I 10 Pinricpi dell'Amore

Home Forum SPIRITO I 10 Pinricpi dell'Amore

Questo argomento contiene 1 risposta, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da  windrunner 10 anni, 2 mesi fa.

Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #39958

    windrunner
    Partecipante

    Splendide persone di AG,
    oggi mi stavo ponendo tante domande… sul bene e sul male… se è giusto che tramite le tecniche che imparo io possa manifestare a piacimento e realizzare il mio sogno di aiutare tantissime persone in tutti i modi possibili, ho letto l'articolo di Negue sulla chiesa ed anche altri… e tutto questo mi aveva messo un po in agitazione… anzi, nel dubbio.

    Infondo la chiesa della quale mi sono sentito “succube” per molto tempo propina cose che davvero non sembrano provenire da una coscienza universale ed amorevole mentre ciò che imparo e sento giornalmente sono più vicini al mio essere… ma cerco di stare attento anche a non cascare in eventuali situazioni…
    insomma… un bel casotto no?!?!?!

    Spesso e volentieri quando mi trovo in queste situazioni di “dubbio” mi capita che il giorno dopo trovi in internet “casualmente” (anche se dentro sento che non è così) qualche articolo o spunto che scioglie il mio nodo.

    Bene, il nodo che avevo oggi era abbastanza intricato… e non so perchè… ho trovato un bellissimo articolo… non so chi lo abbia scritto, non ne ho idea… e non mi interessa perchè questo che sto per postare è forse l'articolo più bello che abbia mai letto ed è quello che più ho sentito vicino a me in tutta la mia vita…

    Chissà quanti si sentiranno “vibrare” leggendo queste parole…
    Ognuno tragga il messaggio che gli è dedicato… 🙂

    I 10 Principi dell'Amore

    Primo Principio: “Le mille forme dell’Amore”

    “Se vi sentiste tutti legati da fraterno amore, avreste realizzata l’unità in me, e vi sarebbe palese il mio essere verace. Perciò voi, discepoli, il cui zelo vi spinge a trarre dai cuori fede per l’essere mio, accingetevi prima ad amare intensamente, poiché solo così io risiederò in voi, vi assisterò, vi condurrò per sentieri lucenti e fruttificherò in voi la sapienza mia. Solo colui che ama può penetrare i cuori. Vivendo esso con l’amor suo in me, per la grazia mia strapperà quei cuori dall’ombra. Nell’amor vostro vi sono gli elementi vitali della mia luce, essi pervengono a voi dall’amore mio infinito per mezzo della vostra fede. Così sarete apportatori di me stesso a coloro che gemono nelle tenebre e comunicherete loro il mio essere senza fine, poiché io sono pane e vita da cui ogni bontà procede. Ecco il mio cuore aperto a voi, donatelo a coloro che voi amate affinché essi amino la fonte del vostro amore. Da qui nasce la perfetta sapienza. Dispensate perciò il fratello vostro, la cui mente gli vieta di comprendere la forma con cui voi amate, da fatiche letterarie sul mio riguardo, affinché non atrofizziate il suo cuore nella sterile comprensione di un credo formalizzato da troppi irti pensieri. Non imponete a lui la vostra teoria, ma date l’amore da cui ogni disciplina procede. Solo così creerete in lui un terreno più vantaggioso per lo sviluppo della sua coscienza e del suo progresso per la conquista dell’amore mio. Questo è il capitale principio. Pensate ancora che imponendo la vostra dottrina e scorgendo solo in essa la mia luce, mi isolate in un certo modo dal vostro prossimo e usate violenza al mio Essere Universale rivelato in tutte le forme materiali e intellettuali, poiché io sono verità e vita e amore in ognuna forma da me stesso manifestata. Io sono l’unico apostolo, l’unico istruttore del mondo, l’unico pensiero, l’unico amore verace che riscalda come il sole il giardino della mia vita. Ogni creatura, ogni pensiero, ogni forma è un fiore sorto dal mio soffio, poiché nel mio petto vi sono tutte le forme, tutti i pensieri, tutte le scienze che voi, ignari della mia grandezza, vi spartite e vi contrastate come cose contraddittorie. Ma esse al mio cospetto sono una unica cosa, poiché io sono la “non forma” di tutte le forme. Così è, il mio diletto essere, amato in mille modi diversi, poiché i modi e le forme non contrastano lo svilupparsi di un cuore puro al quale io solo guardo. Se voi mi amate, non disprezzate il mio amore per il prossimo vostro comunque da me manifestato. Solo amando tutte le forme amate me che sono l’onnipresente. Colui che mi ama solo nella propria forma personale non può testimoniare della mia suprema bontà. Se voi quindi mi amate, non imponete la vostra forma di amore a chicchessia, affinché voi non distruggiate la mia opera e non mi togliate un amore; altri, sotto forme differenti, possono racchiudere un cuore più puro del vostro cuore e a me assai più accetto. Il verace amore delle mie creature è individuale, non imparato da dottrine e da sermoni, ma conquistato: poco importa il come e il quando. Così fui e sono amato dai santi miei che furono, e da coloro che sulla Terra vivono oggi non palesi, in mille forme diverse. In ogni uomo la forma del mio amore muta. Poiché la mia impersonale ed infinita bontà vuol fare di ognuno di voi un piccolo dio personale”.

