Il potere dell'erba medica

Home Forum SALUTE Il potere dell'erba medica

Questo argomento contiene 32 risposte, ha 9 partecipanti, ed è stato aggiornato da  windrunner 9 anni, 11 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 33 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #53825

    windrunner
    Partecipante

    Il potere dell'erba medica

    [img width=”100″]http://www.agraria.org/coltivazionierbacee/erbamedica.JPG/>

    Yogananda ha segnalato in alcune occasioni come l'erba medica sia una pianta dotata di particolari virtù e proprietà nutritive. Per far capire l'importanza di questa pianta, Egli disse che, se per assurdo la terra fosse improvvisamente privata di ogni alimento, l'erba medica sola sarebbe sufficiente a fornire all'uomo la giusta dieta per continuare a vivere tranquillamente.

    Nei suoi scritti sull'alimentazione Yoga, Egli disse:

    «Erba Medica. Il mio studente e amico personale, il defunto Luther Burbank, famoso mago delle piante, diceva che l'erba medica contiene alcune delle più importanti sostanze nutritive conosciute, e che sarebbe diventata il futuro cibo dell'uomo. L'erba medica è chiamata anche alfalfa, che è un antico nome arabo che significa “padre di tutti i cibi”. Sta scritto che centinaia d'anni prima di Cristo i Persiani invasero la Grecia servendosi di cavalli che avevano avuto per foraggio dell'erba medica. Appare chiaro che il suo alto valore curativo e nutritivo può essere spiegato dal fatto che ha le radici più lunghe di qualsiasi altra pianta conosciuta, raggiungendo a volte i quindici metri di lunghezza. Perciò si capisce facilmente come una radice che si faccia strada così profondamente nelle viscere della terra sia destinata ad assorbire delle potenti qualità magnetiche, e ad estrarre probabilmente dei minerali di una forza più concentrata e intensa di quelli più prossimi alla superficie terrestre. Questo fatto, unito al suo sistema di coltivazione simile a quello del fieno e al suo processo d'essiccazione in cumuli, che la saturano letteralmente di vitamina D (la vitamina della luce del sole) forma all'interno della sua fibra una polarizzazione elettro-magnetica che produce una pianta più potente di quanto si possa immaginare. Contrariamente a quanto si crede, non appartiene alla famiglia del fieno. Come il pisello e il fagiolo appartiene alla famiglia delle leguminose e si nutre dell'azoto dell'aria, ricevendo in tal modo la sua grande percentuale di proteine (il ricostituente). È il più ricco di tutti i vegetali a foglia. Fino a poco tempo fa, in America era usata solo per nutrire e fare ingrassare i maiali; quando si scoprì che produceva ottimi esemplari nella struttura ossea e nella crescita in generale, e si notò pure la scomparsa delle solite malattie dei suini, alcuni pionieri intraprendenti pensarono che ciò che era buono per i maialini poteva avere lo stesso effetto sui bambini. Da allora ha guadagnato fama come alimento dotato di miracolose proprietà curative e ricostituenti per gli esseri umani. A causa del suo alto contenuto di potassio (37%) è particolarmente specifico per tutte le condizioni sfavorevoli femminili (come ricorderete, il potassio è l'elemento chimico femminile), e dov'essere usato liberamente dalla madre incinta e da quella che allatta, dalle ragazze mature e dalle donne di mezza età. Tuttavia le sue virtù non sono confinate a un solo sesso; ed è un rimedio altamente raccomandato per molti altri disordini. Inoltre contiene una grande quantità di cloro, noto come il lavandaio del corpo, perché distrugge il pus, previene la costipazione, favorisce le secrezioni, assiste nella secrezione dei succhi gastrici, previene la piorrea e la cancrena, neutralizza l'acidità nel corpo e ha molte altre qualità purificanti. Dall'alfalfa si può ricavare una bevanda deliziosa e molto salutare. Per ogni tazza desiderata, usate un cucchiaio di alfalfa. Mettetela nell'acqua fredda e portatela lentamente al punto di ebollizione. Lasciate in infusione. Scolate. Potete aggiungere del miele a piacere. Del succo d'arancia spremuto in essa gli dà un gusto e un aroma delizioso. Si può prendere un cucchiaino di alfalfa secco in polvere ogni giorno, sia annaffiato con un bel bicchiere d'acqua, o cosparso sull'insalata, o aggiunto al succo d'arancia.» (Paramahansa Yogananda, Alimentazione Yoga, Edizioni Vidyananda).

