Kombucha – Fungo del tè

Home Forum SALUTE Kombucha – Fungo del tè

Questo argomento contiene 3 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da  BIO 8 anni, 11 mesi fa.

Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #58080

    BIO
    Partecipante

    Il Fascino del Kombucha

    Oggi assistiamo in generale ad un ritorno alla natura e in particolare ad un ritorno ai cibi naturali e all'utilizzo di farmaci e cure di origine naturale, di contro agli ormai tradizionali prodotti confezionati dall'industria. Questa può essere una delle ragioni per il fascino e la grande attrattiva della bevanda salutare chiamata Kombucha. Colonie di lieviti (fermenti o enzimi ndt) e batteri sono state usate dagli uomini, fin dall'antichità, in tutto il mondo, per la produzione di cibi e bevande fermentati a scopo salutare.
    Leggiamo già nella Bibbia (Rut 2:14) come il proprietario terriero Boaz invitò Rut la Moabita, che diventò poi sua moglie, durante la spigolatura del grano: “Accostati qui, e devi mangiare del pane e intingere il tuo pezzo nell'aceto”. “Ella sedette dunque accanto ai mietitori, ed egli le porgeva grano arrostito ed ella mangiava, così che si saziò e le restò anche qualche cosa”. Questo racconto biblico (all'incirca del 1000 a.C.) oltre ad un indizio delle particolari abitudini alimentari, apparentemente modeste ai nostri occhi, ci mostra come anche a quei tempi venivano preparate bevande facendo uso di microrganismi che servivano alla gente come rinfrescanti e rinvigorenti durante il pesante lavoro della mietitura.
    Un antico, autentico parente dei menzionati microrganismi è la simbiosi di lieviti e batteri detta Fungo del Tè o Kombucha. Esso proviene dall'area orientale dell'Asia ed è arrivato in Germania attraverso la Russia all'inizio del 1900. Questo antico rimedio casalingo è molto usato anche in altri paesi contro tutti i possibili malanni. Il fungo consiste in una membrana robusta e gelatinosa della forma di un disco piatto. Vive in una soluzione nutriente di tè e zucchero, nella quale si moltiplica costantemente attraverso la germinazione. Il disco del fungo si estende prima sull'intera superficie del tè e successivamente acquista spessore. Se trattato correttamente esso crescerà robusto, germinerà e accompagnerà il suo possessore per tutta la vita.
    Durante il processo di fermentazione, il fungo effettua diverse complicate reazioni nel tè in cui viene collocato. Il fungo del tè si nutre dello zucchero e, in cambio produce altre preziose sostanze che immette nella bevanda: acido glucoronico, acido lattico, vitamine, aminoacidi, sostanze antibiotiche e altri prodotti. Il fungo del tè è perciò una reale fabbrica biochimica in miniatura.

    più informazioni: http://www.kombu.de/fasz-ita.htm

    :bay:


    #58081

    raistlin
    Partecipante

    Grazie!
    :bay:


    #58082
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Sto seguendo questo nuovo, per me, fungo del tè…
    A quanto pare è molto conosciuto nei paesi asiatici…
    a dopo….


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #58083
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Come preparare il tuo tè di Kombucha

    Ingredienti

    La coltura di Kombucha (il fermento)
    Approssimativamente 70 – 100 g di zucchero raffinato bianco per litro di acqua
    2 cucchiaini di tè verde o nero per litro di acqua
    Utensili e Materiali

    Una pentola da 2 – 4 litri per bollire l'acqua
    Un recipiente di vetro o porcellana da 2 – 4 litri
    Un elastico grande da fissare al recipiente
    Un fazzoletto o una salvietta grandi di lino o cotone a maglia fine oppure un tovagliolo di carta
    Alcune bottiglie
    http://www.kombu.de/anleit-i.htm


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.