuita alle ripercussioni dell’infrangersi delle barriere tra il fisico ed il non-fisico, così da rendere Kundalini in grado di vivificare le vibrazioni emesse dalla gola, come nel caso di uno che si trovi a tenere discorsi. Il risultato è un discorso potente, scevro da eloquenza, e stimolante in vari modi l’uditorio che si trova in una diversità di stadi evolutivi.

    Essi vengono immersi in Kundalini, il cui risultato è in stretta dipendenza alla ricettività individuale. La continuità di coscienza, l’affiorare del ricordo degli eventi durante la notte, sono soltanto alcuni degli effetti del risveglio di Kundalini. Ancora più importante è l’energia addizionale che essa elargisce per il mondo esteriore. È un senso addizionale e una potentissima stimolazione dei sensi esistenti, nonché di tutte le altre energie che l’individuo esercita. .. Il mondo è pietosamente messo al riparo dalla scoperta del Raggio Kundalini o ne deriverebbe l’annientamento. .. Ritorna indietro a colpire come un boomerang coloro che ne abusano, che non la considerano con riverenza o che la volgono a fini egoistici.

    Il primo pericolo relativo al risveglio è quello della stimolazione sessuale tale da rendere l’individuo prosciugato dalla sua vitalità nell’ossessione sessuale. Lo scardinamento mentale si lega a ciò. Vitalità sessuale e attività sono strettamente collegate a Kundalini, poiché ambedue sono per loro natura creative al massimo e lo sviluppo dell’una è legato al risveglio ed allo sviluppo dell’altra. Ogni impulso sessuale deve essere sotto completo controllo, sottostare alla volontà dell’individuo e deve essere nella condizione che potremmo definire di sublimazione.

    .. Il secondo pericolo è lo sconvolgersi dell’equilibrio ritmico del fisico per mezzo di una incontrollata stimolazione dei diversi centri del corpo – la possibilità di danno al cuore, al sistema nervoso attraverso il plesso solare, il rischio per l’individuo di divenire menomato a causa di un deterioramento generale del cervello, a sua volta causa di uno sforzo culminante in uno scardinamento mentale. Detti pericoli possono essere evitati purché l’individuo sia in ottima salute, abbia già raggiunto un’ampia base di controllo del Sé, rifletta pacatamente e lucidamente mai in modo ristretto e non sia asservito agli impulsi sessuali, o abbia una minima se non alcuna inclinazione verso il sesso. Non dobbiamo mai dimenticare che il corpo fisico è più denso, e pertanto meno adattabile di tutti gli altri, e che c’è una tendenza a far sgorgare una concentrazione di energia irrorando una zona particolare, senza una distribuzione generale. Se esaminiamo per esempio il corpo astrale e il corpo mentale, notiamo che ciascuno è come un grande organo. .. Il cervello agisce come il principale canale di comunicazione tra il corpo fisico ed il corpo astrale [e] tra il corpo fisico ed il corpo mentale. .. Possiamo pertanto, visualizzare i corpi interiori come una pressione che si eserciti attraverso tutto il corpo fisico, ma con il punto più forte di pressione alla congiunzione del cervello. Il cervello sopporta l’urto con relativa facilità, in casi normali, poiché soltanto pochi e minuscoli canali in realtà possono aprirsi tra i diversi corpi. Ma Kundalini fluisce inarrestabilmente, a prescindere dai suoi canali normali, in modo da vivificare quei centri che sono più sensibili, che hanno maggiore ricettività. Da questo momento la già esistente concentrazione sarà intensificata in modo notevole, quando l’organo in questione sta già sopportando una fortissima carica.

    Un individuo in cui Kundalini si sta ridestando, certamente si trova in uno stato di forte tensione.

    Egli sarà incline a vivere in modo intenso. Avrà probabilmente profonde concentrazioni di energia nei diversi organi, concentrazioni varianti d’intensità a secondo dell’uso alternativo che egli ne fa. Kundalini potrebbe ben essere la classica “goccia” e far piombare lo sfortunato individuo in un’oscurità crudele, se non è un atleta dello spirito, esercitato a sopportarne lo sforzo.

