IL PAPA: L'AIDS NON SI COMBATTE CON I PRESERVATIVI

Home Forum SALUTE IL PAPA: L'AIDS NON SI COMBATTE CON I PRESERVATIVI

Questo argomento contiene 11 risposte, ha 10 partecipanti, ed è stato aggiornato da  cenereo 9 anni, 6 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 12 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #54721

    cenereo
    Bloccato

    (di Laurence Figà-Talamanca)
    Un coro di critiche, accompagnate da una valanga di dati sulla diffusione del virus Hiv, da società civile, Ong e scienziati, e un silenzio quasi totale dal mondo politico hanno accolto le parole del Papa sul no all'uso dei preservativi nella lotta all'Aids.

    “Non servono anzi aumentano i problemi”, ha detto Ratzinger mentre volava verso il Camerun, prima tappa della sua visita in Africa, continente in cui vive il 67% dei sieropositivi dell'intero pianeta. Parole che in un istante demoliscono anni di campagne di informazione e sensibilizzazione messe in atto dall'Onu, dalle associazioni gay e dalle Ong che lavorano a stretto contatto con i sieropositivi e che oggi tornano a ripetere il loro monito: il preservativo è “fondamentale” nella lotta all'Aids, “é un'arma decisiva”. Tace, tranne qualche eccezione, la politica. Nessuna reazione arriva infatti da Pd, Pdl e altre forze parlamentari, mentre interviene – solitario – il segretario di Rifondazione comunista Paolo Ferrero: “Nessuno vuole negare al Vaticano di proporre la propria concezione della sessualità – dichiara – ma la tutela della salute delle persone e la lotta all'Aids impone la prevenzione e quindi la distribuzione di preservativi”.

    I radicali parlano di “falsità antiscientifica” e lanciano un appello proprio a quella classe dirigente rimasta in silenzio: “dimostri coraggio, coerenza e serietà smentendo quelle frasi che alimentano l'ignoranza e la diffusione dell'Aids”. Appello finora inascoltato. Tocca quindi alla società civile prendersi la responsabilità di condannare il “grave errore” del pontefice e la “cattiva informazione” contenuta nelle sue dichiarazioni. “Siamo alla complicità consapevole di contribuire al diffondersi di una patologia che proprio in Africa assume i tratti di vera e propria pandemia”, afferma il presidente dell'Arcigay, Aurelio Mancuso, mentre “il comportamento umano morale e corretto evocato dal papa ha per ora solamente contribuito ad aggravare la disastrosa situazione africana”. Franco Grillini, presidente di Gaynet, parla di “responsabilità non solo morale, ma anche diretta, della chiesa cattolica nella mancata prevenzione alla diffusione dell'Hiv”, mentre Actionaid cita i dati dell'Unaids (33 milioni di persone infettate nel mondo, di cui 22 nell'Africa sub-sahariana) e ricorda che il preservativo resta “un'arma decisiva per la prevenzione”. Anche il mondo scientifico si preoccupa di confutare la tesi del papa e cioé che i preservativi “aumentano i problemi”. “Penso che il Papa sia stato informato da cattivi consiglieri – dichiara l'immunologo Ferdinando Aiuti da sempre impegnato nella ricerca e nella lotta a questa malattia -: la scienza ha dimostrato che i preservativi sono un'arma fondamentale contro l'Aids e tutte le malattie sessualmente trasmesse”.

    Fuori dal coro la World Women's Alliance for Life & Family (Wwalf) che il 20 e 21 marzo terrà in Vaticano la Prima Conferenza Internazionale su donna e diritti umani: considerare l'uso del preservativo come la panacea nella lotta all'Aids “denota o ignoranza o malafede”, afferma la presidente Olimpia Tarzia, mettendo in guarda da “un inganno che induce, particolarmente le giovani generazioni, a una falsa sicurezza, esponendoli maggiormente al rischio”.
    http://www.ansa.it/opencms/export/site/visualizza_fdg.html_907423348.html


    #54723

    lila
    Partecipante

    [quote1237657399=cenereo]
    (di Laurence Figà-Talamanca)
    Un coro di critiche, accompagnate da una valanga di dati sulla diffusione del virus Hiv, da società civile, Ong e scienziati, e un silenzio quasi totale dal mondo politico hanno accolto le parole del Papa sul no all'uso dei preservativi nella lotta all'Aids.

