Il primo "Energy building".

Home Forum L’AGORA Il primo "Energy building".

Questo argomento contiene 8 risposte, ha 6 partecipanti, ed è stato aggiornato da  deg 9 anni, 8 mesi fa.

Stai vedendo 9 articoli - dal 1 a 9 (di 9 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #111495

    deg
    Partecipante

    Apre a Milano “Cerchi nel Grano”, il primo centro polifunzionale in Italia dedicato a questo trend che sta spopolando in tutto il mondo, che concilia l’architettura e l’arredamento sostenibile con le antichissime tecniche e filosofie, come il feng shui, nate per dare energia e benessere a chi nella casa ci abita.

    Sostenibilita’, impatto ambientale, risparmio energetico, rapporto armonico con l’ecosistema e “green building”: queste ormai le parole d’ordine per l’architettura di tutto il mondo, ma a livello internazionale la tendenza che sta “esplodendo” e’ l’energy building dove ai materiali piu’ innovativi ed ecosostenibili, e alle tecniche di costruzione piu’ avanzate si aggiungono antiche filosofie e tecniche nate per dare energia e benessere a chi nella casa ci abita.

    Un trend che emerge da uno studio internazionale sulle nuove frontiere del costruire e del vivere la casa, che verra’ presentato domani, giovedi’ 23 ottobre alle 19.30, a Milano, nell’ambito di un talk show a cui prenderanno parte esperti a livello internazionale, in occasione dell’inaugurazione di Cerchi nel Grano (www.cerchinelgrano.it), il primo spazio in Italia che nasce con l’obiettivo di fornire a privati e professionisti informazioni, prodotti e consulenza per costruire e vivere la casa in modo realmente eco compatibile e perche’ diventi un luogo di benessere psicofisico.

    Nei 2500 metri quadrati, in Via Ripamonti al 526, dove trovare e conoscere i materiali della bioedilizia, gli impianti, le finiture, gli arredi e i complementi eco sostenibili, insomma tutto quello che serve a una casa che possa definirsi “naturale”, ma non solo. All’interno del centro polifunzionale, un’area e’ dedicata corsi e convegni legati al finalizzati a sviluppare nelle persone la consapevolezza dell’importanza di uno stile di vita che consenta di ristabilire un rapporto armonico con la natura.
    http://www.affaritaliani.it/milano/cerchigranoenergybuildingMI221008.html

    Commenti?


    #111496

    ezechiele
    Partecipante

    stupendo argomento madame ma bisogna fare attenzione a dividere moda e funzione,

    per me vale il principio della “macchina vecchia”

    comunque la parola d'ordine DEVE essere IMPATTO ZERO


    #111497

    deg
    Partecipante

    Vero tentativo di evoluzione o ennesimo modo di “fare soldi”?


    Una casa a consumo energetico zero, la cui autosufficienza è garantita grazie all’integrazione di sofisticati sistemi geotermici, mini eolici, a pannelli solari e fotovoltaici. Zero Energy, realizzato in collaborazione con il dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale dell’Università di Trento, sotto la guida del professor Antonio Frattari, applica le più avanzate tecnologie in materia di bio-climatica, bio-architettura e domotica, coordinandole per la prima volta in un unico edificio. Una casa intelligente e autonoma dal punto di vista energetico, con un avanzato sistema integrato di gestione domotica, rispettosa dell’ambiente e ad altissimo comfort. Un sogno proibito fino a pochi anni or sono ma che adesso si appresta a diventare realtà grazie all’impegno del gruppo friulano Polo-Le Ville Plus e dell’ateneo trentino. Spiega il presidente del gruppo, Loris Clocchiatti: “Tutti i dettagli di Casa Zero Energy sono valutati sotto l’aspetto della sostenibilità, del basso impatto ambientale, del contenimento dei consumi e dell’azzeramento dei costi energetici, e non ultimo del benessere; quindi ricerca attenta dei materiali utilizzati, che sono principalmente naturali, approfondito studio climatico per la giusta esposizione della casa, controllo continuo durante la fase di cantiere per valutare tutte le aperture della casa anche dal punto di vista scenografico”. Il prototipo, visitabile a Cassacco (Udine), è disposto su due piani, per una superficie complessiva di 400 mq. E’ dotato di un ampio giardino a bassa manutenzione, laghetto balneabile, orto biologico, una serra sul lato sud, importante non solo per l’estetica ma anche per la climatizzazione, ed il tetto verde, realizzato con terra e vegetazione per garantire il naturale isolamento termico ed acustico. Casa Zero Energy è anche un “edificio solare passivo”, utilizza cioè gli apporti solari per garantire sia il riscaldamento sia il raffreddamento dello spazio, basandosi semplicemente sui meccanismi naturali di trasferimento del calore. Parte integrante è il monitoraggio delle prestazioni energetiche in ogni fase di vita dell’edificio grazie ad una raffinata rete di sensori. Il progetto sviluppatosi fra Trento e il Friuli ha superato il rigoroso vaglio del comitato scientifico organizzatore della World Sustainable Building Conference, tra i principali eventi internazionali dedicati all’edilizia sostenibile, e verrà presentato al simposio in programma a Melbourne nel prossimo settembre. (2008). http://www.matteocolaninno.it/adon.pl?act=doc&doc=232