    .. Entreranno in essere, a questo punto del processo evolutivo, i canali tra i mondi interiori e l’individuo che vive per lo più nel mondo esterno. Ma tali canali con ogni probabilità non sono profondi e se improvvisamente un flusso di energia forma un vortice attraverso di essi, potrebbero anche. “scoppiare” e portare alla catastrofe. Quando il corpo fisico, il corpo emozionale e mentale iniziano a dissolversi nei loro corrispondenti maggiori, come nel caso di coloro che sono giunti al termine dell’esistenza umana, .. allora Kundalini fluisce spontaneamente e senza incontrare che una minima resistenza. Inizia ad esistere solo un unico Fuoco, una unica vita. Negli stadi iniziali la massima circospezione è assolutamente necessaria poiché il Fuoco Serpentino non fa discriminazioni. Esso consuma. Fluisce lungo i conduttori di minor resistenza, e talvolta questi meridiani possono condurre in basso e non verso l’alto, con indescrivibili effetti disastrosi.

    [Kundalini] abbatte le barriere e rende la via libera a tutti gli intenti: .. spalanca [le] cateratte fino a quel momento aperte, lentamente e per grado, in una misura molto limitata per un individuo. Vi è allora la comunicazione completa fra tutti i corpi, benché l’uso e l’interpretazione di tale comunicazione necessiti di tempo considerevole, dopo che i preliminari della comunicazione sono stati stabiliti. I corpi inferiori iniziano a riflettere con chiarezza crescente le caratteristiche dei corpi superiori – mentale inferiore e superiore e Buddhico. Gli stati di coscienza iniziano a compenetrarsi sì da far sorgere una continuità di coscienza fino allora sconosciuta. Ciò significa una sensibilità di molto superiore rispetto a tutti i corpi, richiedente un gran controllo del Sé, che viene così messo a fuoco. La totalità del corpo fisico, diventando uno strumento meravigliosamente sensitivo, emergendo purificato da ogni legame con ciò che lo circonda, può pertanto essere frantumato [dall'] impatto con .. vibrazioni esterne violente e rudi. Una sana costituzione è perciò la condizione sine qua non per il risveglio di Kundalini, cioè quella di un adulto piuttosto che quella di un giovane. Benché la totalità del corpo fisico diventi straordinariamente più sensibile, il cervello deve sostenere lo scontro. La pressione del cervello è aumentata maggiormente, giacché il cervello è la principale congiunzione tra il corpo fisico ed i corpi interiori.

    Può il cervello sostenere lo sforzo? È forse questa la questione principale che ci si pone sul risveglio di Kundalini. [Il cervello] deve necessariamente piegarsi per non spezzarsi, “adattarsi” sarebbe più esatto. .. Se ciò avviene tutto va bene. Ma è la rigidità che è fatale, e per rigidità non s’intende semplicemente rigidità fisica, ma rigidità mentale ed emotiva; una cristallizzazione o come un ispessimento di alcune parti del corpo mentale, .. che crea delle scanalature che possono rompersi senza espandersi. .. La saggezza del saper ridestare Kundalini dipende in gran parte .. dalle condizioni del corpo mentale inferiore e del corpo emozionale, e dalla misura in cui i canali Causale e Buddhico iniziano a stabilire un contatto e ad esprimersi. Ma bisogna tener anche conto delle condizioni fisiche.

    .. È chiaro dunque il pericolo di risvegliare Kundalini senza ponderata precauzione e senza guida alcuna. .. I risultati .. potrebbero nuocere anche alle persone vicine ed estendersi a tutta la comunità. .. La via dell’occultismo è costellata di naufragi. E credo che la via che porta al risveglio di Kundalini ne sia cosparsa ancora in misura maggiore. La poca conoscenza è una calamità.

    http://www.fenice.info/start.asp?p=/wisdom/kundalin.asp

    Namasté, Karonte.


Stai vedendo 6 articoli - dal 1 a 6 (di 6 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.