    Secondo Principio: “La contemplazione dell’Amore”

    “Quando uno vi parla di me con l’intenzione di farvi accettare la forma con cui egli mi ama e mi crede, pensate che egli non sa amarmi abbastanza, poiché egli vi vuole togliere a me, che vi amo così come mi credete. Il vero amante dà per ognuno che ama un diverso amore. Io sono il vero amante poiché l’amore vero non può amare due creature nello stesso modo. Mi ama di più colui che sa contenere nel proprio cuore le multiple mie forme con le quali irradio il mio amore e con le quali l’ho già manifestato nel segreto dei tempi secondo i miei segreti fini. Io sono ciò che fu, ciò che è, e ciò che sarà, in un tutto che è uno e multiplo, e sopra a cui risiedo. Chi mi ama nell’intero, senza ripugnanza alle forme, non sarà da me ripudiato. Io do’ di me e paleso del mio vero essere tanto quanto è capace ognuno di scorgere di me stesso che sono universale. Voi avete aperta la via al mio cuore, ma natura vi trattiene come bambini legati, per l’ombelico che li nutre, al seno della madre. Ma colui il quale sa amarmi dentro il cuore di tutte le creature mie, e che in ogni creatura mia mi contempla, mi ama veramente: “sia nei multiformi minerali, nel fuoco, nelle acque e nell’aria; sia nelle piante, sia negli insetti, negli animali; sia negli uomini, sia nelle miriadi di creature invisibili, dall’inferno al sommo, che vivono dentro la terra o nel più alto dei cieli ed alle quali ho dato per ognuna speciale espressione di vita e di ideali speciali secondo il bisogno della mia vita e della loro vita”. Chi sa amarmi così, mi ama veramente, poiché in tutto ciò è la volontà della mia manifestazione perché si compiano i fini della mia onnipotenza”.

    Terzo Principio: “La comprensione dell’Amore”

