i bambini e la societa.

Home Forum SPIRITO i bambini e la societa.

Questo argomento contiene 26 risposte, ha 15 partecipanti, ed è stato aggiornato da  davide 9 anni, 3 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 11 a 20 (di 27 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #42477

    civile
    Partecipante

    essere genitori oggi é molto difficile,i figli vengono depredati psicologicamente dal sistema,credono nella loro adolescenza di essere unici e se stessi ma sono solo piccole fotocopie create a tavolino….le mie congratulazioni ai genitori che riusciranno a rendere i propri figli esseri immuni e con carattere,una nuova generazione di tigri che sbraneranno questa superficialità,creando un mondo vecchio e nuovo,con una morale intelligente e sapiente,buona fortuna!!


    #42478

    ALIX
    Partecipante

    Mi perdonerete di certo se la vedo diversamente…
    Credo che il problema sia un po' diverso.
    Adesso i “cattivi” sono più cattivi di prima, ma sono meno.
    rispetto alle generazioni precedenti tanti ma tanti ragazzini, e credetemi ho a che fare ogni giorno con ragazzini dai 10 ai 14 anni, sono molto più attenti e sensibili alle necessità del prossimo.
    Il compagno problematico (nel senso che ha problemi di salute o di integrazione) viene considerato da un buon gruppo e non EVITATO come se fosse invisibile come succedeva generazioni fa.
    Non a caso chi ha 12 anni adesso è nato nel 2000, anime migliori si dice , no?. Purtroppo a rovinare tutto ciò ci sono alcuni (per come la vedo io non così numerosi) che di contro sono veramente più crudeli e indifferenti a tutto. ricordiamoci sempre prima di considerare male le nuove generazioni che sono il futuro prossimo, che in un gruppo di 40 persone fanno più danni 4 “cattivi” di quanto bene facciano 20 “buoni” in questa proporzione va anche considerata la fascia degli indefiniti, che stanno a metà , e , aimè alla fine vanno con quelli che credono i più forti, proponiamoci di aiutare i buoni a essere più importanti e gratificati per essere loro i più forti.
    vi racconto un episodio stupido per dire che non è così male
    In una classe: (prima media) c' è un ragazzino ripetente con una famiglia disastrata vive in italia da un paio di anni e non va molto bene a scuola. Una compagna di classe inizia ad alta voce a prenderlo in giro (“non fai mai i compiti, prendi sempre 4″) ; la compagna di banco alza la voce e dice” e a te che te ne importa? sono cavoli suoi! te che ne sai cosa fa? Pensa per te !!” e di seguito sono usciti con altre spressioni di sostegno altri due ragazzini.
    il personaggio negativo è stato isolato.

    Putroppo non è sempre così e come già detto da altri quando i negativi non vengono fermati fanno grandi danni..

    scusate ma devo sempre scrivere di corsa …spero di essere comprensibile.
    Buona Giornata con fiducia e allegria!!
    :bay:


    #42479
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    [quote1359031529=ALIX]
    Mi perdonerete di certo se la vedo diversamente…
    Credo che il problema sia un po' diverso.
    Adesso i “cattivi” sono più cattivi di prima, ma sono meno.
    rispetto alle generazioni precedenti tanti ma tanti ragazzini, e credetemi ho a che fare ogni giorno con ragazzini dai 10 ai 14 anni, sono molto più attenti e sensibili alle necessità del prossimo.
    Il compagno problematico (nel senso che ha problemi di salute o di integrazione) viene considerato da un buon gruppo e non EVITATO come se fosse invisibile come succedeva generazioni fa.
    Non a caso chi ha 12 anni adesso è nato nel 2000, anime migliori si dice , no?. Purtroppo a rovinare tutto ciò ci sono alcuni (per come la vedo io non così numerosi) che di contro sono veramente più crudeli e indifferenti a tutto. ricordiamoci sempre prima di considerare male le nuove generazioni che sono il futuro prossimo, che in un gruppo di 40 persone fanno più danni 4 “cattivi” di quanto bene facciano 20 “buoni” in questa proporzione va anche considerata la fascia degli indefiniti, che stanno a metà , e , aimè alla fine vanno con quelli che credono i più forti, proponiamoci di aiutare i buoni a essere più importanti e gratificati per essere loro i più forti.
    vi racconto un episodio stupido per dire che non è così male
    In una classe: (prima media) c' è un ragazzino ripetente con una famiglia disastrata vive in italia da un paio di anni e non va molto bene a scuola. Una compagna di classe inizia ad alta voce a prenderlo in giro (“non fai mai i compiti, prendi sempre 4″) ; la compagna di banco alza la voce e dice” e a te che te ne importa? sono cavoli suoi! te che ne sai cosa fa? Pensa per te !!” e di seguito sono usciti con altre spressioni di sostegno altri due ragazzini.
    il personaggio negativo è stato isolato.

