i bambini e la societa.

Home Forum SPIRITO i bambini e la societa.

Questo argomento contiene 26 risposte, ha 15 partecipanti, ed è stato aggiornato da  davide 9 anni, 9 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 27 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #42467

    davide
    Partecipante

    mi ricordo,nella mia adolescenza,il rispetto verso le persone anziane,nonno nonni,sconosciuti,il saluto,anche se non si conosceva una la persona anziana,eravamo educati cosi,e se si osava offendere uno di questi le si prendeva.(ringrazio i miei genitori di avermi educato cosi)
    adesso guardo questa generazione guardo i miei nipoti, a 11 anni sembra che sovrastino i loro genitori,ma gia dai 5 anni a salire mi accorgo che qualcosa e cambiato,(l'ineducato e sempre esistito,ma adesso sono aumentati a causa di una maleducazione)l'educatori hanno perso il controllo delle redini.
    alzano la voce con i genitori,e con gli anziani,x non parlare del linguaggio,l'umilta del rispetto dell'abbassarsi verso i piu anziani calpestata.
    sembra che io respiri l'aria di 30 anni or sono ma quancosa nell'aria e cambiata.
    chi e piu avanti nell'eta si riconosce nel mio dire.


    #42468

    narvik
    Partecipante

    Non so quanti anni hai te io ne ho 40 finiti da poco, ho due figli (16 mia figlia e 12 e mezzo mio figlio), e concordo con te la nuova generazione non ha rispetto per le persone e per le regole, e sopratutto non è disposta a fare sacrifici per ottenere qualcosa (non è mai bello generalizzare, ma questo atteggiamento lo ho notato in molti ragazzi/e della età dei miei figli). La colpa sicuramente in gran parte è di noi genitori, che troppo spesso non parliamo con i Ns. figli, li lasciamo crescere da soli davanti al computer e alla TV, non abbiamo mai tempo per loro e le poche volte che ci chiedono un consiglio li liquidiamo con la solita frase “non ho tempo per queste c…..e, ho mille cose da fare”. Intendiamoci non è che anche io abbia troppa simpatia per i luoghi comuni, e molte stupide regole (dette e non dette) “imposte” da questa stupida società. Ma l'atteggiamento di arroganza, superbia, e a volte violenza fine a se stessa che ho avuto modo di riscontrare in molti adolescenti è sconcertante. Un esempio molto probabilmente può spiegare meglio quello che voglio dire; qualche giorno fa' mia figlia che frequenta la classe seconda del Liceo scientifico, mi ha detto che un figlio di una professoressa è stato picchiato solo perchè quest'ultima aveva espresso il proprio assenso per la sospensione di un alunno. Tutto ciò sinceramente non mi sembra normale, e più che altro non mi sembra normale tutto l'assurdo buonismo di chi invece dovrebbe prendere severe e drastiche misure per combattere questi casi che purtroppo sono in crescita esponenziale. Contestualmente alle severe sanzioni si dovrebbero obbligare i genitori a frequentare un istituo “correttivo” per fare capire loro che i figli oltre ad essere una gioia sono una ricchezza e non un peso di cui sbarazzarsi prima possibile!!


    #42469

    lila
    Partecipante

    I ragazzi di oggi sono ribelli alle regole come erano i ragazzi di altre generazioni.
    Non rispettano gli anziani ?
    Li rispettano forse i figli che li lasciano con la badante o in qualche casa di riposo perchè
    per ragioni vuoi di lavoro che di egoismo personale non li vogliono tenere?
    I ragazzi sono così perchè noi li abbiamo cresciuti dandogli tutto .
    Forse perchè stando poco con loro abbiamo voluto ripagare la nostra mancanza con beni materiali non facendogli mancare nulla.
    Credono ancora nei valori ma spesso ricevono degli stimoli dal mondo esterno che li mette in confusione.
    I miei figli mi hanno sempre rinfacciato che non ho insegnato loro a tirare fuori le unghie per difendersi dalla cattiveria di questa società e che il mondo non è roseo come credo io.
    Loro sono il frutto dei nostri errori come genitori nel bene e nel male.


    #42470

    davide
    Partecipante

    e con l'eta siamo la,a testimonianza che cio e combiato in pochi decenni.
    vivendo in un paese di piccolo mi ricordo,che noi ragazzi
    avevamo almeno 20 tipi di giochi x passare il tempo x le strade.
    tutto e scomparso,sono stati sostituiti con….
    mi ricordo anche chi faceva uso di stupefacenti si contavano sulle dita di una mano.
    adesso si potrebbe dire che si contano sulle dita di una mano chi non ne a fatto uso e forse su due chi ne fa attualmente uso.
    la cosa preoccupante e che si e passati ai stupefacenti sintetici procurando cambiamenti nella personalita di chi ne fa uso,a volte provocando danni irreparabili.
    molto spesso i ragazzi non affrontano i problemi e si illudono di risolverli con questi stupefacenti.
    vero e anche visto il dilagare di questo fenomeno,non e facile trovare amici, e condividere gli svagli i divertimenti in modo sano e salutare,molto spesso se entri in una comitiva di amici e questi usano tali droghe o ti adegui ho difficilmente sarai accettato,o se ti accettano ci sara sempre la tentazione di provare,e dal provare ce il rischio di essere risucchiato in una spirale in cui molto difficilmente se ne puo venir fuori.


    #42471
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    si, non è vero sempre, penso però anche io che il fenomeno sia aumentato, ma questo è il frutto della degenerazione crescente nel tempo della società.

