Il Dalai Lama chiede ancora aiuto

Home Forum PIANETA TERRA Il Dalai Lama chiede ancora aiuto

Questo argomento contiene 24 risposte, ha 11 partecipanti, ed è stato aggiornato da  xxo 9 anni, 10 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 25 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #74188

    xxo
    Partecipante

    Ciao ragazzi, riporto la notizia di alcuni giorni fa in cui il Dalai Lama chiede aiuto per la drammatica situazione che stanno ancora vivendo in Tibet.
    Ovviamente la notizia non filtra, nessuno sa niente di ciò che succede in Tibet.
    Il Dalai Lama però riferisce atti terribili.
    Come possiamo aiutarlo?

    13/08/2008 – Parigi
    Il Dalai Lama, massima guida spirituale e capo temporale del buddismo tibetano, ha attaccato la Cina, affermando che Pechino non sta rispettando la tregua olimpica. «La sua risposta è stata chiara: no. Mentre si tengono i giochi olimpici, l’oppressione e la repressione del popolo tibetano prosegue», ha riferito il senatore socialista Robert Badinter, al termine di una riunione a porte chiuse con il Dalai Lama al Senato di Parigi, cui hanno preso parte una trentina di deputati francesi dei gruppi parlamentari per il Tibet.

    «Ci ha informati di una repressione terribile che non cessa malgrado la tregua olimpica», ha aggiunto un altro senatore del Ps, Jean-Louis Blanco. «Dallo scorso 10 marzo – ha proseguito Blanco – ci sono stati arresti, esecuzioni e un imponente rafforzamento della presenza militare cinese, con la costruzione di nuove caserme».

    Il Dalai Lama, nel corso della sua audizione tenuta in una sala del Senato francese, ha evocato anche il pericolo di una «colonizzazione accelerata», parlando di circa un milione di cinesi che si apprestano a stabilirsi in territorio tibetano allo scopo di «annacquare» la popolazione locale.

    «Il governo cinese nega i problemi del Tibet e non si degna di ascoltare le richieste del popolo tibetano», ha affermato il Dalai Lama nel corso di una conferenza stampa, tenuta a Parigi, al termine dell’incontro al Senato. Il capo spirituale e temporale del buddismo tibetano, tuttavia, ha ribadito la disponibilità a proseguire il dialogo con Pechino. «Una decisione per quanto riguarda il proseguimento dei colloqui sarà presa in occasione della convention annuale del Parlamento tibetano in esilio, che si terrà in settembre», ha precisato il Dalai Lama.

    Due emissari del leader tibetano hanno incontrato lo scorso mese, sempre a Parigi, alcuni rappresentanti del governo cinese per un nuovo round di conversazioni nel quadro dei negoziati ufficiali avviati nel 2002. «Se lo desidera, sarei ben felice di incontrarlo. Se non lo desidera, pazienza. Ma credo che abbia già espresso il desiderio che un incontro abbia luogo»: ha detto il Dalai Lama, in riferimento a un possibile incontro con il presidente francese Nicolas Sarkozy.

    Il titolare dell’Eliseo – secondo quanto annunciato da Roger Karoutchi, sottosegretario incaricato dei rapporti con il Parlamento – lo riceverà il prossimo 10 dicembre a Parigi, nell’ambito di un incontro con i premi Nobel per la Pace. Non ci sarà, come già precisato in precedenza, nessun faccia a faccia tra i due leader durante le Olimpiadi di Pechino. Per l’intera durata dei giochi olimpici il Dalai Lama si tratterà in visita in Francia, dove lo attendono una serie di appuntamenti laici e spirituali, tra cui l’inaugurazione di un tempio buddista a Roqueredonde, vicino Montpellier, nel dipartimento dell’Herault, cui assisterà la premiere dame Carla Bruni.
    http://ilsecoloxix.ilsole24ore.com/italia_e_mondo/2008/08/13/1101693720626-dalai-lama-accusa-cina-non-rispetta-tregua.shtml


    #74191

    mirach72
    Partecipante

    Ho paura che per quanto possiamo dire o fare, la situazione non cambierà. Fintanto che i Governi Occidentali faranno come le tre scimmiette, la situazione del Tibet non cambierà mai. ~:(


    #74190

    xxo
    Partecipante

    Purtroppo la vedo anche io così.
    Una domanda mi nasce spontanea.
    Quale è il motivo di tanto accanimento nei confronti dei monaci Tibetani?