    ” Se voi mi comprendeste in tutte le mie forme, conoscereste che io sono sempre lo stesso padre pietoso. Una sola è la morale, come uno io sono. Esigendo voi la morale, secondo le vostre usanze, provate che voi non riconoscete in ogni usanza il mio essere universale che ha sede in ogni uomo. Ogni morale è al servizio mio e per i miei fini. La morale muta col mutare del compito ad ognuno assegnato, secondo tempo e luogo. Ma, se voi mostrate con l’esempio di adempiere perfettamente il vostro compito, voi insegnate, allora, che la morale è di eseguire perfettamente i principi che l’amore mio vi ha messi nel cuore. Siate puri come bambini innocenti, e non pensate che questo o quell’altro sia male, ma operate innocentemente e servitemi senza indagare il perché del compito che io vi ho assegnato nel mondo, poiché voi siete un’infinitesima parte dell’intero mio essere e solo io conosco il fine del travaglio universale. Se voi insegnate al mio servo fedele sul come egli debba comportarsi, implicitamente confessate che voi stessi non siete esatti nel fare la mia volontà e che altri potrebbero fare lo stesso con voi, mentre la mia volontà vuole rispetto alla mia opera d’amore. Non fraintendete però, apostoli di fede e voi che non mi avete, ma leggete con lo spirito giusto col quale io parlo. Non dico: non catechizzate: ma quando insegnate tolleranza non siate voi stessi intolleranti e senza amore, e prima di evangelizzare altri evangelizzate il vostro cuore; fate tacere la vostra mente portatevi alla mia mente. Vi dico che voi non potete sostituirmi in quella sostanza che solo io posso dare. Questa sostanza è la grazia che risponde al nome custodito nel seno di ogni essere e che soltanto io conosco.”

    Quarto Principio: “La carità dell’Amore”

    “Se voi fate la carità a qualcuno che langue, sono io stesso che la faccio al mio figliuolo, poiché è mediante la grazia che vi ho messo in cuore che voi mi rappresentate nell’amore. Ma se voi dite alla gente che avete aiutato un vostro simile che supponevate nella miseria, mancate di riguardo verso di me lasciando capire che sono un padre crudele, senza compassione, e che sono un avaro. Io creo di continuo occasioni favorevoli, ma siete voi che impedite, con la vostra durezza, all’amore mio di manifestarsi, non lasciando entrare la mia grazia nel vostro cuore. Vi dico dunque che se voi agirete compresi nel mio amore universale, con la tenerezza con la quale io amo gli umili ed i sofferenti, agirete sapientemente, perché farete la carità a me stesso che vivo in tutti gli esseri, e la farete a voi pure, che vivete nel mio essere universale. Quando voi date, non potete dare niente che sia vostro, poiché tutto proviene da me. Solo la conquista del riconoscimento della vostra nullità vi appartiene. Così, quando la famiglia umana si sorreggerà per impulso di dare invece che di prendere, non vi saranno più lacune ne miserie, e la volontà mia sarà fatta. Nel prendere la forma d’uomo, ho dimostrato che la famiglia umana è lo stesso mio corpo. Colui che non opera caritatevolmente si stacca dal mio corpo. E’ interesse di ogni figlio quello di lavorare per il padre. Ma sono io stesso che opero in voi perché voi abbiate ad operare in me. I beni e l’amore che vi vennero dati non sono per voi, ma perché voi elargiate sapientemente, secondo i bisogni, per il sostentamento del corpo e dello spirito della famiglia umana. Nulla è buono se non è solidale in me, come io sono solidale in voi. Questo è l’amor mio, e deve essere la vita vostra.”

    Quinto Principio: “Il potere dell’Amore”

    “Se volete essere veramente miei, è opportuno che distruggiate la vostra persona, e questa non è uccisa finché voi pensate di avere dei nemici e li disprezzate. Pensate sempre che della vostra sofferenza non è causa il vostro persecutore ma voi stessi ne siete la causa, perché avete materia da perseguitare. È perché impariate a conoscervi e perché abbiate occasione di vincere la vostra persona e il vostro amor proprio che io metto il persecutore sulla vostra strada, onde sappiate abbandonare ogni presunzione vostra ed ogni riguardo alla vostra persona, e, presto liberati, possiate essere tutti miei. Amate il vostro nemico, col pensiero che egli opera per mia concessione, come un sovrano rimedio per il bene vostro supremo. Questo è necessario che voi sappiate: egli nulla potrebbe contro di voi se io non lo volessi, come nulla potrebbe se voi aveste vinto voi stessi. La mia volontà è di attirare tutto al mio cuore; e la compassione mia sta nell’insegnarvi a lottare per liberarvi dalla vostra ombra”.

