I cristalli delle grotte di Naica

Home Forum PIANETA TERRA I cristalli delle grotte di Naica

Questo argomento contiene 9 risposte, ha 5 partecipanti, ed è stato aggiornato da  ginomica 8 anni, 6 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 10 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #86290

    ginomica
    Partecipante

    ragazzi sono rimasto folgorato dai video che ho visto,so che hanno girato piu di un ora di filmato,e poi hanno fatto uno servizio su un programma di la 7,come si può reperire il video,o la puntata,qualcuno lo sa??? :bay:


    #86291
    elerko
    elerko
    Partecipante

    :bay:

    [youtube=425,344]pMC4PbDANhw

    [youtube=425,344]gz-tfInIRd0

    [youtube=425,344]dLmk42qr3To

    [youtube=425,344]KIXRIPTPpzk

    [youtube=425,344]-BYX9s0jbGw

    [youtube=425,344]cm9ncQvsFdc


    #86292

    ginomica
    Partecipante

    grandissimo,ci avevo provato ma non me lo trovava……..certo che mi chiedo se averlo prosciugato per visitarlo, può aver causato qualche scompenso vibrazionale,perche con tutti quei cristalli,quello e sicuramente un posto importante…. :ummmmm:


    #86293
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum


    #86294

    ginomica
    Partecipante

    Effettivamente richard,avevo pensato anche io che assomigliasse molto alla casa di superman….però,che spettacolo di posto,chissa che funzione ha,certo che tutti quei cristalli devono sprigionare un'energia…..


    #86295

    Detective
    Partecipante

    A proposito di energia……. [link=hyperlink url] http://www.viveremeglio.org/medinatu/cristalloterapia/cristalloterapia.htm [/link] :ummmmm:


    #86296
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Eccezionale ritrovamento in una caverna messicana a Naica: una equipe ispano-giapponese trova cristalli vecchi di un milione di anni. Alti 11 metri e larghi uno mostrano un livello di crescita modestissimo, un millimetro ogni 100 anni. Da El Pais del 12.9.2011:
    Cristales gigantes de hasta un millón de años de antigüedad
    El estudio de la extraordinaria cueva de Naica, en México, revela el menor ritmo de crecimiento jamás observado
    http://www.brogi.info/2011/09/eccezionale-ritrovamento-cristalli-fantastici-a-naica-in-messico.html

    http://www.physorg.com/news/2011-09-slowest-crystal-growth.html


    #86297
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1316021802=Richard]
    Eccezionale ritrovamento in una caverna messicana a Naica: una equipe ispano-giapponese trova cristalli vecchi di un milione di anni. Alti 11 metri e larghi uno mostrano un livello di crescita modestissimo, un millimetro ogni 100 anni. Da El Pais del 12.9.2011:
    Cristales gigantes de hasta un millón de años de antigüedad
    El estudio de la extraordinaria cueva de Naica, en México, revela el menor ritmo de crecimiento jamás observado
    http://www.brogi.info/2011/09/eccezionale-ritrovamento-cristalli-fantastici-a-naica-in-messico.html

    http://www.physorg.com/news/2011-09-slowest-crystal-growth.html
    [/quote1316021802]
    Oh Messico…quanti misteri…chissà cosa altro giace in quel territorio. °lov


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #86298
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Il mistero della Caverna dei Cristalli
    Martedì 21 Giugno 2011 12:47 Scritto da Staff Videomisteri

    https://www.youtube.com/watch?v=eia3kfLV_gY&feature=player_embedded

    Alcuni di voi avranno già sentito parlare della Caverna dei Cristalli, un luogo sotterrano dalle temperature estreme, formazioni cristalline di dimensioni ciclopiche e un perfetto terreno di studio per gli estremofili. Gli scienziati hanno esplorato l'interno della caverna, scoprendo misteri biologici, paralleli con altri pianeti, e quello che viene definito “Il Palazzo di Ghiaccio”, una caverna ancora inesplorata. Giusto in tempo, dato che la caverna potrebbe ben presto allagarsi di nuovo e seppellire i misteri che la popolano.

    La Caverna dei Cristalli si trova a circa 100 metri di profondità nel deserto di Chihuahua, in Messico. La sua particolarità principale sono i cristalli enormi, i più grandi del mondo, che pendono dal soffitto, si innalzano dal pavimento, o escono dalle pareti. “Man mano che i cristalli diventano sempre più grossi, diventano meno euedrali (costituiti cioè da superfici geometriche regolari) e più simili a roccia” afferma John Rakovan della Miami University. “Gli scienziati non credevano che fosse possibile ottenere cristalli così morfologicamente perfetti prima della scoperta della Caverna dei Cristalli”.
    La caverna tuttavia è un ambiente decisamente ostile, cose che ne rende difficile l'esplorazione e lo studio. La temperatura è quasi costantemente prossima ai 50°C, e l'umidità è pari al 90%, le condizioni perfette per uccidere un essere umano non equipaggiato in 30 minuti. “E' un ambiente terribile e magico allo stesso tempo” dice Penelope Boston, astrobiologa apparsa nel documentario “Into the Lost Crystal Caves” del National Geographic Channel.

    Per entrare nella Caverna dei Cristalli e concedersi una permanenza sufficiente a studiarne i misteri è necessario indossare una tuta da 25 chilogrammi di peso, che estende il periodo di sopravvivenza in quel luogo infernale da 15 a 60 minuti. La tuta contiene diverse sacche riempite con ghiaccio, e respiratori che inviano aria fresca ai polmoni.
    “E' divertente, perchè se si guardano le foto di noi dentro le tute, sembra di essere in una camera ghiacciata, ma è proprio il contrario” spiega la Boston.