    Putroppo non è sempre così e come già detto da altri quando i negativi non vengono fermati fanno grandi danni..

    scusate ma devo sempre scrivere di corsa …spero di essere comprensibile.
    Buona Giornata con fiducia e allegria!!
    :bay:
    [/quote1359031529]

    :salu:

    Grazie !


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #42480
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1359032250=ALIX]
    Mi perdonerete di certo se la vedo diversamente…
    Credo che il problema sia un po' diverso.
    Adesso i “cattivi” sono più cattivi di prima, ma sono meno…
    [/quote1359032250]
    Ma bene ne sono strafelice .. 🙂


    #42481

    Anonimo

    [quote1359036776=davide]

    mi ricordo,nella mia adolescenza,il rispetto verso le persone anziane,nonno nonni,sconosciuti,il saluto,anche se non si conosceva una la persona anziana,eravamo educati cosi,e se si osava offendere uno di questi le si prendeva.(ringrazio i miei genitori di avermi educato cosi)
    adesso guardo questa generazione guardo i miei nipoti, a 11 anni sembra che sovrastino i loro genitori,ma gia dai 5 anni a salire mi accorgo che qualcosa e cambiato,(l'ineducato e sempre esistito,ma adesso sono aumentati a causa di una maleducazione)l'educatori hanno perso il controllo delle redini.
    alzano la voce con i genitori,e con gli anziani,x non parlare del linguaggio,l'umilta del rispetto dell'abbassarsi verso i piu anziani calpestata.
    sembra che io respiri l'aria di 30 anni or sono ma quancosa nell'aria e cambiata.
    chi e piu avanti nell'eta si riconosce nel mio dire.
    [/quote1359036776]

    Non sono d'accordo, in quanto sta sempre a come vengono educati.

    La differenza è che adesso i bambini sono molto di +, sono molto + aperti e si confrontano su tutto, prima non era possibile e vivevano solo dell'educazione dei genitori e delle poche persone che vedevano.

    I miei 2 bambini li sto crescendo nel rispetto delgi altri, nessuno mai ha detto che sono maleducati, a differenza , per esempio, di 2 nipoti che ho vicino casa e che sono 2 maleducati, ma solo grazie all'insegnamento, sbagliato o mancato, dei loro genitori.


    #42482
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1359050843=Richard]

    ———-

    http://www.edgarcayce.it/media/l%27adolescenza.htm

    http://www.edgarcayce.it/media/prendersicura.htm

    http://www.edgarcayce.it/media/educareeguidare.htm

    http://www.edgarcayce.it/media/Educspirit.htm

    —–

    Nella realta' spirituale tuttavia non esiste una superiorita' assoluta dei genitori verso il figlio. Spiritualmente i genitori non possiedono i propri figli,anzi non li creano nemmeno.Si limitano ad evocarli.
    [/quote1359050843]
    L'insegnamento di Cayce è in linea con tutti gli insegnamenti di grandi Maestri. La cosa più importante cmq è la preparazione della donna di diventare una madre affettuosa, una madre cosciente e pronta al sacrificio. Spesso si vuole diventare madre solo per gli scopi egoistici e puramente materialistici. Oggi la nostra società si è persa, e secondo me proprio la donna si è persa volendo diventare uguale all' uomo. Sono due ruoli diversi, essere donna e madre e essere maschio e padre. E tutti e due si contrappongono nella vita. Ma questo lo sapete benissimo tutti qui…su AG.


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #42483
    Jc
    Jc
    Partecipante

    “Venne il suo primo giorno di scuola,la maestra le chiese dove abiti piccola Sofia?