    Sesto Principio: “L’alchimia dell’Amore”

    “Vi sono sofferenze che dovete subire perché causate a suo tempo da voi stessi , ed altre sofferenze che dovete subire, da voi create recentemente. E’ necessario che voi guardiate ognuna di queste cose come comprese nel compito vostro, lavoro sperimentale della vita stessa, per conoscere i vostri poteri e svilupparli. Se voi analizzate diligentemente tale vostro lavoro, vedrete che esso null’altro è che il mirabile piano evolutivo a mezzo del quale io vi libero dal potere involutivo per rendervi indipendenti dalla carne e assoggettarla a voi, e osserverete grado grado, sempre più da vicino, come voi stessi possiate essere gli alchimisti della vostra trasformazione e come, col mio mezzo, possiate trarre dalla vostra greggia natura l’oro purissimo che è in voi, la vostra particella divina. Scorgerete ancora gradualmente, dopo ogni conquista, che tutto il male che voi avete sofferto dipende dal disaccordo della vostra mente con la vostra coscienza, poiché la mente vostra è ancora figlia della vostra carne, mentre la coscienza è figlia del vostro ego, cioè di quell’ipse – ipsum che dà impulso alla vostra volontà per distruggere la mente. Da qui la lotta della mente, costruzione millenaria di folli realtà, che rifiuta di cedere il comando all’ego per non perire. Ma l’ego vuole signoreggiare sul vostro cuore, poiché esso risiede nel mio cuore. Esso è il vostro sé reale che vuol distruggere l’irreale; è mio il servo fedele, il vostro angelo custode, il mio essere stesso. Lo spirito mio avanza sulla materia e combatte i suoi fini, facendola deviare dall’opera sua involuta. Ma l’essenza vostra è universale. La personalità e l’amor proprio procedono dalla carne e sono chimeriche realtà che devono disintegrarsi. Voi ancora soffrite perché vi isolate da me, costruendovi un muro a difesa della vostra persona. Ma l’ego è l’individuo ed è mio nella libertà del tutto. La persona si limita nei confini della carne. L’ego aleggia libero nell’infinito universo. La mente della persona è la stessa mia mente e vive nell’eterno. L’ego è quindi il vostro giudice inesorabile; esso stabilisce i termini di confronto fra il ragionamento personale e la coscienza universale alla quale si riferisce. Luce riflessa nel vostro cuore dall’ego vostro che vive nella luce del mio cuore. Esso vuole strappare il cuore vostro alla mente e liberarlo dalle passioni dei sensi; anche per ciò voi soffrite, perché senza il vostro cuore mancherebbero alla carne gli impulsi che riceve dalla mente che potentemente soggioga, ma la carne perderà il suo potere se, per servire ideali più alti, l’alleanza del cuore viene a mancarle. Il vostro cuore si libera e si purifica mediante il graduale abbandono della vostra mente in ragione della carne sacrificante; per cui, la carne, a sua volta, abbandonerà la mente. Ubbidite al vostro ego che è luce e che la mente individua nel pensiero universale, dove solo è pace: fra le mie braccia.”

    Settimo Principio: “Gli inganni dell’Amore”

    “Assimilate in voi tale verità, poiché la sofferenza vostra è dovuta allo smarrimento della vostra mente allorquando vede crollare il castello delle sue illusioni che, rese sensibili a mezzo della carne, credeva imperiture e veraci. Voi dovete imparare che dalla vostra morte dipende la vostra vita reale. La mente carnale si fa forte della mia misericordia e della mia indulgenza, si che io debbo raddoppiare la mia compassione con l’accentuare il dissidio fra la vostra mente e il vostro cuore per più acerbi dolori, onde la mente non renda subordinata la carne, ricevendo compiacimento e forza dalla carne stessa, e non tolga la mia luce dal vostro cuore. Abbiate sempre presente che questo circolo di inganno non si chiuda, e la corrente del vostro pensiero non sia obbligata a passare continuamente per la carne, escludendomi da voi. Voi siete la mia luce e la mia vita concentrata nel vostro ego: “microcosmo” che io racchiudo nel mio cuore universale. Abbiate cura che la corrente del vostro pensiero aleggi libera nella spira eterna che non si chiude.”

