La "bufala" del treno solare

Home Forum L’AGORA La "bufala" del treno solare

Questo argomento contiene 5 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da  deg 7 anni, 4 mesi fa.

Stai vedendo 6 articoli - dal 1 a 6 (di 6 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #138033

    deg
    Partecipante

    [color=#0033cc]A proposito del treno alimentato ad energia solare inaugurato in Belgio il 6 giugno scorso https://www.altrogiornale.org/comment.php?comment.news.7005 , ho potuto constatare sul web un entusiasmo dilagante e forse non del tutto giustificato.
    Credo che, come per tutte le informazioni nelle quali ci imbattiamo, bisogna indagare, avere più riscontri possibili, e non farsi abbindolare da parole che sembrano avere un significato ma che in realtà possono nasconderne altri.
    Vi propongo quindi un articolo serio che spiega perché non dobbiamo confondere un treno “solare” con, appunto, un treno “alimentato con energia solare”.
    E questo vale per ogni sorta di tecnologia alimentata allo stesso modo: un forno a microonde può venire alimentato con i pannelli solari, ma non sarà mai un forno solare, perché quello è un'altra cosa ..[/color]

    La “bufala” del treno solare

    Da alcuni giorni stanno circolando, in rete e sui giornali, fino a giungere perfino sulle pagine patinate dell'Espresso, notizie concernenti nuovi “treni solari” ad alta velocità, che sull’onda della Green Economy prometterebbero un futuro tanto verde quanto performante nell’ambito del trasporto su rotaia. Fino al punto da indurre molti giornalisti a sbilanciarsi nel vaticinare una vera e propria “rivoluzione” nel campo dei trasporti, indotta dai treni in questione, impropriamente definiti a zero emissioni.
    Nonostante sia forte, anche in questa sede, la tentazione di unirsi al canto che racconta di vallate verdi e prati fioriti anche durante l’inverno, ci preme comunque portare qualche precisazione che giocoforza smorzerà gli entusiasmi, ma al contempo contribuirà a ricondurre il discorso nell’ambito della realtà.
    Innanzitutto i treni in questione sono due. Quello Giapponese in via di sperimentazione a Shanghai consiste in un progetto per molti versi futuristico, basato su un treno ultraleggero a levitazione magnetica, alimentato tramite centrali solari e pale eoliche, naturalmente estranee alla struttura del convoglio stesso…..

    A voler semplificare si tratta insomma di un convoglio a basso consumo energetico, estremamente performante e dalla tecnologia estremamente complessa, che per viaggiare abbisognerà di apposite infrastrutture (simili a gallerie del vento) dedicate, ovviamente da costruire ex novo.

    Il secondo altro non è che un normalissimo treno ad alta velocità, di quelli che giornalmente collegano Parigi con Amsterdam, energivoro ed impattante come tutte le altre motrici sue simili, inserito nel progetto “solar tunnel” inaugurato lo scorso 6 giugno in Belgio e costato circa 15,2 milioni di euro.
    Il progetto in questione non riguarda assolutamente il treno, bensì il sistema per ottenere l’energia con cui lo stesso viene alimentato. Energia che verrà prodotta tramite 16.000 pannelli solari, posti su un’area di 50.000 metri quadrati, sovrastante il tunnel attraversato dal convoglio.
    La bontà della scelta in questione, pur in presenza di motrici energivore che corrono su un’infrastruttura altamente impattante, è costituita dal fatto di produrre in loco l’energia, con conseguente riduzione delle perdite di trasmissione e naturalmente di produrla attraverso fonti rinnovabili.

    Tirando le somme, si tratta senza dubbio di due progetti entrambi interessanti, ma al momento ben lontani dal palesarsi rivoluzionari o risolutivi dal punto di vista ambientale. E soprattutto non si tratta di “treni solari” che funzionano grazie ai pannelli fotovoltaici posti sul tetto delle carrozze, come i titoli degli articoli che li hanno pubblicizzati lascerebbero intendere.

    Il primo concerne un mezzo di trasporto molto innovativo e possiede in nuce le caratteristiche per dimostrarsi ecologicamente migliorativo, ma ha il proprio tallone d’Achille nella necessità d’infrastrutture dedicate che comporterebbero enormi impatti ambientali in grado di vanificare l’effetto dei bassi consumi del mezzo.

    Il secondo sfrutta l’ottima idea di produrre l’energia laddove questa viene consumata, oltretutto attraverso fonti rinnovabili, ma disperde in buona parte il risultato, applicandola ad energivori ed impattanti motrici ad alta velocità che rappresentano la negazione di qualunque principio ecologico.