    Io vengo dall’Intimo Impenetrabile, dall’eremo dell’utopia.
    si alzò
    Fratellini amati, Sorelline carissime vedete da Voi quanto sia impazzito il mondo, Vedete da Voi come noi siamo i padri e le madri dei nostri genitori, gli adulti non ci capiscono, come ci fanno soffrire. Sono impazziti, non capiscono più niente, ci avvelenano con droghe mascherate da medicine, per farci star calmi, per non farci scalpitare dinanzi a questo mondo pazzo. Vogliono che stiamo buoni! Ci Odiano, nasciamo sempre meno, non ci rispettano, ci calpestano. Ci avvelenano con gli psicofarmaci, pensano che siamo ammalati, lo chiamano disturbo dell’attenzione..oh amici miei ci stanno uccidendo…si stanno uccidendo. Attenti Santi scoccatori di frecce, attenti alle bestie immonde che imbrattano la Terra, non tutte furono catturate, non tutte spellate..vagano nelle giungle delle grandi città, si rifugiano nelle tane sepolcrali del Sottomondo, in laboratori dell’orrore.
    Poveri Umani, non vogliono ammettere che odiando noi odiano loro stessi,che facendoci del male fan male a loro stessi. Siamo il loro futuro, ma nei loro occhi non c’è futuro, nei loro occhi c’è solo il becco ricurvo dell’avvoltoio che s’inzozza delle loro pupille. I loro occhi sono opachi, offuscati dal fumo e dall’alcool, dalle perversioni più tremende, dai compromessi più umilanti. Sono bestie da soma, addestrate dai Carcerieri Planetari. Nemmeno i maestri dell’ignoranza svolgono fin troppo bene il loro lavoro, ci propinano sproloqui di razionale follia,capiscono più, ora chiamano a scuola la Polizia per ammanettarci!!! Fratelli amatissimi, molti di noi scompaiono e muoiono ogni giorno. Siamo immolati a Satana ed alla sua schiera immonda. Tutti tacciono perché sono sotto giuramento pena la morte, no no, mi sbaglio la morte è ben poca cosa rispetto alla punizione inflitta a chi parla.Cose innominabili, la morte sarebbe il minore dei mali, un sollievo squisito. Alcuni sono impazziti solo a vedere cosa sarebbe loro successo se avessero parlato.
    Risorgete mie piccole Immensità, risvegliate le memorie cancellate dagli Astuti Sibilanti. Siamo i Restauratori del Mondo,Gli Inseguitori del Piano !!!Galoppiamo verso la Necessità!
    Si stupiscono di quanto siamo agitati, irrequieti,iperattivi e mancanti di attenzione, si certo, attenzione a quello che dicono loro, attenzione alle loro parole,alle loro demenze . Non sottostiamo più all’autorità ne dei genitori ne degli insegnanti,Come può governare gli altri chi non sa governare se stesso?
    I maestri ci insegnano menzogne e falsità, i libri di scuola sono patetiche pacottiglie ,ombre di luci nascoste, sono abominevoli montagne di cibo mentale iperproteico e ipercalorico, morto e finto, privo di vitamine, sali minerali ed enzimi, cibo vomitevole, devitalizzato, o certo non si muore di fame a mangiarlo, è esattamente quello che serve per sopravvivere, per tirare avanti, tirare avanti il Loro Carro.

    Ma noi abbiamo fame di Altro, Noi siamo gli sfamatori del Mondo. e la nostra fame terrorizza le nostre madri, che si tirano i capelli dalla disperazione non trovando il cibo che ci sfami, l’acqua che ci disseti. Non possono tollerare di vederci morire di Fame, così ci ingozzano ed ingolfano per farci diventare più spessi e spenti, per vederci meglio, perché hanno paura che diventiamo troppo sottili e trasparenti per i loro occhi increspati, per i loro sensi addormentati.
    Siamo troppo disattenti? A chi dovremmo prestare attenzione?
    perché Noi siamo i novelli redentori del Mondo,siamo le vostre discariche di responsabilità, un enorme fardello opprime le nostre tenere spalle.