    Ottavo Principio: La lotta dell’Amore”

    “Voi potete costruirvi una mente subordinata alla carne, subordinando la carne stessa alla vostra mente, tanto che carne e mente combacino così esattamente da imprimervi la certezza che questo sia il fine supremo della vita. Una mente così costrutta potrete spingerla alle più logiche e sottili conclusioni; e allora, siccome non conoscete altre vie, crederete che tale sia la via maestra e l’unica via. Ma molte sono le vie per le quali si giunge a me; finchè voi non riconoscerete che tutte queste vie mi appartengono, non giungerete al vertice ove si fondono in un unico sentiero, e non potrete scorgere il faro della mia luce. Però, a chi conosce perfettamente una sola delle mie vie, è dato conoscere tutte le altre. Io sono l’iride delle sette vie, e colui che non conosce le sette vie non conosce la sua via. Ma la via della mente vostra è fallace ed illusoria; essa parte dalla carne e ritorna alla carne. La mente vostra che è generata dalla carne, vuole escludermi per gli interessi della carne stessa, e pone così l’opera mia manifestata come principio e fine a dimostrazione della fallace verità. Io sono l’immanifesto creatore di ogni manifestazione, e porto in me la vostra essenza senza fine. Vigilate affinché la vostra mente non calpesti il vostro ego e non lo separi dal vostro cuore. In questo caso esso perderebbe il controllo sul nefasto lavoro della vostra mente, e conseguentemente separerebbe me stesso da voi. La mente che si crede la dominatrice si involve nella logica ferrea dei sensi ai quali è soggetta, subordinandosi i sensi stessi per costringerli a quei responsi che le devono dare le soluzioni interessate, conseguenti al servizio che essa presta alla carne. Mente e carne sono due alleati che hanno bisogno di lottare strettamente uniti per non perire; e sono parimenti nemici che tentano di superarsi, individui dalle astuzie più raffinate che lottano per la loro esistenza con metodo ed organizzazione indipendenti come dei veri esseri dentro il vostro essere. Ma saranno i fattori stessi della vostra liberazione se saprete fare di essi l’uso che conviene, imponendo loro la vostra volontà contraria. Io sono colui che nessuno conosce, poiché sono la Verità e la Vita senza principio e senza fine; sono fuori e dentro di voi e di tutte le mie creature. Guardatevi dunque dalla superbia della mente; voi potete facilmente costruire la logica della materia, facoltà inerente alla mente carnale circoscritta dai suoi bisogni, e dalle esperienze di cui si nutre; ma tutto ciò è solo la parte infera, a voi manifestata, della mia opera eterna. In essa potete involvervi come il filugello nel bozzolo che lo racchiude, separandovi dal vostro ego, unico testimone della mia essenza immanifesta; e così pure, per un ciclo ancora separarvi dal mio cuore.

    Nono Principio: “L’esaltazione dell’Amore”

    “Con volontà e padronanza di voi stessi venite risolutamente a me. Io sono pane e vita e da me ogni bontà procede. Tutto ciò che vi è utile al presente fu già da me stabilito “ab aeterno”; e tutto ciò che sarà utile, per successione dei tempi, al vostro vero essere per la conquista dei requisiti necessari per giungere a me, io ve lo darò. E se non dubiterete di nulla, vi sarà dato sopra misura. Separatevi dall’ombra vostra se volete conoscere ciò che molte grandi intelligenze non sanno, ciò che molti re della terra ignorano. Abbandonatevi fra le mie braccia; io vi condurrò, vi paleserò i miei segreti, li scriverò nel vostro cuore con caratteri indelebili ed eterni e sottometterò a voi molte creature mie. “bussate ed io vi aprirò”.