    Yogananda scrisse queste parole negli anni '40. Recenti studi di laboratorio condotti sull'erba medica confermano le intuzioni di Yogananda e sembrano concretizzare la “profezia” di Luther Burbank (a cui Yogananda dedica il capitolo dell'”Autobiografia di uno Yogi” intitolato “Un santo tra le rose”). E' notizia recente infatti che, nell'ambito di Fralupro, un progetto di ricerca avviato nel 1997 e cofinanziato dall'Unione Europea, è stato possibile estrarre dall’erba medica una proteina, denominata Rubisco, con un valore nutritivo uguale a quello del latte di mucca e superiore a quello della soia. Questa proteina contiene i nove principali aminoacidi. L'erba medica potrebbe costituire una validissima alternativa alla soia transgenica. “Il rubisco costituirebbe anche un possibile ingrediente per prodotti destinati all'alimentazione umana, aprendo prospettive interessanti per combattere la denutrizione e la malnutrizione, in particolare per quanto riguarda i bambini nei paesi in via di sviluppo”.

    Tratto da: http://groups.msn.com/Yogananda/salute.msnw?action=get_message&mview=0&ID_Message=104&LastModified=4675373482725372486

    Fonti:
    http://www.veganitalia.com/article.php?sid=171
    http://www.regione.veneto.it/videoinf/rurale/precedenti/Anno2001/num8/brux.htm
    http://www.1999-2000.cia.it/nuovaagricoltura/07192000.htm

    Informazioni sull'erba medica:
    http://www.anagen.net/alf.htm


    #53826

    windrunner
    Partecipante

    Tratto da WikiPedia:

    Usi

    Pianta foraggera per eccellenza, può essere utilizzata come coltura da fieno, insilati, per produrre farina disidratata.
    Come foraggio rappresenta la specie più usata tra le leguminose in quanto presenta un alto tenore proteico e vitaminico (caroteni, complesso B), una elevata appetibilià e la possibilità di essere conservata sottoforma di fieno, insilato, farina o fresca.
    Essiccata artificialmente raggiunge valori proteici degni di un concentrato, fino al 20%, mentre per l'insilamento occorre adottare alcuni accorgimenti come il preappassimento o l'aggiunta di lactobacilli o acidi organici o inorganici.

    É un vegetale azotofissatore e quindi la sua coltivazione produce anche il risultato di arricchire nuovamente il suolo di azoto, in modo naturale, dopo l'impoverimento dato da precedenti coltivazioni di altre famiglie di vegetali.

    Il suo successo si deve anche alle caratteristiche del suo ciclo riproduttivo: è capace di autoimpollinazione e dopo 3 mesi dalla semina produce già seme.

    Proprietà terapeutiche
    Le informazioni qui riportate hanno solo un fine illustrativo: non sono riferibili né a prescrizioni né a consigli medici

    Contiene 8 enzimi digestivi, fitoestrogeni, 40 diversi bioflavonoidi (con azione antiossidante, antinfiammatoria, rinforzante dei vasi sanguigni), flavoni (rinforzanti dei capillari fragili), glucosidi, alcaloidi (sostegno all'attività antibiotica, antinfiammatori, favoriscono la formazione proteica), aminoacidi, vitamina A, tutte le vitamine del gruppo B (soprattutto la B12), vitamina C, vitamina D, vitamina E, vitamina K, sali minerali, oligoelementi, elevate quantità di clorofilla (ottima per il trattamento delle anemie).

    È dotata di proprietà deodoranti (clorofilla), antimicrobiche (clorofilla, vitamina A). Disintossicante del fegato.
    Eccellente ricostituente Buona quantità di fibre (nel germoglio consumato in insalata). Il suo contenuto in vitamina K la rende adatta per rinforzare il sistema vascolare. La vitamina U ostacola la formazione di ulcere. Assunta prima dei pasti aumenta l'attività gastro-intestinale. Assunta dopo i pasti migliora l'assorbimento dei nutrienti. Migliora la qualità e la quantità del latte materno durante l'allattamento. Regola la produzione di estrogeni (isoflavoni). Contiene fluoruri naturali (rinforza i denti).