    “Non servono anzi aumentano i problemi”, ha detto Ratzinger mentre volava verso il Camerun, prima tappa della sua visita in Africa, continente in cui vive il 67% dei sieropositivi dell'intero pianeta. Parole che in un istante demoliscono anni di campagne di informazione e sensibilizzazione messe in atto dall'Onu, dalle associazioni gay e dalle Ong che lavorano a stretto contatto con i sieropositivi e che oggi tornano a ripetere il loro monito: il preservativo è “fondamentale” nella lotta all'Aids, “é un'arma decisiva”. Tace, tranne qualche eccezione, la politica. Nessuna reazione arriva infatti da Pd, Pdl e altre forze parlamentari, mentre interviene – solitario – il segretario di Rifondazione comunista Paolo Ferrero: “Nessuno vuole negare al Vaticano di proporre la propria concezione della sessualità – dichiara – ma la tutela della salute delle persone e la lotta all'Aids impone la prevenzione e quindi la distribuzione di preservativi”.

    I radicali parlano di “falsità antiscientifica” e lanciano un appello proprio a quella classe dirigente rimasta in silenzio: “dimostri coraggio, coerenza e serietà smentendo quelle frasi che alimentano l'ignoranza e la diffusione dell'Aids”. Appello finora inascoltato. Tocca quindi alla società civile prendersi la responsabilità di condannare il “grave errore” del pontefice e la “cattiva informazione” contenuta nelle sue dichiarazioni. “Siamo alla complicità consapevole di contribuire al diffondersi di una patologia che proprio in Africa assume i tratti di vera e propria pandemia”, afferma il presidente dell'Arcigay, Aurelio Mancuso, mentre “il comportamento umano morale e corretto evocato dal papa ha per ora solamente contribuito ad aggravare la disastrosa situazione africana”. Franco Grillini, presidente di Gaynet, parla di “responsabilità non solo morale, ma anche diretta, della chiesa cattolica nella mancata prevenzione alla diffusione dell'Hiv”, mentre Actionaid cita i dati dell'Unaids (33 milioni di persone infettate nel mondo, di cui 22 nell'Africa sub-sahariana) e ricorda che il preservativo resta “un'arma decisiva per la prevenzione”. Anche il mondo scientifico si preoccupa di confutare la tesi del papa e cioé che i preservativi “aumentano i problemi”. “Penso che il Papa sia stato informato da cattivi consiglieri – dichiara l'immunologo Ferdinando Aiuti da sempre impegnato nella ricerca e nella lotta a questa malattia -: la scienza ha dimostrato che i preservativi sono un'arma fondamentale contro l'Aids e tutte le malattie sessualmente trasmesse”.

    Fuori dal coro la World Women's Alliance for Life & Family (Wwalf) che il 20 e 21 marzo terrà in Vaticano la Prima Conferenza Internazionale su donna e diritti umani: considerare l'uso del preservativo come la panacea nella lotta all'Aids “denota o ignoranza o malafede”, afferma la presidente Olimpia Tarzia, mettendo in guarda da “un inganno che induce, particolarmente le giovani generazioni, a una falsa sicurezza, esponendoli maggiormente al rischio”.
    http://www.ansa.it/opencms/export/site/visualizza_fdg.html_907423348.html
    [/quote1237657399]

    Cenereo
    credo che il preservativo abbia salvato milioni di vite
    dal contagio dell'infezione HIV.
    La chiesa ha avuto sempre questo atteggiamento che io chiamerei
    distruttivo della vita e non a favore della vita.
    I tempi sono cambiati e si dovrebbero adeguare.


