LA CHIAMARONO "MISSIONE DI PACE"

Home Forum L’AGORA LA CHIAMARONO "MISSIONE DI PACE"

Questo argomento contiene 4 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da  marì 9 anni, 1 mese fa.

Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #127069

    marì
    Bloccato

    Ecco la guerra degli Italiani
    di Gianluca Di Feo

    Afghanistan: l'Italia schiera mille combattenti più 2.000 uomini di supporto. Una missione che non si può più chiamare di pace. Ecco la strategia del nostro contingente

    Dalla fine di maggio la Folgore è passata all'iniziativa. Nelle province di Farah, al confine con la grande area di Helmand cuore dei talebani, e di Baghdis, al confine turkmeno strategico per il traffico di oppio, mille soldati italiani hanno cominciato a muoversi con le forze afghane per riprendere il controllo del territorio.

    È la prima volta dalla fine della seconda guerra mondiale che l'Italia schiera una simile quantità di militari operativi: mille combattenti, altri 2000 uomini di supporto. Una missione che non si può più chiamare di pace, concordata e benedetta dall'amministrazione Obama.

    Da allora, attacchi e scontri si sono moltiplicati: quasi uno al giorno. E altri rinforzi sono in arrivo: nuovi operativi, nuovi blindati, nuovi elicotteri. Ecco la strategia del nostro contingente e gli strumenti bellici per realizzarla. Con foto e video delle attività.

    Americani e italiani, guerra senza quartiere al terrorismo e sostegno alla rinascita dell'Afghanistan. Fino a un anno fa erano missioni rigorosamente separate, con mandati, metodi e finalità molto diverse. Il governo Berlusconi, senza cambiare né le regole d'ingaggio né i numeri complessivi della spedizione, ha abbattuto la barriera. E l'offensiva voluta da Barack Obama renderà le due operazioni sempre più intrecciate.

    Già oggi nelle mappe della regione affidata al nostro comando spicca una grande macchia ovale, con una sigla esplicita 'Operation box Tripoli'. È una zona sottratta al nostro controllo per volontà della Nato e consenso del nostro governo: territorio di caccia esclusivo dei marines della Task Force Tripoli, dal nome della prima battaglia combattuta due secoli fa dai fanti di Marina statunitensi contro i pirati musulmani. Nessuno degli alleati deve avvicinarsi a meno di 20 chilometri.

    È considerata uno dei santuari dei talebani, utilizzato per organizzare le spedizioni verso Kandahar. Lì sono avvenuti alcuni degli scontri più feroci dell'ultimo anno e anche dei bombardamenti che hanno provocato decine e decine di vittime civili.

    Ma anche una fetta rilevante dei rinforzi che il presidente americano sta mandando in Afghanistan prenderà posizione tra gli avamposti della Folgore. L'obiettivo è potenziare e motivare i reparti della polizia afgana, quelli che devono gestire il controllo di strade e paesi. Da giugno, 1.800 marines li affiancheranno, presidiando otto nuove postazioni nella regione 'italiana'. In particolare, stanno costruendo una grande base intorno all'aeroporto di Shindand, una struttura colossale creata dai sovietici e strategica anche per la vicinanza al confine iraniano.

    Altri fortini avanzati, sempre con guarnigione mista americana-afgana, vengono edificati in tutta l'area di Farah, spesso a pochi chilometri da quelli dei nostri parà in modo da garantire appoggio reciproco in caso di attacco. La strategia del Pentagono è chiara: isolare la regione di Helmand, il cuore dell'etnia pashtun e della presenza fondamentalista. Per questo un'ala della nuova armata statunitense si muoverà dal confine pachistano; l'altra invece opererà a cavallo della regione di Herat per sigillare le vie di fuga verso Iran e Turkmenistan.

    Gli scontri attesi per giugno saranno solo una prova generale della battaglia prevista per agosto, quando i fondamentalisti tenteranno di ostacolare le elezioni presidenziali. “Quella che abbiamo vissuto finora è stata la quiete prima della tempesta, legata al raccolto del papavero da oppio, ma la minaccia d'ora in poi continuerà a crescere fino alle elezioni”, spiega il generale Rosario Castellano, comandante delle forze italiane e di tutto il dispositivo Nato nella regione sud-occidentale.

    Anche gli italiani riceveranno altri rinforzi. Truppe scelte, per potenziare la Task Force 45: l'élite dei commandos che opera nella terra di nessuno lontano dai fortini. E un reparto di nuove autoblindo Freccia, con torrette e cannoncini per proteggere i convogli.

    “L'aspetto militare è solo una componente della missione”, insiste il generale Castellano, che sottolinea l'attività svolta dai centri per il sostegno alla popolazione: “Siamo qui per insegnare a pescare, non per distribuire pesci”. Ma anche gli afgani chiedono più fondi, per finanziare progetti e iniziative. E a fronte di un costo che quest'anno rischia di arrivare a mezzo miliardo per la spedizione armata in Afghanistan, i finanziamenti disponibili per attività umanitarie sono di poche decine di milioni.

    Una cosa è certa. Nessuno in Afghanistan parla più di missione di pace. Che si tratti di una guerra è chiaro sin dai simboli. In tutte le basi della Nato le bandiere sono sempre a mezzasta: il segno di lutto viene dedicato a ogni caduto, occidentale o delle forze governative afgane. E sono mesi che non si vedono le bandiere sventolare in alto
    (11 giugno 2009)
    http://espresso.repubblica.it/dettaglio/ecco-la-guerra-degli-italiani/2100393

    IL VIDEO
    http://espresso.repubblica.it/multimedia/home/6489845/2

    :grrr: :nono: :grrr:


    #127070
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [youtube=425,344]XPdsqaTkeJg
    [youtube=425,344]IY7WNnKxFVM


    #127071

    marì
    Bloccato

    Richard il video della Brigata Folgore e' lo stasso di Repubblica/L'Espresso … pero' che schifo #sich

    Missione di Pace hahaha


    #127072

    Omega
    Partecipante

    [color=#0077dd]Gli Umani amano la guerra a tal punto da chiamarla salvezza e identificarla regolarmente con la pace. [/color]


    #127073

    marì
    Bloccato


    I poveri vanno alla guerra, a combattere e morire per i capricci, le ricchezze e il superfluo di altri.

    (Plutarco)

    :yesss:


Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.