    Le foglie nutrono il livello più profondo dell'organismo, reni e intestino, aiutando gli organi emuntori a liberare il corpo dalle tossine: tonificante intestinale, nutre il sangue, ottima per combattere stanchezza, anemia, malassorbimento e acidità di stomaco.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Medicago_sativa


    #53827
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    Si possono comperare anche i semi e farli germogliare, mi dicevi in privato wind caro.

    Qualcuno ha mai fatto germogliare i semi di erba medica?

    Dove reperirli?


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #53828

    windrunner
    Partecipante

    Io non ho mai provato… ma credo inizierò presto caro Pas !!!
    Nei negozi che generalmente vendono Bio si trovano i semi di AlfaAlfa (Erba medica) che ricordo che hanno queste proprietà:

    ERBA MEDICA Alfa Alfa Medicago Sativa

    Valore energetico per 100g: 30 cal. – Vitamine contenute: A,B1,B2,B6,B12,C,D,E,K,U. E' il germoglio più completo dal punto di vista nutritivo, ricchissimo di proteine, vitamine A,C,E, complesso B, sali minerali come calcio, fosforo, magnesio, potassio, ferro e oligoelementi come selenio e zinco. Tra le vitamine anche la poco conosciuta vitamina K che interviene nel processo di coagulazione del sangue ed aiuta a prevenire emorragie. Il regolare uso dei semi di germoglio di erba medica aiuta, inoltre, a diminuire il livello di colesterolo LDL (low density lipoprotein – il colesterolo dannoso) e aumenta il livello del colesterolo HDL (high density lipoprotein – il colesterolo buono). Prevengono l'artrite, e sono indicati a chi soffre di reumatismi e diabete per il loro alto contenuto di manganese.

    Fonte: Germogliofresco.it –> http://www.germogliofresco.it/schede-tecniche.php

    A questo punto basterà utilizzare un germogliatore (in genere sono vaschette) ed attendere che i semini… nascano!

    A questo punto la piantina è molto carica di tutte le sostanze… più della pianta adulta… un buon uso lo ritengo molto importante così come anche il Maestro indicava.

    Ciao !!! :fri:


    #53829
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    Sono stato in una erboristeria (quella che uso sempre) e non ne aveva di AlfaAlfa

    Ora vedo di trovarli online 🙂


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #53831

    lila
    Partecipante

    Mio padre che era contadino seminava l'erba medica
    la dava come foraggio a pecore,mucche,
    e i risultati erano ottimi.


    #53830

    deg
    Partecipante

    [quote1232053957=lila]
    Mio padre che era contadino seminava l'erba medica
    la dava come foraggio a pecore,mucche,
    e i risultati erano ottimi.

    [/quote1232053957]

    Quand'ero piccola ricordo che mio nonno la dava ai conigli…… e io mangiavo i conigli ….. :O §(°


    #53832

    windrunner
    Partecipante

    Si è sempre stato utilizzato come foraggio … MA viste le sue qualità si è pensato bene che se i risultati erano ottimi sugli animali… anzi… si ammalano di meno e vivono meglio…
    (Divagando… mi chiedo quanti oggi diano questi tipo di foraggio agli animali…)
    di prenderlo anche noi umani…. e pare che i risultati siano davvero… stupefacenti !!!

    Ovviamente bisogna stare attenti al tipo di seme che si acquista… ma a parte questo !!!

    Credo sia un po simile alla storia delle mele annurche… in passato si davano solo ai maiali… in seguito abbiamo cominciato a mangiarle anche noi…e per chi non le avesse mai provate… sono deliziose !!!

    Ciao ! 🙂


    #53833
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Bravo Wind…!!!!!
    Come sempre l'uomo impara osservando la natura…
    non ci vuole germogliatore (costa un sacco di soldi)…basta un piatto con della garza inumidita e in estate va cambiata o lavata spesso…


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #53834

    windrunner
    Partecipante

    Grazie farfallina !!! :amicil:
    Io non ho mai fatto germogliare nulla… ma visto che quest'erba pare essere davvero “forte”… comincerò presto !!! Già questo fine settimana !!!

    Un'abbraccio !!! !heart


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 33 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.