    #54722

    ezechiele
    Partecipante
    #54724

    sev7n
    Partecipante


    #54725

    cenereo
    Bloccato

    [quote1237680230=lila]
    Cenereo
    credo che il preservativo abbia salvato milioni di vite
    dal contagio dell'infezione HIV.
    La chiesa ha avuto sempre questo atteggiamento che io chiamerei
    distruttivo della vita e non a favore della vita.
    I tempi sono cambiati e si dovrebbero adeguare.

    [/quote1237680230]
    …lo so!,come lo sa tutto il mondo…e credo anche gli amici verdi !alien era giusto per farci una cultura sull'idiotaziologia canonica 😉 …grazie anche al contributo di eze…


    #54726
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    [quote1237711347=sev7n]

    [/quote1237711347]

    :sagg:
    … tanto #sich tuonò :grrr: che piovve … §(°


    https://www.facebook.com/brig.zero

    #54727

    Spiderman
    Partecipante
    #54728

    mudilas
    Partecipante

    alle cause dell'aids, alle cause economiche per cui non si possono comprare.

    non è una colpa, mio caro Ratzinger, tu sei molto più colpevole di quanto lo possa essere io.


    #54729

    sev7n
    Partecipante

    per coloro che credono ancora nella liberta' d'espressione su facebook [SM=x1335076]

    Si discute di profilattici e Aids
    e su Facebook scatta la censura

    Si susseguono i casi di contenuti cancellati nel social network più popolare al mondo. L'ultimo riguarda il gruppo Rassegna Stanca, un rotocalco quotidiano che ripubblica le notizie apparse sui media e alimenta il dibattito. E' stato cancellato

    ROMA – Scatta la censura di Facebook per oscurare la discussione in rete su condom e Aids accesa dalle parole del Pontefice alla vigilia del suo viaggio in Africa. E sul social network alcune migliaia di persone aderiscono a uno sciopero virtuale di tre giorni, che si conclude oggi, per protestare “contro la santa inquisizione e la caccia alle streghe su internet”.

    Nel mirino di Facebook è finita la Rana, uno pseudonimo dietro il quale si cela la miniredazione giornalistica del gruppo Rassegna Stanca, un rotocalco quotidiano che ripubblica le notizie apparse sui
    media per stimolare la discussione su temi d'attualità. E negli ultimi giorni lo spazio era monopolizzato dal dibattito su profilattici e Aids, con centinaia di commenti.

    “Fila tutto liscio finché sulla home page di Rassegna Stanca non viene caricato, sotto il titolo provocatorio Un editoriale ultrasottile, il corsivo apparso in prima pagina sul quotidiano Avvenire di ieri che spiegava e giustificava le parole di Benedetto XVI”, raccontano i curatori. “L'articolo del giornale di ispirazione cattolica è stato ripreso parola per parola, cambiando appunto soltanto il titolo, e ha messo in moto uno scambio di idee appassionato, ma comunque pacato e non offensivo, coinvolgendo tantissimi utenti di Fb”.

    Ma tanto è bastato: di punto in bianco Facebook cancella l'editoriale e tutti i post di commento, avvisando che “questo comportamento può infastidire altri utenti” e – quando la Rana prova a ripubblicarlo – il social network stacca la spina alla redazione, cancella l'account, spiana tutte le altre news con le relative opinioni dei membri del gruppo.

    “Abbiamo rimesso in piedi la redazione di Rassegna Stanca – dicono i curatori del gruppo – abbiamo avvertito gli amici della censura e nel giro di poche ore abbiamo ricevuto centinaia di messaggi di solidarietà, anche se ovviamente non siamo in grado di riallacciare i contatti con tutti i 5.000 lettori della nostra rassegna che Fb ci ha tolto. Questa censura, comunque, è gravissima e per questo abbiamo deciso di organizzare tre giorni di sciopero virtuale, sospendendo fino a domenica le pubblicazioni. E' assurdo che una vicenda commentata da tutti i media internazionali non possa essere discussa su Facebook, in maniera peraltro certo molto laica, ma anche molto corretta”.