    Però l'onda negativa la si combatte con un'onda opposta e positiva.


    #42472
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    [quote1234881747=davide]

    mi ricordo,nella mia adolescenza,il rispetto verso le persone anziane,nonno nonni,sconosciuti,il saluto,anche se non si conosceva una la persona anziana,eravamo educati cosi,e se si osava offendere uno di questi le si prendeva.(ringrazio i miei genitori di avermi educato cosi)
    adesso guardo questa generazione guardo i miei nipoti, a 11 anni sembra che sovrastino i loro genitori,ma gia dai 5 anni a salire mi accorgo che qualcosa e cambiato,(l'ineducato e sempre esistito,ma adesso sono aumentati a causa di una maleducazione)l'educatori hanno perso il controllo delle redini.
    alzano la voce con i genitori,e con gli anziani,x non parlare del linguaggio,l'umilta del rispetto dell'abbassarsi verso i piu anziani calpestata.
    sembra che io respiri l'aria di 30 anni or sono ma quancosa nell'aria e cambiata.
    chi e piu avanti nell'eta si riconosce nel mio dire.
    [/quote1234881747]

    E' vero.

    Pensa che quando ero piccolo io, avevo paura dei grandi, del loro giudizio o dei loro rimbrotti, anche se erano dei perfetti sconosciuti. Sapevo che il grande era grande ed io ero piccolo. Oggi non lo sanno più in parecchi…


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #42473

    deg
    Partecipante

    Quelli della mia generazione hanno tentato (credo, spero) di spiegare ai propri figli la differenza tra aver paura dei grandi, e rispettare i grandi.

    Non era più accettabile questo finto rispetto nei confronti degli adulti, era soltanto un scimmiottare la società di allora. Obbedite, anche se non capite il perché, noi lo sappiamo, fidatevi! Una società del genere era assolutamente adatta all'epoca del dopoguerra, faceva comodo affidarsi alle decisioni di alcuni, ma poi….?

    Poi, con il benessere riconquistato, si è passato dall'obbedienza cieca all'apprendimento del rispetto. Solo che era un pò più complicato: il rispetto si merita!
    Ottenere il rispetto solo perché hai i capelli bianchi, non esiste più! :hehe:
    Perciò si tente di sembrare più giovani… =_= n

    E c'è chi invece non si è nemmeno dato la pena di cercare di imparare il rispetto o di insegnarlo. Con il benessere si è dato alla pazza gioia, alla scoperta degli eccessi e tutte le sue nefaste conseguenze…. Scelta loro, ma spero solo che non abbiano fatto figli……


    #42474

    Spiderman
    Partecipante

    A me il rispetto lo insegnavano con le buone o con le “cattive”, è vero che i “ragazzotti” di oggi non eccedono nel campo del rispetto, ma è anche vero che vivono -viviamo- in un incredibile marasma. Questa ovviamente non è una giustificazione, ma con una società allo sbando come quella odierna preda dei media e di falsi miti, di arrivismo e competizione diventa difficile a quell'età trovare la strada giusta. Fortunatamente non tutti sono così da qualche parte il rispetto c'è ancora.


    #42475
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Le pecore depongono le uova e le farfalle fanno il formaggio

    Una ricerca realizzata nel Regno Unito dimostra che i bambini non sanno quello che mangiano. Da dove vengono le patatine? E gli hamburger di manzo? Dei mille bambini intervistati, più della metà non ha saputo rispondere o ha dato spiegazioni un po' confuse.

    Quando gli è stato chiesto da dove provenissero gli hamburger di manzo solo uno su quattro ha capito che c'entrano qualcosa con le mucche. Moltissimi hanno risposto che vengono prodotti direttamente da McDonalds' o da Burger King. Domanda difficile? Proviamo con un altro alimento: secondo i bimbi le uova vengono dalle pecore, che abitualmente le depongono e covano.

    E il formaggio allora? Qui le risposte sono discordanti: secondo alcuni lo producono le farfalle, ma altri sono pronti a giurare che sia opera di topi e ratti. Le patatine invece sono fatte di plastica e l'amato bacon inglese dai cavalli, dalle capre o dai pavoni.

    Tornando ai latticini, alcuni bambini sostengono che tra gli ingedienti dello yoghurt ci siano tacchini e papere. E attenzione alle patatine secche, quelle nel sacchetto per intenderci: sono fatte di conigli, plastica e pecore. Solo il 43% dei bambini poi ha saputo dire che il gelato si fa con il latte: gli altri hanno elencato ingredienti come pesce, aria, formaggio o patate.

    Eppure i piccoli intervistati, che hanno tra i sei e gli otto anni, hanno saputo riconoscere quasi tutte le verdure che gli sono state mostrate e non hanno avuto nessun problema a identificare gli animali. Insomma: preparati su carote, tuberi, mucche e tacchini, un po' meno sui loro derivati. Che serva una maggiore attenzione non solo alla dieta ma anche alla cultura del cibo?

    http://it.notizie.yahoo.com/blog/cronaca/articolo/21663/


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #42476
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    ———-

    http://www.edgarcayce.it/media/l%27adolescenza.htm

    http://www.edgarcayce.it/media/prendersicura.htm

    http://www.edgarcayce.it/media/educareeguidare.htm

    http://www.edgarcayce.it/media/Educspirit.htm

    —–

    Nella realta' spirituale tuttavia non esiste una superiorita' assoluta dei genitori verso il figlio. Spiritualmente i genitori non possiedono i propri figli,anzi non li creano nemmeno.Si limitano ad evocarli.


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 27 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.