    Niente treni solari, dunque, ma solamente progetti per alimentare tramite l’energia solare ed eolica, nuovi e vecchi treni, così come potrebbero venire alimentate allo stesso modo un’acciaieria, una TV al plasma o una vetrina illuminata da lampade alogene, senza per questo farle diventare “solari” o diminuire in termini assoluti il loro consumo.
    http://ilcorrosivo.blogspot.com/2011/06/la-bufala-del-treno-solare.html#more


    #138034
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    mi pare pero che anche lui faccia sensazionalismo con delle parolone..

    Energia dal sole – L’impianto è lungo circa due miglia e provvede a fornire energia a una delle più importanti stazioni ferroviarie di tutto il Belgio. Sulla tratta che divide Parigi da Amsterdam sono stati montati 16.000 pannelli solari che sono in grado di contribuire, per circa il 50%, al fabbisogno energetico della stazione di Antwerp, che è situata nel mezzo del percorso.
    http://www.jacktech.it/news/lifestyle-e-web/eco-stili/ferrovie-16-000-panneli-solari-per-proteggere-le-rotaie

    comunque ha fatto bene a precisare.


    #138035

    superza
    Partecipante

    [quote]
    [color]A proposito del treno alimentato ad energia solare inaugurato in Belgio il 6 giugno scorso https://www.altrogiornale.org/comment.php?comment.news.7005 , ho potuto constatare sul web un entusiasmo dilagante e forse non del tutto giustificato.
    Credo che, come per tutte le informazioni nelle quali ci imbattiamo, bisogna indagare, avere più riscontri possibili, e non farsi abbindolare da parole che sembrano avere un significato ma che in realtà possono nasconderne altri.
    Vi propongo quindi un articolo serio che spiega perché non dobbiamo confondere un treno “solare” con, appunto, un treno “alimentato con energia solare”.
    CUT…
    [/quote1308515082]
    Un treno completamente ad energia solare in effetti è quasi infattibile;
    considerando una carrozza di dimensioni simili a quella dell'ETR500 ottieni 5kw di potenza per 40 tonnellate, e anche se un giorno il tasso di efficienza delle celle raggiungesse il 100% più di 20kw a carrozza è impossibile. Come metro di paragone un ETR500 ha circa 1000kw di potenza a carrozza trasportata,
    Il treno solare a occhio e croce raggiungerebbe si è no i 65 orari dopo un lancio eterno 🙁
    Saluti!


    #138036

    deg
    Partecipante

    [quote1308515554=Richard]
    mi pare pero che anche lui faccia sensazionalismo con delle parolone..

    Energia dal sole – L’impianto è lungo circa due miglia e provvede a fornire energia a una delle più importanti stazioni ferroviarie di tutto il Belgio. Sulla tratta che divide Parigi da Amsterdam sono stati montati 16.000 pannelli solari che sono in grado di contribuire, per circa il 50%, al fabbisogno energetico della stazione di Antwerp, che è situata nel mezzo del percorso.
    http://www.jacktech.it/news/lifestyle-e-web/eco-stili/ferrovie-16-000-panneli-solari-per-proteggere-le-rotaie

    comunque ha fatto bene a precisare.

    [/quote1308515554]

    Si, credo proprio che sia importante precisare, come credo che sia fondamentale provare sempre a vederci chiaro.
    Spesso l'informazione è parziale e non abbiamo la possibilità di avere tutti i chiarimenti a proposito di un determinato tema, notizia o altro.
    E' facile farsi prendere dall'entusiasmo o dallo sconforto a seconda delle nostre aspettative, e dimenticare una parte importante dei dati a disposizione. E non ci va nemmeno di andare a cercare quelli che ci mancano. Lo dico proprio perché è successo a me.
    Scoprendo le spiegazioni semplici e chiare (non « paroloni » 😉 ) di Cedolin ho scoperto nello stesso momento che questo tema è di grande importanza perché capitiamo tutti i giorni sul web – non parlo nemmeno della TV – su notizie, belle o brutte che siano, che sono alberi che nascondono la foresta, e ci fermiamo alle prime impressioni, così come le abbiamo capite, perché ci fanno comodo (ad esempio, ogni volta che si sente parlare di energie alternative proviamo soddisfazione).. oltre che a far comodo a chi le ha scritte.
    Poi si sa, ci sarà sempre qualcuno che, leggendo la notizia di questo o quello che funziona a energia solare, dirà: « Meglio di niente! ».
    Chi s'accontenta gode .. 😉


    #138037
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    ma infatti
    non sara l'applicazione piu avanzata possibile, ma è comunque energia solare applicata al trasporto ed è importante provarci e fare dei passi avanti..
    Intanto avendo anche un minimo di informazione poi si può sempre cercare ulteriore approfondimento..il problema è quando non si sa nulla di qualcosa che è invece importante da diffondere e sostenere..


    #138038

    deg
    Partecipante

    Esatto, non bisogna fermarsi alle apparenze, sia per le brutte che per le cattive notizie. E io su questo sono pignola :lente:
    😉


Stai vedendo 6 articoli - dal 1 a 6 (di 6 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.