    Decimo Principio: “La tolleranza dell’Amore”

    “Nell’aiutare qualcuno dovete usare un grande controllo sui vostri detti. Non crediate di fare sempre del bene quando pensate di aiutare un fratello; per quanto il vostro impulso sia buono ed io mi compiaccia di esso, può darsi che voi facciate il contrario di ciò che a lui abbisogna, ostacolando così il suo progresso. Sappiate che una prova sicura dell’aiuto che voi gli date sarà la riverenza che egli mostrerà per i vostri detti, l’umiltà con la quale li accoglierà, la pronta sua assimilazione ed il rispetto che voi gli imporrete. Il vostro parlare, come una musica a lui nota e fino allora nascosta, rivelerà in lui le verità mie, nel tono fondamentale che io gli ho dato. Egli sentirà in cuore tutta la riverenza vostra per la di lui forma, perché, essendo essa creatura dell’amor mio, la vostra riverenza giungerà fino a me che vivo in lui; onde la mia gioia, riversandosi nel suo cuore, si rifletterà, per eguale consenso di devozione, in voi che vivete pure nel mio amore. Se volete servire me, che sono verità assoluta, non appoggiatevi troppo alla vostra teoria, poiché anch’essa, essendo personale, è pure temporale, e potrebbe, anche se onestamente professata, sviarvi dal vero eterno mio segreto. Consultate, prima di operare il bene, la vostra coscienza che è il vostro ego nel quale io riposo. Esso solo può dare l’impressione intuitiva ai vostri sentimenti, poiché esso vive in me che sono coscienza universale, come io in lui; quindi, non può ingannarvi. Colui che non ha formato il canale che lo unisce alla scintilla divina che vive in me, non può dare un utile e sicuro lavoro. Se voi sarete abbastanza impersonali da essere sensibili al vostro ego, sentirete chiaramente che esso ostacolerà le azioni ed i pensieri vostri che non rispondono alla coscienza universale; poiché, vivendo esso nella non forma, vuole l’armonia di tutte le forme. Armonie diverse ed infinite sono il mio eterno linguaggio, mediante il quale parlo in tutti i cuori. Questo linguaggio è il canto della vita che proviene dal mio impulso d’amore. Sono le corde dell’armonia universale in me racchiusa e a voi cantata dal mio petto quale lode a me stesso. Esse vibrano e si fondono in infinite armonie e colori. Come potete mai voi rendervi colpevoli di toccare a vostro piacimento, a vostro talento le corde della mia cetra per la vanità di sentirla vibrare secondo il vostro tono, e turbare così l’armonia del mio amore? Se siete molto più del vostro fratello, la vostra opera è quella di aiutarlo a rendere perfetto il tono della nota fondamentale che io gli ho data riversando in lui il vostro amore in mio nome; rafforzerete così il suo potere. Ma guardatevi! Poiché molti fra voi, perché ardenti nella propria fede o perché ministri di un culto, credendosi i maggiori, combattono i miei migliori servi soltanto perché non mi lodano con le loro stesse parole. Io sono colui che misura i cuori e che ama il saggio che mi serve senza turbare il ritmo dell’opera mia, eterna e senza tono.

    Fonte: http://www.associazionesaras.it/Spiritualita/Spiritualita.asp?IDSpiritualita=748


    #39959

    mudilas
    Partecipante

    sto leggendo un libro di coelho, “Monte Cinque”, e mi sono reso conto che la percezione del divino è illusoria, quanto neccessaria, quanto il rilassamento prodotto dall'alcool o da un antidolorifico.

    se tutto viene da noi stessi


Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.