    C'è poi il problema dell'acqua. Le caverne sono costantemente mantenute all'asciutto (se così si può dire considerando il 90% di umidità…) da pompe che lavorano senza sosta, di proprietà dell'industria mineraria Industrias Peñoles. “Non credo potranno mai essere in grado di conservare quelle caverne” dice Rakovan. “Sarebbe economicamente non proponibile”. Ma sommergere la caverna avrebbe i suoi lati positivi: “Potrebbe preservare i cristalli. E se dovesse diventare importante tornare laggiù, si potrebbe iniziare a pompare di nuovo”. E studiare la caverna potrebbe rappresentare un'importantissima fonte di informazioni, soprattutto per lo studio della vita microbica estrema. Nel 2008, un team di ricerca ha infatti scoperto piccole forme di vita che vivono in minuscole sacche d'aria all'interno dei cristalli. L'anno successivo sono stati scoperti batteri e virus in pozze d'acqua non presenti al momento delle prime esplorazioni della caverna, con una concentrazione pari a 200 milioni di virus in una singola goccia d'acqua.

    Questi microrganismi presentano misteriosi aspetti in comune con altri esseri viventi estremofili scoperti in ogni parte del mondo. “Non riusciamo proprio a capire come organismi provenienti da vulcani sottomarini o miniere d'oro abbiano aspetti in comune con microrganismi scoperti nella caverna” dice Curtis Suttle, biologo della University of British Columbia. “E' difficile immaginare una rete sotterranea che connetta il Sud Africa con il Messico”. Gli esseri viventi della Caverna dei Cristalli sono anche perfetti modelli di studio per comprendere come la vita possa essersi fatta strada su mondi lontani. “Per Marte, la nostra miglior scommessa di scoprire la vita è guardare nel sottosuolo. Ci sono molti parallelismi tra l'esplorazione delle caverna sotterranee alla ricerca di microbi, e l'esplorazione futura di Marte”.
    http://videomisteri.altervista.org/uomini-e-misteri/2693-il-mistero-della-caverna-dei-cristalli


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #86299
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    http://daily.wired.it/news/scienza/2011/10/05/nobel-chimica-2011-simmetria-quasicristalli-14791.html#content
    Nobel per la chimica ai cristalli disordinati

    (ASCA) – Firenze, 5 giu 2009- In un campione di roccia triassica (vecchia 200-250 milioni di anni) appartenente alle collezioni mineralogiche del Museo di Storia Naturale dell'Universita' di Firenze si trova il primo quasicristallo naturale esistente al mondo, una lega ternaria di alluminio, rame e ferro che viola per la prima volta in natura le simmetrie della posizione degli atomi possibili nei cristalli ordinari.
    http://www.altrogiornale.org/comment.php?comment.news.4857

    http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.6031
    I cristalli normali hanno una simmetria traslazionale, dove la stessa unità è ripetuta di continuo senza rotazione. I Quasicristalli hanno una simmetria rotazionale, dove la stessa unità è ripetuta di continuo, ma con una rotazione angolare. I quasicristalli sono forme strutturate sia ordinate che non periodiche. Formano schemi che riempono tutto lo spazio ma mancano di simmetria traslazionale. Il termine e il concetto sono stati introdotti in origine per descrivere una disposizione specifica osservata in solidi che possono essere definiti in uno stato intermedio tra il cristallo e il vetro.

    La struttura più forte scoperta in natura è l'esagono di un alveare d'ape. Il tessuto spugnoso inoltre combina forza e leggerezza. L'esagono dell'alveare ha una simmetria a 6 pieghe, un diamante ha una simmetria a 4 pieghe. Però questo supermateriale nanoingegnerizzato, che gli alieni usano per lo scheletro rigido dei loro mezzi, ha una simmetria a 12 pieghe. Dodici è divisibile sia per 6 che per 4 combinando le due simmetrie piu forti in natura.

    http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_03.htm
    Ora addentriamoci nel famoso incidente di Roswell. Secondo l’ex impiegato di Groom Lake / Area 51 Edgar Fouche, sui resti rinvenuti sono state trovate delle strutture molecolari che non soddisfano il modello convenzionale della periodicità cristallina. Questi vennero conosciuti come “quasi-cristalli” (quasi-crystals), abbreviazione di “cristalli quasi-periodici” (quasi-periodic crystals) Sia l’icosaedro sia il dodecaedro apparvero in queste leghe uniche. Simili a microcluster ma ad un più elevato ordine di grandezza, questi quasi-cristalli manifestavano molte strane proprietà, come estrema durezza, estrema resistenza al calore e non-conduttività elettrica, anche se normalmente i metalli presenti in queste formazioni sono dei conduttori!

    Nella sala centrale a Groom [base top secret di Groom Lake], ho udito parole come Forze di Lorentz, detonazioni pulsanti, radiazione ciclotroniche, generatori di campo a trasduzione di flusso quantico, lenti di energia di quasi-cristalli e ricevitori quantici EPR. Mi hanno detto che i quasi-cristalli erano la chiave [d’accesso] ad un intero nuovo ramo di tecnologie per la propulsione e le comunicazioni

    Discutibilmente, dopo 35 anni di segrete ricerche sui materiali di Roswell, coloro che avevano recuperato queste tecnologie hanno ancora centinaia se non migliaia di enigmi irrisolti su quanto hanno trovato, ed è stato giudicato “prudente” introdurre i “quasi-cristalli” nel mondo non scientifico con una certa gradualità. Ora ci sono letteralmente migliaia di riferimenti diversi ai quasi-cristalli su Internet, completamente privi di ogni menzione ai microcluster. (Non un singolo studio scientifico tra quelli che siamo stati in grado di trovare in rete menziona i quasi-cristalli e i microcluster nello stesso documento).


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 10 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.