    Così Sofia si rivolse ai suoi fratellini, così riattivò in loro la memoria ancestrale del loro Senso, del loro Scopo. Ora la strada era dissotterrata, si doveva percorrerla. La lunga Marcia ebbe inizio. A piedi scalzi. Tanti si riconnetterono con la Sorgente, altri Obesi ed Obnubilati, si terrorizzarono a sentire queste parole, proprio come la Maestra sbigottita che proferì solo silenzio”


    #42484
    kingofpop
    kingofpop
    Partecipante

    [quote1359121353=Pier72Mars]
    [quote1359036776=davide]

    mi ricordo,nella mia adolescenza,il rispetto verso le persone anziane,nonno nonni,sconosciuti,il saluto,anche se non si conosceva una la persona anziana,eravamo educati cosi,e se si osava offendere uno di questi le si prendeva.(ringrazio i miei genitori di avermi educato cosi)
    adesso guardo questa generazione guardo i miei nipoti, a 11 anni sembra che sovrastino i loro genitori,ma gia dai 5 anni a salire mi accorgo che qualcosa e cambiato,(l'ineducato e sempre esistito,ma adesso sono aumentati a causa di una maleducazione)l'educatori hanno perso il controllo delle redini.
    alzano la voce con i genitori,e con gli anziani,x non parlare del linguaggio,l'umilta del rispetto dell'abbassarsi verso i piu anziani calpestata.
    sembra che io respiri l'aria di 30 anni or sono ma quancosa nell'aria e cambiata.
    chi e piu avanti nell'eta si riconosce nel mio dire.
    [/quote1359036776]

    Non sono d'accordo, in quanto sta sempre a come vengono educati.

    La differenza è che adesso i bambini sono molto di +, sono molto + aperti e si confrontano su tutto, prima non era possibile e vivevano solo dell'educazione dei genitori e delle poche persone che vedevano.

    I miei 2 bambini li sto crescendo nel rispetto delgi altri, nessuno mai ha detto che sono maleducati, a differenza , per esempio, di 2 nipoti che ho vicino casa e che sono 2 maleducati, ma solo grazie all'insegnamento, sbagliato o mancato, dei loro genitori.

    [/quote1359121353]

    I primi righi di Pier descrivono tutto il mio pensiero.Oggi risulta maleducazione tutto ciò che riesce a 'sovrastare' le vecchie credenze di anziani o semplicemente persone + adulte,che hanno e sono vissute con una mente(matrix anch'essa) retrograda.Una volta educazione era pari a dire 'sissignore'.Oggi non è più così,e dico a caratteri maiuscoli,MENOMALE CHE NON LO è.


    #42485
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    [quote1359123295=kingofpop]

    I primi righi di Pier descrivono tutto il mio pensiero.Oggi risulta maleducazione tutto ciò che riesce a 'sovrastare' le vecchie credenze di anziani o semplicemente persone + adulte,che hanno e sono vissute con una mente(matrix anch'essa) retrograda.Una volta educazione era pari a dire 'sissignore'.Oggi non è più così,e dico a caratteri maiuscoli,MENOMALE CHE NON LO è.
    [/quote1359123295]

    profondamente sento che è cosi come dici King caro

    osservo mia figlia … è ribelle a tutto ciò che è imposizione
    … il conflitto nasce nella mia inadeguatezza … ero ribelle, quando anch'io sentivo la pressione di regole limitanti alla mia vera natura … ma è evidente che devo essermi conformata a molte cose, forse non tutte, ma parecchie …
    ed oggi mi ritrovo a non riuscire con facilità a prescindere dall'adeguamento che ho permesso avvenisse …

    lo scontro generazionale, si perpetua nei millenni (Platone, già ne parlava) … il nuovo, [u]deve[/u] imporsi sul vecchio …

    il vero difficile compito di un genitore, è imparare dai figli, che nulla è più importante della propria vera natura … ed i dettami del perbenismo, altro non sono che distorsioni di un amore e gentilezza verso il prossimo e verso se stessi, che non necessitano di etichette, ma al contrario, di spontaneità

    mortificare e stravolgere la naturale, autentica spinta verso la vita ed espressione di sè stessi, che ogni bambino possiede, è ciò che dovremmo evitare, sforzandoci di ricordare la nostra identica pulsione e di crescere con loro


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #42486

    ALIX
    Partecipante

    prixi come sono d' accordo!

    Loro ci ascoltano cercando di capirci siamo noi che non ascoltiamo loro.
    Quando trovano qualcuno che riconosce il loro diritto all' irrequiettezza al voler GIUSTAMENTE cambiare questo mondo sono felici e si comportano diversamente…


Stai vedendo 10 articoli - dal 11 a 20 (di 27 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.