    Nel comunicato che proclama l'”agitazione sindacale” la redazione segnala che “Rassegna Stanca prova a ripartire: gli piacciono le conversazioni tenute sul web e gli amici che ha trovato su Facebook e che prima non conosceva. Ma Facebook non gli piace più. In questo luogo si creano spontaneamente dei gruppi, si formano delle microcomunità che condividono interessi, passioni o semplice cazzeggio. Tra loro devono poter essere liberi di esprimersi come è proprio di qualsiasi luogo democratico”.

    In ogni caso non è certo la prima volta che Facebook banna qualcosa o qualcuno senza dare la minima spiegazione del perché. E' il caso, sempre in questi giorni, di un video su Emilio Fede in cui alcuni ragazzi chiedono provocatoriamente al direttore del Tg4 cosa pensa della libertà di informazione: il filmato continua a girare in maniera virale su Fb, ma puntualmente viene cancellato ogni volta che compare sul sito. E pochi mesi fa questa prassi di Fb era anche finita in
    Parlamento grazie a un'interrogazione presentata dal deputato leghista Matteo Salvini: “'Ho raccolto centinaia di segnalazioni da parte di persone che sono state disattivate dal più diffuso social network del momento senza uno straccio di motivazione. E posso testimoniare nel mio piccolo che dopo aver allacciato contatti (di amicizia ma anche di lavoro) con oltre 2000 persone sono stato eliminato dalla rete senza
    giustificazioni”.

    Il problema è proprio questo: le regole di Facebook, genericamente, vietano la pubblicazione di messaggi offensivi, ma poi nei fatti sul social network gira di tutto e nessuno dei responsabili del sito chiarisce cosa è lecito e cosa non lo è. Qualcuno sostiene, addirittura, che ci possa essere un software che analizza i contenuti della rete in modo metodico e automatizzato e interviene quando si ripetono con troppa frequenza alcune parole chiave. Così fosse, la censura colpirebbe un po' a casaccio, a volte a ragione a volte a torto.

    Ecco il post incriminato pubblicato sul gruppo Rassegna Stanca:

    Avvenire, il quotidiano di ispirazione cattolica, oggi informa in prima pagina che è “S. Giuseppe, sposo della B. Vergine Maria” e subito sotto ci tiene a chiarire una volta per tutte, in un fine editoriale, cosa voleva dire il papa affermando che “i profilattici aumentano i problemi”.

    “Il no della Chiesa all'uso dei preservativi – scrive Francesco D'Agostino – è in realtà un sì alla compiutezza umana dell'atto sessuale. L'uso del preservativi è moralmente problematico, perché toglie alla sessualità umana la pienezza del suo orizzonte, frantumandone l'unitarietà in una molteplicità di aspetti destinati a restare non connessi tra loro…”. Quanto all'Aids, prosegue Avvenire, è “situazione disperata e paradossale quella in cui l'impegno per la vita si pretende che sia affidato a strumenti tecnici così elementari e così fallosi come i profilattici. Bisogna misurare bene le cose…”. Giusto, è un problema di misura!

    http://www.repubblica.it/2009/02/sezioni/tecnologia/facebook-world/censura-rana/censura-rana.html?rss%5D


    #54730
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    May 22, 2003
    2 Paths of Bayer Drug in 80's: Riskier One Steered Overseas
    By WALT BOGDANICH and ERIC KOLI

    A division of the pharmaceutical company Bayer sold millions of dollars of blood-clotting medicine for hemophiliacs — medicine that carried a high risk of transmitting AIDS — to Asia and Latin America in the mid-1980's while selling a new, safer product in the West, according to documents obtained by The New York Times.
    http://www.nytimes.com/2003/05/22/business/2-paths-of-bayer-drug-in-80-s-riskier-one-steered-overseas.html?sec=&pagewanted=print


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 12 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.