    #111498
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    Non saprei… ma bisogna aver fiducia a prescindere, cercando sempre di rimanere svegli 🙂


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #111499

    deg
    Partecipante

    [quote1224715975=pasgal]
    Non saprei… ma bisogna aver fiducia a prescindere, cercando sempre di rimanere svegli 🙂
    [/quote1224715975]
    Su questo non ci sono dubbi, io mi ci butterei comunque!
    Chissà quanto costerebbe? :ummmmm:


    #111500

    Mr.Rouge
    Partecipante

    [quote1224716078=ezechiele]
    stupendo argomento madame ma bisogna fare attenzione a dividere moda e funzione,

    per me vale il principio della “macchina vecchia”

    comunque la parola d'ordine DEVE essere IMPATTO ZERO
    [/quote1224716078]

    Giusto ezechiele, sembra un progetto buono, basta che passata la moda del “sostenibile”, del “green”, dell'”eco”…non passi anche questa struttura!

    Grazie della segnalazione deg.
    Io comunque a questi convegni e conferenze che hanno in programma di fare, ne aggiungerei anche qualcuna su come essere realmente indipendenti da elettricità, riscaldamento ecc, grazie a dispositivi free energy come MEG, caloriferi meccanici, pompe di calore ad assistenza solare, fibre ottiche per l'illuminazione, ecc… ma credo che questo al momento non verrà permesso, pena la chiusura del centro o roba simile. Penso che si limiteranno a fare il compitino sulle energie rinnovabili, l'isolamento termico et similia. Comunque è un buon punto di partenza!


    #111501

    deg
    Partecipante

    [quote1224716110=Mr.Rouge]
    [quote1224716078=ezechiele]
    stupendo argomento madame ma bisogna fare attenzione a dividere moda e funzione,

    per me vale il principio della “macchina vecchia”

    comunque la parola d'ordine DEVE essere IMPATTO ZERO
    [/quote1224716078]

    Giusto ezechiele, sembra un progetto buono, basta che passata la moda del “sostenibile”, del “green”, dell'”eco”…non passi anche questa struttura!

    Grazie della segnalazione deg.
    Io comunque a questi convegni e conferenze che hanno in programma di fare, ne aggiungerei anche qualcuna su come essere realmente indipendenti da elettricità, riscaldamento ecc, grazie a dispositivi free energy come MEG, caloriferi meccanici, pompe di calore ad assistenza solare, fibre ottiche per l'illuminazione, ecc… ma credo che questo al momento non verrà permesso, pena la chiusura del centro o roba simile. Penso che si limiteranno a fare il compitino sulle energie rinnovabili, l'isolamento termico et similia. Comunque è un buon punto di partenza!
    [/quote1224716110]

    Magari chi sta a Milano potrebbe dare un'occhiata…..


    #111502

    windrunner
    Partecipante

    Grazie Deg! Davvero interessante!!! :ok!:


    #111503
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Heliotrope: la prima casa solare rotante al mondo
    [code][/code]
    [youtube=500,405|border]WtPj_nmjlSQ
    [code][/code]
    Heliotrope è la prima casa solare rotante al mondo. Il progetto non è una novità, ma il video ci permette di ammirare uno dei più noti esempi di architettura dinamica. La casa ruota per massimizzare l’energia solare prodotta dai propri impianti. Realizzata in Germania, è costata 1,2 milioni di euro. Il bello è che secondo Rolph Disch, l’architetto che lo ha progettato, produce cinque volte l’energia che consuma. Se siete interessati, sul sito di Roplh Disch è disponibile un pdf di 8 pagine in inglese con tutti i dati relativi all’Heliotrope.
    http://www.ecoblog.it/post/11072/heliotrope-la-prima-casa-solare-rotante-al-mondo?utm_source=newsletter&utm_medium=mail&utm_campaign=Newsletter:+ecoblog/it+(ecoblog)


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

Stai vedendo 9 articoli - dal 1 a 9 (di 9 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.