    La risposta forse sta' nel potere segreto dell'uomo.
    Non è che i monaci con il loro meditare riescono a combattere i mali del mondo più di qualsiasi altro?
    Non è che i monaci sono il vero pericolo dei potenti?
    I monaci sono una minaccia per i regimi, se tutto il mondo capisse sarebbe la fine della era dei potenti, la fine di questa era (vedi Maya :eyebro: )
    Forse è proprio questo che viene combattuto.


    #74189

    mirach72
    Partecipante

    Beh, in questo caso forse la risposta è più prosaica. Il Dalai Lama, non è solo un capo spirituale, ma è anche colui che governerebbe il Tibet, se fosse libero; i monaci, di conseguenza, sono la casta più “aristocratica”, quindi con tutto il potere politico nelle proprie mani. Perseguitando il potere politico del Tibet, i Cinesi danno semplicemente un segnale di forza al “normale” popolo tibetano (questa è una mia interpretazione personale).


    #74192

    xxo
    Partecipante

    [youtube=425,344]_dRG2zFhVPM


    #74193
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    scusate mi è arrivato questo video…vi avviso che è brutale..:

    [youtube=425,344]McWSJ0elzN8

    Quando parliamo di follia e sanità mentale, è estremamente importante e ognuno dovrebbe saperlo, che c'è «una» cosa sola, piuttosto che l'appartenenza a uno di quei gruppi (assennati e dissennati). Non dovete appartenere a uno dei due gruppi per diventare pazzi né all'altro per essere saggi o liberati. Non dovete identificarvi con il bene né con il male, ma diventare uno. E quell'uno possiede simultaneamente sia il bene che il male. Questo è un punto molto importante in termini di esperienza; è estremamente necessario conoscerlo.

    (Chögyam Trungpa – © copyleft perle.risveglio. net)

    La rivista DHARMA, trimestrale di buddhismo per la pratica e per il dialogo, vive grazie agli abbonamenti. Puoi sostenerla abbonandoti alla versione online (15 euri) oppure alla versione tradizionale stampata (35 euri) che comprende anche la versione online.


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #74194

    zret
    Partecipante

    Il Dalai lama appartiene alla sinarchia: è un lupo travestito da… carota.


    #74195
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    sai che sinceramente un pochetto ci ho pensato pure io?


    #74196

    meskalito
    Partecipante

    C'era un articolo molto approfondito su Nexus qualche anno fà proprio su di lui e su come è nato il buddismo [u]tibetano[/u],violenza e oppressione sulla precedente società pacifica e spirituale.
    Se lo trovo ve ne faccio un report.


    #74198

    sharon
    Partecipante

    [quote1227984054=Zret]
    Il Dalai lama appartiene alla sinarchia: è un lupo travestito da… carota.
    [/quote1227984054]

    Quantunque fosse non è questo il modo!

    Non è ammazzando le persone che si risolvono le cose.
    La cosa lampante che è i monaci sono inermi…li stanno massacrando e nessuno alza un dito,
    parlo dei governi.

    Non sono addentro alle questioni internazionali, ma ciò che sta avvenendo non mi piace.

    Però una cosa so, che nel mondo tutte quelle popolazioni che in qualche modo hanno una spiritualità, una saggezza più evoluta, guarda caso vengono elininate (indiani d'america).

    Ora hanno iniziato anche con l'India…


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 25 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.